ALTRO CHE TAGLI: CAMERA E SENATO COSTANO ANCORA 1,5 MILIARDI DI EURO. TROPPO.

Altro che tagli ai costi della politica: Camera e Senato costano ancora 1,5 miliardi di euro l’anno, pari allo 0,1 per cento del Pil. La notizia pubblicata dal Sole 24 Ore di ieri passa sotto silenzio: forse che non bisogna disturbare il nuovo manovratore di Palazzo? Per l’amor del cielo, è vero: alcuni risparmi sono stati fatti sia dalle precedenti assemblee legislative, sia dai nuovi presidente Pietro Grasso e Laura Boldrini, che appena insediati si sono anche ridotti lo stipendio. Infatti la spesa dello Stato per il Parlamento si è un po’ ridotta nel 2013 . Ma di quanto? Del 5 per cento. Cioè infinitamente meno di quanto si è ridotta la spesa delle famiglie italiane a causa della crisi.
                Allora: vi sempre giusto che mentre tutti tagliano le spese in modo importante, il Parlamento le riduca  solo del 5 per cento? Non è troppo poco? Tanto più se si pensa che nessuna assemblea legislativa al mondo costa tanto quanto la nostra (che poi funziona pure male): ogni italiano paga il proprio Parlamento 27 euro al mese, contro i 14 della Francia, i 13 del Brasile, gli 11 degli Stati Uniti, i 10 della Germania e della Gran Bretagna, gli 8 del Portogallo e i 4,89 della Spagna.

Di fronte a un costo del Parlamento doppio o triplo rispetto al resto del mondo, che si fa? Si riduce del 5 per cento.  Non è una presa per i fondelli?  Un solo dato per capire: solo gli stipendi del personale della Camera costano 238 milioni di euro, ciò significa che ciascun addetto alla Camera, barbiere e autista compresi,  in media guadagna 150mila euro l’anno, oltre 10mila euro al mese.  Non si potrebbe cominciare a tagliare qui? Magari sforbiciando un po’ più del 5 per cento?

Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Facebook0Email this to someonePrint this page

14 risposte a “ALTRO CHE TAGLI: CAMERA E SENATO COSTANO ANCORA 1,5 MILIARDI DI EURO. TROPPO.

  1. Vomitevole,schifosi maiali,leccapiedi di barbieri e portieri. Ma non capisco perché senatori e deputati non vanno a tagliarsi i capelli fuori come tutti e pagare il dovuto aiutando anche in questo un po´ l´economia.Ma forse non hanno proprio il tempo materiale perché lavorano cosí tante ore al giorno…..
    Gli hanno aumentato i prezzi irrisori che pagavano nel loro ristorante forse del 20% e non sono andati piu´a mangiare. Hanno tutto gratis macchine autisti trasporti ecc ecc e ancora non basta.
    L´Italia é veramenmte sull´orlo della bancarotta grazie a quei dementi che pensano solo alla loro poltrona.
    Mi vergogno di essere italiano,non c´é niente che funziona ,é tutto un magna magna,dai lavori pubblici alle scuole alla sanitá le farmacie e adesso per finire in bellezza le slot machines.
    Almeno una volta quando se le gestivano i bar e il fornitore un po di soldi tornavano sul mercato,chi la casa chi la macchina si rinnovavano i locali ecc ecc.Pero´ si parlava tutti i giorni di gente che si suicidava perché aveva perso tutto a giocare alle “macchinette”. Ora non se ne parla piu,chissa´ perché.
    Adesso la sede che le controlla é alle isole Kaiman gestita da qualche mafioso amico degli amici.Di quei soldi non torna piu´niente indietro sono solo sottratti dallˇItalia, senza contare che per 2 anni non sono nemmeno state collegate e non se ne era accorto nessuno???Ieri le Iene hanno chiesto gentilmente al ministro della salute di trasmettere lo spot che hanno girato con i sindaci piu´ importanti d´Italia contro le slot. Non credo che quello spot lo vedremo mai.Poveri noi con le aziende che avevamo e la fantasia nel creare novita´ il patrimonio culturale i prodotti alimentari potevamo essere il paese piu´ ricco d´Europa. Grazie Andreotti,De Mita, Amato ,Berlusconi.Quando penso a quei nomi ho come un senso di nausea,chissa´perché..

  2. cane non morde cane! il bello e’ che non sanno cosa fare per la ripresa del paese..proposte,proposte,proposte ma a quasi cento giorni dalle elezioni …

  3. Gli italiani muoiono di fame, la gente rovista nell’immondizia eppure…per il maggiordomo del capelli di plastica gasparri la priorità è il semipresidenzialismo per offrire un posto “tutelato” al suo padrone. E’ veramente schifoso! I militanti del pdl sono vomitevoli, ognuno di loro parla solo dopo aver chiesto il permesso al padrone e dichiarano solo quello che gli è consentito dal loro capo con i capellidiplastica.
    Del taglio dei parlamentari non si parla nemmeno, della riduzione del loro stipendio si è persa la memoria, dell’abolizione dei benefit,privilegi,vitalizi,scorte,auto blu, non vi è più traccia…
    Per massacrare invece le pensioni dei comuni mortali ci hanno messo meno di tre minuti in maniera bipartisan: così nessuno poteva accusare l’altro della bestialità commessa.

  4. Hanno di nuovo rialzato la testa. La colpa è di chi li vota ancora. Di quei creduloni che pendono dalle loro labbra. Questo è un paese che non cambierà mai. Dico sempre ai miei figli di andarsene da questo schifo di guardare ad altre nazioni civili. Qui abita la corruzione, l’inciviltà, la delinquenza. Ma sia chiaro è il popolo italiano che vuole tutto questo. 2/3 dei voti delle ultime elezioni sono andati sempre ai soliti pd e pdl cioè ai responsabili del disastro italiano. Ben vi sta italiani. Pagate, riempite le tasche ai vostri sfruttatori. E’ poco quello che vi rubano dovrebbero rubare mille volte di più.

  5. Caro dott.GIORDANO,il pres.NAPOLITANO aveva nominato 10 saggi per indicare cosa doveva fare il governo;il governo ne ha nominati 34 per fare le riforme ma allora che ci sono ha fare i ministri?ALTRO sperpero di denaro. hanno toglito il rimborso elettorale ma dal 2017 cosi se andremo ha votare altre volte i nuovi partiti che nasceranno prenderanno i rimborsi elettorali:che schifo!un appunto volevo farlo anche al suo collega dott. DEL DEBBIO;quando invita qualcuno nella sua trasmissione e parla di sprechi di denaro pubblico si informi su chi sta invitando e dandogli la parola(vedi lex pres. PIVETTI che ancora gira con la macchina blu e la scorta)e ancora parla di buon senzo :ipocrita.

  6. Un’altra cosa vergognosa è che chi decide di uscire dal gruppo per il quale è stato eletto va a confluire nel gruppo misto per non perdere lo stipendio da parlamentare. Chi fa una cosa del genere dovrebbe uscire dal parlamento e perdere lo stipendio perché ha tradito la fiducia degli elettori. A rimpiazzarlo dovrebbe essere il primo dei non eletti. Sono cose che succedono solo in questo paese di merda. Tanto a pagare questi venduti, corrotti, ignoranti nulla facenti sono sempre i soliti. Mi spiegate poi il ruolo di questo pseudo governo che per le riforme si affida a 34 incompetenti che nemmeno sanno cosa devono fare? E poi parlano di ridurre i costi della politica? I 34 chi li paga?

  7. Dopo l’astensione di quasi il 60% degli elettori, a dimostrazione dello schifo per la classe politica, il letta ha dichiarato semplicemente:”serve una riflessione”. Ma che cazzo significa? Ma ha finito di riflettere? Quanti stipendi dobbiamo pagare per la riflessione? Ma chi gli spiega che noi stiamo morendo e non abbiamo tempo per la sua riflessione. Gli hanno chiesto se ci sarà l’aumento dell’iva e ha dichiarato che sta cercando le risorse. Cioè la stessa risposta data due mesi fa. Ma che tempi ha per trovare soluzioni? Ancora una classe dirigente incapace e inadeguata. Eppure la soluzione è li a portata di mano. La ricreazione è finita: basta ridurre del 30% il costo di quirinale,palazzo chigi, parlamento e voilà i soldi per non aumentare l’iva. Capito letta??? Hei letta basta solo il 30% di taglio di quello che state divorando da decenni affinchè noi altri possiamo avere una boccata di ossigeno.
    Forse non è quello che vi immaginavate? vero parassiti? ebbene ora noi lo sappiamo…e per voi arriverà il giorno del giudizio.

  8. Caro DOTT.GIORDANO, questo governo è fermo come una vecchia macchina in garage con il motore fuso.IL sig LETTA e i suoi seguagi di larghe intese stanno brancolando nel buio piu totale non hanno fatto nussun DDL,o DL per far muovere il paese, parlano,parlano ma fatti niente. non hanno tagliato niente delle loro entrate, parlo di stipendi,rimborsi,diarie,pensioni,spese del parlamento ,del senato,del quirinale e della P AMMINISTRAZIONE.NON stanno tagliando il costo del lavoro,non stanno aiutando le industrie, le piccole e medie imprese e gli artigiania finire nel baratro della chiusura.MA in compenso i soldi puntuali per i loro stipendi arrivano puntuali,cosi come le loro pensioni(SENZA TAGLI)cosi come i famosi rimborsi elettorali,cosi come le buone uscite di quei falliti che sono usciti dal parlamento.IL PARLAMENTO che è vuoto e non lavora nessuno(COME HANNO DIMOSTRATO LE IMMAGINI DEL M5S)e riportato da varie tv:come fa un paese ha ricominciare con questi cialtroni?STO pensando seriamente di vendermi la casa e andarmene in CANADA,AUSTRALIA o NUOVA ZELANDA dove è possibile lavorare e vivere dignitosamente:in questa EUROPA E CON QUESTA EUROPA non si va da nessuna parte come se non bastassero i nostri inetti politici!IN UNA SETTIMANA DI LAVORO HO INCASSATO 360euro togliendo quello che devo allo stato non mi rimane che spararmi!

  9. La nomina dei “34 saggi” sta a significare una sola cosa: che Letta non sa che pesci prendere. E’ un incapace che si affida ad altra gente per le riforme. Le promesse elettorali sono state, come al solito, disattese: l’imu non sarà abolita e l’iva aumenterà. E’ così che si favoriscono i consumi e l’occupazione. Il governo dell’inciucio ha fatto nuovamente fessi gli italiani creduloni, che purtroppo sono la maggioranza in questo paese. Gli altri italiani, quelli veri, ragionano col proprio cervello, vogliono bene al proprio paese e non pendono dalle labbra del disonesto di turno. Che vergogna tutta l’Europa ride di noi.

  10. POLITICI BASTA PRENDERCI IN GIRO . Noi Italiani quando ci arrabbiamo non so cosa vi potrebbe succedere la corda si sta rompendo .Io prevedo un tal odio per il politico nei prossimi mesi anni che sfociera sicuramente in linciaggi.La gente non ha lavoro ne soldi e loro continuano imperterriti a sperperare i soldi dei nostri sacrifici.ODIO QUANDO SENTO PARLARE DI RISORSE QUALI?ARIA ACQUA dite SOLDI “non occorre che storpiate la parola soldi con la metafora risorse” POLITICI SONO UN PRIMO CITTADINO CHE VI ODIA ,NON MERITATE IL RISPETTO DI NESSUNO ….

  11. IO COME CITTADINO ITALIANO CHIEDO INDAGINI SU TUTTI I CONTI CORRENTI DI CHI e STATO AL GOVERNO NEGLI ULTIMI 50 ANNI? NESSUNO DEL GOVERNO CHE CHIEDA LA RESTITUZIONE DEI SOLDI RUBATI ENACOSTI NEI PARADISI FISCALI .( QUESTI POLITICI SONO SENZA IDEE E SENZA PROGRAMMI VIAGGIANO A VISTA COME DEI LADRI CHE HANNO RUBATO E NON SANNO DOVE SCAPPARE VISTO CHE LA POLIZIA LI STA PER PRENDERE ) VEDIAMO SE QUALCUNO CHIEDE QUESTA SEMPLICE LEGGE CHE.PERMETTEREBBE DI NON AVERENESSUN DEBITO ed ad un tratto ci troveremo ricchissimi…………..

  12. Usciamo da questa cazzo D europa e da questa moneta di merda,tanto D europa unita non cè niente ogni paese fa come gli pare e non cè uniformita,ne sul costo della benzina,ne sulle assicurazioni,ne sul bollo auto e tanto meno sul costo della vita in generale per non parlere del lavoro. non cè la BCE:una sola banca per tutti come in AMERICA(54 stati)ma ben 3banche comprese due TEDESCHE che la fanno da padrone.Voglio vedere poi quando vai in pizzeria e ti chiedono 10milalire per una margherita cosa gli dici al pizzettaio.

  13. Egr. dott. Giordano. Da parecchio tempo quando guardo la televisione mi ritrovo subito incazzatissimo. Motivo? Tutti parlano di trovare le risorse per abbassare le tasse, per togliere la famigerata IMU, per ridurre la pressione contributiva sulle imprese ecc. E tutti dicono che la coperta è troppo corta. Cretinate dette da cretini! Ora parlano di aumentare l’iva. Bene! Così facendo invece di spendere 1000 la gente spenderà 500. Ma come si fa a non capire che piu si alza la pressione fiscale (ormai siamo in una dittatura politica-fiscale-contributiva!)e l’iva e le tasse in genere, la gente spende sempre meno? Non vedono come gira il mercato oggi? Pensano di risollevare l’economia aumentando tasse, fisco, inps ecc.? Bene fanno coloro che evadono le tasse, l’iva e i contributi. E’ la sola strada percorribile per difendersi da questi dementi che si prendono stipendi d’oro e la gente muore di fame, si suicida, le imprese chiudono e i lavoratori vengono licenziati. A mio avviso bisogna fare uno sciopero fiscale e contributivo generale. Bisogna bloccare l’apparato vergognoso della macchina fiscale e contributiva. E’ assurdo che 100 euro di stipendio costi all’azienda altri 130!!!!!! Totale 230!!!!!!

  14. Egr. dott. Giordano, vorrei sottoporle un quesito di non poco conto e relativo alle pensioni così magari ne potrebbe fare una “battaglia” politica: Tutte le pensioni erogate vengono assoggettate a tassazione così il fisco si mangia una bella fettina di quanto pagato ai pensionati. Ma la gente sa cosa sono le pensioni? Credo di no e mi spiego meglio: Le pensioni erogate sono una parte di contribuzione pagata da aziende e dipendenti e stornate, a fine ciclo lavorativo, ai contribuenti. Ma tutti i contributi pagati da aziende e dipendenti sono sempre stati esenti da irpef! Allora mi chiedo: perchè i contributi stornati (una parte di tutti) sotto forma di pensione devono essere assoggettati a Irpef? E’ una ulteriore furto fatto dal governo ladro a danno dei soliti poveracci. Una vergogna che qualcuno dovrebbe far finire. E non mi vengano a raccontare le solite barzellette del tipo che le pensioni le hanno fatte passare per una “rendita”! Stronzate! Sono Contributi restituiti e basta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *