FINANZIAMENTO PUBBLICO AI PARTITI: AMMESSO CHE SIA VERO, PERCHE' DOBBIAMO ASPETTARE FINO AL 2017?

Credo al ministro Quagliariello quando dice che non sarà come l’8 per mille. Credo al ministro Quagliariello quando dice che  i partiti non s’accaparreranno anche  soldi dei cittadini che non scelgono. Credo al governo quando dice che il finanziamento pubblico, tramite questo meccanismo sarà al massimo 61 milioni, un terzo dell’attuale. Credo persino al premier Letta quando dice che, sebbene sia stato scelto lo strumento del disegno di legge anziché quello del decreto, il provvedimento sarà presto in vigore.  Mi voglio rovinare: gli credo anche quando dice che passerà indenne in Parlamento, senza venire stravolto. Oggi sono di buon umore, crederei anche alla Fata Turchina e alla lampada di Aladino. Ma,  di grazia, dopo che io ho creduto a tutto quanto hanno detto e  considerato che è da vent’anni che aspettiamo l’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti, qualcuno sa spiegarmi perché dobbiamo aspettare il 2017 per vederlo entrare davvero in vigore?

Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Facebook0Email this to someonePrint this page

9 risposte a “FINANZIAMENTO PUBBLICO AI PARTITI: AMMESSO CHE SIA VERO, PERCHE' DOBBIAMO ASPETTARE FINO AL 2017?

  1. perchè con noi si usa pure la retroattività su decisioni che, se fossero per loro, sarebbero anti-costituzionale mentre per tutto quello che li riguarda sanno posticipare ben bene…cercando poi di trovare un altro escamotage (non so se è scritto giusto)

  2. Per metterci a tacere!!!
    Nel frattempo, continuando a divorarci, si potranno inventare modifiche, correzioni, escamotage, rinvii, deroghe, eccezioni, congelamenti, misure straordinarie, surrogati e trucchi per continuare a prenderci per il culo.
    Questa è gente che va presa a randellate, perchè come capellidiplastica, sono convinti che siamo dei C…IONI.
    Sono dei veri maestri dell’accaparramento. I primi dell’europa. Primi per avidità. Primi nel mondo a “ingegnarsi” per come fottere i contribuenti e arricchirsi. Fanno finta di litigare per fare le riforme solo per non cambiare nulla.
    Andremo a votare ancora con il “porcellusconi”, con la stessa quantità industriale di parlamentari, con le stesse provincie, continueranno a papparsi lo stesso vitalizio, gli stessi finanziamenti ai gruppi parlamentari…come hanno fatto, come fanno da trentanni e per questo ridotto gli italiani alla fame.

  3. Perche’ come sempre non hanno la faccia pulita!!!
    per il popolo bue fanno le regole e leggi retroattive , per loro invece a lunga scadenza…( cosi’ avranno modo di studiare qualche inghippo )
    DI CERTO NON PERDONO UN’OCCASIONE PER FARE BRUTTA FIGURA E DARE IL CATTIVO ESEMPIO ! POI SI STUPISCONO ANCORA PER L’ASTENSIONE AL VOTO !!!!

  4. Vedi,voi,dovreste capire che il 2017,non arriviamo,(forse.)Se i Maya hanno predetto la fine del Mondo entro il 21-12-2012,allora la fine del Mondo,può Esserne Quando Vuole Dio Padre,Dio Figlio e Dio lo Spirito Santo,con l’Allineamento.Se il Bipolarismo,se cambia polarità,blocca i Trasformatori,l’energia elettrica forse é meno del solito,l’acqua viene – la benzina ed il Gasolio,non vengono che – generati,perché se il Generatore pompa odroelettrica nel contenitore del benzene,non ha + watt di P;potenza!Dunque,se Notiamo,vi sono le Meteoriti,cosa che se nello Spazio,sono molte e ferme,fino a quando si Scateneranno le Tempeste Tropicali da Polo a polo.Il 2017,Giordano,non so se Arriviate.Buonasera.

  5. Siamo alle solite, è tutta una sceneggiata a direzione del regista di turno “quel comunista di Letta”. Avrebbero dovuto fare subito un decreto legge e non un disegno di legge, e poi per quale ragione bisogna aspettare 4 anni (non 4 mesi) e già forse si son voluti adeguare alla celerità che ha lo stato nei confronti dei cittadini (pagamenti alle imprese per fare un esempio ) che aspettano appunto anni per ricevere il loro dovuto. Vede caro Giordano il finanziamento pubblico ai partiti sia di destra che di sinistra continuerà a funzionare perchè non si farà nulla per eliminarlo. Possiamo starne certi; il tempo mi darà ragione

  6. Le pensioni sono state di colpo innalzate creando una valanga di esodati e subito in vigore, mentre per il finanziamento ai partiti la cosa è graduale e, a regime andra’ in vigore dal 2017. LA SPUDORATEZZA DEI NOSTRI POLITICI NON HA LIMITE.
    ZERO SOLDI PUBBLICI AI PARTITI E NEANCHE CON DETRAZIONI FISCALI.

  7. CON UN REFERENDUM SI DECISE DI ABROGARE IL FINANZIAMENTO AI PARTITI. SE VERAMENTE IL POPOLO E’ SOVRANO SI ATTENESSERO A QUESTA DECISIONE SENZA SE E SENZA MA.

  8. E’ sempre la vecchia storia : noi e loro ! Sino a che percepiranno i loro alti emolumenti e sino a che faranno una vita beata non cambierà nulla – Cambierà solo quando scenderanno tra i comuni mortali e sperimentare così come è la vita reale e quanto sudore ci vuole, a volte, per arrivare a fine mese per soddisfare le necessità della famiglia.

  9. Hanno capito che possono fare quello che vogliono tanto i creduloni disposti a votarli ci saranno sempre. Nonostante le ruberie venute alla luce, i 2/3 degli italiani li hanno rivotati. Grillo in campagna elettorale ha raccolto 450.000 euro che ha donato ai terremotati dell’Emilia ed è stato l’unico a rifiutare i 42 milioni di rimborsi elettorali. Ma è notorio che agli italiani la gente onesta non piace. Basta vedere l’armata di indagati che siede in parlamento per capire che l’onestà non abita più in questo Paese (ammesso e non concesso che ci abbia mai abitato). A Siena, nonostante lo scandalo del Monte dei Paschi, il Pd la fa ancora da padrone tanto ci sono i fessi che con l’imu coprono gli ammanchi. Hanno portato al fallimento un istituto con 500 anni di storia ma i senesi, imperterriti, fanno la croce sempre sullo stesso simbolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *