ATTENZIONE, qualcosa si muove. Da Repubblica di oggi: "Il Tesoro prepara tagli alle pensioni d'oro"

Tagli alle pensioni più alte? Forse ci siamo. Stamattina “Repubblica” pubblica alcune indiscrezioni sul piano di risparmi che il ministero del Tesoro sta studiando. E parla di “stop alla scala mobile sulle pensioni più alte” e di “contributo di solidarietà sugli assegni d’oro”.

Lo vedete che è vero che qualcosa si può ottenere? E’ ancora poco, si capisce. E’ solo un’indiscrezione. E’ solo un primo passo. Ma il nostro impegno e la nostra battaglia non sono inutili. Non mollare! Avanti tutta contro le Sanguisughe!

P.s. Se poi il ministero del Tesoro volesse qualche consiglio sulle pensioni d’oro da tagliare, beh, saremo ben lieti di fornirglielo….

22 risposte a “ATTENZIONE, qualcosa si muove. Da Repubblica di oggi: "Il Tesoro prepara tagli alle pensioni d'oro"

  1. questa notizia non avrebbe motivo di esistere in un mondo civilizzato,invece suscita entusiasmo per qualcosa che dovrebbe essere la norma,se le persone avessero un etica morale.

  2. bisognerebbe proporre un referendum per l’abolizione di queste pensioni d’oro e altri benefit di tutta quella gente che non ha mai lavorato. Anche loro devono avere i famosi 40 anni di contributi per andare in pensione.
    Spero che le istituzioni affrontano questa grande disparità di trattamento degli italiani

  3. Come cittadino mi vergogno solo al pensiero che ci siano delle persone che, pur avendo occupato posti di una certa responsabilità, oggi riescono a racimolare qualche elemosina da parte dello Stato alla barba di quei poveri cittadini che vivono di povertà o sono senza lavoro. E’ ora che molti dei ns. cari rappresentanti vadano a lavorare per davvero perché le poltrone hanno un effetto soporifero: ci si addormenta senza sapere quali sono le vere esigenze dei cittadini. E poi diciamo la verità: mille persone per gestire il ns. paese sono troppe senza contare regioni,province e comuni.

    • Giuseppe,
      hai ragione, mille e più persone solo per legiferare in quel di Roma è un super lusso che le esauste casse di uno stato squattrinato come il nostro (abbiamo il più alto debito pubblico del mondo: che Dio ce la mandi buona!!) non si possono più permettere: è ora di dargli un bel sostanzioso taglio. La metà di quei signori che stanno a Roma a far le leggi bastano e crescono.
      Anzi sarebbero di troppo anche la metà, tanto abbiamo Ballarò, Porta a Porta, Anno Zero che sono dei parlamenti supplementari.

  4. Speriamo sia l’inizio per poter, finalmente, vedere, non dico l’eliminazione,, magari!, ma almeno una drastica riduzione di questi vergognosi privilegi medioevali!!

  5. Questo momento in cui stanno per rimettere le mani nelle pensioni ovviamente pensando a innalzamenti vari (fino a 70 anni come dice il presidente dei giovani industriali e l’Economist) bisogna ribadire un concetto : non si possono accettare questo tipo di manovre se non si aboliscono i privilegi !! Su questo principio sacrosanto penso che ci dovrebbe essere una mobilitazione generale per farlo assorbire in qualche modo dalla classe politica. Se non ci muoviamo adesso un libro come “sanguisughe” sara’ solo un modo come un altro per rovinarsi la salute.

  6. Lanciamo un referendum per mettere un tetto massimo a 5000 euro per le pensioni INPS,un tetto massimo di300000 euro di stipendio per parlamentari e manager pubblici ,notai,calciatori ecc…La differenza dei versamenti Inps,comunque versati sul totale dello stipendio,vada a aiutare le persone che hanno avuto stipendi bassi,disoccupati,invalidi.Cosi costruiremo un senso di appartenenza ad una nazione e una giustizia sociale.Coloro che hanno un seguito,(penso ai vari Grillo,Bersani,Vendola )lancino questo referendum e vedranno che il popolo li seguirà ed apprezzerà. Coraggio signori ,uscite dalli schemi e dall’egoismo e pensate per il popolo che dite di rappresentare!!

  7. Continuano ad ignorare il problema i nostri politici e quel cervello “precario” che è il ministro Brunetta l’ha ampiamente dimostrato con la sua risposta alla presidente dei precari che prenderà anche 1.800 Euro al mese ,ma sempre precaria rimane mentre il nostro ministro è al riparo da tali problemi. CHI HA PAURA DI TOCCARE I PRIVILEGI? SONO PROPRIO LORO,I POLITICI!
    FACCIAMO UN REFERENDUM, CHIEDIAMO DI ESSERE TUTTI CITTADINI DI UN PAESE EQUILIBRATO E NON RELEGATI A SUDDITI!

  8. Caro Ministro TREMONTI,
    come può vedere non solo la sola a chiedere che siano tagliate le PENSIONI ALTE E ALTISSIME. I diritti dei coniugi superstiti, che non rietrano in queste categorie, devono essere ripristinati.
    giuliana tofani ved. rossi
    COMITATO PER LA DIFESA DELLE PENSIONI DI REVERSIBILITA’

  9. mi fa piacere che qualcosa si sta muovendo, non basta indignarsi, ma si deve dar forma a questo sdegno e sarei d’accordo all’abolizione di queste pensioni d’oro che sono la vergogna dell’Italia, la rovina del Futuro dei giovani e la disonestà anche nei confronti di coloro che non ci sono più e sono sempre stati onesti cittadini.Purtroppo non esiste un’etica morale e solidale. ma solo narcisistica ed effimera,il vero uomo è come aveva detto E.H.ERIKSO:”ESISTE SOLO UN TIPO DI UOMO VERAMENTE ADULTO: LA PERSONA CHE HA CURA DI SE’,DELL’ALTRO,DELL’AMBIENTE. IN UNA PAROLA L’UOMO SOLIDALE”.

  10. sto leggendo con interesse i Vostri commenti, e approfitto per dire anche la mia.
    Ci sono contributi che non vengono quasi mai citati quali il contributo ai giornali, e alle televisioni di carattere politico, il rimborso elettorale ai partiti(ex contributo abolito con il referendum). Si parla di milioni di Euro. E anche se sarò banale basta anche con tutti i privilegi di questi politici ed ex politici(alla Sig.ra Pivetti spetta di diritto un’ufficio a Roma). Per rappresentarci sono pagati profumatamente e quindi togliamo tutti ma proprio tutti i privilegi

  11. A vedere come va la politica oggi, di solidale c’è rimasto ben poco, in compenso politici dell’ultima ora, ergendosi a paladini, promettono di rivoluzionare questo Paese in cui non ci si riconosce per il degrado morale in cui è sprofondato e con il consenso di chi doveva e dovrebbe amministrare nell’equità, nella giustizia, nella solidarietà, ecc.ecc.Come fidarsi ancora!

  12. non mi interessa molto la politica,però come mai la sinistra nel referendum appena fatto non ha proposto di dimezzare le poltrone a roma e togliere tutti i benefit e le pensioni d’oro,ve lo dico il perchè,perchè fà comodo anche a loro spremere le casse dello stato alla faccia di tutti quelli che fanno fatica ad arrivare a fine mese

  13. Appoggio la proposta di un tetto di € 5.000 al mese complessivi di pensione per chiunque.
    E chiedo anch’io un referendum popolare su questo tema: sono certo che passerebbe con una maggioranza schiacciante.
    Spero che prima o poi qualcuno trovi il coraggio di proporlo

  14. Attenzione perchè, come nel 2008, mi risulta che ci sia in atto solo l’ipotesi del blocco della scala mobile per le pensioni da 2500 euro netti al mese in su, vale a dire un inutile palliativo. Inoltre, secondo me,le pensioni d’oro sono quelle che percepiscono i vari Scalfaro, Ciampi, Napolitano ecc. ecc.: con 2500 euro al mese a Milano, se devi pagare un affitto, vivi così così…

  15. Tutti i governi che si sono avvicendati da 20 anni a questa parte (e di qualunque colore)hanno saputo dire una cosa sola:I guai della nostra Italia sono dovuti alle pensioni da pagare!Tutti i privilegi della Casta non vegono mai citati!!Come mai???

  16. Grandi, grandi, sono veramente grandi…ma come fanno ad avere la faccia di farsi vedere in giro sia loro che la famiglia (moglie mariti,figli…)a parlare di morale…anche il presidente della Repubblica che dovrebbe schierarsi oltremodo dalla parte dei deboli (pensionati,ammalati,povera gente…) neanche una parola di più del necessario dice mai …grandi, grandi!!!

  17. vorrei battermi per vedere almeno dimezzate tutte le pensioni di queste sanguisughe, ma come ci si può organizzare? con un comitato ed una eventuale raccolta firme, o altro? Spero che a cittadini come me venga data la possibilità di unirsi per combattere questa vergogna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *