Che beffa, che beffa, che beffa. Ma noi non molliamo

Lo confesso: sono rimasto molto deluso. Avevo  sperato fino all’ultimo che nella manovra entrasse una “tassa sulle sanguisughe”, come vi ho raccontato il documento era stato preparato fin nei minimi dettagli. Ma all’ultimo si è deciso di farlo saltare. E di far pagare, ancora una volta, solo i pensionati normali, cioè  quelli che prendono 1400 euro al mese, dopo aver lavorato una vita, e che i privilegi non sanno dove stanno di casa.

  Sarà anche, come sostiene qualcuno, un intervento limitato, sarà solo un blocco alla crescita autmatica e non un taglio dell’assegno Inps, ma resta il fatto che le uniche misure che riguardano la previdenza vanno a colpire i cittadini comuni, mentre i Paperoni previdenziali, i privilegiati da 90mila euro al mese se la spassano felici. E magari ridono alle spalle di tutti gli altri. Dov’è finito l’intervento sulle indennità degli ex parlamentari? Dove è finito l’intervento sulle indennità degli ex consiglieri regionali? Dove è finito il contributo di solidarietà sulle pensioni oltre i 10mila euro al mese?

Ve lo confesso: sono deluso. C’era la possibilità di dare un segnale diverso, si è scelto di non farlo. Ma questo, se possibile, mi conferma ancora di più nella convinzione che la lotta contro i privilegi previdenziali è giusta. E doverosa. Che non si può mollare. L’amarezza è tanta, cari amici, ma non ci si può rassegnare. Statemi vicino e avanti tutta contro le sanguisughe! (In questi giorni per esempio molti consigli regionali stanno affrontando il tema dei vitalizi… Potremo scoprirne delle belle….)

Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Facebook0Email this to someonePrint this page

137 risposte a “Che beffa, che beffa, che beffa. Ma noi non molliamo

  1. Purtroppo quando devono tagliare per loro ci pensano in modo molto oculato, lotta all’evasione e taglio della spesa pubblica non sono argomenti appetibili, comunque non bisogna mai mollare e fare sentire sempre la nostra voce di protesta.

  2. Caro amico ho sperato anch’io …sono delle sanguisughe è come tali si comportano.Ma non molliamo…siamo sempre con te.

  3. In questo Paese non c’è vergogna, dovremmo essere anche noi “indignados” come gli spagnoli e invece la maggioranza di noi sono solo rasseganti ad uno status quo che sembra impossibile da cambiare. Io nel mio piccolo condivido la notizia, sperando che se ne parli.

  4. Quello italiano è un popolo rassegnato e fatalista, incapace di indignarsi se non per le banalità. Altro che rivoluzione liberale, una nazione che non ha conosciuto neanche una vera ribellione, magari senza spargimento di sangue, è destinata a subire. Figli del Gattopardo, non ci scandalizziamo di niente, nè delle pensioni d’oro, nè dei 25 miliardi l’anno dei costi della democrazia. Ho letto il suo articolo di oggi sul Giornale ma ho letto anche Feltri: che saranno mai 5 euro di mancato aumento su una pensione di 1500? Non ha capito un c…o e mi dispiace.

  5. Silvia e Camilla,non è impossibile cambiare,io penso che si possa.Da un po di tempo sto osservando quello che dice il Movimento 5 stelle,sono andato a vedere cosa propongono nel loro programma elettorale, fate come me andate a leggere sul loro sito il programma e poi vedrete che se avete ancora un po di speranza di cambiare il nostro paese, forse crescerà un pò.

  6. quando c’è da prendere soldi si và sempre a pescare tra i poveracci, in italia sta letteralmente scomparendo la classe media, poveri sempre più poveri e ricchi sempre più ricchi…..avanti cosi!!!

  7. Io sono non solo “indignados”, ma anche molto infervorato ed inca§§ato; basta di tutti questi “magna pa’ a tradimento”. Non mollare Mario Giordano; siamo in tanti, anzi tantissimi con te.

  8. intanto coaro Giordano,lei non molli che c’è bisogno di persone che parlino e ci tengano informati. Ma perchè non scendiamo in piazza come in Spagna? siamo tutti rincoglioniti??io sono “indignatas” e “incacchiatas”!

  9. Purtroppo, noi italiani abbiamo ancora la pancia troppo piena. In generale, perchè le eccezioni ci sono, tante, ma non abbastanza. Dico purtroppo perchè credo che questo contribuisca, oltre al fatto che siamo un popolo che si sente suddito, senza spina dorsale, al fatto che nulla potrà cambiare. Credo che l’unico modo perchè le cose possano cambiare, visto che non penso che una persona onesta decida di fare il politico, sia che noi ci impoveriremo a tal punto che la fame porterà alla protesta e ad un rovesciamento, necessariamente violento, della situazione attuale. Tutti quelli che fanno politica oggi, dai partiti ai sindacati alle istituzioni, in primis la presidenza della repubblica, sono colpevoli di questo immobilismo. Non so quanti anni mancheranno, ma prima o poi qualcuno prenderà in mano un bastone, poi una pistola, un fucile ed allora tutto cambierà. Per un po’…

  10. Mi piace sentire che tutti sono indignati di qua e preoccupati di la, dopo fanno la fila alle urne ad eleggere questo o quel vecchio che sta li da 50 anni……il problema siamo noi che siamo troppo poco informati e chiusi nel ns. piccolo mondo…..basterebbe andare un po all’estero, ma non nei villaggi, a parlare con la gente e allora si che ci si sveglierebbe un po ….forza Italia

  11. indignata è poco sono disgustata da questo rubare nelle tasche di chi come me ha lavorato 40 anni sgobbando da mattina e sera oltre ad essere moglie e madre mentre i signori se la godevano. Vergognatevi!!!!

  12. Solo due conti

    Camera+senato+consiglieri regionali = 3145 OMINI.
    Costo annuo complessivo al lordo circa 530 milioni di eurini.
    Se dividiamo a meta il numero degli OMINI e riduciamo di un misero 20-30% gli stipendi : TOTALE RISPARMIO 300 MILIONI DI EURINI.
    Alla prossima parleremo di segretari personali portaborse parlamento europeo etc…

  13. Caro Direttore seguo costantemente tutti gli articoli che lei ha pubblicato in questi mesi. E’ la prima volta che le scrivo, poiché sento il bisogno di segnalarle l’ennesima “truffa” che gli enti pubblici organizzano nei confronti dei comuni lavoratori. Si lotta per far si che queste pensioni d’oro diminuiscano, e nel mentre la politica della regione sicilia sulle buone uscite per direttori,dirigenti e funzionari attua in appena 10 anni incrementi da un minimo del 50 percento fino al 225. In cifre i direttori passano dai 129mila euro del 2001 ai 420mila euro oggi. Cifre pubblicate oggi da un quotidiano nazionale.
    Stiamo parlando di una regione che certamente non è cresciuta, quindi questi continui premi per quali meriti di gestione vengono conferiti?Questi ricevono tale buona uscita anche se hanno mantenuto quegli incarichi per pochi mesi. E da chi vengono finanziati questi assegni?Sempre dai semplici lavoratori, che lottano ogni giorno contro le carenti infrastrutture regionali, contro una burocrazia che strangola la libera imprenditorialità.
    Mentre si lotta contro le maxi pensioni, questi servitori della repubblica percorrono le vie più fantasiose per raggirare il popolo. Buona giornata

  14. Che beffa, che beffa, che beffa.
    E’ una vergogna che i “privilegiati” ne escano bellamente esclusi da qualsivoglia
    provvedimento a loro carico in questa manovra!! Non sono delusa ma delusissima!!!

  15. Gent. Direttore, comprendo pienamente la sua delusione ma perseveri, la pazienza è la virtu’ dei forti e dei giusti a detta di Papa Giovanni XXIII. Nel mio piccolo Le sono vicino cercando di Svegliare gli animi di colleghi e conoscenti, rassegnati a questa vergogna del Paese! Gli stranieri mi dicono che noi italiani nn abbiamo forte lo spirito patriottico tipico dei francesi e tanti, per questo emigrano in Francia, etc. Se non fermiamo questi sporchi e vergognosi Paperoni, in ITALIA ci sarà una guerra civile tra poveri perchè i Paperoni si rifugeranno nei loro PARADISI FISCALI e sarà allora che il popolo si sveglierà, per cui bisogna prevenire e affrontare uniti, anche raccogliendo firme e consensi

  16. Caro Direttore, con la manovra sulle pensioni il ministro Tremonti mi ha profondamente deluso.Parla bene ma poi a pagare sono sempre gli stessi. E non i ricchi.

  17. Ciao Mario,
    sono Roberto Marmo, Tuo concittadino canellese, da un mese e mezzo circa in Parlamento per il PDL, condivido questa battaglia contro gli sprechi e i privilegi.
    Farò del mio meglio, anche grazie al Tuo aiuto, per eliminare quanto più possibile ……Le….Sanguisughe….
    Ciao a Presto.

    • Grazie Roberto. Conosco da vicino il tuo impegno e la tua passione vera, non perderti anche tu fra i velluti romani… Tieni saldo il contatto con la tua terra, con la tua gente. E avanti tutta contro le sanguisughe…

    • ROBERTO MARMO,
      chiedo scusa ma ho abolito l’appellativo di “Onorevole”, perchè perso che prima bisogna guadagnarselo.
      Sono lieta di sapere che lei sostituisce l’alessandrino MARCO BOTTA che ha dimostrato grande sensibilità per la causa del nostro comitato (CoDiPeR), a differenza di tanti politici da me interpellati.
      Penso che si potrebbe chiedere, in primis, al Parlamento di abolire due leggi vessatorie:
      1) la legge Mosca
      2) la legge che regola le pensioni dei parlamentari, che non devono assolutamente esserre a carico dei cittadini.
      Ammesso che il prossimo autunno riuscissimo a mobilitare un numero considerevole di cittadini, decisi a manifestare davanti al Parlamento per abolire le leggi suddette, possiamo contare sul suo appoggio e quello di Mario GIORDANO?

  18. Egregio Direttore, fosse la prima di beffa…ormai sono anni che si parla si parla e niente cambia…perché non porta queste ” sanguisughe ” in TV…Li metta a confronto con il popolo…Secondo me si devono confrontare di piu`con il popolo, ricevere e rispondere in diretta alle domande…una la farei io: perché loro devono guadagnare cosi tanti soldi, qual`é l`esatto motivo ??? Ok; ” lavorano ” per migliorare l`Italia… ma allora perché questo non succede…di solito chi lavora male viene licenziato…non gli si aumenta lo stipendio…Caro Direttore l`ammiro per il suo coraggio…ma vada piu`affondo…”se possibile”,se no son certo, come al solito, son solo parole ma niente cambierà mai!!!

  19. è inutile parlare, tanto non ascoltano, occorre che attraverso una raccolta firme si faccia un referendum e,che il risultato dello stesso venga applicato, altrimenti signori miei è rivolta popolare, perchè allor quando il padre di famiglia non può più mettere davanti al figlio un piatto di minestra non gli resta altro da fare. in questi casi e per queste cose dove stanno i banchetti di cui tanto si riempiono la bocca i partiti? bene, facciamo un partito per la difesa dei cittadini e dei pensionati ma, che sia duro serio e battagliero, io sono pronto,uniamoci.

  20. Caro Direttore come ti ho scritto su facebook noi ci siamo, bisogna far conoscere il più possibile questi privilegi abominevoli.
    Sicuramente quelli da 90.000 euro al mese se la stanno ridendo alle nostre spalle…..

  21. E pensare che avevo fiducia in questo governo!!! Ma tremonti e c. sono peggio del vampiro Visco e tartassano ancora di più i cittadini più deboli. Ma prima o poi dovranno pur venire le nuove elezioni ed allora state sicuri che ne il cav. nè alcuno del suo giro si salveranno da tutti gli indignati che hanno creato

    • Verrebbe da dire ben ti sta se non fosse che le tue illusioni pesano anche sulla mia vita.
      Il tuo governo si rimangia tutto quello che dispiace alla maggioranza dei suoi elettori(esempio Tassa sui SUV ritirata)

  22. Egregio direttore Mario Giordano
    NON MOLLARE.
    Io sono con Te. Anch’io ho lavorato una vita ed ho una normale pensione medio bassa.
    Tremonti è uno spergiuro ( ha sentenziato:non metteremo le mani nelle tasche degli Italiani) ed oggi invece in un momento di estrema difficoltà economica sta facendo una Finanziaria come la “raccolta delle noccioline di Fra’ Galdino nei Promessi Sposi” e sta applicando, nel contempo la “legge di Robin Hood alla rovescia.
    Ora che il governo dovrebbe colpire le sanguisughe come promesso non lo fa (perche?? … Lui lo sa e non vuole dirlo) ma preferisce tassare quelli che possono solo protestare.
    Soprattutto il Governo dovrebbe immediatamente ( e non innescare una “bomba ad orologeria che scoppierà, se ci arriviamo nel 2013) trovare delle risorse per dare una “spinta all’economia” risorse che dovrebbero provenire, da:
    1) una drastica riduzione dei costi della politica che sono a livelli indecenti. Noi paghiamo costi della politica che sono il triplo di quelli di altri Stati dell’UE e non solo;
    2) riduzione drastica delle “missioni di pace” ,che per gli altri sono guerra, e che ci stanno sottraendo notevoli risorse economiche solamente per “salvare la faccia”.

    3) eliminazione immediata di privilegi assurdi che hanno lo stesso impatto delle pensioni delle sangiusughe;
    4) drastica riduzione della auto blu’ a tutti i livelli (Stato, Regioni, Province Comuni);
    5) recupero della evasione fiscale con la messa a punto di meccanismi di accertamento del reddito diverso da quello della dichiarazione dei redditi;
    5)per quanto in Suo potere,immediato rientro dei capitali dalla Svizzera sotratti all’erario che sono intestati prevalentemente alla categoria lavorativa “delle casalinghe” (almeno da una lista che è comparsa sulla carta stampata qualche mese fa)applicando non il 10% di tasse ma una tassazione almeno del 50% che è quella che avrebbero pagato se i capitali fossero rimasti in Italia;

    Se facesse metà di questo avrebbe risorse sufficienti per far ripartire l’Italia che sta andando alla deriva.
    Putroppo la verità (questa è una mia opinione) è che il Governo non vuole andare a muovere “vespai” rischiando che da una “punta” salti fuori un “iceberg” incontrollabile ma vuole solamente cercare di vivacchiare fino alle prossime elezioni. Io pero ritengo che a quella data, se ci arrivermo, saremmo gia’diventati la Grecia 2.

    • Lorenzo sono daccordo con te su tutte le proposte, ne aggiungerei delle altre importanti tipo:

      1) Risolvere il caro Benzina , nel 1992 il Diesel costava 1200 Lire oggi 1,4 Euro (2800 Lire) più del doppio, mentre per comprare una macchina “normale” si devono spendere almeno 20 mila euro…40 milioni delle vecchie Lire…(L’Italia si “muove” su strada e di conseguenza aumentano i costi di tutti i prodotti), e non diano la colpa al prezzo del Barile.
      2) Premesso che si dovrebbero abbassare fortemente le tasse a tutti in modo tale che tutti paghino di meno e di conseguenza abbiano la possibilità di spendere in altri beni quei soldi… bisognerebbe risolvere l’evasione fiscale dei dentisti e non solo, facendo pagare la prestazione in anticipo con una sorta di Tiket allo sportello come si fa per le analisi, con carta di credito o/e tessera sanitaria.
      3)Stesso discorso naturalmente per esempio per chi effettua lavori di altro genere e che evade le tasse (idraulici,elettricisti,etc.etc) con pagamenti anticipati anche presso gli sportelli tecnici dei comuni…e con controlli a tappeto da parte della Guardia di Finanza.

  23. caro direttore,ho sempre pensato fino a qualche giorno fà,che questo governo fosse diverso dai precedenti,avevo molta fiducia,berlusconi ha sempre detto che non metteva le mani in tasca ai cittadini,ma con questa manovra sono rimasto molto deluso,non capisco perchè deve far pagare solo alla povera gente e pensionati da 1400 euro lordi senza toccare i ricchi,se si andasse a votare non saprei più a chi devo dare il voto, ormai mi hanno deluso tutti,proverò con grillo,ma ho poca fiducia.

  24. Ma, sa, non è che la conservazione delle sanguisughe, a livello macroenomico, min interessi più di tanto. Certo, intervenire lì come anche sui prilegi della “casta” avrebbe un notevole “significato morale”, ma non mi stupisce affatto che questo governo, con il beneplacito più o meno palese o “sofferto” di parte dell’opposizione, non intervenga: sono situazioni ormai “sedimentate”, come i gusci dei fonfali marini emersi che poi diventano roccia e marmo.
    Quello che mi dà più fastidio è che non si intervenga sui grandi fattori di spesa, eliminando quelle davvero enormi: il Ponte sullo Stretto, l’esercito (a che ci serve?), le missioni parabelliche all’estero e probabilmente la stessa TAV. Se siamo “poveri”, rendiamocene conto e tagliamo le “grandi spese inutili”! Esattamente come si farebbe in una famiglia ben amministrata.

  25. a morteeeeee ‘sta volte è come peggio delle brioches di maria antonietta!! l’ho sempre detto berlusconi maledettoooooooo

  26. oltre al taglio delle pensioni d’oro avrebbero dovuto fare anche un condono edilizio per le piccole costruzioni per chi non puo permettersi l’acquisto di una abitazione e dispone pero’ di un terreno di proprietas’ che non ha vincoli urbanistici.So che molti la pensano diversamente e che non e’ giusto che tanti speculatori la facciano franca.Ma la situazione e’ diventata insostenibile per chi vuole costruire una abitazione ad uso personale e nonstante i requisiti debba aspettare anni e anni per avere una licenza edilizia.Se ci fosse una legge che punisce gli amministratori locali che bloccano la crescita e lo sviluppo economico non avremmo bisogno di manovre finanziarie improduttive e scorasggianti.L’EDILIZIA E’L’UNICA IMPRESA CHE FA MUOVERE CENTINAIA DI ALTRE IMPRESE,LO VOLETE CAPIRE POLITICI IGNORANTI?

  27. Chi ha 90.000 € di pensione ha sicuramente anche guadagnato una montagna di € nella vita lavorativa. E’ semplicemente folle che l’inps versi questi assegni mensili. Si fanno tanti referendum stupidi,mi chiedo come mai nessuno ne tenti uno con questo argomento. Tremonti,che io stimo,non lo capisco in questa finanziaria. Probabilmente vogliono riconsegnare la nostra Italia ai comunisti. Me la vedo già con Pecoraro Scanio,Diliberto e altri sotto un bandierone rosso su cui spicca una falce e un martello. Ma forse è per rivalutare questi attrezzi che hanno fatto guadagnare il pane a generazioni di oneste persone (non quelle che li utilizzano per non lavorare)che si fanno queste operazioni.

  28. Caro direttore non fosse perche’ ho una bambina piccola me ne andrei gia’ dall’italia siamo un popolo di ignoranti compreso me.

  29. come temevo!alla fine la politica infame non si smentisce mai!a questo punto dico bravo a beppe grillo e hai manifestanti anti tav continuate la nostra guerra perche’ la guerra del popolo si sta avvicinando!e ancora chiedo ai politici occupanti di andarsene prima che si troveranno in scontri molto piu’ pesanti,il popolo ormai non ce la fa piu’ e voi politici via politico pappone perche’ ne rimarra’ solo uno a giudicarvi il popolo che chiede la nostra liberta’ di espressione!tutti verso montecitorio per cacciare il politico pappone e infame!!!!!

  30. caro politico alla fine di quest’anno sara’ la fine di questa politica corrotta e infame,e ora di finirla con le tasse sempre al cittadino e ora di tagliarvi fuori dalla politica e portatevi anche la poltrona che a noi non serve ma servira’ a voi con tanto di corrente elettrica per vedervi arrostire.tutti in marcia per roma ormai la politica non fa parte dell’italia onesta e che lavora!!!!!

  31. i polli pagano il bollo auto mentre la casta ingurgita liquidazioni faraoniche e assegni perpetui

    neanche un taglio simbolico del 10% 30% niente di niente

    e poi dicono che non siamo in dittatura

  32. Hanno perso l’occasione di dimostrare l’amore per il Paese rinunciando loro per primi ad alcuni (se non tutti) privilegi che pesano grav emente sull’economia dello Stato e li rendono CASTA INTOCCABILE. Come sempre chi paga e il comune cittadino….Voterò ancora per il centro destra? Mah non nè sono più così sicura

  33. potremmo anche scendere in piazza come hanno fatto in spagna (complimenti) ma non cambierebbe niente finchè non li sradichiamo da quella poltrona.
    direttore con le parole non si ottiene nulla

  34. Con questa manovra mi hanno veramente deluso. Sono stati toccati i soliti fessi, quelli che tiriamo la cinghia e paghiamo le tasse fino all’ultimo centesimo. Addio Centrodestra.

  35. sono veramente indignato non so cosa mi passa per la mente se continuare a essere una persona onesta o diventare un criminale come lo sono tutti e dico tutti i nostri politici

  36. delusione … profonda delusione … parlano di recupero di milioni di euro, togliendo (come al solito) poche centinaia di euro ai normali cittadini …
    se abolissero le loro di pensioni, recuperemmo almeno 10 volte talto … e’ un INSULTO a chi lavora ed è un cittadino onesto …
    ora BASTA!!! se passa anche questa, con la loro solita faccia da “….” che ti sprona a fare “sacrifici per il paese”, c’è una sola soluzione … RIVOLUZIONE!!! siamo STANCHI!!!

  37. Sarebbe possibile incontrarsi tutti in piazza Montecitorio per una civile manifestazione GIOVEDI 7 ALLE ORE 11? e/o anche SABATO PROSSIMO 9 LUGLIO? Poi ancora, ritornarci GIOVEDI 14 LUGLIO?
    Adesso c’è il governo Berlusconi, chiediamo a questo governo di modificare le leggi!

  38. Circa il sovvertire la Costituzione qualcuno fa finta di non sapere quello che è successo negli ultimi decenni e cioè che attacchi alla Costituzione sono stati portati avanti solo dalla sinistra e con successo finora. Faccio 3 esempi: 1) art.33, i privati possono istituire scuole senza oneri per lo Stato. Invece lo Stato foraggia la Scuola privata con l’accordo del Parlamento. Questo principio è stato disatteso da tutti i Capi di Stato succedutisi negli anni finora: dai primi “biancofiore” fino ai “rosso pomodoro” attuali. E poiché la legge, formulata dal Parlamento, è valida solo se il Presidente della Repubblica vi pone la firma, significa che finora tutti hanno convalidato questa legge anti-costituzionale! Questo sotto gli occhi della Corte Costituzionale sempre silente, non si è mai accorta (o ha fatto finta) dell’illegalità. 2) ai tempi del suo mandato l’On Scalfaro ha invalidato 3 Referendum popolari, promossi dai radicali: a) abolizione del Ministero dell’Agricoltura (poco male) – b) abolizione del finanziamento pubblico ai partiti (molto male) – c) responsabilità civile dei Magistrati (malissimo) . Lo sanno tutti che il Senatore Scalfaro è un rigido cattolico, osannato dalla sinistra, Scalfaro che intascava 100milioni di lire al mese, esentasse, dai servizi segreti per 58 mesi neanche il giudice Filippo Mancuso è riuscito a ottenere altro che il famoso: non ci stò . Davvero un bell’esempio di “legalità”! 3) art. 71 Il popolo esercita l’iniziativa delle leggi, mediante la proposta, da parte di almeno cinquantamila elettori, di un progetto redatto in articoli. Negli anni ’70 sono state raccolte a Trieste 65 mila firme per l’autonomia della della città e la zona franca integrale, e presentate all’allora Presidente Pertini. Secondo logica dovevano essere portate alle Camere per la discussione. Il Presidente Pertini invece le dimenticò nel cassetto e lasciò perdere! Pertini, il socialista più amato dagli italiani! Particolare non trascurabile: Pertini è quello che ha concesso onorificenze e pensioni d’oro ai partigiani slavi anti-italiani.

  39. Ragazzi è inutile che stiamo a commentare le notizie…dobbiamo agire…solo che nessuno vuole rinunciare anche a quel poco che ha…noi italiani siamo destinati a fallire…perchè nessuno ha il coraggio di rinunciare al suo piccolo pur di far valere la ragione…quando non avremo più nulla da mangiare sarà troppo tardi…se ci deve essere una rivoluzione bisogna farla ora…

  40. Che schifo! Ricordo ancora il cav. che diceva alla pensionata che da domani avrebbe preso 1000000 al mese ed ora si scopre che c’è gente che prende 19€ al mese! Purtroppo siamo un popolo di pecoroni egoisti e schiavisti discendenti dall’antica Roma dove i potenti usavano gli schiavi per i loro piaceri e dove quando gli schiavi arrivavano ad avere un minimo di potere si comportavano peggio di quelli di cui avevano preso il posto, inoltre ci manca completamente il senso della giustizia civile e le rarissime persone oneste che vanno al potere si adeguano alla disonestà generale,per questo sono molto pessimista su qualunque governo vada al potere. In non ricordo in quale stato scandinavo tutti vanno in pensione con gli stessi anni di lavoro e tutti prendono una pensione dove la differenza fra la più bassa e la più alta è di circa 2000€. Se in Italia si mettesse una pensione minima di 1000 ed una massima di 3000€ non solo ci sarebbe un grande risparmio dello stato ma si aumenterebbero i consumi con beneficio di tutti perchè non credo che chi prende 50000€ mensili li consumi tutti ma chi ne prende 1000 si.
    E comunque anche se si riducessero gli stipendi ci sarebbe qualche postilla per farli guadagnare di più. Il finanziamento ai partiti insegna. Chiudi una porta ed apri un portone.

  41. Perchè invece di parlare sempre non facciamo una bella rivoluzione??

    a questi signori non basta la protesta Virtuale ci vuole un bel randello nodoso per accerezzargli la testa
    Svegliaaaaaa

    • Completamente in accordo…ci vuole una RIVOLTA!!!!!!!! siamo stanchi di pagare per loro, gli ITALIANI DEVONO SVEGLIARSI, o dobbiamo prima arrivare alla situazione greca, o prima ancora a quella spagnola o argentina….

  42. La delusione non sta tanto in quello che hanno o non hanno fatto con questa manovra, ma nel vedere che fanno esattamente ciò che facevano gli altri, nella prima repubblica. Tanta gente aveva riposto fiducia nella volontà dichiarata di cambiare radicalmente alcune cose, non è cambiato niente.

  43. Dottor Giordano, se non scoppia una REVOLUTION staremo sempre qui a piangerci addosso. Ogni 20 anni referendum per nucleare, poi ce lo regaleranno senza proteste facendoci mancare energia ed invocarlo,sovvenzioni ai partiti? Vota no, ma poi lo hanno riavuto.Pensioni d’oro? SI, ma non ora, poi se ne riparlerà, mai. Un co…onnnensigliere regionale cattivo e mafiosetto ed incompetente, ora se la gode alla faccia nostra. Pensiamo sia il solo? Non sono della Falce e martello,ma una sciacciatina gliela darei.

  44. Caro Giordano ho ACQUISTATO il suo libro che ho letto con fervore..la notizia di oggi mi dà dispiacere, condividiamo anche questo con lei…che si senta deluso ci sta, succede anche a noi. Le conseguenze? si sono già viste a Milano..perderanno le elezioni..c’è un limite al prendere in giro..si vede che non gli interessa..i “giochi” che ci sono sembrano quelli della “spartizione” (un po’ voi un po’ noi). Per quanto riguarda il problema invece VOI dovete CAPIRE che noi SIAMO PRONTI..uno di voi che ci creda USI la RETE e ORGANIZZI..il nostro compito è lavorare, non fare casino ma se ci “organizzate” (referendum,manifestazioni di protesta, boicottaggi,sit-in etc.) poi SI FA..i politici approfittano finchè NOI PERMETTIAMO ma se un numero ALTO di persone protesta SANNO che devono INTERVENIRE dunque non sia sempre e solo la sinistra capace di “organizzare”..ci provi anche Lei sig. Giordano…informare è solo la prima tappa! 😉

  45. Ora viene fuori che se ci fosse l’allineamento con la media europea dei costi delle estorsioni…oops scusate delle retribuzioni dei politici, potrebbero addirittura aumentare…
    Ma chi l’ha detto che devono essere allineate alla media europea???. La ricetta è molto più semplice: un taglio netto minimo del 30-40 per cento sugli attuali costi delle camere parlamentari. Poi decidessero loro stessi cosa limare: lo stipendio oppure qualche priviligeio, o i vitalizi. Solo così si potrà evitare che ciò che si è tolto sulle retribuzioni possa farlo rientrare con qualche altra leggina come un altro costo che finirà sempre nei loro portafogli.

  46. ….a me son arrivate le cartelle esattoriali inps per gli anni 2005/2006. piccolo dettaglio, l’attività l’ho aperta nel maggio 2007! ah ah ah ah

  47. Il commento che ho già pubblicato in altra pagina, ci sta proprio bene anche qua.

    Jacopo,
    grazie anzitutto per i complimenti.
    Sono allo stesso tempo stupito e confortato dal fatto che alla tua giovane età sei già interessato alla politica: lo feci anch’io, nel mio piccolo, quando avevo vent’anni.
    Passando all’idea del referendum, la domanda sarà poi sempre la stessa che pongo a chi propone di mandare a casa tutti; già, e poi che faremo…?
    A tal proposito ho letto questo interessante post, scritto da uno qualunque come noi, sul come vorrebbe fosse fatta la politica. Al di là della bandiera politica sotto la quale è stato ripubblicato l’articolo, contiene alcuni spunti interessanti, che ti propongo di leggere.
    L’Antipolitica

  48. Purtroppo in questo paese di pagliacci che è ormai la nostra Italia, noi povera gente ci troviamo a mantenere anche una classe politica che spesso si candida in politica per raggiungere una tranquillità economica di tutto rispetto per poi ritrovarci con amministratori che sono abili a procurarsi i voti ma che come amministratori sono un flop o addirittura sono dei ladri!
    Questo avviene anche in politica a basso livello, tipo nei comuni, dove tanta gente, pur non avendone le capacità, si candida per poter interesse personale e per percepire un tot di soldi per la consiliatura.
    Per non parlare poi (ma qui esco fuori tema) dei candidati per interesse personale che si candidano per altri motivi (vedi qui candidati per interesse personale)

    Grazie Giordano per la tua battaglia contro queste sanguisughe! Continua così!

  49. Manifestazione, Manifestazione diamo voce alla nostra delusione.
    Tremonti ci hai tradito mi fidavo di te! Giordano come possiamo darci appuntamento in piazza? stabiliamo data è ora e ritroviamoci tutti, in silenzio, pacifici ma determinati con solo una richiesta “giustizia contro le sanguisughe e le ingiustizie!” ciao e complimenti. Non mollare!

    • Che grande delusione! Ho sempre votato centrodestra,speravo veramente in un grosso segnale di cambiamento e invece siamo alle solite,i sacrifici li devono fare solo i poveracci…E poi,perchè non si permette anche alle dipendenti della Pubblica Amministrazione di andare in pensione più tardi a partire dal 2020? Forse perchè noi dipendenti dello Stato dobbiamo pagare per tante nostre coetanee che è da quando erano trentenni e hanno avuto la possibilità di ritirarsi con 15 anni di servizio? Io questa possibilità non ce l’ho avuta e dovrò farmi,stando alle leggi odierne,tutti i 40 anni di servizio fino all’età di 65,con un lavoro che richiede un notevole dispendio di energia fisica,ma come ci arrivo,con il bastone o con la carrozzella? Oltretutto non penso che gli Enti Previdenziali,ci guadagnino,perchè quello che risparmiano in pensioni,dovranno spendere in malattia e invalidità…
      Giordano sei tutti noi,tieni duro nella tua lotta,non mollare!

      • Ah, dimenticavo un “piccolo particolare” e cioè che nella P.A. per qualche anno di aumenti non se ne parla! A dire il vero,mi sembra che sia da qualche anno che non se ne parla,io dopo 30 anni di lavoro,percepisco uno stipendio di 1200 circa,o meglio percepirei se non avessi anche impegni finanziari (ma questo è un altro fatto..)Con l’euro gli stipendi sono sempre gli stessi,il costo della vita è raddoppiato,non c’è pericolo che l’economia si risollevi se come me tantissimi altri italiani fanno fatica ad arrivare a fine mese e sono impossibilitati a spendere!

  50. LA RIFORMA DINI E’ STATA UNA PORCATA!!!

    Ha mantenuto tutti i diritti (privilegi?) per i padri e ha scaricato i debiti sui figli.

    La generazione che pagherà i debiti e i privilegi che questi signori hanno riservato alla loro generazione, era troppo giovane per capire che cosa stava succedendo.

    Facciamo qualcosa altrimenti saremo destinati ad un futuro di precariato per i giovani e povertà per gli anziani.

  51. Non è vero che è una misura temporanea: gli effetti penalizzanti sono permanenti.Il similare “contrib.di solidarietà” del 2008 comporta una perdita secca e duratura di 900 ca. x anno.Sarebbe diverso se fosse solo una sterilizzazione o congelamento. Perchè non innalzare le soglie minime di applicazione da 3-5 a 6-10? Sarebbe
    un minimo segnale di attenzione verso il ceto-medio.

  52. Non sento più lo slogan “non metteremo le mani nelle tasche degli italiani” – Eppure era efficace! – Così,
    per pochi spiccioli, il Cav. si è giocato il consenso
    del ceto-medio ! Complimenti vivissimi!Amato & Ciampi
    sentitamente ringraziano…..tanto le loro pensioni
    sono in un fortino.

  53. Caro Mario Giordano,
    durante un periodo di lavoro in Indonesia, sono ormai passati trenta anni,i locali si toglievano le sanguisughe dalla pelle facendo una forte pressione sulla testa delle stesse, o bruciandole con una sigaretta.(i fumatori naturalmente). che sia una idea per sbarazzarsi delle sanguisughe nostrane?

  54. MASSIMA DELUSIONE SIA PER LE PENSIONI D’ORO CHE DI FATTO NON SONO COLPITE ( UNA PENSIONE SOPRA 7.000/10.000,00 EURO AL MESE CREDO CHE SIA IMMORALE!!!!!!!!!!!!!) CHE L’ELIMINAZIONE DELLA TASSA SUI SUV CHE SONO INQUINANTI E PERICOLOSI (PER GLI ALTRI AUTOMOBILISTI). PERO’ SI AUMENTERA’ LA TASSA SUL DEPOSITO TITOLI DA CIRCA 39,00 EURO A 380,00 ANNUI (IL 1000% CIRCA !!!!!!!!!!!!) CHE COLPIRA’ IL PICCOLO RISPARMIATORE CHE DETIENE 50.000/60.000 PER AFFRONTARE GLI INCONVENIENTE DELLA VECCHIAIA ( CON PENSIONE DI 400,00 EURO) VERGOGNA!!!!!!!!!!!

  55. CARO DIRETTORE,

    SONO UN ELETTORE DI CENTRO DESTRA MA CREDO CHE QUESTA FINANZIARIA SIA UNA BUFFONATA.
    PER RAGGIUNGERE IL PAREGGIO CI MANCANO 100 MILIARDI E NON 47 INNANZITUTTO.
    LA VERA FINANZIARIA E’ DI 1,5 MILIARDI E NON 47, IL RESTO SONO PROMESSE CON SCADENZA 3 ANNI FATTE DA UN GOVERNO CHE TRA 3 ANNI MOLTO PROBABILMENTE SARA’ A CASA E GIUSTAMENTE CHI ARRIVERA’NON AVENDO VOTATO QUESTA FINANZIARIA NON LA ATTUERA’ GIUSTAMENTE, BENSI PRENDERANNO I PROVVEDIMENTI A LORO PIU’ CONSONI.
    MI CHIEDO PERCHE’NON ABOLISCONO LE PROVINCIE CON UN RISPARMIO DI 10 MIL MINIMO OLTRE A TUTTE LE DISFUNZIONI CHE LE PROVICNIE CAUSANO, SOLO PER FAR CONTENTI QUELLI DELLA LEGA CHE SONO DIVENTATI I NUOVI CRAXIANI IN QUANTO AD ATTACCAMENTO ALLE POLTRONE.
    CHE VERGOGNA
    MA E’ POSSIBILE CHE NON CI SIA NESSUNO DI ONESTO CHE PRESENTI UN REFERENDUM PER ABOLIRE LE PROVINCIE, LA CAMERA DEI DEPUTATI E LE CIRCOSCRIZIONI COMUNALI?
    CHE FACCIA PAGARE LE TASSE ALLE COOPERATIVE ROSSE E A TUTTE LE ASSOCIAZIONI TRUFFE

    DAVIDE

  56. Mi permetto di evidenziare l’ennesima rapina ai danni del lavoratore/risparmiatore : l’art. 23 della manovra prevede un aumento del bollo sul depositl titoli, dai 34.8 euro attuali si passa a 120 euro ora e a 150 euro nel 2013.
    Sempre nel 2013, per quei “ricconi” che hanno “accumulato” 50.000 euro sul deposito titoli il bollo passa a 380 euro !
    Quindi una persona che ha due conti, uno per il risparmio più tranquillo (Bot o btp) e ed uno per il trading si troverà a pagare da 300 a 760 euro solo per mantenere i depositi.
    Chi magari ha da una vita un deposito con i cadaveri della new-economy, che oggi valgono poco o niente, si troverà a pagare più di bollo che il valore reale delle azioni.
    Un bel regalo alle banche che, come sirene incantatrici, inventeranno qualche bella soluzione per raccogliere e “gestire” i soldi dell’ incauto pensionato che non avrà più alcun motivo di comprare titoli di Stato.
    E un bel autogol per lo Stato che non avrà più il popolo-bue a cui piazzare il proprio debito …

  57. Che dire…la solita presa in giro.attaccati alla poltrona i politici pensano alle loro tasche.e poi il cav rinvia tutto alla prossima legislatura per i tagli alla casta….e poi basta anche con 630 deputati e 300 senatori. Dimezziamo tutto ed eleggiamo noi i politici no che sia il partito.vecchio detto…a da torna’baffone

  58. Ancora una volta i nostri politici scaricano ,molto vilmente,i sacrifici sui poveracci che già faticano non poco a sopravvivere;non esistono politici con senso civico,siano essi di destra o di sinistra,si chiamino Di Pietro,Vendola, Tremonti ,Bossi o Berlusconi. Complimenti-Onorevoli-,un’altra occasione persa per passare alla storia con onore,e,un’altra occasione per meritarvi il disprezzo di coloro che dite di rappresentare!!!

  59. Non possiamo, anzi non dobbiamo più fidarci di questa gente che è in parlamento da decenni, come un certo ministro Rotondi, il quale appena si affronta l’argomento ‘tagli ai costi della politica’ si trincera immediatamente nella demagogia o anti politica pur di non dover mollare la presa e tenere stretto ciò che ha arraffato e continua a arraffare ogni mese. Non possiamo più permettere che la avidità di quasi duemila persone riduca tutti gli altri italiani, lentamente, alla miseria. Questi vecchi signori divorano la maggior parte delle risorse pubbliche e il futuro delle nuove generazioni. Questa gente deve essere immediatamente additata e riconosciuta solo come degli avidi arraffatori, opportunisti e egoisti. Non hanno mai pensato al bene comune ma solo ad appropriarsi quanto più possibile di denaro pubblico a scapito di tutti noi umili somari da mungere…

  60. Probabilmente due sberle non li hanno fatti rinsavire,a dirla tutta non hanno capito proprio nulla, aspetto con impazienza la terza.
    Saluti a tutti

  61. Non mi meraviglio nè mi scandalizzo!Ho 60 anni di cui 40 di fabbrica,lotte di classe,sindacato,partito e relative fregature.Ma dove volete che li prenda isoldi un qualsiasi governo?Dalle tasche dei ricchi,certo,sarebbe giusto ma poco produttivo poichè i ricchi sono (e restano,purtroppo) una minoranza.Meglio tartassare la moltitudine dei disgraziati a reddito fisso,ai quali è severamente impedita una qualsiasi scappatoia dalle tagliole del fisco.<l'alternativa?Non lo so più:Un tempo ho creduto nel socialismo (sic).
    Oggi non mi riesce di essere neppure anarchico.
    CHE DELUSIONE AMICI E COMPAGNI.

  62. Facciamo che tutto questo non cada, o si brighi perchè cada, nel dimenticatoio! Dovranno ben venire le elezioni, e a quel punto sapremo bene come comportarci!

    • Bruna…e dopo che, come suggerisci,”non lo facciamo CADERE NEL DIMENTICATOIO”? Voteresti centrosinistra per andare dalla padella alla brage? Tutti gli schieramenti sono uguali ( basta vedere come approvano all’unanimità i loro aumenti e come bocciano certe proposte a loro contrarie)…più vado avanti negli anni e più mi convinco che l’astensione dal voto è doverosa…almeno, così, non “firmo” nessuna delega a rappresentarmi!!

  63. Avete mai visto qualche tipo di governo che fa gli interessi del popolo? Diventano politici perchè gli fa comodo, così prendono un sacco di soldi, la pensione dopo pochi anni, una lauta rendita a vita,ecc.ecc.Non sono mica scemi!!!!
    E’ una vergogna, ma cosa devono fare con tutti questi soldi che guadagnano a discapito della povera gente che lavora una vita per mantenere questi eminenti personaggi che non fanno un tubo in tutta la loro vita!!!!
    Vergogatevi!!!
    Ma anche se leggono questi commenti sene fregano.

  64. il caro pappone del consiglio dei ministri con tutti i papponi della politica ha pensato in exstremis ad un’altra legge ad personam per il maxi risarcimento del lodo mondadori e bravi alla fine il cappio del popolo non potrete sfuggire prima o poi i nodi verranno al pettine cari papponi e dovrete solo emigrare all’estero per evitare la giustizia.ladri!!!!!!!!!!

  65. il ridicolo è che se tagli 1000 2000 euro al mese a questi faraoni secondo me neanche lo notano …con tutte le ricchezze che hanno accumulato figuriamoci se 1000 euro al mese gli cambiano la vita ma il fatto è che sono proprio ostinati vere sanguisughe c’ è poco da fare

  66. Sono un cittadino italiano non della repubblica delle banane come pensate voi governanti,con questa finanziaria continuano a pagare sempre i più deboli.

  67. in libia si ribellano,in iran si ribellano senza paura di morire,in turchia e altri paesi arabi,e noi non andiamo a prenderceli? tanto non ci sparano come in iran,e le forze dell’ordine e guardie del corpoavranno la peggio cercando di fermarci verso palazzo chigi…..FACCIAMO LA MARCIA SU ROMA E ANDIAMO A PRENDERCELI…….

  68. MARCIARE SU ROMA ANDIAMO A PRENDERCELI TUTTI…..RIVOLUZIONE….IMMAGINATE MILIONI DI ITALIANI CHE MARCIANO SU ROMA

  69. Io non mi lamento assolutamente.. quello che accade è ciò che ci meritiamo.. quelli al governo sono l’espressione dell’italiano medio.. nelle altre nazioni, la libertà e l’equità la si sente parte integrante delle nostre esistenze, l’italiano, ognuno per propria parte, da sempre è abituato alle agevolazioni ed ai favoritismi.. quindi ripeto.. di cosa vi lamentate? e quando asserisco questo non punto il dito direttamente contro chi legge, ma sulla MAGGIORANZA degli italiani, che ne determina da sempre la via da seguire..se volete cambiare le cose c’è solo un modo, già visto in altri stati: Rivoluzione! oppure cio’ che dite e che scrivete è aria fritta! i potenti se ne fregano altamente, alla fine, avendo il potere, fanno/faranno cio’ che vogliono..

  70. ci vuole una alternativa valida a questi politici , qui si fanno solo i loro interessi.
    e PAPA ? lo arrestano? ma no, arrestano i ladri di galline-

  71. Perche’ non si parla mai di quei tanti che come me percepiscono poco piu di 450,00 euro di pensione al mese? dove e’ finito il famoso milione al mese x tt?
    Avevo chiesto la rivalutazione a 516,..e me l’hanno negata xche’ ho fatto 3 fatture da 400,00 euro ognuna sforando cosi’ di un centinaio di euro gli 8.000,00 di reddito: secondo loro sono troppi 8.000,00 all’anno?
    Spero tanto che cambi qualcosa, ma credo che moriro’ sperando!
    Grz comunque x la sua battaglia.

  72. Massima delusione sia per quanto attiene alle PENSIONI D’ORO che di fatto non verranno colpite ( una oensione superiore ad euro 8.000/10.000 al mese credo che sia immorale), sia per l’eliminazione della tassa sui SUV che sono inquinanti e pericolosi per gli altri automobilisti ( una sovrattassa per le auto di potenza superiore ai 225 KW di fatto è una farsa!!!). Viene però aumentato il bollo su un deposito titoli da circa 35,00 euro fino a 380,00 euro all’anno ( più del 1.000% circa !!!!); tassa che colpisce iniquamente il piccolo risparmiator che detiene 50.000/70.000 euro risparmiati con una vita di sacrifici al fine di affrontare gli inconvenienti della vecchiaia (dato che con 400,00 euro di pensione si fa la fame). La manovra graverà sui piccoli e farà risparmiare i ricconi anche con le previste 3 aliquote IRE. Mi aspettavo qualcosa di più giusto ed equo.

  73. Racconto la mia storia, che ha del grottesco, rapportata alla volontà del governo di ridurre darsticamente le spese, tagliando le pensioni ….. ai poveri e quelle di invalidità, anche se bisogna riconoscere che abusi ne sono stati fatti.
    Sono rimasto, mio malgrado senza lavoro nel febbraio del 2007, allora avevo 58 anni, trovare lavoro a quell’età è utopia allo stato puro, compiuti i 60 nel 2009, avendo già una invalidità civile pari al 38% dal 1972 poi incrementata fino al 50% per la quale presenterò ricorso perchè non sono state valutute secondo le percentuale a me spettanti, ho iniziato un’altra pratica di pensionamento di vecchiaia anticipato come da legge V80, preparata tutta la documentazione medico legale occorrente, mi è stata respinta in prima istanza, ho presentato ricorso al comitato provinciale e pure in questa occasione mi è stato bocciato,presenterò ricorso giuduziale anche per questo, però nel frattempo io cosa faccio?, al momento io per lo stato italiano non esisto, quindi per me l’articolo 3 della costituzione Italiana non esiste, in ogni caso la mia battaglia non finisce quà, in autunno la porterò anche alla trasmissione “mi manada rai 3”, perchè è dimostrato che i politici TUTTI, faranno sempre leggi che non riguardano le loro tasche, sempre a discapito di fessi.

    • Antonio,
      ho letto la tua storia e forse 🙂 siamo coetanei. Io, a differenza tua, lo sono al 95%, e a me, per avere quello che tu reclami, mi ci son voluti sette anni di peripezie.

  74. ma non sarebbe ora di prendere qualcuno a calci nel sedere nel vero senso della parola?viviamo in uno stato dove, quando pensi che peggio non puo andare, ti sbagli,si peggiora sempre,e sempre sulla testa degli onesti lavoratori!!basta basta basta…e la lega…bossi ogni tanto farfuglia qualcosa di incomprensibile,ma tenendo il culo ben saldo sulla sua poltrona….vergognatevi.altro che sanguisughe,vermi nel vero senso della parola….

  75. I piccolissimi risparmiatori che hanno messo da parte qualcosa per gli imprevisti della vecchiaia in Italia sono tanti.
    Il progetto di Tremonti, oggi alla firma di Napolitano, tra le altre cose, prevede che invece di aumentare la tassazione sui rendimenti dei titoli dal 12,5% al 20%, aumenta l’imposta di bollo sui depositi titoli.
    Allora, facciamo due esempi pratici: prendiamo un pensionato che è riuscito a raggranellare 10.000 euro di risparmi e che la sua banca ha investito in titoli, ed il potente che invece ha 10.000.000 di euro investiti in titoli.
    Mediamente, il rendimento annuale di un deposito titoli è di circa il 4% (ma anche meno). Di conseguenza, il pensionato prende annualmente 400 euro lordi, ed il potente 400.000.
    Ambedue pagano allo Stato una ritenuta del 12,5%, cioè 50 euro per il pensionato e 50.000 per il potente. Ancora, attualmente, ambedue pagano una imposta di bollo annua sul deposito titoli pari a euro 34,20.
    Si parlava di aumentare la ritenuta al 20%, cioè 80 euro (invece di 50) per il pensionato e 80.000 (invece di 50.000) per il potente.
    E invece no. La ritenuta rimane al 12,5%, mentre l’imposta di bollo sale a 120 euro l’anno.
    Ciò significa che al pensionato, dei suoi 400 euro lordi di rendimento titoli rimarranno solo 230 euro (400 di dividendi lordi – 50 di ritenuta – 120 di imposta di bollo); al potente rimarranno invece 349.880 euro.
    Se invece di aumentare l’imposta di bollo, lasciandola a 34,20, Tremonti avesse aumentato la ritenuta, il pensionato avrebbe lasciato nelle casse dello Stato 80 euro invece di 50, risparmiandone però 85,80 di imposta di bollo; il potente, invece, con la ritenuta al 20% avrebbe lasciato nelle casse dello Stato 80.000 euro invece di 50.000.
    Così, la differenza dei 30.000 euro che il potente non versa è stata spalmata sui piccolissimi risparmiatori. Superfluo aggiungere che se il pensionato ha soltanto 5.000 euro di risparmi, ci rimette pure.
    E sarà un danno anche per le banche, perché i piccolissimi toglieranno i risparmi e se li metteranno sotto al materasso.
    Ennesima legge truffa, ma è così: la casta non si tocca.

  76. Egregio Direttore,
    vorrei portare alla Sua attenzione le tante persone che dai 56 ai 58 anni hanno perso il posto di lavoro (ovviamente parlo del settore privato, perchè quello pubblico sono privilegiati vengono assunti da altri Enti) e con tutte queste leggi che fanno sulle pensioni non si capisce quando riceveranno la pensione. Cosa fa il governo per queste persone? NIENTE!!! Come faranno a vivere? Non mi venissero a parlare degli ammortizzatori sociali, voglio vedere loro a vivere con 700 euro che passa l’inps con tutte le spese che si sopportano per mantenere una famiglia. A questo punto cosa sta a fare un Ente chiamato INPS? Il cittadino riceve la busta paga al lordo dei contributi e decide lui se farsela o non farsela la pensione e no che dopo aver versato contributi per 35 anni non avendo l’età non può ricevere la pensione senza dire che con i contributi dallo stesso versati in passato si sono pagati le rendite a persone che non hanno mai lavorato in vita loro, a ciechi che guidavano le macchine, a stroppiati che andavano a giocare al pallone ecc. Questa è giustizia? Grazie. Cordiali saluti.

  77. Io ho già espresso il mio parere in maniera categorica e ovviamente negativo “sulla manovra economica” che serve solo al Governo”per galleggiare” fino a fine legislatura.
    Sono però contento che finalmente il cittadino italiano “ha trovato il coraggio” di esprimere in maniera chiara le proprie posizioni che mi sembrano “vadano” nella stessa direzione:
    “Bisogna cambiare”
    “ilcittadino Italiano ha diritto ad un Governo “stabile” che abbia il coraggio di:
    1) tagliare da subito gli esuberanti costi delle politica;
    2) togliere tutti i privilegi assurdi esistenti;
    3)”eliminare” gli Enti inutili esistenti;
    4) stanare i veri evasori fiscali;
    5) dismettere ” da subito ” almeno metà della auto blù perchè la scelta di mantenerle tutte fino a rottamazione (un’auto se ben mantenuta può essere rottamata anche dopo 30 anni) porta ad un aggravio dei costi di manutenzione e quindi “aumenti e non tagli della spesa pubblica”

    Tutto questo ed altro che ho sicuramente dimenticato per acquisire risorse idonee, per dare, da subito, UNA SFERZATA ALL’ECONOMIA CHE LANGUE in maniera da dare soprattutto da dare “la possibilità” ai nostri figli di avere un futuro che, procedendo in questo sistema, non avranno mai.

    Mario non molleremo mai e vogliamo che il “nostro grido di allarme” diventi sempre più grande fino a far diventare sordi quelli che fanno finta di sentire.

    • Caro Lorenzo: Sagge parole al tuo commento.

      Al punto 6) ci metterei tutti quei personaggi cosid

      detti artisti. Artisti della

      televisione,presentatori,attori,cantanti,calciatori,piloti

      sportivi,auto e moto,pugili,ecc.ecc.Questisignori guadagnano

      milioni e milioni di euro.Ma di questi non ne parla mai

      nessuno? Mario

  78. Caaro Giordano,
    mi sembra una donchisciottesca battaglia contro i mulini a vento.Figurati se i bastardi che abbiamo mandato al potere si privano di qualcosa!!! Sarebbe come quel marito che per far dispetto alla moglie si taglia gli ammennicoli.
    Comunque tieni duro un salutone da Cordoba (ver-Mexico)

  79. Cara signora Bruna di qualche post sotto, lei dice che alle prossime elezioni sappiamo cosa fare? Beata lei che ha le idee così chiare, io oramai ho perso le mie speranze, se considera che ho poco più di 40 anni è atroce questa cosa. Li abbiamo provati a destra ed a sinistra e nessuno che abbia portato in fondo un qualcosa di buonsenso.

    Quello che mi auguro è una rivoluzione, ma tanto la farebbero persone altrettanto dotate di scarso buonsenso e si finirebbe dalla padella nella brace.

    C’è solo da sperare che noi, le persone perbene, esasperati da queste sanguisughe che ci hanno distrutto qualsiasi sogno, un giorno prendiamo ed assaltiamo le bastiglie. Ognuno nel proprio comune, nella propria provincia. Un giorno all’improvviso tutti assieme e li tiriamo via da quelle loro sedie. E ci riprendiamo la nostra vita.

    Per ciò che riguarda le pensioni sarebbe molto semplice, da domani regole uguali per tutti, vitalizio massimo di 1500 euro all’età della pensione, rivalutazione uguale per la pensione da 600 euro che per quella da 1500 euro.

    Quando la nostra vita lavorativa finisce si torna ad essere persone. Il Notaio, l’avvocato, il tappeziere od il contadino quando vanno in pensione tornano ad essere persone ed hanno stessi diritti e stessi doveri. E con una pensione massimadi 1500 euro possono vivere degnamente.

  80. Condivido in toto il commento di Lorenzo, quello dei 5 punti programmatici.
    In particolare condivido il punto n.1, quello degli esuberanti costi della politica.
    E’ mai possibile che si debbano mantenere così tanti politici, europarlamentari – senatori – senatori a vita – deputati – consiglieri regionali- consiglieri provinciali – consiglieri comunali – ecc.ecc.ecc.ecc., con tutti i loro annessi, connessi e riconnessi. E’ chiaro che in questo stato di cose non si verrà mai a capo di niente/niente!!

  81. Buongiorno Direttore,
    la verita’ e’ che il nostro sistema democratico fa acqua, credo che la colpa non sia neppure di tremonti o berlusconi ma e’ il sistema che obbliga i politici a fare clientelismo e populismo per comprarsi i voti e continuare ad avere potere.
    Piu’ soldi sperperano e piu’ voti prendono, piu’ rubano e piu’ soldi hanno per la pubblicita’ elettorale che andrebbe abolita.
    La campagna elettorale andrebbe fatto solo con contradditori nei quali i diversi esponenti esprimono le loro idee e si confrontano con gli oppositori, a cosa servono i cartelloni pubblicitari ? non bisogna mica votarli per la faccia che hanno.

    • Non concordo affatto con Davide perchè, non è il sistema democratico che fa acqua, ma la scomparsadi governare con i principi del “buon padre di famiglia”
      Io non faccio nomi ma in politica ci sono quelli che ci credono fino in fondo e chi si è messo in politica esclusivamente per interessi privati.
      Quindi mi pare che “fare di ogni erba un fscio” sia alquanto distorto.

  82. Dott.Giordano,
    ieri sera non son potuto venire a Lodi, e non è venuto neanche quel mio amico che abita da quelle parti. A quando una sua tappa a Monza, o Sesto San Giovanni, oppure a Desio, o Paderno Dugnano, o Cusano Milanino?
    A Monza e Sesto San Giovanni ci sono le rinomate librerie della famiglia Tarantola, discendenti di un famoso bancarellista pontremolese.
    Che belle epiche storie, quelle dei bancarellisti pontremolesi. Se potete leggetela, è molto, molto istruttiva!
    (cliccare qui per il Premio Bancarella 2011)

  83. Dobbiamo unire tutte le nostre forze e alzare la voce affinchè la manovra economica comprenda importanti tagli ai costi della politica, ma immediati (se non addirittura retroattivi) e non traslati alla prossima legislatura. Altrimenti rischiamo di consentire ai prossimi compagni di merenda di emendare tale manovra e dare un colpo di spugna a tali tagli e costringere molti italiani ancora alla miseria… ALZIAMO LA VOCE!
    Chi si dedica alla politica deve farlo per missione e non per arricchire se stesso e gonfiare il portafogli dei propri familiari per almeno tre generazioni.
    Sono dell’idea che non interessa se ridurranno il numero dei parlamentari, oppure a quali benefit dovranno rinunciare. A noi comuni mortali (per non continuare a essere somari da mungere) interessa un taglio netto e immediato del 30 40 percento delle infinite risorse economiche destinate quale costo di camera e senato. Solo così, ai nostri occhi, loro potranno ritrovare credibilità e lentamente la dignità ormai persa.

  84. Caro dr. Giordano, ho avuto il piacere di conoscerla in occasione della presentazione del suo libro “Sanguisughe” nel foyer della Banca Popolare di Lodi ieri 4 luglio 2011.
    Naturalmente è un piacere ascoltarla, oltre che leggerla, e devo riconoscere che sono stato rapito dai suoi argomenti, certo rapito ma assai scandalizzato, se parlare di scandalo è ancora attuale nell’Italia di oggi. Un’Italia di sprechi, di sozzure economiche, di assenza di risoluzione dei problemi che assillano i cittadini. Naturalmente saprà la traduzione in latino della parola ministro; vuol dire “servo”. I nostri ministri dovrebbero essere i servi dello stato, impegnati nel raggiungere e ben gestire il bene comune a vantaggio di tutti. Mi pare che da decenni invece essi siano servi di se stessi, del loro “essere per avere”, vivendo come in una bolla sospesa che non viene intaccata da influssi esterni e che vive, si sviluppa direi autonomamente arrichendosi sempre più di privilegi che solo lì esistono.
    Alcuni anni or sono ricordo che l’on. Segni ed altri avevano intrapreso una crociata contro gli sprechi e avevano pubblicato una lista di associazioni che vivevano soprattutto di contributi statali. Ebbene ricordo che c’era, e forse esiste ancora, un’associazione graziata economicamente intitolata pressapoco “Associazione delle novantenni vergini”, mi pare fosse siciliana. Pobabilmente la ricorderà insieme a tantissime altre analoghe associazioni sostenute da soldi nostri. Ebbene mi pare che la crociata sia svanita nel nulla. Questo è solo una granello sulla spiaggia degli sprechi che si aggiunge all’altra vasta spiaggia dei privilegi.
    Ben vengano libri e persone che divulgano simili situazioni perchè i sacrifici dovrebbero provenire come esempio proprio dai ministri/servi che sono persone che in fin dei conti ci rappresentano e alle quali abbiamo affidato un incarico certamente difficile ma nobile.
    Credo, caro Giordano, che solo una rivoluzione possa ribaltare l’Italia, che possa sanare le differenze socio economiche, che veramente avvicini maggiormente i cittadini alle responsabilità di stato affinchè ciascuno riconosca la propria e quella degli altri. Ed anche la Chiesa dovrebbe alzare la voce, e qui non dico altro.
    Mi piacerebbe tanto vedere i “fortunati” restituire il maltolto per anni usufruito, tutti ma proprio tutti. E mi piacerebbe che l’attività di amministratore dello stato fosse si pagata ma sentita più come un fatto di aiuto e buona gestione. Mi piacerebbe che tutto fosse per tutti anche con le dovute diversità ma nella normalità.
    La saluto cordialmente.

  85. Per favore,non commettiamo l’errore di scegliere i buoni fra i cattivi, o i capaci fra gl’incapaci. I politici italiani,tutti,sono delle sanguisughe. Non saranno i Grillo , Santoro, Di Pietro, Bossi, Fini, Casini, Rutelli , Bindi, Bersani e tanti altri buffoni a concretizzare un po’ di giustizia sociale. Il problema attuale è che a ciarlare son bravi tutti e i creduloni diminuiscono sempre di più. Con l’iniziativa di abolire totalmente le macchine blu , diminuire i parlamentari , i costi della politica e tassare le pensioni d’oro,si dava una piccola scossa morale, per iniziare un ciclo politico più credibile. Ciò non si è verificato ,il governo andrà avanti ancora per un po’,ma la delusione è tanta . Sono consapevole,però, che nel prossimo futuro ci saranno meno persone disposte a lavorare per le sanguisughe. Onorevole Bersani,quando verrà il suo turno ,di governare,avrà la forza di attuare la “piccola scossa”,o mi parlerà nuovamente del tesoretto?Deve sapere che, dall’ora,la pensione di un gentiluomo è aumentata di 16 euro.Forza Giordano!!!non sei solo.

    • Lei cita Bersani come futuro a governare; come ci si può fidare di un individuo che fino a ieri sponsorizzava la gestione dell’acqua ai privati e, in occasione del referendum, sponsorizzava i SI solo per danneggiare la controparte! Trattasi del solito opportunista con il sedere rivettato alla poltrona che si muove con il vento. E’ cmq drammatico che nell’attuale vivaio politico di Roma non esista neanche all’orizzonte la figura carismatica di un leader!

  86. Carissimo Giordano. La mia pensione ammonta a 500 euro: ho iniziato a lavorare a tredici anni anche all’estero. Preso il diploma lavorando, faccio il rappresentante di commercio,poi l’impiegato di banca ed al momento della pensione solo i contributi dell’istituto di credito sono buoni, mentre quelli dell’Enasarco non vengono accorpati perchè non raggiungono i quindici anni e vanno persi!I contributi esteri non mi vengono riconosciuti per la perdita di tracce documentali.Ora per poter vivere devo fare lavoretti di ogni genere, compreso scrivere romanzi delle mie avventure che nessuno legge. Secondo il mio parere per quanto riguarda le pensioni,servirebbe un tetto, tipo 4000 quattromila euro al mese e la differenza andrebbe a quelli che prendono il minimo: visto che se io posso vivere e comprare cibo solo per duecento euro al mese penso che altri non hanno il ventre da contenere cibo per novantamila euro!Ciao Giordano: comunque con la pancia vuota si vive bene lo stesso! Francesco.

  87. Che bello, che bello, che bello! NESSUNO MOLLA e il post diventa interessante.
    Sono la pensionata di Torino che ha pagato nel 1998 quasi 27 milioni di lire per ricevere una specie di pensione da 19 euro mensili, che per l’INPS sono troppi e devo restituirne 380.
    Già segnalato da Carmelo Sapienza e Susy e lo ricordo anche io:
    esiste un link per un referendum per togliere qualche privilegio alla casta, A me sembra fatto molto bene FIRNMATE, FIRMATE, FIRMATE.
    Non sarà risolutivo, ma si possono attuare altre iniziative. Un doveroso ringraziamento al comitato promotore

  88. Bravo Mario, incominciamo a chiamare questi egregi Signori con il loro vero nome….”SANGUISUGHE”. Chiamando le cose con il loro nome, apertamente e pubblicamente, c’è qualche speranza in più che in un futuro le cose possano migliorare. Degli smaccati privilegi, non dimentichiamocelo, in passato hanno sempre preparato delle sanguinose rivoluzioni. Possibile che la Storia passata non debba insegnarci mai nulla? Questi sono gli aspetti che (pur amando immensamente l’Italia) mi fanno vergognare di essere italiano. Povera Italia, divorata dalle “sanguisughe” e dai “furbi”. Mi rincresce che la Chiesa cattolica non prenda delle posizioni chiare e forti in materia. L’importante è pensare che le cose possono cambiare; ma non bisogna mollare.
    Grazie.

  89. Con le pensioni passiammo da una follia all’altra.
    Oggi emendamento per le pensioni fino a 2300 euro lordi (1800 €. netti mensili) rivalutazione al 100% ;chi prende una pensione di poco più di 1800 euro rivalutazione zero.
    Ma se tutti debbono contribuire in maniera proporzionale al proprio reddito adesso andiamo a colpire in maniera violenta (con il blocco totale) pensioni sotto i 2000 euro mensili e non andiamo a toccare chi prende 2000 euro di pensioni giornaliera???

    UNA VERA PRESA PER I FONDELLI. SIAMO IN UNO STATO DI DIRITTO VERGOGNOSO PERCHE’ NON VUOLE IN NESSUNA MANIERA INTACCARE I PRIVILEGI DEI RICCHI (quelli veri) a meno che non sia ritenuto “ricco” chi con la pensione di 2000 euro deve mantenere la famiglia ed anche i figli che sono a casa perchè hanno perso il lavoro.

    SOLAMENTE VERGOGNOSO.
    Importante che i Parlamentari mantengano i propri stipendi da Nababbi e soprattutto siano “intoccabili”

  90. La domanda, ma se ora come D’Amato, prende una pensione di 32.000,00 euro al mese, quanto prendeva quando era in attività? Ladro prima e delinquente dopo!

  91. Il nostro premier ulula e lancia il lamento
    tutto sto fango addosso è un tormento,
    tutti stanno sempre a protestare
    invece di andarsene a lavorare,
    il paese ha bisogno di sacrifici
    non di sindacati che creano pasticci,
    l’opposizione intanto si gratta le balle
    e intasca comunque laute parcelle,
    gli alleati fingono di fare il muso duro
    ma poi in fin se li dividono gli euro,
    giornalisti venduti che scrivon su giornali
    solo che “Lui”, vuol schivare i tribunali,
    non sono leggi ad personam, dice il bos
    siete voi delinquenti a creare il caos,
    queste leggi riporterò in parlamento
    basta aspettare il giusto momento,
    basta regalare qualche pacco di azioni
    a quelli in fila, i tuoi amici coglioni,
    il fango addosso nessun ti ha gettato
    solo che nel fango, …ci sei nato.

  92. Poichè ho visto che il mio ultimo commento di ieri sulle pensioni non è stato”raccolto”da nessuno volevo precisare che sulle pensioni oltre il 1800 euro netti (magari 2000 euro ) non vi è nulla di regalato ma sono state calcolate con il metodo “retributivo” nel senso che sono state in già state pagate , in anticipo, con contibuti mensili ragguardevoli durante l’attività lavorativa di 40 anni.
    Perchè adesso toglierle il potere di acquisto per dare un qualcosa a chi è piuù povero in maniera che diventiamo tutti più poveri. MENTRE I RICCHI RESTANO INTOCABBILI ????
    VERGOGNA !!!!
    IO PERSONALMENTE SONO OGNI GIORNO PIU’ SHIFATO

    • LORENZO,
      per tentare di risolvere il problema si potrebbe fare ad ottobre una grande manifestazione popolare a Roma e in altre città per chiedere:
      !) abrogazione legge Mosca,
      2) abrogazione legge sulle pensione dei parlamentari,
      3) mandare via i sindacati dai consigli di amministrazione di INPS eINPS, questi Enti devono essere gestiti dagli iscritti.

  93. Caro Mario, ho appena letto che il buon (?) Sig. Amato non ha trovato niente di meglio da fare che… querelarti, per aver tu detto la verità sulla sua pensione d’oro. Questo, per me, è un segno inconfutabile che in Italia il livello della moralità pubblica ha toccato, ahinoi, il fondo! Vorrei, tramite te, portare a conoscenza degli Italiani un fatto davvero singolare; che può darci la misura di quanto i nostri politici si siano corrotti; di quanto essi siano preda dell’avidità più sfrenata(sulla pelle dei loro concittadini più onesti, deboli, indifesi).
    Ti segnalo questo fatto, solo perchè l’ho appreso da fonte assolutamente sicura. Il buon Alcide De Gasperi, ultimo vero e grande statista della Repubblica Italiana, ottimo e fervente cattolico, si serviva della figlia come segretaria; alla quale però negava un legittimo stipendio, dicendole che il compenso che egli percepiva, come Presidente del Consiglio, era già abbastanza alto e poteva così bastare a tutti e due.

    Caro Giordano, questo è un uomo che grazie alla sua competenza e rettitudine morale ha fatto letteralmente risorgere l’Italia, risollevandola da quello stato pietoso a cui l’aveva condotta la retorica fascista. Preghiamo ardentemente Dio, nelle cui mani stanno saldamente le sorti di tutte le Nazioni, perchè ci mandi ancora degli uomini come Alcide De Gasperi!! Siamo stufi, ripeto, S T U F I di essere non-governati; cioè, presi in giro da omuncoli avidi e interessati che pensano solo e sempre al loro tornaconto personale. Questi non sono uomini degni di guidare una Nazione civile, generosa come l’Italia. Mandiamoli a casa. Ma togliamo loro una buona fetta delle loro pensioni d’oro a motivo di quel lavoro di buon Governo che non sono mai stati capaci di svolgere. Siamo in una Democrazia o no? Possibile che certe persone devono essere sempre strapagate, sia che facciano bene, sia che facciano male… sia che non facciano niente?

    Caro Giordano, siamo con te. Tieni duro. Non mollare. Te ne saremo tutti immensamente grati. Se occorre, puoi contare su di noi. E’ arrivato il momento di dire BASTA ! Non ci stiamo più ad essere sfruttati, fino a questo punto. Diritti acquisiti? Macché diritti acquisiti! Chiamiamoli con il loro vero nome: diritti rubati… alla stragrande maggioranza degli Italiani che devono vivere con 500-600-800-1000 euro al mese dopo lunghi e faticosi anni di lavoro, al di fuori dei giochi e degli intrighi di Palazzo. Questi Signori non ci rappresentano, non ci hanno mai rappresentato; perché ci hanno solo e sempre tosato e tosato ed ancora continuano a tosarci anche quando di lana non ce n’è più!

    Caro Giordano, mi raccomando: non mollare perché siamo in molti, in moltissimi, a stare dalla tua parte; che è come dire, dalla parte della Verità. Se ci sarà da pagare per difendere la Verità, pagheremo. Stiamo già pagando…di tasca nostra. Scusa lo sfogo, ma quando ce vò ce vò… o no? Ma facciamo qualcosa!

    Saluti e grazie, di tutto cuore.

    P.S.- Tu che sei giornalista, trova il modo di rendere di pubblico dominio il fatto che ti ho raccontato sulla dirittura morale di Alcide De Gasperi…magari fossero ancora capaci di provare un pò di vergogna, i nostri amministratori! Se così fosse, potremmo ancora aspettarci qualcosa di buono da loro. Ma sono pronto a scommettere al riguardo… purtroppo.

  94. DOMENICO,
    ma che cosa ci vieni a raccontare su De Gasperi che sarebbe “ultimo e vero grande statista della Repubblica italiana”???
    Io, sto dalla parte del padre di Don Camillo e Peppone il grande italiano GIOVANNINO GUARESCHI che non ha esitato a farsi un anno di carcere sostenendo che “per rimanere liberi bisogna, a un bel momento, prendere senza esitare la via della prigione”.
    Per chi non conosce la storia la riassumo brevemente:
    nel gennaio del 1954 il giornalista Guareschi ha pubblicato una lettera del 1944 su carta intestata della Segreteria di Stato di S.S. PIO XII, indirizzata al Ten. Colonnello Carter chiedendo di bombardare la periferia di ROMA. ECCO UNA FRASE DI TALE LETTERA:
    “Questa azione che a cuore stetto invochiamo, è la sola che potrà infrangere l’ultima resistenza morale del popolo romano, se particolarmente verrà preso, quale obbiettivo, L’ACQUEDOTTO, PUNTO NEVRALGICO VITALE”
    Guareschi, prima della pubblicazione aveva fatto esaminare la firma da un perito calligrafico del Tribunale di Milano.
    In tre sedute e, con la sola parola di De Gasperi, senza neppure far esaminare la firma da un perito, Guareschi fu condannato. Se avesse ammesso che si trattava di un falso avrebbe evitato la prigione, ma lui non volle.
    QUESTO, CARO DOMENICO, E’ UN GRANDE ITALIANO CHE IO AMMIRO. La verità su DE GASPERI si saprà quando cadrà il segreto militare e l’America dirà chi ha voluto, nel 1944, il bombardamento su Roma.

    • Io non consosco la storia che hai raccontato.
      Posso anche condividerla ma ciò non porta ad alcun risultato.
      Dovrai però convenire, e questo era lo spirito di chi ha parlato di De Gasperi, che non si può piu’ andare avanti in questa maniera perchè ogni giorno che passa i coperchi continuano a saltare facendosi vedere il “marciume” che sta dentro le pentole.
      Ogni giorno ci accorgiamo:
      1) che stiamo mantenendo personaggi che si permettono di spendere 8.000 euro ” a notte” di tutti gli Italiani “che pagano le tasse”;
      2) che l’economia è ferma (0,1% o valori del genere sono solo di tipo statistico che vogliono solo “buttare” fumo negli occhi agli Italiani per non vedere che sotto non c’è alcun arrosto;
      3) che le Imprese edilizie, i piccoli artigiani legati all’Edilizia e tutto l”indotto” ( bisognerebbe dire a Marcegnaglia in Italia che non c’è solo l’industria) stanno chiudendo per mancanza di lavori privati e soprattutto di lavori Pubblici perchè non vi sono finanziamenti;
      4) che molti giovani (30 anni) dopo aver lavorato magari 10 anni si trovano “a spasso” e non riescono ad inserirsi perchè mancano i posti di lavoro e quindi tornano ad essere mantenuti dalle famiglie dei genitori pensionati che perchè prendono una pensione di circa 18000 euro al mese vengono considerati dal fisco come cittadini ai quali “bloccare ” il potere di acquisto;
      5) che l’attuale Governo ha dimostrato con la Finanziara che non vuole dare, subito,alcuna spinta all’economia con la conseguenza di paralizzarla, perchè cerca solamente “di galleggiare” fino alle prossime consultazioni elettorali;
      6) che per recuperare risorse, per dare una spinta all’economia, l’attuale Governo non ha “il coraggio di toccare” e di mettere mano alla stratoferica spesa della politica perchè “i ricchi e le caste sono intoccabili”;
      7) che sempre per dare una spinta all’economia il Governo “non vuole prendere” in considerazione alcun metodo per colpire i veri evasori fiscali che magari, in questo momento sono in vancanza sulla propria barca in mare aperto, con caviale e champagne che se la ridono.
      8) che se il Governo non usa “la forza” ovviamente senza ammazzare nessuno per bloccare il flusso di immigrati, tra poco dovremmo andarcene via noi per far posto a loro. (NE STANNO ARRIVANDO 1000 AL GIORNO, L’ACCORDO CON LA LIBIA NON FUNZIONA, L’UE NON LE NE PUO’ FRAGRA DE MENO);
      9) che se il Governo non programma un gestione, a lungo termine, sui rifiuti di Napoli, che giornalmente vengono prodotti, a fine emergenza,tutti i cittadini Italiani dovranno pagare oltre i propri anche i rifiuti di Napoli.(dovrà ogni Italiano di altre Regioni, oltre a pagare lo smaltimento e trattamento dei propri rifiuti, farsi carico anche di quelli di Napoli????)
      Io non aggiungo altro perchè altrimenti dovrei scrivere una ventina di pagine.
      Volevo solo concludere che sarebbe ora che gli Italiani si rendessero conto, che se non di mette in piedi qualche iniziatica popolare, la situazione andra’ da cosi’ a peggio e quando nel 2013-2014 arriveranno le “stangate” se non saremmmo crepati prima “dovremmo sputare sangue” per campare.

      Prima che arrivi l’irreparabile secondo me bisogna, o con manifestazioni o con proposte di referendum (ciè usando strumenti leciti) darsi tutti “una mossa”.

      • CORREZIONE ALLA MIA PRECEDENTE

        Volevo correggere la mia precedente perche’ ho scritto” pensione di circa 18000 euro al mese” ERRONEAMENTE. Il dato corretto è ovviamente 1800 euro al mese.

  95. Gentile Giuliana Tofani Rossi,
    anch’io, come te, sto dalla parte del padre di don Camillo e Peppone; il quale su “CANDIDO” del 17 Maggio 1957 così scriveva: “Voglio soltanto rendere omaggio alla verità e riconoscere che al confronto dei campioni politici d’oggi, De Gasperi era un gigante.”. Direi che Giovannino Guareschi, esprimendosi così, in fondo stimava il politico A. De Gasperi.

    Ti confesso, anche, che prima di leggerti ero allo scuro di questa triste vicenda occorsa al nostro Giovannino. La verità storica è compito degli storici. Io, per non saper né leggere né scrivere, dico che all’epoca dei fatti si era in piena guerra fredda e lo scontro tra Democrazie occidentali e blocco sovietico era in pieno svolgimento. Pertanto non possiamo escludere qualche colpo basso elaborato dai servizi segreti per infangare una figura politica di rilievo, in grado di opporsi ai disegni egemonici di qualche potenza. Ma non mettiamo una contro l’altra due persone che molto probabilmente si stimavano vicendevolmente; visto che De Gasperi credo abbia chiesto alla procura di Roma la grazia per Giovannino Guareschi.
    Per carità: salviamo le poche glorie italiane che abbiamo negli ultimi 60 anni!
    Potrai trovare del materiale interessante sulla vicenda, su Wikipedia, alla voce Giovannino Guareschi.

    Con l’occasione ti porgo i più distinti saluti. Domenico

  96. X DOMENICO,
    io ho votato per anni DC, non ho conosciuto De Gasperi, morto nel 1954.
    A parte la questione con Guareschi, so che durante la prima guerra mondiale De Gasperi faceva parte della Dieta austriaca, e lui stesso si qualificava come “un trentino prestato all’Italia.
    La storia di Cesare Battisti, ad esempio è un’altra.Costui è stato un grande italiano di cui dobbiamo essere fieri.
    Comunque, caro Domenico, non accapigliamoci per De Gasperi, i problemi attuali sono ben altri e su questi, mi pare, che siamo perfettamente d’accordo.
    giuliana.

  97. X LORENZO,
    sono d’accordo con te su tutti i punti. Credo che Berlusconi dovrebbe avere maggiore coraggio.
    Io mi interesso solo di pensioni e ritengo che la situazione non è più sostenibile. Non è concepibile che i lavoratori abbiano pensioni basse perchè l’ammontare dei contributi viene impiegato per pagare le pensioni d’oro o le pensioni con i contributi figurativi, vedi legge MOSCA.

    • Ti ringrazio per la risposta ma non sono d’accordo sul fatto che Berlusconi dovrebbe avere maggior coraggio.
      La verità, e penso sia inutile prendersi “in giro”. Berlusconi non è che non abbia coraggio ma vuole portare avanti, con la complicità di TREMONTI,(che una volta osanna e la volta successiva critica stile “farsa”) quei provvedimenti gli permettano di”galleggiare” fino alle prossime consultazioni elettorali.
      Sul problema delle pensioni Il GOVERNO che io identifico con LUI perchè passa solamente ciò che è a Lui gradito, ha fatto solamente “finta di tassare le cosidette pensioni d’oro”.
      In realtà ha preferito bloccare il potere di acquisto delle pensioni da poco più di 1800 euro netti (che sono state calcolate con contributi effettivamente versati per 40 anni di lavoro e non “figurativi”) invece di toccare le pensioni d’oro calcolate con contributi figurativi (come hai detto tu facendo riferimento alla legge MOSCA).
      In realtà con l’emendamento che è passato al Senato coloro che percepiscono più di 90.000 euro annui danno un contributo “di solidarietà” per parte eccedente i 90.000 euro.
      Un esempio concreto:
      Chi percepisce una pensione di 92.000 euro annui lordi dà un contributo di solidarietà del 5% su 2.000 euro annui pari a 100 euro annui che corrispondono a circa 9 euro mensili lordi.
      A me questa sembra una “vera barzelletta” e nella sostanza dimostra la non “volontà concreta” ma solo di facciata di “togliere qualcosa di effettivo” alle pensioni d’oro.
      Tanto vanno sempre a colpire ” a raffica” nel solito mucchio e cioè il solito ceto con reddito una volta medio ma adesso sempre più povero per mantenere in piedi i costi della politica esorbitanti, gli assurdi privilegi e gli “Enti” inutibili che producono solo entropia.

  98. Gentile Giuliana Tofani Rossi,

    grazie della tua puntualizzazione. E’ vero: i problemi attuali sono altra cosa dal caso Guareschi-De Gasperi, che appartiene al passato remoto. Volevo solo additare in De Gasperi un modello di morigeratezza nel reclamare compensi per la sua attività al servizio del Popolo italiano. Morigeratezza da contrapporre all’avidità sfrenata, mai sazia, dei nostri attuali Politici e Amministratori; ai quali non interessa né poco né tanto governare bene, nell’interesse della Nazione. A questi (mi pare ormai fin troppo evidente) interessa, e molto, mettere via tantissimi soldi. Il tutto nel pieno rispetto delle Leggi che si fanno loro, a loro misura e a loro esclusivo vantaggio.

    Mi ha fatto molto piacere questo scambio di battute con te.
    Ho apprezzato quel “caro Domenico” finale con cui, idealmente, ci siamo stretti la mano. Grazie, Giuliana.

    Diamo il nostro piccolo contributo a questa buona battaglia per una maggiore Giustizia. Facciamo qualcosa per fermare le sanguisughe; perché queste, lasciate a sé stesse, non si fermeranno mai, purtroppo. Ti auguro di stare bene. Domenico

  99. X DOMENICO,
    anche a me fa piacere aver avuto questo scambio di battute con te. E’ innegabile che i primi anni della Repubblica furono anni di sobrietà e di spese contenute.
    C’è un aneddoto su Luigi EINAUDI, raccontato da un suo discepolo di Torino Luigi Calligaris che ti riporto:
    “Un giorno questo mio insegnante invitò a pranzo al Quirinale alcuni intellettuali e, arrivati alla frutta, Einaudi scorse sul vassoio delle belle pere, ma considerandole troppo grandi, si rivolse ai commensali chiedendo se qualcuno voleva dividere una pera con lui”.
    Calligaris dice che siamo passati dalla Repubblica della mezza pera, alla mostruosità del debito sovrano ed inarrestabile.
    Hai perfettamente ragione sul fatto che bisogna fare qualche cosa per fermare queste sanguisughe che, da sole, non si fermeranno mai.
    MA NON POSSIAMO ASPETTARCI AIUTI DAI POLITICI, NEPPURE DA QUELLI CHE SI DICHIARANO SOLIDALI CON NOI,COME AD ESEMPIO ROBERTO MARMO. Visto quanto ha scritto su questo blog gli ho inviato una mail per chiedere il suo parere su alcune inziative che il Comitato per la Difesa delle Pensioni intendeva intraprendere. NESSUNA RISPOSTA.
    Spero che alla fine di settembre saremo riusciti ad imbastire una manifestazione per far morire di fame le sanguisughe.

  100. Gentile Giuliana Tofani Rossi,

    vedo che hai ricordato un altro grande Italiano: Luigi Einaudi.
    Mi accorgo anche che tu sei una donna tenace e battagliera, che si spende per le sue convinzioni ed i suoi ideali di Giustizia.
    Hai la mia sincera ammirazione. Fammi sapere qualcosa di più sul
    “Comitato per la difesa delle pensioni”. Te ne sarò grato. Ciao.
    Domenico

  101. è necessaria una rivoluzione culturale globale.
    Ciascuno di noi deve tutelare, non solo i propri interessi personali, ma soprattutto quelli della collettività.
    Dobbiamo PRETENDERE, ESIGERE che tutti paghino le tasse, INDIGNARCI, PROTESTARE di fronte ad ogni forma di abuso e sopraffazione.
    Devono dirci che fine fanno i nostri soldi.
    Per ogni cittadino deve essere possibile consultare quanto guadagna e cosa possiede.
    Al diavolo la privacy , fine a se stessa, io voglio sapere perchè persone che non dichiarano nulla hanno un tenore di vita centomila volte migliore del mio.
    Complimenti a E.Scalfari e complimenti a tutti gli onesti, bisogna lottare contro i disonesti, contro l’omertà e contro questi sitemi mafiosi che attanagliano il paese.

    E’ ora di finirla di far finta di nulla e di pensare solo a noi stessi.
    Il nostro stare bene dipende da noi stessi.La nostra classe politica ha fallito ed è ora che cambi RADICALMENTE.
    Spazio a gente nuova che non appartenga a nessuna casta, gente che ha voglia di aiutare il nostro Paese a RISORGERE.
    I NOSTRI RAPPRESENTANTI DEVONO ANDARSENE VIA, SENZA PENSIONE E SENZA BENEFICI, HANNO GIA’ RUBATO TROPPO , CI HANNO GIA’ SVUOTATO LE TASCHE E NON RAPPRESENTANO PIU’ NESSUNO.
    ANZI BISOGNEREBBE CONFISCARGLI ANCHE QUELLO CHE HANNO ACCUMULATO IN QUESTI ANNI.HANNO FALLITO E QUANDO UN’AZIENDA FALLISCE SI RISARCISCONO I CREDITORI CHE SIAMO TUTTI NOI.
    RIDATECI IL NOSTRO STATO, SE AVETE ANCORA UN PO’ DI DIGNITA’ E D’AMOR PROPRIO FATE LE VALIGIE E TORNATEVENE PACIFICAMENTE A CASA, TUTTI COMPRESI I LEGHISTI CHE SON BUONI SOLO A RACCONTAR MENATE….
    VERGOGNATEVI
    FORZA ITALIANI ONESTI CHE CE LA POSSIAMO FARE A RIDARE FIATO AL NOSTRO PAESE. NOI SIAMO UN GRANDE POPOLO, GLORIOSO E RICCO DI STORIA E DI VOLONTA’ DI COMBATTERE, POSSIAMO SICURAMENTE RENDERE MIGLIORE IL NOSTRO PAESE.

  102. A proposito della manovra sui prelievi alle pensioni “d’oro” approvate con finanziaria siamo arrivati alla burla perchè in Italia non si vogliono colpire i ricchi.
    Si vuole sempre colpire la classe medio-bassa per farla dventare sempre più povera cosi ci troveremo tra poco con 2 sole classi:
    – i poveri sempre più poveri;
    – i ricchi sempre più ricchi (che comuque se vanno in mare, lo fa hanno imbacazioni con proprie cosi grandi in cui ci sta sopra anche l’elicottero e non di certo vanno con il Titanic)- il riferimento è all’ultimo discorso di TREMONTI.
    Comunque con l’ultimo emandamento approvato sul contributo di solidarietà a chi percepisce pensioni d’oro è chiarissimo che questo è il risultato che vuole perseguire QUESTO GOVERNO.
    Di fatto in un primo tempo sembrava che il contributo di solidarietà per pensioni superiori a 90.000 euro annui (ben 7.5000 euro mensili) fosse del 5% su tale importo e cioe’ su una pensione di 92.000 euro annui ci sarebbe stato un contributo di 4.600 euro annui. Ora con l’approvazione dell’emendamento chi prende una pensione annua di 92.000 euro dà un contributo del 5% sull’eccedenza rispetto ai 90.000 euro annui e quindi il 5% su 2.000 euro e cioè 100 euro annui (cioè circa 9 euro al mese).
    MA VI RENDETE CONTO DI COSA HA APPROVATO IL GOVERNO!!!! Questo emendamento fa ridere i “polli” ed è soprattutto è una presa per i corbelli per tutti!!! Veramente vergognoso!!!!!
    Spero che qualcuno faccia qualche commento.

  103. Lorenzo ha perfettamente ragione è una presa per i fondelli, come umilianti per il popolo italiano sono le parole di Tremonti che confermano che in Italia ci sono delle “classi”, dei “privilegi” che non debbono affondare. Noi stiamo sostenendo la “prima classe” a non affondare, ci stanno lasciando in mutande, ci stanno prendendo tutto.
    In Puglia i Parlamentari regionali in queste ore hanno chiesto un aumento dello stipendio.
    In Molise la Giunta REgionale ha deliberato l’acquisto di un auto blu da 40.000 euro per un suo assessore.
    Ma non hanno vergogna queste persone?
    Queste non sono nenache più sanguisughe perchè di sangue ne è rimasto ben poco, sono degli sciacalli o degli avvoltoi in attesa di consumare quel poco che c’è ancora rimasto della nostra dignità.

    VERGOGNATEVI

    • CONDIVIDO COMPELTAMENTE LA TUA VALUTAZIONE.
      Credo però a questo punto che qualcuno che conosce bene i meccanismi dei referendum per toglire questi “maledetti” privilegi e comprimere le spese della politica, visto che “chi aveva promesso di ridurre i parlamentari a metà” fino ad ora non ha minimamente promesse fatte “pubblicamente”.
      Tu capisci a chi mi riferisco.

      • DOMENICO,
        sei troppo gentile nei miei confronti. Se vuoi sapere del nostro comitato ti consiglio di leggere l’ultimo scritto: “lettera aperta al Parlamento”, che Giordano ha pubblicato in questo blog. Comunque se cerchi su Google Giuliana Tofani lettera aperta al Parlamento la trovi.
        Sono del parere che non basta lamentarsi, ma bisogna agire con i mezzi che le leggi ci consentono.Speriamo di aggregare un pò di gente per fre una manifestazione autunnale allo scopo di riappropiarci degli Enti previdenziali che appartengono agli iscritti.

  104. A diciotto anni ero scritto all’M.S.I, poi A.N., oggi a 42 anni posso dire che quando vedo politici in tv mi viene da vomitare, un disgusto che non posso esprimere.
    Quando gli italiani si sveglieranno sul serio, ogni personaggio di questa vergognosa casta, dovrà guardarsi bene di fare una passeggiata nel rischi di essere linciato dal primo che passa.
    Che Dio non abbia misericordia di Voi Papponi!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *