IL BANCHIERE E L'EX RIBELLE? HANNO TUTTI E DUE LA DOPPIA PENSIONE

Altro che eliminare i vitalizi, ne scopriamo sempre di nuovi. L’ultimo è questo: esistono 220 superprivilegiati che godono non di una ma di due pensioni, cioè quella da parlamentare e quella da consigliere regionale. Fra di loro l’ex mister centomila preferenze Alfredo Vito (3600 dalla regione e 4800 dal Parlamento), l’ex ministro Nicola Mancino (9.947 dal Parlamento, non si conosce la cifra esatta della regione), Giulio Maceratini (5610 dalla Regione e 9.947 dal Parlamento), Giovanni Russo Spena (che di pensione di ne ha tre: una da ex parlamentare 4.725 euro lordi, una da ex consigliere regionale 3mila euro lordi e una da ex professore 3.250 euro lordi). In cima alla lista anche la “strana” coppia: il banchiere Giuseppe Guzzetti e l’ex leader del Movimento Studentesco Mario Capanna. Il primo prende 8mila euro dalla regione e 4725 euro dal Parlamento, il secondo prende 5mila euro dalla regione e 4725 euro dal Parlamento.  Vi sembra logico? A noi no. E continuiamo a denunciare, senza stancarci né rassegnarci…

29 risposte a “IL BANCHIERE E L'EX RIBELLE? HANNO TUTTI E DUE LA DOPPIA PENSIONE

  1. I partiti e gli italiani sono separati in casa. L’unica comunicazione tra il cittadino e i partiti che hanno occupato le istituzioni è quella ruffiana dei media che tiene in vita i morti. Sui quotidiani e in televisione si celebra il giorno dei defunti tutto l’anno, da Boss(ol)i a D’Alema, ma anche dei nati morti, come Renzi e Alfano. Un antico supplizio prevedeva che si legasse un uomo vivo a un cadavere. Questa è anche la realtà che stiamo vivendo. Dobbiamo tagliare le corde che ci legano prima che sia tardi. In Grecia è stato annunciato un referendum propositivo sul piano di aiuti dell’UE e dell’FMI, in sostanza per l’uscita dall’euro. In Italia la Costituzione prevede solo referendum abrogativi e non rende obbligatoria la discussione delle leggi di iniziativa popolare, come Parlamento Pulito. La voce del cittadino conta zero. Va cambiata la Costituzione se vogliamo cambiare il Paese e restituirlo alla volontà popolare.

  2. Dott. Giordano mi permetta di dire che sono denunce fine a se stesse purtroppo. Bisogna iniziare a parlare di come cambiare le cose, basta denunciare senza che poi nulla accada. Sprechiamo meno parole in denunce e parliamo di più di come interrompere tutte queste oscenità che fanno male all’Italia e soprattutto agli Italiani.

    • abbiamo bisogno di alternative!!!a questi giornali finanziati dal governo,sono tutti leccapiedi del padrone,hanno solo interessi di guadare su blog,media e tv,lo dimostra anche la borsa,tutti cedono tranne che le aziende del premier,dopo anni ad ascoltare i parassiti politici che rubano il popolo italiano inerme,credo che la alternativa del cambiamento sia il movimento 5 stelle se poi va male uno ci ha tentato!!

  3. CARO GIORDANO PENSO CHE NON MI INDIGNERO’ PIU’ E NON SCRIVERO’ PIU’ SUL TUO BLOG …..DI FRONTE ALLE TUE CLAMOROSE RIVELAZIONI PERCHE’ NON FAI NIENTE ALTRO CHE IL TUO INTERESSE DI SCRITTORE……..RICERCA DI PUBBLICITA’!!!!!!!!!! DIMOSTRAMI IL CONTRARIO SE NE SEI CAPACE VISTO CHE HAI LE POSSIBILITA’

  4. Buongiorno Sig.Giordano,
    concordo con quello che hanno scritto prima di me.
    Com’è possibile che tutte queste denunce non portino mai a nulla ? Sappiamo sempre più cose scandalose, ma nessuno può farci nulla ?
    Insomma, è ora di pensare a come cambiare le cose oltre che a denunciarle !

  5. Il mio pieno sostegno a Mario Giordano, Ritengo sia necessario continuare a denunciare queste oscenita’. Invece di criticare chi ha avuto il coraggio di esporsi in prima persona, perche’ non proponete voi qualcosa da fare?

  6. Quintuplicato lo stipendio ‘pubblico’
    della moglie del Responsabile Pisacane Già consigliere regionale della Campania, Annalisa Vessella è amministratore delegato dell’Istituto di Sviluppo Agroalimentare, l’agenzia finanziaria di cui è socio unico il ministero dell’Agricoltura di Saverio Romano. L’aumento di retribuzione rivelato da un’interrogazione del deputato Pd Nicodemo Oliverio!!

  7. TANTO DI CAPPELLO AL SIGNOR GIORDANO CHE CI FA SAPERE TUTTE LE INGIUSTIZIE CHE STIAMO SUBENDO .E RIVOLGENDOMI A QUEI POLITICI SANI MA SOPRATUTTO A QUEI POLITICI ONESTI E CHE PER COLPA DI QUELLI DISONESTI SONO CONSIDERATI UGUALI BE DICO DI RIMBOCCARSI LE MANICHE E FAR FUORI IL MARCIO XCHE IL POPOLO ITALIANO NN VUOLE PIU SUBIRE

  8. DOTT.GIORDANO GRAZIE PER LE DENUNCE,ORA CERCHIAMO UNA STRATEGIA UNICA PER ELIMINARLI E RIDISTRIBUIRE IL REDDITO.
    MI CHIAMO ONESTI DI NOME E SONO VERAMENTE INDIGNATO E PRONTO A FARE LA RIVOLUZIONE. ONESTI… PRESENTE.

  9. non centra con l’argomento…ma vorrei dire una cosa che un po mi da fastidio…che santoro …di sicuro solo per fare soldi ed odiens parlerà nella prima puntata di una sua nuova trasmissione della casta…perchè non dare il privileggio ad un grande giordano che ne parla da parecchio tempo e disicuro più preparato sull’argomento?

  10. Volevo approfittare di questo spazio per ricordare a tutti noi che due soli personaggi, e che personaggi, gli odiatissimi DINI e AMATO, costano a noi contribuenti circa UN MILIONE di euro all’anno…
    Proprio loro che si sono distinti per le famigerate e grondanti riforme del sistema pensionistico degli altri italiani.
    Proprio loro che ancora oggi chiedono sacrifici a tutti gli italiani e che invocano all’abolizione delle pensioni con il sistema retributivo, ebbene proprio loro invece si dimostrano come tra i più parassitari di tutti, godendosi vitalizi da sogno che potrebbero offrire l’opportunità a oltre 100 pensionati una vecchiaia più dignitosa. Due soli che arraffano quanto oltre cento persone…

  11. Qualcuno ha ancora il coraggio di credere al nababbo Santoro? E’ noto che per la trasmissione che ha condotto ha percepito una liquidazione milionaria dalla rai mentre io, dopo aver lavorato una vita intera, non so ancora se la percepirò. Inoltre è nota la sua collocazione politica. Ha avuto pure il coraggio di presentarsi con la tuta da metalmeccanico ad una manifestazione dove, cosa ancora più grave, c’erano degli imbecilli che lo ascoltavano. Questa è tutta gente che bada solo ai propri interessi non certo al bene dell’Italia. Se ben ricordate fu anche ingaggiato da Mediaset ma l’esperienza sulle reti di Berlusconi durò poco. Santoro al soldo del Berlusca che è poi diventato suo acerrimo nemico. Vi dice niente tutto ciò? Pare inoltre che il noto conduttore abbia pronunciato questa frase di recente: “Bisogna fare la rivoluzione”. E’ talmente incazzato per essere stato messo alla porta dalla tv di stato che cerca qualcuno da strumentalizzare per la sua causa. Poveretto non può più mungere mamma rai. Sbaglio o è stato anche parlamentare europeo per il Pd? Quante pensioni ha? Sono sempre più convinto che per rivendicare i propri diritti in un Paese governato da mafiosi, occorre scendere al loro livello. E pensare che mio padre mi aveva educato con sani principi.

    • sei un grande…..ho detto più o meno le stesse cose in un altro forum e mi hanno attacato dicendo che tantoro è una specie di santo…non ho parole dell’ignoranza che gira…saluti da genova..oggi tanto ferita

  12. TOGATI E STRAPAGATI – L’UNICO POSTO, IN ITALIA, DOVE I DIPENDENTI PUBBLICI S’AUMENTANO GLI STIPENDI DA SOLI È IL CONSIGLIO DI STATO – LA MATTINA DEL 15 APRILE 2011, MENTRE LA BANCA D’ITALIA DIFFONDEVA DATI DRAMMATICI SU OCCUPAZIONE E RECESSIONE, I RAPPRESENTANTI DEI MAGISTRATI SI SONO AUTOAPPROVATI, ALL’UNANIMITÀ, NUOVE INDENNITÀ DAI 20 AI 50 MILA € L’ANNO (COME SE NON BASTASSERO STIPENDI DA 130 MILA € LORDI) – IL CASO DELL’UFFICIO, VOLUTO DAL PRESIDENTE PASQUALE DE LISE, DEI “MAGISTRATI ADDETTI A TEMPO PIENO ALL’UFFICIO STUDI, MASSIMARIO E FORMAZIONE”, CON EXTRA DA 40 MILA € L’ANNO…

    • perdonami , ma l’hai scoperto solo adesso ? è scritto nella costituzione ! e se non lo sai le indennità dei politici sono legate a quelle dei quali hai parlato qui sopra ! infatti quelle dei politici non possono essere inferiori a quelle dei giudici della corte costituzionale , in una misura ben precisa.
      e per fortuna che anche tu hai sempre contestato e sempre contesterai l’unico che ha voluto provare a ridimensionare questi personaggi senza sapere cosa dicevi….

      “L’indennità parlamentare è regolata da una legge del 1965 ed è agganciata, allo stipendio di un magistrato presidente di sezione di Cassazione con 35 anni di anzianità. Cioè chi è appena stato eletto prende lo stesso stipendio di un magistrato a fine carriera.

      Lo stipendio dei deputati in Pratica viene calcolato in base allo scaglione più alto dello stipendio più alto dei magistrati, cioè del magistrato di Cassazione che quindi è il magistrato con tantissimi anni di carriera”

      • …e mi sono anche sbagliato perchè i giudici della corte costituzionale guadagnano ancora di + ! almeno quanto i nostri ambasciatori nel mondo ! e poi , all’inaugurazione dell’anno giudiziario striscia la notizia ce li fa vedere mentre se la ronfano…..

  13. Dopo aver letto sanguisughe non ho più parole. Questi signori che”non trovano scandaloso” i loro compensi li manderei in certe aziende dove il lavoro ti consuma veramente per .1ooo euro almese. Forni che ti sparano l’aria calda addosso tutto il giorno in piena estate e capannone gelato d’inverno. A 40 anni gli operai sono già dei vecchi ma se hai piu di 30.000 euro lordi all’anno di redditofamiliare sei fuori da tutte le agevolazioni comunale e nazionali. A loro non decurtano nulla.
    Spero tanto in una giustizia divina visto che quella terrena lascia molto a desiderare!

  14. Io credo che in periodi come questo bisogna fare attenzione anche a chi sale sul pulpito a predicare. Purtroppo nei periodi di crisi non ci sono solo gli speculatori finanziari ma ci sono anche coloro che speculano sul pensiero ideologico del popolo. E’ molto facile raccontare ciò che la gente si vuol sentir dire e di conseguenza accaparrarsi consensi e notorietà. E’ bene essere attenti e cercare di capire se uno lo fa per intima convinzione o solo per interesse personale. Detto questo bisogna dire che anche chi percepisce milioni di euro può essere sinceramente vicino ai problemi delle classi più povere ma dovrà essere molto convincente esponendosi in maniera inequivocabile per avere credibilità.

  15. caro mario giordano,ben vengano le persone come te che denunciano questi parassiti.non riesco a capire come mai noi italiani continuiamo ancora a sopportare questi parassiti che stanno spadroneggiando,ci chiedono sacrifici tipo lavorare x 40 anni x poter aver diritto alla pensione dopo un anno e mezzo(diventano 41 e mezzo),loro invece dopo 4 anni hanno diritto alla pensione di 3000 euro oltre ai stipendi da sogno che prendono,i privilegi che hanno e tutto il resto!!!!!!!
    io penso che ci sono tante persone come me che vorrebbero distruggerli.forse abbiamo il potere di scendere tutti in piazza in modo pcifico e dire ai nostri politici di togliersi tutti i privilegi che hanno di dimezzarsi lo stipendio di revocare tutte le pensioni d’oro che stanno in giro a discapito di tutti noi italiani che stiamo pagando x loro.se siamo vermente italiani e non siamo dei vigliacchi facciamo qualcosa x il futuro di questo paese e x i nostri figli.

  16. Fino a quando nel nostro paese ci sarà gente disposta ad ascoltare i quaquaraquà della politica le ruberie non cesseranno. Avete visto quanta gente ha partecipato alla convention del terzo polo e alla manifestazione della sinistra? Non hanno ancora capito che i responsabili del disastro italiano sono i ciarlatani che ascoltano. Si può essere più stupidi? Vanno ancora a sventolare le loro bandiere, ad applaudire alle cazzate che raccontano. Spero riescano quanto prima ad aprire gli occhi e ad isolare i parassiti che tarpano le ali ai loro figli e all’Italia.

  17. Cari connazionzli lo sapevate che per ascoltare le cazzate dei politici bisogna pagare? Ho letto poco fa su Tusciaweb.eu che per ascoltare le stronzate di Fini bisogna sborsare 50 euro. E’ la cifra chiesta ad un viterbese che voleva partecipare ad una conferenza dove il noto politico avrebbe parlato della crisi in atto. Proprio senza vergogna!

  18. Ma è possibile che ancora non avete capito qual’è il problema?.. il problema è la classe dirigente stupida, sanno dire solo che “bisogna dare fiducia ai mercati”, nient’altro..
    Non hanno neanche idea di come funziona il sistemabfinanziario.
    Eppure è semplice, tutto parte dalla produzione di BENI e dalla vendita di questi beni: produzione industriale, edilizia, agricola, della pesca, ecc. che generano il mercato (ricchezza) con l’ausilio dei servizi (ma quelli veri), il sistema finanziario, cioè il finanziamento d’impresa (ma delle idee) e delle risorse (energia).
    Purtroppo il debito pubblico, cosiddetto “debito pubblico”, è un sistema per finanziare le idee imprenditoriali statali che via via è diventato un prestito allo stato per fornire privilegi, privilegi che a tutt’oggi non vogliono rinunciare, per cui la girano e la rigirano e se la prendono coi più deboli che per ironia sono proprio quelli che generano “beni”.
    Ma dare ascolto ai politici c’è il rischio del suicidio collettivo, poiché fare sacrifici per attenuare il debito pubblico è un sacrificio invano, perché non c’è nessun riferimento, e non alludo agli investimenti in denaro per la crescita poiché sarebbero soldi sprecati se non si punta il dito sul costo del lavoro e sui motivi dell’inefficienza delle imprese, ma alle ragioni che ci hanno portato in questa situazione di merda “la stupidità della classe dirigente tutta, politica e privata”. E sono gli stessi che pretendono di tirarci fuori.. è incredibile!
    Lettera Aperta: http://www.montemesolaonline.it/Lettera_Aperta_direttori-stupidi.htm

  19. si concordo con lei ormai siamo arrivati alla frutta e alla bancarotta i nostri politici per 40 anni hanno sperperato il denaro pubblico e ancora oggi dicono ai loro lettori di fare sacrifici arriveremo a un punto che il popolo si stanchera poi saranno ca..i amari.

  20. TANTO NON CAMBIA MAI UN CAZZO FORSE DVREMMO PRENDERE ESEMPIO DALL’EGITTO DALLA LIBIA E DALLA SIRIA CHE NE DITE ?! MA NOI SIAMO ITALIANI E CONTINUIAMO A DORMIRE !!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *