Scandalo nello scandalo: ieri i deputati si sono salvati il vitalizio d'oro (con un colpo di mano)

Audace colpo dei soliti noti: i parlamentari salvano le loro pensioni (d’oro). Ieri alla Camera bloccata una norma che metteva in discussione gli onorevoli vitalizi. La questione è semplice: perché i cittadini devono versare contributi per 35 anni per avere una misera pensione e invece i parlamentari dopo 5 anni di “lavoro” (si fa per dire) incassano assegni da nababbi? La semplice domanda non è stata riproposta nell’aula di Montecitorio perché la presidenza l’ha vietato.  Abolire i vitalizi? Non scherziamo. Non se ne può nemmeno parlare.

A presentare la mozione (che sarebbe stata immediatamente esecutiva) l’onorevole Idv Antonio Borghesi, lo stesso che ci aveva già provato nel settembre 2010. I lettori di Sanguisughe ricorderanno come finì allora: la mozione fu bocciata, praticamente all’unanimità, in 4 minuti e 49 secondi (poi dicono che il Parlamento è lento…). Ieri la Camera ha fatto ancora prima: la mozione non è stata nemmeno messa in discussione. E’ stata dichiarata “non ammissibile”, cioè rigettata sul nascere  in base a norme assai fumose e in parte modificate per l’occasione.  Praticamente un colpo di mano che perpetua lo scandalo. Evviva:  i vitalizi dei parlamentari sono salvi. Cari italiani, vi tocca continuare a pagarli.

P.S. E’ stato calcolato che in 5 anni da onorevole un parlamentare versa circa 60mila euro di contributi. Da pensionato ne incassa in media 440mila (se maschio) e 550 mila (se femmina). Significa che ogni pensione da parlamentare costa alla collettività dai 380mila ai 490mila euro.  E poi mettono il ticket sulla sanità…

Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Facebook0Email this to someonePrint this page

78 risposte a “Scandalo nello scandalo: ieri i deputati si sono salvati il vitalizio d'oro (con un colpo di mano)

  1. Quello di Fini ieri è stato davvero un immenso autogol. Se poteva sperare di raccogliere un minimo di consenso tra chi come me era profondamente deluso dalla Lega e dal berlusconismo, oggi può solo ritenersi un animale in via di estinzione. Durerà solo quanto questa maggioranza. Alle prossime elezioni lui, bocchino e tutta fli saranno praticamente estinti. Non è ammissibile e neanche eticamente pensabile ritenere e legiferare in maniera retroattiva per tutti gli altri italiani e considera la Casta una entità intoccabile…E’ una vera barbarie non riuscire neanche ad avvicinare un minimo di giustizia sociale a queste sanguisughe. Proprio lui che vive di politica da sempre e che saremo sicuramente costretti a trovarlo sui giornali di gossip a prendere il sole sul ponte del suo motoscafo…UNO SCHIFO senza limiti. Presidente Fini SI VERGOGNI

  2. ….e poi si indigneranno quando il popolo arriverà alla violenza!!! Intanto noi continuiamo a mangiare “fango”, a stringere la cinghia a dover vivere per lavorare e lavorare per mangiare , o nella migliore ipotesi cercare di vivere il più dignitosamente possibile, mentre questi maledetti (si maledetti tutti!) vivono alle nostre spalle senza un minimo di pudore!!!…BASTARDI!

  3. Vorrei dar a tutti lorsignori politici e parlamentari dei maiali, ma non lo faccio. Non vorrei offendere il nobile Sus scrofa domesticus che è creatura modesta e nobile, a differenza di chi ci governa.

  4. Conferenza Stato-città ed autonomie locali 2 febbraio 2011:
    “Le disposizioni legislative che si sono affastellate, giustificate dall’esigenza di ridurre i costi della politica, hanno colpito sensibilmente la dignità degli amministratori locali e messo in discussione anche la loro funzione di rappresentanza istituzionale.”
    “Si fa comunque presente che a decorrere dal gennaio 2012 dovrà procedersi all’adeguamento ISTAT degli emolumenti”
    Le nuove indennità previste:
    http://www.conferenzastatocitta.it/Documenti/DOC_016927_Atto%20200%20punto%203.pdf

    • INCREDIBILE eppure è così … gli italiani devono indignarsi di più e chiedere a gran voce un cambiamento – SE NON ORA QUANDO ???
      io penso che se l’opinione pubblica insiste, se urla nelle piazze qualcosa un giorno cambierà, facciamolo almeno per inostri figli…

  5. Qui ci vuole l’intervento del Papa. Che ripristini il suo esercito e faccia come facevano 200 anni fa. Il potere temporale con esecuzioni sommarie,inpiccagioni e galere a vita.

  6. Sono inorridito… non cambierà mai niente in quel mondo si proteggeranno e cambieranno le carte in tavolo come vogliono loro, io la classificherei come crimine contro il popolo e la nazione.
    Qui serve davvero un colpo di stato, c’è poco da fare ormai.

  7. Pensavate forse che sarebbe andato tutto liscio, illusi noi tutti ci hanno preso un altra volta per i fondeli, e non sarà ultima volta che lo fanno .
    Sig. Fini d’ora in poi lei si è assicurato la mia più avversa campagna nei suoi confronti e del suo partito. E pensare che un pò ci credevo.

  8. Rimango Perlplesso. Non una voce si è alzata dalla CASTA per ridursi uno dei tanti benefici che hanno. Continuano a chiederci sacrifici. Faranno ferie fino al 12 settembre e con l’Italia in difficoltà tremenda..loro vanno in vacanza (non in romagna in un hotel 3 stelle!!!).Invece di dimostrarsi responsabili se ne fregano altamente. Intanto loro sono “intoccabili”, e se li tocchi MUORI!!! Sono persone che non pensano al bene comune, ma al loro e a quello dei loro parentiamici.Sono sempre + deluso. come possiamo fare per cambiare le cose?
    4 righe tratte dalla nostra COSTITUZIONE che dovrebbero far riflettere la CASTA (sempre che sappiano che esiste una costituzione!):

    1)Il lavoro non è solo un rapporto economico, ma anche un valore sociale che nobilita l’uomo. Non è solo un diritto, bensì anche un dovere che eleva il singolo. Non serve ad identificare una classe
    2)tutti i cittadini, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni sociali e personali, sono uguali davanti alla legge (uguaglianza formale, comma 1)
    3)la scuola è aperta a tutti; quella statale è gratuita; libera e senza oneri per lo Stato quella privata
    4)la preponderanza di organi elettivi e rappresentativi; il principio di maggioranza ma con tutela delle minoranze (anche politiche); processi decisionali (politici e giudiziari) trasparenti e aperti a tutti; ma soprattutto il principio di sovranità popolare.

  9. E’ da fermare. Il mio voto andrà a chi metterà questo parità (stessi contributi stessa pensione) nel proprio programma. E’ l’unica cosa che mi è possibile fare.

  10. ma questi vivono in un’altra galassia!!! sono distanti anni luce da noi schiavi…..forse non si rendono conto di quanto sia difficile sopravvivere per noi comuni mortali, almeno ci portassero rispetto! sarebbe ora di cominciare a lavorare seriamente altro che ferie!! fannulloni-assenteisti, non sanno far altro che litigare come delle comare e in definitiva sono inconcludenti…
    ma possibile che questi tutti i giorni siano in tv e sui giornali? non date spazio alle loro dichiarazioni
    e voi, sanguisughe, almeno fateci un favore risparmiateci le vostre cazzate grazie

    • Cara Pamela tu hai menzionato la parola “RISPETTO”….ma quanto mai questa parola non esiste nel vocabolario politichese…… questi sono solo delle prostitute…(senza nessuna offesa per quelle che per fare il mestiere ci mettono la faccia …e altro)…….e’ tempo che il popolo italiano si dia da fare per mandare a casa questi cialtroni…..

  11. Incommentabile! E’ proprio vero che al peggio non c’è mai fine. Fra inchieste, mazzette e ladrocini sguazzano nella melma come loro habitat naturale. Se questa classe politica dura ancora credo che questo paese sarà affossato da questi sciacalli affamati di denaro e di potere senza alcun merito.Quel poco di credibilità l’hanno affossata con il loro ostinato silenzio e le barricate alzate a difendere i loro privilegi e diritti acquisiti,ignorando che la maggior parte del paese è stato derubato dei SUOI diritti acquisiti e depredato di una parte cospicua dei frutti del suo lavoro per ingrassare questa smisurata e incontenibile massa di serpenti

    • E’ assolutamente condivisibile tutto ciò che hai scritto. Brava Susy. Per deliberare norme a loro consumo ci mettono meno di 48 ore ma se si tratta dei loro privilegi fanno quadrato e diventano intoccabili. Chi ha scritto i principi dell’ordinamento?!?. Se c’è volonta in 24 ore si modificano i principi dell’ordinamento e nelle altre 24 ore si sradicano i vitalizi in essere per ricalcolarli come per gli altri comuni mortali e cioè con il metodo contributivo. Sono insaziabili e devastano il futuro delle nuove generazioni caricandole dell’enorme fardello costituito da tutti questi costi assolutamente inutili, che non fanno altro che erodere i servizi pubblici e la nostra qualità di vita. Oggi la stessa operazione è stata ripetuta da Schifani. Un vero SCHIFO. Credono che se tutti ribadiscono la stessa zozzeria forse può sembrare meno zozza. Siete uno SCHIFO.

  12. Non avevamo dubbi … non poteva essere altrimenti! Tagli? Si, sulle saponette gli arredi, la cancelleria etc… un pò di fumo negli occhi di noi poveri peones per poi tra un pò (mesi? Anni?) accorgersi che i tagli erano stati troppi e via ad affidare spese ed appalti ai soliti noti. La parte polposa xò non va intaccata..e no signori, scherziamo? Guai a chi tocca il vitalizio. Supponiamo (suvvia con un pò di immaginazione ) che il loro stipendio sia guadagnato…ok va bene lom stipendio.. Ma la norma che gli garantisce la pensione (e che pensione) dopo pochi anni di “lavoro” mentre a noi tocca lavorare 40 anni bè quella proprio non ha uguale in tutto il mondo. Complimenti…mettetevi anche il naso rosso PAGLIACCI!

  13. ladri sfruttano noi x pagarsi i loro piaceri,lusso puttane auto aerei visite alberghi vacanze x loro le mogli e loro puttane….e noi …e noi caproni a lavorare x mantenerli….ovvio

  14. Indigniamoci pure ,continuamo a sfogarci e a sbraitare , ma mai che facciamo l’unica cosa giusta e sensata che si può e deve fare: NON ANDARE PIU’ A VOTARE!!, ma tutti veramente.
    mettiamo fine una volta per tutta a questi 150 anni di Italia delle banane

  15. Dopo non sorprendetevi cari politici se ci sarà qualche martire senza nulla da perdere che schizza via di testa e cercherà di far piazza pulita… fate schifo, non servite a quest’Italia!! Aggiungete sul dizionario dei sinonimi alla voce “ladro” –> Politico italiano.

  16. Se per andare in pensione con il massimo ci vogliono 40 anni di contributi ed io li ho versati tutti, pretendo l’assegno pensionistico il mese successivo.
    Se lo stato mi costringe a restare al lavoro mi deve pagare lo stipendio e versare l’assegno pensionistico maturato con i miei 40 anni di contributi versati.
    Se questo non avviene, lo stato mi sta trattanendo arbitrariamente di 12 mensilità + la tredicesima + la mensilità del mese aggiunto nel 2011.
    Mi sento di dare ai giovani uno squallido consiglio. E’ inutile essere da 110 e lode, basta accalappiare un pupo o una pupa che porti 200 voti alle elezioni
    politiche per essere sistemati per tutta la vita senza problemi.
    Aggiungo a questa mia una “Lettera pubblicata su Affaritaliani.it”

    “L’anti-politica degli Italiani non è ciclica ma permanente”
    Lunedí 01.08.2011 07:50

    Continua su Affaritaliani.it la storica rubrica de Il Giornale “Visto da lei” della giornalista e scrittrice Mariella Alberini. Questa rubrica coprirà, come sempre è stato, moltissimi

    argomenti leciti. In modo da soddisfare le esigenze dei suoi numerosi, affezionati lettori.

    Cara Mariella Alberini,
    sull’Espresso di qualche settimana fa c’era un articoletto che annunciava il voto all’’UNANIMITA,’ e senza astenuti della Camera dei Deputati, per un aumento di stipendio per

    i parlamentari pari a circa € 1.135,00 al mese. Inoltre la mozione è stata camuffata in modo tale da non risultare nei verbali ufficiali.
    STIPENDIO Euro 19.150,00 AL MESE; STIPENDIO BASE circa Euro 9.980,00 al mese; PORTABORSE circa Euro 4.030,00 al mese (generalmente parente o familiare);

    RIMBORSO SPESE AFFITTO circa Euro 2.900,00 al mese; INDENNITA’ DI CARICA (da Euro 335,00 circa a Euro 6.455,00) TUTTI ESENTASSE + TELEFONO

    CELLULARE gratis TESSERA DEL CINEMA gratis, TESSERA TEATRO gratis, TESSERA AUTOBUS – ETROPOLITANA gratis, FRANCOBOLLI gratis, VIAGGI AEREO

    NAZIONALI gratis, CIRCOLAZIONE AUTOSTRADE gratis, PISCINE E PALESTRE gratis, FS gratis, AEREO DI STATO gratis, AMBASCIATE gratis, CLINICHE gratis,

    ASSICURAZIONE INFORTUNI gratis, ASSICURAZIONE MORTE gratis, AUTO BLU CON AUTISTA gratis, RISTORANTE gratis (nel 1999 hanno mangiato e bevuto gratis per

    Euro 1.472.000,00).

    Intascano uno stipendio e hanno diritto alla pensione dopo 35 mesi in Parlamento mentre obbligano i cittadini a 35 anni minimo di contributi ( 41 anni per il pubblico impiego

    !!!). Circa Euro 103.000,00 li incassano con il rimborso spese elettorali (in violazione alla legge sul finanziamento ai partiti), più i privilegi per quelli che sono stati Presidenti

    della Repubblica, del Senato o della Camera. (Es: la sig.ra Pivetti ha a disposizione e gratis un ufficio, una segretaria, l’auto blu ed una scorta sempre al suo servizio) La

    classe politica ha causato al paese un danno di 1 MILIARDO e 255 MILIONI di EURO. La sola camera dei deputati costa al cittadino Euro 2.215,00 al MINUTO…!!!
    Lettera ricevuta via e-mail

    Carissimo lettore,
    la sua disamina degli introiti dei parlamentari è precisa e utile per coloro i quali ancora non conoscono l’esatto ammontare dei loro netti, inconcepibili ricavi. La sua lettera si

    commenta da sola. Non tutti conoscono l’assurdità degli incassi mensili e annuali dei parlamentari e dintorni. Però tutti sanno che questi abnormi compensi vengono

    percepiti non perché i sopra citati politici lavorano per il bene del Paese, bensì per danneggiarlo. Oltre a causare scompensi spaventosi all’economia interna e all’economia

    d’esportazione, vessata da richieste sempre più pressanti di finanziamenti e quant’altro.

    Da quando abbiamo incominciato a trattare l’argomento delle mega rendite di Kasta e sotto Kaste, gli Italiani ci hanno confortato con entusiaste lettere di approvazione e di

    plauso. Da quando Affaritaliani.it ha promosso il Forum richiesto dagli stessi lettori, numerosi quotidiani hanno pubblicato articoli di blando commento sul fenomeno di

    questa onda montante contro la politica tutta e i suoi assurdi privilegi. Uno di questi guru afferma persino che questi atteggiamenti di passionale antipolitica sono sempre

    esistiti a periodi ciclici per poi esaurirsi nel nulla.

    Di certo, è vero che noi Italiani abbiamo trascurato in modo colpevole di seguire e documentarci sui cosiddetti PANNI SPORCHI della politica lasciando correre per decenni.

    Adesso però la situazione è molto diversa. Attraverso Internet attestano il loro disgusto migliaia di mail che raggiungono il nostro Forum e chi scrive. E chiedono non

    soltanto una manifestazione bianca IN TUTTE LE CITTA’ D’ITALIA: cioè priva di qualunque colore partitico, ma vogliono un referendum contro i costi della politica. Perché

    OGGI gli Italiani contestano in blocco TUTTI I PARTITI. Non vogliono più sentire parlare e vedere in televisione i protagonisti di questo teatro delle marionette che emettono

    ipocrite sentenze sempre uguali da decenni. Gli italiani non vogliono più essere quelle marionette costretti a vuotare il portafoglio per pagare i danni catastrofici della Politica.

    Non bisogna sottovalutare il potere di Internet e della Televisione che in Nord Africa nel giro di pochi mesi ha fomentato la cancellazione di tre Governi (Tunisia, Egitto, Libia)

    e ne ha messo in crisi altrettanti (Siria, Yemen e Marocco). L’attuale sentimento di anti-politica degli Italiani non è ne ciclico, ne passeggero. Attraverso Internet invocano

    scelte che devono essere compiute soltanto attraverso il popolo. Invocano sana gestione della cosa pubblica con gestori che prendono lo stipendio di un onesto funzionario.

    E non risulta a nessuno che un onesto funzionario goda dei folli privilegi diligentemente sopra elencati dalla lettera del nostro interlocutore.

    Insomma gli italiani non sopportano più una classe politica divoratrice di denaro pubblico e privato. Sono esasperati al punto da volerla cancellare se non si dimezzeranno

    come minimo i suoi costi. E’ giunto il momento che i parassiti del potere si rendano conto di aver oltrepassato il limiti della decenza.

    m.alberini@iol.it
    http://www.mariellaalberini.it

  17. non ho mai scritto pubblicamente ma quusta volta voglio spregare 2 minuti del mio tempo perchè quando si sentono certe cose non si può stare zitti.stando così le cose è uno schifo ma non è possibile chi ruba destra chi ruba a sinistra hanno mandato il nostro paese in rovina, pensano solo a riempire le loro tasche e a noi ci hanno ridotti sul lastrico ma solo noi ci dobbiamo sacrificare per il paese? un povero pensionato dopo aver lavorato una vita non ce la fa ad arrivare a fine mese: libero sfogo grazie

  18. Non ci resta che augurargli di passare a miglior vita da giovani.
    E’ arrivato il momento di scendere in piazza, fissare uno stipendio max di 1.500,00 euro al mese e a chi non gli stà bene a casa, non come quel …….. di Fini che ha sistemato la suocera casalinga.

  19. sono tutti una massa di gente di merda!!!!godeveli quei vitalizi ormai il tempo sta per scadere e andrete tutti al rogo per i crimini contro il popolo italiano!!!!

  20. Incredibile!!! alla camera, davanti alle telecamere, tutti, tutti, berlusconi, bersani, reguzzoni, casini, tutti hanno espresso il loro appoggio e la estrema necessità dell’abbattimaneto dei costi della politica. Fa una rabbia immensa! Ma chi c…o è che decide?? Ma forse sono altri a fare le leggi, i ddl, e le altre norme e manovre economiche?? Ma è possibile che ci debbano prendere per i fondelli in questo spudorato modo?? Ma cosa credono che non abbiamo capito questo loro sporco gioco?? Solo ieri e questa mattina alla camera e al senato si sono guardati bene di approvare all’ordine del giorno l’abolizione dei vitalizi, asserendo che per loro, per i parlamentari, non vale la retroattività. Qualcuno di loro si è per caso arrabbiato per questo. Tremonti aveva preparato un certo taglio a questi costi e notte tempo, amici della lega e del pdl hanno inserito degli emendamenti per disintegrare le proposte di tremonti. Chiariamo che non si sono lamentati neanche i pd. Questi signori sono delle iene insaziabili. Fini e Schifani si sono fregiati dei tagli fatti: ridicoli si tratta di tagli fatti con il taglia-unghie. Arraffano a bracce aperte ma tagliano con il bisturi. I tagli che devono essere deliberati non devono essere simbolici ma utilizzando un grosso macete. E soprattutto non dalla prossima legislatura ma da ieri come per noi avete applicato il ticket.

  21. Inutile chifarsi, si deve fare qualche cosa di concreto per mutare questa situazione.
    Non ci illudiamo di poterlo fare con qualche legge o decreto o referendum….ci vuole una mobilitazione generale che chieda l’azzeramento di tutti questi stipendi,indennità che poi si trasformano in vitalizi.
    E’ necessario resettare i sistema…..

    P.s.
    Non dimentichiamo che questo “personaggino” nel 1992, DERUBO’ a noi tutti il 6 per mille dei ns. risparmi e che tutt’ora “propone” soluzioni simili per abbattere il debito publico.

    VERGOGNA…. SCIACALLI

    • Sì, la misura è stracolma, ma posso assicurarti che non ci sarà nessun stravolgimento. Fintanto che la pancia sarà bella piena e non suonerò come un tamburo nessuno scenderà in piazza a rompere qualche cranio politico: loro questo lo sanno bene.

  22. Pingback: Adesso faremo i conti con la nuova Patrimoniale, alla faccia nostra! « 4realinf's Blog

  23. Mi piacerebbe sentire le parole di Bersani su questa faccenda, oppure quella di Tremonti o di altri illustri ladri che popolano quel nido di vipere che è il parlamento italiano.
    Un tenpo si usava un sistema molto semplice: si scaraventavano dalle finestre i politici inutili e dannosi, oppure li si prendevano a calci nel culo buttandoli giù dalle scale.
    Allora, vogliamo dare dimostrazione che siamo i soliti vigliacchi pappa molle o accettiamo supinamente l’ennesima beffa?
    Per di più, oltre al bellissimo pezzo di Giordano, è in arrivo per chi ancora non lo sapesse la famigerata patrimoniale…e con quella volenti o nolenti dovremo pagare tutti le cazzate fatte dalle banche, dalle assicurazioni, dai politici di adesso e di 10/20 anni fa e più. Loro non pagheranno mai, al contrario, continueranno ad avere emolumenti da favola e noi popolo infame pagheremo ancora.

  24. Il tempo delle parole è finito. 60 e rotti anni di ladrocini e crimini contro il Popolo italiano sono più che abbastanza. Votare non serve a nulla, parlarne non serve più a nulla…Crisi o non crisi economica, i politici e tutti i loro lacchè hanno sempre fatto e continueranno a fare i loro porci comodi! Rubano, uccidono le persone con il loro sistema, rendendoci impotenti economicamente e a livello legale. Non sono perseguibili a norma di legge, cambiano le regole a loro piacimento. Mi auguro di tutto cuore che, al di la dell’ideologia politica di ognuno di noi, ci si trovi presto tutti fuori dal parlamento pronti ad eliminare il cancro che ci affligge….tutti i politici!

  25. e’ possibile stabilire il costo per l’ IMPS delle pensioni “sanguisughe”che si sono accumulate negli anni ?
    Sarebbe utile anche in previsione di eventuali manovre di risanamento dell’ente previdenziale ( che almeno vengano bloccate visto che NON hanno una reale contribuzione ma sono pagate da chi i contributi li ha realmente versati )

  26. 1 LOTTO DI DATI INCREDIBILI -INDENNITA EUROPARLAMENTARE (ES.MASTELLA):
    l’indennità EUROparlamentare mensile dei deputati , al lordo delle imposte, ammonta a 7.956,87 EUR per il 2011 + Per il 2011 l’importo mensile dell’indennità per spese generali è fissato a 4 299 EUR +, l’importo di tale indennità VIAGGIO è fissato a un massimo di 4.243 EUR + il Parlamento versa un’indennità forfettaria di 304 EUR per ogni giorno di presenza alle riunioni ufficiali degli organi del Parlamento + Il Parlamento versa una somma di 152 EUR al giorno, a cui si aggiungono le spese di alloggio e di prima colazione.
    I deputati al Parlamento europeo possono scegliere il proprio personale nei limiti di bilancio fissati dall’istituzione (Nel 2011 l’importo mensile massimo disponibile per la copertura di tutti i costi citati ammonta a 21 209 EUR per eurodeputato).

    ALTRO CHE INDIGNATO!!!!!!!!!

  27. Trattamento Economico Deputati: ATTENZIONE ALLO SCANDALO!!!
    INDENNITA PARLAMENTARI:
    L’indennità è corrisposta per 12 mensilità. L’importo mensile è pari a 5.941,91 euro.
    Viene riconosciuta, a titolo di rimborso delle spese di soggiorno a Roma, sulla base della stessa legge n. 1261 del 1965. La diaria ammonta a 4.003,11 euro mensili.
    A titolo di rimborso forfetario per le spese inerenti al rapporto tra eletto ed elettori, al deputato è attribuita una somma mensile di 4.190 euro.
    n rimborso spese trimestrale pari a 3.323,70 euro, per il deputato che deve percorrere fino a 100 km.
    3.995,10 euro se la distanza da percorrere è superiore a 100 km.
    I deputati, qualora si rechino all’estero per ragioni di studio o connesse all’attività parlamentare, possono richiedere un rimborso per le spese sostenute entro un limite massimo annuo di 3.100,00 euro.
    I deputati dispongono di una somma annua di 3.098,74 euro per le spese telefoniche.

  28. Retribuzione SENATORE:
    L’indennità è corrisposta per 12 mensilità. L’importo mensile è pari a 5.941,91 euro
    La diaria ammonta a 4.003,11 euro mensili
    A titolo di rimborso forfettario per le spese sostenute per retribuire i propri collaboratori e per quelle necessarie a svolgere, anche nel collegio elettorale, il mandato parlamentare, al Senatore è attribuita una somma mensile di 4.678,36 euro.
    Per i trasferimenti dal luogo di residenza a Roma, è previsto un rimborso spese annuo pari a 13.293,60 euro, per il Senatore che deve percorrere fino a 100 km
    5.979,18 euro se la distanza da percorrere è superiore a 100 km.
    Per i Senatori residenti a Roma ed eletti in collegi del Comune di Roma, il rimborso è corrisposto nella misura di 6.646,80 euro.
    I Senatori dispongono di una somma annua di 4.150 euro.

    Anche qui no comment. IO SPENDO IO MIEI SOLDI PER IL TELEFONO, 150 EURO DI SPESE DI TRASPORTO OGNI MESE…HO 2 FIGLI, PAGO LA SCUOLA, PAGO TUTTO CON UN DECIMO DEL LORO STIPENDIO. E LORO….VANNO IN VACANZA!!!!!!!!!!!SONO STUFO!!!!

  29. Sono abominevoli. Vi consiglio di andare a vedere l’intervento dell’onorevole Borghesi (you-tube:”perché la camera non vuole eliminarei vitalizi”) è MITICO. Finalmente uno che ha avuto il coraggio di chiedere al parlamento quello che noi cittadini italiani vogliamo e scriviamo insieme al direttore Giordano. Cento, mille, diecimila BORGHESI.
    Il Fini invece (insieme al compagno di merenda Schifani), con una manovra da prestigiatore, ha tirato fuori dalla manica i principi dell’ordinamento, per neutralizzare l’iniziativa proposta dall’onorevole Borghesi. Come volevasi dimostrare: con una mano dichiarano e richiedono rigore e sobrietà e poi con l’altra si riprendono tutto…degli IPOCRITI collaudati.
    Deve essere chiaro che a noi cittadini contribuenti i vitalizi non piacciono e non li vogliamo. Le risorse che ieri, oggi e domani finiscono nel portafoglio di fini, di schifani e degli altri parlamentari tutti devono servire per ricomprarci i servizi pubblici che avete tolto per la vostra ingordigia, per la vostra avidità, per la vostra insaziabile fame di soldi e di bella vita. Berlusconi ha detto che devono “riflettere” sui tagli dei costi della politica, degli stipendi dei parlamentari, delle provincie, della auto blu. Devono “riflettere”, “riflettere” tanto, “riflettere” tantissimo…c’è bisogno di “riflettere”. Per il processo lungo sono bastate 24 ore. Questi continuano a prenderci in giro e a considerarci degli idioti. Vogliamo l’abolizione dei vitalizi anche di quelli degli ex parlamentari per ricalcolarli come per tutti gli italiani con gli stessi identici metodi di calcolo.
    Basta col VOI IN COSTUME e NOI IN MUTANDE.

  30. NON CI SALVIAMO + SE ANCHE FINI DICE (E’ PROPRIO VERO LA CASTA PER SOPRAVVIVERE SI CHIUDE SU SE STESSA SEMPRE DI PIU E CHI CHIEDE DEI CAMBIAMENTI VIENE ESPULSO):
    15:28 – Gianfranco Fini ha ritenuto inaccettabile l’odg che prefigura interventi per bloccare i vitalizi dei parlamentari perché “sarebbero in contrasto con i principi generali dell’ordinamento” per un vizio di forma. “La proposta per sopprimere i vitalizi in essere o a incidere negativamente sui trattamenti retributivi o pensionistici dei dipendenti con riferimento a quello in atto erogati è inammissibile”, ha affermato il presidente della Camera.
    Per questa ragione, ha spiegato Fini, non possono essere ammessi quegli odg al bilancio “volti a sopprimere i vitalizi” dei parlamentari già “in essere o a incidere negativamente sui trattamenti retributivi o pensionistici dei dipendenti con riferimento a quelli in atto erogati”.

    Infatti la Consulta stabilisce che non possono essere intaccati i diritti acquisiti, che sono “comprimibili in quanto tali solo per esigenze inderogabili e nel rispetto dei principi di ragionevolezze, proporzionalità e temporaneità” (è il caso del taglio del 5 e 10% disposto sui vitalizi di maggiore entità, in base alla manovra).

    Per il resto, sono ammissibili solo gli odg diretti a promuovere una riforma della disciplina con efficacia per il futuro. Inoltre, con particolare riferimento all’odg per l’abolizione dei vitalizi presentato dall’Idv, il presidente della Camera ha sottolineato che “sono da valutare ammissibili gli ordini del giorno che, vertendo su materie di competenza dell’Ufficio di presidenza e del Collegio dei questori, contengano, nel dispositivo, un invito a valutare o approfondire alcune questioni, senza dare indicazioni prescrittive o vincolanti”. Pertanto Fini ha invitato l’Idv a sostituire nel suo testo la formula “impegna” con quella “invita…a valutare/ad approfondire…”.

    “Ovviamente – ha puntualizzato Fini in conclusione – tutto ciò a prescindere da qualsiasi giudizio di merito, che potrà (e a mio avviso dovrà) essere valutato dalle forze politiche attraverso conseguenti iniziative legislative”. Del resto, è solo con legge che si puo’ ad esempio intervenire su una materia, come quella dell’indennità parlamentare, la cui disciplina è rimessa alla legge dalla Costituzion

    • Anche finiello ha assaporato la poltrona, sarà molto difficile che la mollerà. Si salva solo l’onorevole borghesi.VIVA L’ONOREVOLE BORGHESI.

  31. I PARASSITI DELLA CASTA SONO TUTTI UGUALI.
    MA QUALE LEGA, QUALE PD, FLI O PDL I POLITICI PENSANO SOLO AI LORO INTERESSI.
    MANDIAMOLI TUTTI A CASA !!!
    ALLE PROSSIME ELEZIONI IN MASSA NON ANDIAMO A VOTARE.
    DURA LEX, SED LEX.

  32. L’ultima arma di difesa che hanno , sono le cosidette frasi ad effetto DEMAGOGIA-POPULISMO…’embe’? allora con queste belle parole cercano di lavarsi l’anima per un’atteggiamento che sanno bene essere indecente ; secondo me hanno il tempo contato, sto molto tra la gente nei mercati, nelle piazze, nei luoghi pubblici in genere , grazie al web accessibile a tutti , sta nascendo una nuova consapevolezza trasversale , anche noi avremo molto a breve una sorta di primavera araba.

  33. Come mai, a parte l’on. Borghesi, nessun altro si è schierato a contrastare questi esosi privilegi della casta? Visto che, a sinistra, per ogni cosa che non va, danno la colpa a Berlusconi, perché Bersani e c. non scendono in piazza con i vari girotondini, per far eliminare questi sprechi? Solo così acquisterebbero quel minimo di credibilità di cui hanno bisogno.

    • Conosco la legge: è una vecchia proposta di Enrico Letta ora riportata alla luce dopo anni di silenzio. Va nella direzione giusta. La condivido

  34. Tra tutti non si salva nessuno ne fini, ne berlusconi, ne bossi..nessuno.
    E’ notizia di qualche minuto fa che Sacconi vuole fare un documento che riassuma cosa si può fare per rivolvere la crisi..tagliassero i loro costi, darebbero una forte mano a noi.

    Comunque Berlusconi, vive su un altro pianeta ed ecco cosa succede: IL PREMIER NON RESISTE: SFOGO SULLA GIUSTIZIA – Imbarazzo al vertice contro la crisi. Berlusconi, riferiscono alcuni partecipanti all’incontro, si è lasciato andare a uno sfogo di alcuni minuti sulla stato della giustizia, sulla Corte Costituzionale e su Magistratura democratica annunciando un provvedimento «contro le intercettazioni». La privacy, avrebbe detto Berluscioni, è il principale diritto di libertà»

    MI PERMETTO CHE IL PRINCIPALE DIRITTO E’ LAVORARE, VIVERE DEGNAMENTE E SOSTENERE LA PROPRIA FAMIGLIA.

    SEMPRE PEGGIO.

  35. Come dire -ogni giorno è utile per scoprire di più la monnezza che abbiamo e che avevamo in parlamento. E’ davvero urticante sapere che un certo Pecorano Scanio e altri, clamorosamente trombati nelle elezioni del 2008, godono di un vitalizio da sogno per noi comuni mortali: quasi seimila euro netti al mese per tutta la vita. SEIMILA EURO NETTI OGNI MESE. Questo individuo ha cominciato a godere di questo vitalizio quando aveva 48 anni (da quando è stato trombato ad oggi ha già messo nel suo portafoglio altri 220.000 euro netti). Mi rifiuto di fare il calcolo di quanto possa gonfiare il suo portafoglio fino a quando esalerà l’ultimo respiro. E’ CLAMOROSO come si possa permettere ancora questo abuso a lui e a tutta la cricca di ex parlamentari. Noi comuni mortali neanche con 50 anni di lacrime e sangue e neanche a 70 anni di età ci possiamo lontanamente avvicinare a somme del genere (per poi goderne per pochissimi anni). Per noi hanno già da tempo stabilito che le nostre pensioni devono essere calcolate con il metodo contributivo:uno scempio che riduce la nostra aspettativa di pensione a neanche mille euro al mese .Dobbiamo FERMARLI. Non dobbiamo permettere che questi sopprusi continuino. Vogliamo e dobbiamo chiedere l’abolizione del vitalizio di Pecoraro e di tutti gli altri per ricalcolarlo con il metodo contributivo e a partire da 65 anni con la restituzione di quanto hanno già maltolto. Si può e si deve consentire la applicazione della retroattività non solo agli italiani che non stanno in parlamento ma anche a tutte le enormi zozzerie che sono state tramate alle nostre spalle e con i nostri soldi. Ma ve li immaginate: noi a crepare per riuscire a sbarcare il lunario e queste sanguisughe abbronzati al mare a godersi un vitalizio letteralmente arraffato agli italiani. Ci costano 200 milioni di euro all’anno per tutta la loro vita e poi ancora con la reversibilità…una emorragia inarrestabile. Cosa se ne fottono loro se l’italia va in malora. Perché chi governa e ha governato pensa e ha pensato solo al proprio fottuto egoismo, tramutando il mandato elettorale alla lotteria di fine anno per godersi una bella vita alla faccia degli altri. Ecco cosa hanno fatto il Fini e lo Schifani: gli hanno protetti, impedendo una iniziativa che poteva stoppare definitivamente questo massacro economico tutto ilaliano. I vitalizi italiani, per entità, sono unici al mondo.

    • Concordo, e, quando vengono intervistati hanno tutti la faccia da culo senza una minima ombra di vergogna; e tutti noi se li incontriamo vogliamo stringergli la mano.

  36. Dimenticavo. Speriamo che l’onorevole BORGHESI non si sia arreso e che continui a sostenere la nostra battaglia, perchè noi sosterremo la sua…
    Grazie di cuore onorevole BORGHESI lei ha tutta la mia stima. So che avrà contro una montagna enorme e sarà ancora boicottato dalla CASTA, ma sappia che noi la sosterremo all’infinito.

  37. Beh, cara gente dei blog, come vedete la vera immondizia da togliere non è dalla periferia di Napoli ma in tutti gli uffici di potere di tutti i comuni, province, regioni italiane e sopratutto dal parlamento, ma da quanto mi risulta anche i dirigenti sindacali non brillano in questo senso

  38. Buongiorno a tutti,
    voglio ammettere la mia ignoranza: non conoscevo l’onorevole Antonio BORGHESI. Ho provveduto a delle ricerche e ho scoperto che ha anche un sito (antonioborghesi.it) e ho visto le sue battaglie. Praticamente abbiamo uno di noi in parlamento che sta lottanto da diverso tempo sui privilegi truffaldini della CASTA e che ha già provveduto con i fatti (non con le parole davanti alle telecamere) ma con i fatti a smuovere le coscienze dei parlamentari (sempre che ne abbiano una). La differenza rispetto alle altre illustri personalità, come il direttore Giordano, i giornalisti Rizzo e Stella, l’onorevole BORGHESI è tra gli scranni del parlamento e quindi è in primissima linea scagliandosi addosso il livore della pericolosissima CASTA. Dal suo sito si può anche scoprire l’infamia di chi non ha nessuna intenzione di togliere le unghie dai nostri corpi come Castagnetti Fini, Schifani, che nel momento in cui potevano muovere qualcosa, hanno stretto la presa sui loro insani egoismi e sulla loro insaziabile avidità. Tutti ignobili individui che non hanno la minima considerazione della volontà degli elettori e delle enormi difficoltà ad arrivare alla fine del mese. E’ insopportabile la distanza tra il loro tenore di vita e quello degli italiani.
    Onorevole BORGHESI non si arrenda.

  39. ragazzi…non avete il sospetto che data l’aria che tira i nostri politici non siano andati in ferie ma abbiano portato il loro privilegiatissimo fondoschiena in altri luoghi per essere al sicuro se le cose dovessero precipitare??? pensateci i topi abbandonano la nave quando si mette male e i nostri politici esperienza da ratti ne hanno da vendere

  40. non ho parole o solo 23 anni e mi vergogno di essere italiano,lavoro 10 ore al giorno per prendere 6oo euro al mese e non riesco nemmeno a mangiarmi una pizza il sabato con la mia ragazza..non capico perche nessuno fa niente paghiamo le tasse per far ingrassare quei luridi signori..vorrei tornare indietro 200 anni e fare una bella guerra civile, andrei a Roma e prenderei quei soggetti chiamati politici e ucciderli ad un ad uno..non si rendono conto del disagio che stano creando…Io prego tutti gli italiani SVEGLIAMOCIIIIIIIIIII ci stanno riducento alla fame per comprarsi ville auto e la cosa che schifo di piu al mondo si drogano addirittura con i nostri soldi..quelli che ci sudiamo giorno per giorno sotto il sole..SVEGLIAMOCI SVEGLIAMOCIIIIIIIIIIIII..al signor MARIO GIORNADO come bisogna reaggire difronte a sto schifo?

  41. da: Il Resto del Carlino del 5/8/2011
    Gli “eroi”della Camera hanno lavorato 1 giorno su 3 Per 2 anni in Senato, 2.000 euro al mese di pensione
    Bilancio di un anno di lavoro (lavoro?) di on: e sen. Necessari 452 giorni perchè un ddl diventi legge; 22 giorni per approvare la convenzione europea sugli animali. 8 settembre 2010: seduta di 10 minuti

    Roma, 5 agosto 2011 – Il record mondiale è stato stabilito l’8 settembre 2010: la Camera lavorò esattamente per 10 minuti: dalle 17.05 alle 17.15, poi la seduta vene aggiornata al 14 settembre.
    SENZA VERGOGNA – Adesso che, finalmente, i rappresentanti del popolo sono andati in ferie e ci resteranno per 32 giorni, può essere utile analizzare un anno di lavoro (lavoro?) di deputati e senatori per rendersi ulteriormente conto che questa casta non conosce né il pudore né la vergogna.
    UN GIORNO SU TRE – Alla Camera (147 sedute) hanno lavorato 1 giorno su 3 , al Senato (121 sedute) ancora meno. Il tempo medio di approvazione di un disegno di legge si è quadruplicato: occorrono 452 giorni prima che un provvedimento divenga operativo. Esclusi i decreti del governo, convertiti in legge, nel settembre 2010 sono diventati legge 2 provvedimenti di bilancio; in ottobre ancora 2; in novembre tre (trattati internazionali con Malawi, Slovenia e Bielorussia); in dicembre 5 e la Finanziaria. Nel 2011, il tracollo. Brillano, fra le sfolgoranti iniziative da ascrivere al lavorio dei parlamentari i quattro mesi trascorsi per individuare a Roma la sede dela Commissione generale per la pesca nel Mediterraneo.
    LA CODA DEL CANE – Per la ratifica della Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia il Parlamento ci ha messo 22 giorni: particlarmente estenuante il dibattito sul taglio della coda dei cani. Alla Camera sono ferme 3.590 propopste di legge, al Senato sono 2.145.
    1.061.479.554 EURO – Questo è quanto ci costa la Camera in uin anno. Per il Senato, invece, ogni anno dobbiamo pagare 545.142.912 euro. I vitalizi degli ex deputati comportano un salasso di 138.200.000 euro all’anno; gli ex senatori, invece, ci costano 81.250.000 euro all’anno.
    2.308 EX – Tanti sono i deputati e i senatori non più in carica che ogni mese incassano una cifra variabile fra i 1.700 e i 7.000 euro. Nell’elenco figurano nomi eccellenti: Alfonso Pecoraro Scanio, ex leader dei Verdi (5 legislature, prende 5.802 euro netti al mese da quando aveva 49 anni: oggi ne ha 52). Oliviero Diliberto, segretario del Pdci, 455 anni, con legislature intasca 5.303 euro netti al mese. Luciano Benetton, che in Senato ci è rimasto per 2 anni, percepisce 2.199 euro netti; la stessa cifra versata a Carlo Taormina.
    Secondo gli uffici della Camera, per legge un ex deputato non può rinunciare al vitalizio: al massimo può devolvere il compenso in beneficenza. Secondo Panorama, se lo stipendio di un deputato o di un senatore fosse direttamente proporzionale alle presenze in aula, il risparmio sarebbe spaventoso: 12,5 milioni di euro. Dall’inizio della sedicesima legislatura, ogni singoll deputato ha maturato 444.638 euro che corrispondono a 8.677 votazioni. l’on. Antonio Gaglione ( Pd) recordman di assentesimo (93%) avrebbe dovuto ricevere 31.124,66 euro; Niccolò Ghedini, avvocato del premier (76% delle assenze), 106.713 euro; Mirko Tremaglia, 86 anni (75% di assenze), 111.159,60 euro. Ma quando Calderoli e altri presentarono a Fini la proposta di agganciare lo stipendio alle presenze effettive, il presidente della Camera rispose sdegnato: “Non siamo qui a cottimo”. Non ci sono dubbi.

    senza parole

    • SUSY sei grande!!! Da quello che ho visto è stato ripreso dal “Resto del Carlino” del 5.8.2011. Credo che il giornalista, o chi per lui…, farebbe bene a fare di questo articolo dei manifesti e volantini per essere distibuiti in tutta italia perché non tutti comprano il giornale. Chi legge il giornale poi lo cestina, invece dei bei manifesti attaccati sui muri restano giorni e viene visto da tutti.!!!

  42. E pensare che ci sono ancora degli idioti che in campagna elettorale e alle manifestazioni sindacali stanno sotto il palco ad ascoltarli e a battere le mani. In merito agli sprechi del colle: per me il capo dello stato non serve a nulla. Se avesse veramente a cuore la sorte degli italiani non dovrebbe permettere questo scempio. Ma è uno di loro e non si può dare la zappa sui piedi. La cosa più deplorevole e che non perde occasione per invitare gli Italiani ad essere uniti. Si per pagargli lo stipendio e il vitalizio.

    • MA IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA NON SI PUO’CRITICARE IN QUANTO E’ INTOCCABILE .
      GLI ITALIANI PRENDANO ESEMPIO DAL SUO COMPORTAMENTO.
      E’STATO IL PRIMO A PARTIRE PER LA FERIE ( MA CON UNA CARTELLINA SUTTO IL BRACCIO) Il commento del giornalsta: MA CON IL PENSIERO A ROMA:
      CHI A PAGATO ANCORA UNA VOLTA QUESTO SPERPERO E NON MI RIFERISCO ALL’AL SOGGIORNO8se lo ah pagato’ MA HA TITTO QUELLO CHE SI E’ MESSO IN MOTO PER LA SUA SCORTA E QUANTO ALTRO SOLO DIO LA SA.
      MENTRE IN TUTTE LE CITTA MILIONI DI PERSONE ARRANCANO E LE VENGONO PIGNORATE LE CASE IN QUANTO HANNO PERSO IL LAVORO.
      QUESTO IL NOSTRO ILLUSTRE SIG,. PRESIDENTA DELLA REPUBBLICA DI LADRI

  43. ancora una volta il pessimo on.fini burocrate che usa il potere per se e lo usa in maniera arrogante e da perfetto incapace.I diritti acquisiti chi veramente lavora non li ha più mentre i mangia uffa se li tengono stretti.Se ne vada a montecarlo ma più al largo pssibile

  44. L’unico modo per cacciare questi signori è il voto,ma non nel modo che conosciamo.
    Siccome sono tutti uguali…o quasi l’unico modo e disertare le urne,siccccome traggono soistegno anche in base al numero di elettori chr li vota.

  45. Ma che cosa aspettiamo a farli fuori tutti??? Ci stanno derubando in continuazione da sempre e ora maggiormente! Chissà perchè quando sono all’opposizione hanno sempre le idee giuste poi quando sono al governo non ricordano più cosa devono fare per il popolo. E’ uno vero schifo vedere come ci hanno preso in giro raccontandoci che l’italia era in una situazione economica solida, che le nostre banche erano solide, che la crisi era finita, avevano detto che non avrebbero messo le mani in tasca agli italiani! invece continuano a rivistarci dentro! Facciamo qualcosa per estirpare questo cancro che ci sta divorando.Non è sufficiente non andare a votare (tanto ci sarà sempre qualcuno che lo farà, come c’è sempre qualcuno, sempre troppi, che crede a questi ciarlatani). Dobbiamo trovare il sistema per eliminarli tutti!

    • VEDI MIO PRECEDENTE COMMENTO.
      SONO PRONTO AD ANDARE IN AD ANDARE IN GALERA Ma PRIMA VORREI AVERE LA SODDISFAZIONE DI MASSACRARE UN
      PARLAMENTARE ( ladro divoratore di qualsiasi coso si muove a favore di un pensionato o lavoratore).

  46. la cosa migliore sarebbe di dare ai nostri politici, tutti, il compenso standard quando lavorano, cie quando ricoprono un incarico, dico un incarico per volta, quando non lavorano, cioe quando non hanno piu un incarico niente stipendio, come i comuni mortali, cge quando vengono licenziati si devono cercare un altro lavoro. ma ormai e troppo tardi, l’unica cosa da fare e fagli pagare tutti i debiti e poi cacciarli via, se hanno raggiunto l’età e se hanno pagato i contributi con una pensione normale da comune mortale. cosa se ne fanno di tutti quei soldi, sono nostri, sottratti a noi con l’inganno sotto forma di tasse per sanare il debito pubblico mai sanato, quindi ora che se lo paghino, altrimenti gli italiano, speriamo, si incazzano di brutto, non so come ma speriamo bene ciao a tutti a quelli come me che hanno sempre pagato per il rispetto di tutti

  47. Sono un fisioterapista, lavoro che non sente crisi, ma a fine anno saro’ costretto a chiudere Partita IVA che ho aperto nel ’98. Usufruivo del regime dei minimi che andra’ a farsi benedire con l’ultima manovra. Il mio commercialista ha valutato che non mi conviene piu’. La messa in regola mi consentirebbe circa 1200 euro per 8 otto ore di lavoro ma io ne faccio 6 attualmente il che significa poco meno di 1000. Tolte le spese di casa, vivo solo con il mio cane, mangiare mi restano netti al mese circa 80 euro, e che bellezza. Ho 43 anni ho il secondo tempo da giocare e ho pensato di giocarmelo cosi’: 1. chiudo partita iva, unico modo legale per non dar piu’ da mangiare a ste sanguisughe. 2. Espatrio in Costa Rica, almeno non devo fare il còlandestino nel mio paese. 3. vivro’ come me pare e salutatemi la casta 🙂 PS ripeto ho un lavoro che non soffre crisi ma sulla ruota del criceto per sopravvivere non ci voglio piu’ stare.

    • ho 74 anni. sonopronto a seguire quelle persone disponibili a prendersi l’impegno di portarci a Roma
      muniti di manganelli di legno e iniziare a massacre
      questi ingordi e famelici , divoratori, di tutte le poche nostre risorse e vederci morire lentamente per mancanza di assistenza e nel loro pensiero felici che la loro mogli? o amanti ( il numero lo aggiungano loro) sono a spassarsela in luoghi di villeggiatura a 5 stelle super , con i loro secondi amanti .UCCIDIAMONE UNA CINQUANTINA FORSE GLI ALTRI TENTERANNO DI RAVVEDERSI

  48. ho 57 anni ,hanno fatto le ville anche ai loro cani ,che stupidi destra sinistra…..non andiamo piu’ a votare sono dei miserabili delinquenti e ladri che non esitano ad uccidere-strage di bologna, banca ambrosiana, treno italicus,brigate rosse,ecc.

  49. credo che i nostri politici e tutto il loro seguito siano un branco di avvoltoi che pianopiano sbraneranno tutte le risorse disponibili. pagare le tasse a questa banda di delinquenti, ladri, mafiosi , incapaci è assurdo. Dobbiamo cacciarli via tutti e ricominciare .

  50. Pingback: Le baby pensioni e i “volpigatti” | dettagliTV

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *