L'AFFARE CON LA CASA INPDAI DI LOIERO (AH SE AVESSE AMMINISTRATO LA CALABRIA COME HA AMMINISTRATO I SUOI IMMOBILI)

Anche Agazio Loiero ha fatto un affare con la casa dell’Inpdai: sfruttando il generoso sconto concesso dalla legge è riuscito ad acquistare un appartamento in Lungotevere Flaminio (ingresso, doppio salone, tre camere, cucina, tre bagni e due balconi) per una cifra davvero irrisoria: appena 189mila euro. L’ha rivenduto qualche tempo dopo per 400mila euro, più del doppio. Guadagno netto: 211mila euro. Ah, se avesse amministrato la Calabria come ha amministrato i suoi immobili….

Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Facebook0Email this to someonePrint this page

6 risposte a “L'AFFARE CON LA CASA INPDAI DI LOIERO (AH SE AVESSE AMMINISTRATO LA CALABRIA COME HA AMMINISTRATO I SUOI IMMOBILI)

  1. Chissà se qualcuno di questi abili compratori di case acquisterebbero i miei attrezzi agricoli ormai a me non più necessari data la mia anzianità. Si tratta di zappe,rastrelli,vanghe e altri oggetti idonei per coltivare la terra. Mi sorge un atroce dubbio ma sapranno usarli?……………………

  2. Le “gesta” dei nostri politici e non solo mi fanno solo rabbia. La casa per molti è un sogno da realizzare a costo di sacrifici inauditi. Per un’elite di persone rappresenta invece l’occasione per arricchirsi sfruttando posizioni e ruoli politici, istituzionali e clientelari.
    Vi racconto la mia esperienza: un sogno che sto rischiando di pagare pesantemente.
    Poco più di due anni fa ho deciso di cambiare casa. Il mio lavoro e quello di mia moglie ci consentivano di fare questo passo ed il sogno di regalare un fratellino/sorellina alla mia bambina era una spinta in più. Con molta fatica sono riuscito a vendere la vecchia abitazione per acquistare quella nuova, con quella sospirata camera in più. Tutto sembrava tranquillo fino a quando, da un giorno all’altro, il mio datore di lavoro ha deciso di licenziarmi causa la crisi.
    Adesso, giorno dopo giorno, mi sta crollando il mondo addosso: disoccupato a 45 anni da più di un anno, il solo stipendio part-time di mia moglie (€.1000,00), un mutuo da pagare, le rette dell’asilo della bambina, imu, tarsu, gas, corrente ed ancora, al danno la beffa, i costi di un legale in quanto l’ex datore di lavoro si ostina a non darmi quanto di mia spettanza (tfr ed altro) dopo il licenziamento.
    Non so proprio per quanto tempo ancora riuscirò a reggere, gli occhi di mia figlia mi danno forza, lei è la mia vita ma . . .
    Mi auguro che presto qualcosa cambi.

  3. bastava prevedere un vincolo, del tipo non puoi rivendere per almeno 5/10 anni l’immobile…questo per evitare di speculare in modo meschino..

  4. La tanto brava e buona COSTITUZIONE ITALIANA, non ammette la tutela dei deboli. Questa è un’altra “nefandezza” della Costituzione. Ho un bimbo, meraviglioso, di 18 mesi – non faccio azioni “speciali” solo per LUI! Che Dio lo protegga. SEMPRE!

  5. Capelli di plastica ha dimostrato ancora una volta di quanto se la sbatte del pensiero degli italiani. Tutti sono schifati dalla legge elettorale con cui hanno votato e tutti reclamano la riforma della legge e lui…irrompe nella scena politica svelandosi per quello che è e per come considera gli italiani: dei c…ioni. Il capelli di plastica ha minacciato e guai a chi gli tocca l’attuale legge elettorale, perchè è l’unica che può garantire ancora la sua permanenza nella vita politica italiana e continuare a estorcere un salvacondotta per le sua condotta indicibile. Ecco come intende la politica quest’essere spregevole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *