Baby pensionata a 40 anni e nuovi scandali. Finalmente, però, qualcuno se ne accorge…

E c’è chi va in pensione a 40 anni. E c’è chi va in pensione avendo pagato solo 16 anni di contributi. Succede oggi, mica tanti anni fa: due giorni fa su Panorama, oggi su Repubblica (pagine di Palermo) viene ripreso e rilanciato il tema delle baby pensioni in Sicilia, che è uno dei capitoli di denuncia di “Sanguisughe”. Grazie alla famigerata legge 104 del 2000 infatti in Sicilia i dipendenti della Regione possono andare a riposo con 20 anni (donne) o 25 anni di contributi (uomini) purché abbiano un parente da accudire.

Per intendersi: è la legge che ha consentito a Piercarmelo Russo, ex segretario  dell’Assemblea regionale, di andare a riposo a 47 anni con 6462 euro netti al mese (10980 euro lordi). Doveva, disse, accudire il papà gravemente malato. Poche settimane dopo fu nominato assessore all’Energia alla Regione Sicilia (sommando quindi l’indennità da assessore alla ricca baby pensione)

Per fortuna, su questo tema, si sta accendendo la polemica. Ed emergono nuovi particolari scandalosi, che inserirò nelle prossime edizioni del libro:

a) Il pensionato con 16 anni di contributi. Totò Barbitta, capo ispettore dei forestali, è riuscito ad andare in pensione con soli 16 anni, 10 mesi e 30 giorni di servizio anziché i 25 anni previsti dalla legge, sfruttando alcuni riscatti e il fatto che il lavoro da forestale viene considerando usurante (quindi un anno regalato ogni 5 di servizio)
b) Il baby pensionato che diventa consulente. Cosimo Aiello , capo di gabinetto di un assessore, va in pensione a marzo di quest’anno: ha 51 anni. Subito dopo viene richiamato come consilente del Teatro Bellini (incarico per cui, secondo il periodico catanese Sudpress, prende 83600 euro per 21 mesi)
c) La pensionata a 40 anni. Giovanella Scifo, ex dipendente dell’ufficio di collocamento di Modica, è in pensione dal 1 febbraio 2008, dopo 18 anni e 10 mesi di carriere. Quando è andata in pensione aveva 40 anni appena compiuti.

Finalmente, grazie anche al nostro impegno quotidiano, qualcuno comincia a prendere coscienza dello scandalo. Oggi l’assessore Chinnici e i dirigenti del settore chiedono la revisione della legge 104. Non perdiamo l’occasione, alziamo la voce. Facciamoci sentire (iscrivetevi al gruppo Facebook: siamo già oltre 18mila…)

Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Facebook0Email this to someonePrint this page

56 risposte a “Baby pensionata a 40 anni e nuovi scandali. Finalmente, però, qualcuno se ne accorge…

  1. Mi vergogno di essere italiano, ed in particolare “SICILIANO”.
    Io forse, e ribadisco forse, andrò in pensione verso i 65-70 anni se non dopo e dopo aver lavorato come impiegato nel commercio per una vita prenderò una pensione da miseria!!!

  2. La legge 104/92 è una legge quadro per i diritti delle persone in stato di handicap che non prevede, su base nazionale, nessuna via preferenziale per il pensionamento. I privilegi dei dipendenti della Regione Sicilia debbono quindi derivare da qualche norma regionale. Prima di parlare sarebbe meglio informarsi.

  3. Salve Dott. Giordano
    Mi sembra doveroso e naturale indignarsi di fronte a queste notizie. Mi sembra però altrettanto doveroso segnalare lo scandalo delle pensioni dei nostri parlamentari che maturano dopo un periodo molto più corto rispetto a quelle citate nel suo blog. Purtroppo in sicilia ci sono tante cose che non vanno e rischiando anche di essere banale,le dico sinceramente che con la classe dirigente attuale la sicilia non si svilupperà mai economicamente e socialmente. Non ho notizia di “una” e dico “una” legge fatta da Lombardo che abbia aiutato lo sviluppo dell’isola. Io credo che passi il tempo a parlare di poltrone da assegnare. Le faccio un esempio delle meraviglie del governo Lombardo: finalmente giorno 23/05/2011 si doveva aprile il bando del credito d’imposta per la sicilia in base alla legge reg. n. 11/2009; giorno 20/05 l’assessore Armao comunica che al momento si sospende tutto addossando la colpa al governo nazionale che non sblocca i fondi FAS. E’ GIà LA SECONDA VOLTA CHE SI SPOSTA IN AVANTI IL TERMINE E STAVOLTA SENZA SPECIFICARE LA DATA. Una persona seria dopo due fallimenti si sarebbe dimessa spiegando di aver illuso le imprese che attendevano questi importanti contributi e che non era riuscita nel suo compito senza dare responsabilità a terzi. E invece ovviamente niente…si va avanti con se nulla fosse. Si illudono le imprese e poi come succede sempre da queste parti, chi sbaglia non paga mai. Sono molto d’accordo con il presidente di Confindustria Sicilia Lo bello che scusando il termine era “incazzato nero”. Io cmq non mi arrendo.
    Cordiali Saluti
    Nicola Grasso

  4. Grazie a questa “brava gente” tutti noi paghiamo per le loro azioni, ora non voglio generalizzare ma credo che loro siano solo una minima parte perchè credo che chi è a Roma prenda decisamente di più lasciandoci in miseria.
    La realtà è che la classe politica o dirigente, conosce poco la vita degli italiani, e dovrebbe iniziare a farlo per rendersi realmente, non solo a parole, conto delgli ostacoli quotidiani. C’è gente che vive con 450€ al mese, chiedetevi come???
    Stanno tutti sperando che il governo cada??
    Scommetto che se approvassero una legge dove le spese elettorali saranno tutte a loro carico, sicuramente farebbero di tutto per non farlo cadere, oppure, soluzione più ovvia, farebbero una legge per prendersi comunqe i soldi!!!
    quando si tratta di mettere soldi in tasca sono tutti daccordo!
    questa è l’idea che danno

  5. E pensare che quando sono andato in pensione a 56 anni, dopo 40 anni e 6 mesi, mi facevano quasi sentire in imbarazzo perchè “giovane”!!
    E non certo con la pensione del signore sopra citato!!

  6. credo che queste persone se si possono chiamare persone,
    avessero un pò di rispetto della gente che lavora si vergognino. penso anche che potrebbero accontentarsi tutti di 3000 euro al mese sono piu’ che sufficenti.
    nb. e restituire gli arretrati avuti in piu’
    ciao da Fabio

  7. ormai fa solo ridere. Purtroppo queste porcate succedono ovunque.
    In una comunità montana del nord il direttore è andato in pensione ed è stato richiamato come consulente a 5000 € al mese. e le comunità montane non hanno più fondi per far niente e stanno riunendosi. meno male….

  8. bravi complimenti! questo serva di lezione a tutti quei politici che continuano a dire di aiutare il sud.Io sono del sud e sono al nord più di30anni.E’più di 30anni che lavoro ,pagando tutto quello che ce da pagare,anche per il sud!basta! finitela di prendere per il c….e il nord che ha bisogno,perche qui si paga anche l’aria che respiriamo,ed abbiamo case piccole e care,loro invece hanno ville senza lavorare,come è questa cosa?

  9. E’ il solito mondo dei furbi|||||||||||||||||| e poichi paga a piè di lista le loro spese……………….. sempre pantalone, politici abbiate il coraggio e l’onesta’ di eliminare tali disparità, con che pudore chiedete poi i voti per fare queste porcherie..

  10. I Savoia la Sicilia non l’avevano voluta e, saggiamente, avevano preferito la Sardegna.
    Garibaldi che era un eroe, ma anche un ingenuo, la conquistò. L’Italia Unita sterminò i cosiddetti briganti che si erano dati alla macchia per non fare un anno e mezzo di servizio militare, commettendo un grave errore.
    Ora però non possiamo più mantenere la Sicilia. CHE GLI SIA DATA L’INDIPENDENZA COSI’ SARANNO COSTRETTI A MANTENERSI DA SOLI.

    • NON TUTTI I SICILIANI SONO COME QUESTE PERSONE . LA STRAMAGGIORANZA DI SICILIANI, SIAMO PERSONE ONESTE E GRAN LAVORATORI. CREDO CHE LE PECORE NERE SIANO IN SICILIA, MA ANCHE IN LOMBARDIA O VENETO O IN QUASIASI DELLE NOSTRE BELLE REGIONI.

    • Però non dici che la sicilia e stata “saccheggiata” dai piemontesi e di tutti i governi italiani del dopo guerra!….La sicilia e stato terra di conquista da secoli…siamo nel 2011 e ancora siamo nelle mani di stronzi come berlusconi e bossi che decidono la ns.sorte!…..questo sarebbe un bel referendum…”l’indipendenza della sicilia”….via da roma e i ladroni del nord!

  11. Caro Mario,sono il compagno di Manuela,Fabio pezzarossa,stò usando il suo pc,ma tu lo sai che ti scriviamo insieme.Beh…una sanguisuga io ce l’avrei,ed è l’INPS,che continua ad erogare pensioni multiple,a politici e ad altri personaggi che tu sai,con somme di molto superiori a 500 euro,e con molti meno anni di contributi versati.Premesso che è sbagliato percepire una pensione e dopo intraprendere un’altro lavoro,ma i politici,o Mastropasqua,riuscirebbero a vivere con 260 euro come io e la mia compagna?

  12. Privilegi del genere sono do una gravità inaudita, uno schiaffo morale per quanti si guadagnano la pagnotta giorno per giorno e pagano le tasse per mantenere queste sanguisughe. E poi parliamo di debito pubblico, che strano paese il nostro, ma quando riusciamo a metterci a posto. Non vogliamo il nucleare e poi ci lamentiamo perchè paghiamo l’energia al doppio degli altri paesi, non vogliamo le discariche e buttiamo i rifiuti dalla finestra perchè è scomodo fare la raccolta differenziata, regioni che tirano la carretta e regioni che sperperano. Altro che unità d’Italia caro Napolitano (Napoletano) seccessione e che si arruangino.

  13. ciao io sono arrivato all’età di 50 e sono stato licenziato per mancanza di lavoro.nella mia fortuna sfortuna sono stato assunto atempo indeterminato da una cooperativa di sicurezza cioè faccio il portinaio da quasi tre anni.sono andato all’inps per sapere i miei contributi pensionistici e facendo i conti dopo 40 anni di lavoro dovrei andare in pensione il 1° dicembre del 2014 con poco piu’ di 1000 euro dopo 40 anni di lavoro e versamenti all’inps mi danno propio una pensione da ridere dopo tutto quello che ho versato.saluti.

  14. E’ inutile che i nostri politicanti ci dicano che l’Italia è una e indivisibile a parte che ormai non mi sento più rappresentato da nessuno di loro, tutti questi fatti ci confermano che con il sud non abbiamo nulla da spartire.
    Calderoli for president.

  15. Sono nato a Napoli (solo meta’,perche’ i denti e i capelli li homessi a Reggio Emilia ,causa guerra)Una volta,malgrado tutto,Napoli era una citta’ decente,ora,con la chiusura di Bagnoli,di altre realta’ industriali e con l’abitudine di assegnare ai miei conterranei terroni TUTTI i posti di lavoro parassitari(statali,parastatali municipali ecc:)avete trasformato il sud in una terra dove solo i furbetti vanno avanti. Aveva ragione Miglio ed i primi veri leghisti.Il sud deve essere abbandonato,cosi’ si svegliano. Tutti i problemi dell’Italia derivano da Questo. La giustizia:il 90%dei funzionari proviene dal sud. Idem per tutto il resto dell’apparato statale. E ci si stupisce delle baby pensioni!!!Sono loro che si fanno le leggi a loro misura-Vedi anche l’enorme esubero dei dipendenti della regione Sicilia,che in maggioranza tutto quel che fanno e’ timbrare il cartellino e poi fare i guardiani sugli yacht dei loro capi. A me quest’Italia fa pena,per questo preferisco vivere in Messico ove,al massimo ti arriva una pistolettata.

  16. Sono pienamente concorde con il problema sollevato, che si trascina da sempre.
    Parlo da commerciante e non ritengo giusto che dobbiamo lavorare 35/40 anni per avere diritto ad una misera pensione e per mantenere le pensioni a gente che con pochi anni di “lavoro” gode delle ns. fatiche. La legge va di sicuro rivista urgentemente.
    Come mai tutto questo avviene solo negli Enti Statali e pubblici?
    Io, se tutto va bene, andrò in pensione a 62 anni con 35 anni di duro lavoro e con una pensione di Euro 500, con o senza parenti da accudire (non capita solo a loro di avere familiari stretti bisognosi di cure).Chi ha inventato la legge 104 probabilmente pensava agli affari suoi.
    Fra prepensionamenti, finestre che si aprono all’improvviso, furbetti che trovano sempre qualche sistema per andare in pensione prima, andrà a finire che noi poveri deficienti lavoreremo solo per mantere le pensioni a loro, ai ns. politici ai quali spetta la pensione con ancora meno anni e a tutti coloro che si beccano pensioni da capogiro. Ma a noi chi ci pensa??? .

  17. a giuliana tofani. Cara tofani, i Savoia potete tenerveli. Tanto hanno fatto abbastanza danni. Per Garibaldi era meglio che quel brigante, malfattore, e delinquente si stava a casa sua. Siamo d’accordo solo per una cosa: l’Indipendenza della nostra Isola. Voi nordici avete abusato abbastanza dei nostri tesori: petrolio, bellezze naturali, archeologia, turismo…..Fortunatamente le nuove leve hanno preso piena coscienza dei danni ricevuti dai predoni nordici. Si cara Giuliana, l’indipendenza della nostra meravigliosa Isola sarebbe una sorta di danno riparatore, saremmo felicissimi se tutto cio’ avrebbe un seguito.
    Orgogliosi di essere sicliani

  18. mi chiedo quanta delusione per questa italia cosi’ diversa…cosi divisa fra veramente benestanti e poveri…si deve essere fortunati a nascere o lavorare in qualche posto anziche’ in altri…ma.mi chiedo l’Italia e’ una sola o quante ne sono ..sia in orizzontale che in verticale…!! ma chi deve realizzare questa maledetta eguaglianza???? chi dice la verita’????e’ meglio non leggere,non sentire,non parlare,non scegliere…e’ triste ma che soluzione c’e’????!!!!!

  19. Ecco, alziamo la voce. Lo scandalo fu fatto succedere anche sotto un governo Andreotti, che, per sistemare non so quanti esuberi della scuola, permise a chi voleva di andare in pensione con 19 anni di contribuzione (quindi a 28/29 anni si era potuti andare in pensione). E da allora non si è mai posto rimedio a quello spreco di denaro pubblico. Ma tant’è, ora chi ne ha usufruito sarebbe in pensione comunque, ma intanto ne ha goduto per oltre trent’anni.

  20. anche lo stato è una sanguisuga : è anni che combatto contro le tasse ingiuste ma nessuno mi risponde perchè :richiesta di abbassamento delle tasse al 33% con aliquota unica con possibilità di detrarre dall’imponibile tutte le spese sostenute nell’anno tramite presentazione di fatture, ricevute fiscali scontrini con possibilità di detrarre l’estratto conto bancario o delle carte di credito
    questo sistema implica la drastica diminuzione dell’evasione fiscale e porterebbe ad un aumento reale del potere di spesa delle famiglie e una creazione di un circolo virtuoso che sosterrebbe la domanda interna con aumento dei consumi ora frenati dalla mancanza di liquidità di gran parte delle famiglie italiane che con l’odierno sistema di tassazione faticano ad arrivare a fine mese
    con un’aliquota al 33% sarebbe un piacere pagare le tasse e non ci sarebbe più stimolo all’evasione che in certi casi rappresenta l’unica via per arrivare a fine mese.
    poche tasse chiare e facili da pagare
    il risultato per l’erario sarebbe un saldo nettamente positivo perchè pagando meno e tutti i volumi aumentrebbero in maniera esponenziale.

    • Hai ragione, ma evidentemente a qualche ns. politico questa prassi non garba, questo è l’unico modo per frenare l’evasione e …..perchè non fanno pagare le tasse anche alle prostitute….solita Italia bcchettona. SERVE IL BUONSENSO ED IL SENSO DI RESPONSABILITA’ MA TUTTO CIO’ NON ABITA IN ITALIA.
      ……….SE PENSO A QUANTO HO PAGATO E CONTINUO A PAGARE PER LA MIA PENSIONE MI VIENE DA VOMITARE.
      POLITICI LA GENTE E’ STUFA DI QUESTE COSE ..E CONTINUATE A CHIEDERCI SACRIFICI, DATECI VOI IL BUON ESEMPIO

  21. Non ho parole, io sono andata in pensione a 63 anni con 40 anni di contributi.Più altri 7 anni che non mi sono stati riconosciuti perchè in nero. Prendo attualmente 1100 euro di pensione e forse devo ritenermi fortunata di fronte a tante pensioni che sento in giro.Ho dovuto smettere di studiare perchè i miei non potevano mantenermi agli studi e perciò ho iniziato a 14 anni fino a 63 che non ho smesso.iO sono una CRETINA che ha pagato fino all’ultima lira di tasse perchè essendo dipendente pubblica non ho potuto evadere come certi furbetti (tipo i siciliani). Sono veramente schifata di qusta cosa. Saluti………….Gabriella

  22. Chiedo se esiste un modo per metter fine con decorrenza immediata a questo schifo. A chi ci si può rivolgere? facciamo una raccolta di firme per promuovere un referendum ma che non vada poi a finire come quello (vinto con 98% dei consensi) sull’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti: Tale referendum dovrebbe avere poi valenza retroattiva in modo da non concedere alcuna scappatoia ai soliti furbetti.Ci sarebbero altre due o tre cosette da mettere al bando; ad esempio anche la scorta ai giornalisti, ai prelati, agli ex ministri ex alti ufficiali(ma chi se li piglia?)… e nel mondo dello sport (tutto) quando decidono di metter mano? Se e’ vero che i parlamentari sono nostri dipendenti, perchè non facciamo in modo da stabilire NOI popolo a quanto debba ammontare il loro stipendio in base alle presenze sul posto di lavoro ed ai comportamenti? Perchè non veniamo tenuti al corrente de quante e quali (dettagliate) sono le uscite per la spesa pubblica? Per finire, anche se questi argomenti fanno venire il voltastomaco,bravo Mario che almeno hai sollevato il caso
    saluti antonio

  23. Caro direttore, ho sempre apprezzato i tuoi lavori ed anche i tuoi interventi in TV, ma mi sa che il titolo di questo articolo “ci azzecca poco”.
    I colleghi che utilizzano o hanno utilizzato questa norma non credo possano essere additati di essere sanguisughe .. ma di chi ? e se mi consenti di che cosa?
    Stanno solo utilizzando una opportunità che gli viene offerta dalla legge in vigore; nessun abuso nessun sfruttamento da parte loro. Tu ben sai che le leggi sono fatte per essere rispettate, altrimenti si cambiano, ma questo è un’altro discorso!
    Semmai il problema è diverso fin dall’origine, cioè da quando hanno fatto la legge.
    E consentimi dov’erano allora tutti i politici che oggi si lamentano di tutto ciò? ed anche tutti i Giornali ed i giornalisti, che oggi accusano di essere “sanguisughe” generalizzando a sproposito ritengo su una categoria di impiegati, seri ed impegnati ogni giorno checchè se ne dica nel loro lavoro.
    Le colpe vanno ricercate altrove e ritengo che le vere sanguisughe sono altre persone; con questo titolo hai preso un grosso abbaglio.. non so chi ti ha consigliato..per quanto mi riguarda, per tutta la stima che nutro nei tuoi confronti per la serietà professionale che più volte hai manifestato, se posso permettermi è veramente fuori luogo!!
    Grazie per l’attenzione.
    Cordialmente.-

    Legis

  24. mio marito prendeva una pensione al 100% adesso ringraziando dio sta bene gli hanno dato il 75% con buone motivazione al lavoro con delle limitazioni Adesso lui prende115 euro al mese UN LAVORO nn ce l’ha pur essendo iscritto alle categorie protette Spesso mi vergogno di essere ITALIANA in un paese civile DOPO aver superato la malattia LO stato e le istituzioni ti abbandonano e ti fanno perdere anche la dignita

  25. Vorrei evidenziare la prassi consolidata per cui spesso pochi giorni prima del pensionamento si riconoscono avanzamenti di carriera.
    Ciò al fine di far conseguire pensioni più alte (con l’attuale regime retributivo) che’ tanto non saranno a carico dell’azienda “benefattrice” bensì degli altri contribuenti previdenziali.
    La consolazione dovrebbe essere che tanto presto si passerà al regime contributivo e quindi questa furbata non sarà più possibile (bisognerà inventarne altre).
    Questa a mio avviso è invece una doppia fregatura per chi si troverà con una pensione da fame con il regime contributivo, poichè lo dovrà proprio a questo tipo di raggiri che definirei veri e propri furti.
    Eppure basterebbe una leggina transitoria per cui ad es. non si tiene conto degli avanzamenti di carriera degli ultimi anni ai fini pensionistici, di modo che quelli validi peserebbero anche sul bilancio dell’azienda, che quindi li elargirebbe sicuramente in modo più parsimonioso.

  26. La legge che ha creato i baby pensionati , ormai non è più in vigore, ma la legge siciliana è in vigore attualmente.
    Che cosa penso delle baby pensionate/i l’ho scritto nel post della signora Bossi.
    Questa legge non ha consentito di andare in pensione solo alle trentenni, MA A CONSENTITO ANCHE ALLE PERSONE IN AVANTI CON L’ETA’ DI PERCEPIRE UNA PENSIONE.
    C’erano persone che avevano lavorato nei campi fin da bambini, ma senza contributi, poi erano riusciti a ottenere un posto come bidello o come uscere, ma, raqggiuti i limiti di età non avrebbero avuto gli anni necessari per godere della pensione.
    ABBASSO LA REGIONE SICILIA E TUTTI I SUOI INFINITI DIPENDENTI CHE NON SOLO SONO IN NUMERO INFINITAMENTE SUPERIORE, MA SONO ANCHE INQUADRATI CON DUE LIVELLI IN PIU’ RISPETTO A QUELLI DELLE ALTRE REGIONI.
    E io pago come diceva TOTO’!!!!!!!!

    • Giuliana,
      dal commento deduco ( 🙂 ) che ce l’hai su parecchio con i siciliani. Io sarei meno drastico, ma direi lo stesso a loro: “datevi da fare, come han fatto tanti siciliani qui a Milano e a Torino, che han messo su casa e famiglia partendo dal nulla, e senza aspettarsi l’aiuto da nessuno”.

  27. Apprezzavo già il suo lavoro in mediaset, puntuale ed imparziale, ovvio che con questa rubrica il messaggio è ben chiaro : BASTA ESSERE PRESI PER I FONDELLI ! Non si può andare avanti così, in Italia ci sono persone che non arrivano a fine mese ed alcune che in un mese prendono di pensione un intera vita di guadagni di un lavoratore normale, ma dove siamo finiti?
    Quello che mi preoccupa di più e che a pagarne le spese siamo noi giovani, IN TUTTI I SENSI, e sinceramente è una situazione che sta iniziando veramente a stancare, i figli non si fanno più (e chi le pagherà le pensioni fra 50 anni?) , i soldi per farsi una famiglia non bastano perchè il lavoro è precario e quei pochi lavori che ci sono li rubano !!! come hai scritto nel rapporto! i prezzi sono alle stelle, di tutto, i mutui stanno prendendo sempre più piede…e tra 20 anni ci ritroveremo con il …. rotto e senza ciliegie ! forse sarò pessimista, però è difficile pensare in positivo, non ci sono presupposti per esserlo.
    Tanti politici dicono di salvare l’italia, riforme …ect….ma quando mai??
    Qua va sempre peggio!!! e sembra che nessuno se ne rende conto, o gli fa comodo non rendersene conto!!!
    Hanno allungato le pensioni…ma si son resi conto che facendo così non esiste il ricircolo del lavoro???
    Basterebbero poche cose in Italia per vivere tutti armoniosamente ma sembra proprio che nessuno voglia adottare un tipo di politica che RISOLVA I PROBLEMI invece di moltiplicarli.
    Basterebbero pochi punti per stare un pelino meglio:
    – investire nelle università (ma farlo!! non parole!)
    – riportare in italia le fabbriche che son andate all’estero con incentivi (questa è stata la vera rovina, con milioni di posti di lavoro perso)
    – chiarezza sui prezzi dei carburanti (accise e chissà cosa altro)
    – investire nella sanità (troppi sprechi , troppi interessi)
    – APPALTI PUBBLICI CHIARI !!!!
    – premiare la meritocrazia!!!!
    – e poi se uno va in pensione deve smettere di lavorare!!!…….se continua a lavorare la pensione non la prende !!! perchè esiste gente che ha 2 stipendi e dei giovani che non percepiscono nulla o magari un tirocinio a 300 euro al mese, quando quello di 70 anni prende 2000 euro di pensione più 2000 di “consulenze”…..MA STIAMO SCHERZANDO.
    – carceri piene? in italia siam troppo buoni ! se uno commette un crimine…carcere duro! a vita, non diminuizione della pena ect….perchè a momenti stanno meglio loro!!!
    – diminuizione pressione fiscale se si può tranquillamente ottenere se solo venissero rivisti gli stipendi pubblici in tutta italia ( assessori, ministri..ect…)
    – in parlamento solo presone sotto i 60 anni! RICIRCOLO!

    CI SARA’ MAI QUALCUNO IN ITALIA CHE ADOTTERA’ QUESTA POLITICA?

    il fatto è che nel mondo , se hai i soldi ti puoi muovere oppure stai zitto !! e nel caso che ho citato prima CHI E’ CHE HA I SOLDI??? quindi noi giovani resteremo cazziati e mazziati…. e zitti subiremo in silenzio….

    perdonate lo sfogo … ma dopo che leggo certi articoli …..

    saluti

  28. MARSHALL,
    certamente non ce l’ho con i sicialiani, come non ce l’ho con i pugliesi, anche se in un post dove si diceva che la Regione Puglia ha aumentato i vitalizi dei consiglieri ho scritto qualche cosa tipo: sprofondasse la Puglia e tutti i suoi “onorevolini”.

  29. Salve a tutti ho letto alcuni articoli e cosi le varie risposte date da qualcuno che non ama le regioni del sud, precisamente la Sicilia. Visto che ho vissuto per 20 anni al nord e visto che oggi vivo in sicilia ho il dovere di dire che non bisogna essere cosi aggressivi con i siciliani, ma bensi con quelli che governano la sicilia, ma oltre questo sappiate che gli “Onorevoli” che voi incaricate a guidare il nostro Paese si FREGANO, dopo, mi sembra, 1 legislatura, una baby pensione, ma non finisce qui, perchè si fregano uno stipendio mensile di 10.000 euro minimo e il fuori busta? (lavoro nero)Bene io direi,prima di tutto i signori politici devono dimezzarsi lo stipendio in modo di poter dare ai bisognosi pensionati una dignitosa mensilità (dopo anni di lavoro) e inoltre ,direi di far sentire lo Stato in tutto e per tutto.Dico questo perchè i controlli previsti non vengono fatti come si deve e soprattutto un dipendente non può percepire una mensilità di, purtroppo, 650 euro. Vi sembra giusto? Ci sarebbe da dire tante cose di come si vive in sicilia, ma è meglio lasciar perdere.

  30. Salve a tutti ho letto alcuni articoli e cosi le varie risposte date da qualcuno che non ama le regioni del sud, precisamente la Sicilia. Visto che ho vissuto per 20 anni al nord e visto che oggi vivo in sicilia ho il dovere di dire che non bisogna essere cosi aggressivi con i siciliani, ma bensi con quelli che governano la sicilia, ma oltre questo sappiate che gli “Onorevoli” che voi incaricate a guidare il nostro Paese si FREGANO, dopo, mi sembra, 1 legislatura, una baby pensione, ma non finisce qui, perchè si fregano uno stipendio mensile di 10.000 euro minimo e il fuori busta? (lavoro nero)Bene io direi,prima di tutto i signori politici devono dimezzarsi lo stipendio in modo di poter dare ai bisognosi pensionati una dignitosa mensilità (dopo anni di lavoro) e inoltre ,direi di far sentire lo Stato in tutto e per tutto.Dico questo perchè i controlli previsti non vengono fatti come si deve e soprattutto un dipendente non può percepire una mensilità di, purtroppo, 650 euro. Vi sembra giusto? Ci sarebbero tante cose da dire di come si vive in sicilia, ma è meglio lasciar perdere fino a quando non cambieranno le teste dei politici.

    • perdonami , ma comunque una persona che sia del nord del centro o del sud che chiede soldi allo stato che sa che non gli spettano , tu come la chiami?

  31. e adesso che avete visto… come stanno le cose… gente che e’ in pensione non dopo 40 anni di servizio… ma a 40 anni… e altri che con pochi anni di servizio vanno in pensione e percepiscono 10 volte piu’ di un anziano che deve ….sopravvivere…. e’ proprio il caso di dire… con una pensione da fame… il sig Draghi… ma non solo lui dall’alto delle sue cariche… leggo che e’ anche gia’ pensionato…ma come fanno a chiedere di aumentare l’eta’ pensionabile. Se deve essere pensione a 40 anni di servizio deve esserlo per tutti.. per tutti… nessuno escluso… o meglio tranne per i genitori e familiari di disabili gravi. Andate a condividere sul link di Simona Bellini e amici, vi farete un’idea di come si vive con un disabile grave o con due addirittura … con il problema di essere arrivati a trenta anni di sevizio… e non poter andarein pensione per poter accudire il proprio familiare… http://www.facebook.com/pages/Coordinamento-Nazionale-Famiglie-di-Disabili-Gravi-e-Gravissimi/113097735445756 saluti e meditate…

  32. Non facciamo una questione tra nord e sud, anche se mi pare che la regione Trentino Alto Adige abbia una legge sui vitalizi dei consiglieri molto rigorosa.
    Ciò che ci racconta Mario GIORDANO sui dipendenti della Regione Autonoma SICILIA è vomitevole, però, anche in Piemonte non c’è mica da ridere. Le pensioni dei consiglieri regionali e delle vedove dovrebbero essere pagati con quanto viene accantonato dai contributi versati, ma non è così e la situazione è fuori controllo.
    Mi piacerebbe sapere quanto dobbiamo pagare per le pensioni dei nostri ex consiglieri, ma sono notizie riservate.

  33. Caro Mario,
    grazie per aver avuto il coraggio di scrivere il tuo libro. Io ho 35 anni e sono scoraggiata e spaventata…perche` oltre allo schifo e alla vergogna, e al lavorare ogni giorno per pagare le pensioni di queste sanguisughe (noi che non andremo mai in pensione o forse prenderemo meno del 40% del salario attuale), dobbiamo anche subire l’affronto che queste persone NON sono assolutamente fuorilegge…ma e` lo stato e la legge che le tutela…come posso aver fiducia nelllo stato e in chi governa? Gli stessi che tagliano la pensione alla nonna che vive con meno di 400 euro di pensione e non a loro stessi? Gli stessi che chiedono a noi giovani di fare sacrifici e se viviamo a casa dei nostri genitori ci chiamano bamboccioni…certo immagino che loro non li paghino gli affitti e forse non hanno neanche una vaga idea dei prezzi…e dei salari della loro popolazione che dovrebbero governare…evidentemente la matematica e` un opinione…
    come posso essere ottimista e guardare al futuro? Come posso avere il coraggio di mettere al mondo un figlio?
    Scusate il pessimismo ma veramente sono scoraggiata e indignata.

  34. Io invece che volevo lavorare dopo 20 anni di lavoro onesto .. mi ammalo oggi sono invalida vivo con una pensione di 250€ al mese poi dicono che gli invalidi bla bla bla…….. Paese osceno.

  35. Ho lavorato 21 anni come dipendente,5 anni come autonomo,sto continuando a pagare i contributi a una cassa per professionisti,ma non posso totalizzare tutti questi contributi,grazie ad una legge che non lo permette!questa è l’Italia dei privilegi e delle ingiustizie!Unica soluzione è la rivoluzione!!

  36. Sono Amareggiato e deluso, tutti i giorni ascoltiamo notizie infelici, ma sono fatti quotidiani e di cronaca, ma quando leggiamo di queste ingiustizie lagalizzate e che spaventano il nostro futuro e quello dei nostri figli, viene solo voglia di imitare tutte quelle persone che oggi nel nostro mondo stanno adoperndo maniere forti come la gurra per difendersi.
    ALLORA VERGOGNA SCHIFOSI SPERIAMO CHE TUTTO QUELLO CHE DEFRAUDATE VADINO SOLO IN MEDICINE!!!

  37. lA madre di tuti gli imbrogli pensionistici è
    LA LEGGE MOSCA 1974 (cercare su internet).
    E’ una legge targata PARTITO COMUNISTA E SINDACATI. Pare che tra i personaggi illustri beneficiati ci sia persino
    IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA.

  38. e’ una vergogna soprattutto per la gente onesta che si alza al presto mattino o non va a coricarsi perchè di turno. NON ANDIAMO PIU’ A VOTARE SONO TUTTI D’ACCORDO

    MIRCO

  39. Sono una dipendente pubb.ca indignata e “stanca” di questo ingiusto modo di operare scelte che penalizzano sempre i soliti…L’idignazione dovrebbe salire al punto di creare una vera rivolta dei lavoratori..onesti e stanchi di pagare per tutti….Come osano i nostri governanti corrotti e poco leggittimati chiedere che i sacrifici siano sempre gli stessi a pagare non hanno forse gia’dato..!!! Io con 36 anni di contributi non posso andare in pensione ,in questi anni oltre al lavoro mi sono curata fa famiglia.. cresciuto i figli.. accudito gli anziani….e mantenuto la schiera di giovani pensionati.Anche il mio era un diritto aqcuisito (andare in pensione dopo 19 anni) Perche’non si pensa a “decurtare” ciò che ingiustamente è stato elargito ? L’aspettativa di vita è uguale per tutti….per quanti anni percepiscono la pensione a fronte dei pochi lavorati? Vergogna a questo paese mal governato.. il governo non cade ..i parlamentari devono salvarsi la pensione!!!Se avessi xx anni “soffierei sulla brace e al vento”per trovare con altri giovani e..sarebbero tanti.. lotterei userei tutti i mezzi possibili e.. oggi sono tanti .. per volere veramente un cambiamento fattivo e reale …ragazzi non fatevi fregare il futuro!! la vita …non VI MERITATE TUTTO QUESTO!!!

  40. Chiedo scusa, rileggendo quanto scritto prima mi sono resa conto che la rabbia è tale da annebbiare la vista !!!! ho fatto alcuni errori ….credo che il senso di quanto volessi dire sia comunque chiaro!!!

  41. mi domando: “se tutte le regioni formano l’Italia, perchè devono esistere tanti diversi trattamenti per gli italiani?.

  42. I politici rovineranno completamente la terra sopratutto l’Italia dove esistano un esercito di persone con stipendi da capogiri e dove una massa che paga e sa dire solo vergogna. Uniamoci e facciamoli tremare. Loro non hanno paura se noi non andiamo ha votare fanno i cazzi propri. noi siamo forti e la miseria che loro ci stanno portando noi diventeremo ancora più forti tanto da buttarli fuori dalle loro poltroni. Loro non hanno faccia dignità vogliono solo ricchezza. mai aiutare chi ha veramente di bisogno. Poi essi vanno in pensione d’oro e ci prosciugano le nostre tasche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *