Parliamo di Dini? (Quelli che tagliano le pensioni. Ma solo degli altri)

Antonio Cielo, che ha comprato il libro (grazie!) e lo legge lentamente “per metabolizzarlo” (coraggio!), s’indigna perché quelli che prendono le pensioni sono quelli che normalmente ci fanno la predica. Ha ragione. E’ una delle cose che ha infastidito di più anche me, man mano che scoprivo le carte di questo scandalo. Fateci caso: tutti coloro che hanno sostenuto la necessità di tagliare le pensioni alla gente comune gode di pensioni d’oro: Giuliano Amato (31.400 euro lordi al mese, cioè 9363 come parlamentare e 22048 grazie a un meccanismo utilizzato solo da lui e pochi altri); Oscar Luigi Scalfaro (4766 euro netti per tre anni da magistrato che si vanno a sommare al vitalizio da parlamentare); Romano Prodi (tre pensioni per un totale di 16680 euro al mese); Carlo Azeglio Ciampi (due pensioni di Bankitalia più una dell’Inps (per oltre 30mila euro al mese). C’è un nome però che finora qui sul blog e nelle anticipazioni dei giornali non ha avuto molta fortuna, ma che sul libro  si è guadagnato un ampio capitoletto con molti particolari: Lamberto Dini. Ve lo ricordate il premier della riforma del 1995, quello che seppellì per sempre le rendite d’anzianità, etc etc? Ebbene prende due ricche pensioni: una da Bankitalia (circa 18mila euro al mese) e una dall’Inps (circa 7000 mila euro al mese) per un totale di 25mila euro, che poi somma con l’indennità da senatore arrivando a ricevere dalle casse dello Stato (anno 2008) la bellezza di 521.682 euro. E non è mica tutto, sapete? Il caso Dini merita di essere approfondito…

39 risposte a “Parliamo di Dini? (Quelli che tagliano le pensioni. Ma solo degli altri)

  1. e a me hanno negato la pensione per la sclerosi multipla perchè non ho raggiunto le 156 settimae contributive perchè lavorando per una cooperativa ho i contributi al 50%!!! grazie stato italiano dei paperoni d’oro, grazie!!!!

  2. Mah!Diciamo che ormai nn ci fanno più effetto,siamo abituati allo scempio.E cosa facciamo noi italiani?Nulla!!!Ci vorrebbe una rivoluzione,ma la verità è che nn siamo ancora alla fame e i politici lo sanno bene…ci lasciano quel “tanto” per tenerci buoni.

  3. Parliamo dei grandi dirigenti della pubblica amministrazione che arrivati all’età pensionabile (65 anni) chiedono di rimanere fino ai 67, richieste sempre accettate.
    All termine dei due anni di proroga arrivano immancabilmente ulteriori misteriosi incarichi, consulenze, capi di commissioni, di scarso interesse lavorativo ma, generosamente pagati,
    con uso di auto blu, autisti, megastanze e segretarie ad uso esclusivo.

  4. Oltre alle pensioni, ho captato giorni fa un’intervista a Radio24 Il Sole 24Ore di un giornalista che ha scritto un libro sulla Regione Sicilia: vanno in pensione anche se lavorano per un breve tempo, oltre a tutti i contributi che prende la Regione stessa che vanta un numero esagerato di geometri ecc. E TREMONTI LO SA.
    Purtroppo non sono riuscita a riascoltare l’intervista intera perchè ero capitata per caso su quell’emittente.

  5. La politica è diventata prevalentemente business cioè interesse personale. Aumenta nella gente sempre di più la diffidenza e la distanza nei confronti dei partiti e dei loro portabandiera nella misura in cui maggiore è nei fatti l’occultamento dei valori che la dovrebbero motivare.

  6. possibile che non si possa fare nulla per permettere ai cittadini di decidere su tutto ciò che riguardale retribuzioni dei politici?

  7. IL BELLO DI TUTTO QUESTO E CHE HANNO IL CORAGGIO DI FARSI VEDERE
    IN TV PARLANDO DI SACRIFICI DA FARE, MA PENSO CHE LA COLPA E’ DI
    QUELLI CHE GLI ASSEGNANO TUTTI QUESTI SOLDI, COMUNQUE GRAN BRUTTA
    GENTE, DICO CHE NON SI SALVA NESSUNO E’ TUTTA MONDEZZA UMANA
    TUTTO SI POTREBBE RISOLVERE AL MOMENTO DELLE ELEZIONI, MA PURTROPPO CI SONO ANCORA DELLE PECORE CHE GLI VANNO DIETRO E’ VANNO ANCORA A VOTARE.

  8. PURTROPPO LA COLPA E’ DI QUELLI CHE GLI ASSEGNANO TUTTI
    QUESTI SOLDI, E’ TUTTA GENTE DA METTERE NEI CASSONETTI
    DELL’IMMONDIZIA NON DOBBIAMO ANDARE PIU’ A VOTARE PER QUESTI
    PORCI.MA COME VEDREMO CI SONO ANCORA PECORONI CHE GLI VANNO
    DIETRO.

  9. io penso che i giovani a questo punto devono fare una sommossa come in Libia, far capire a questi porconi che stanno al governo di pensare solo ai loro interessi personali a cominciare dal capo del governo.

  10. Sono figlia di un ex M.M dei Carabinieri. Una vita di sacrifici, anni di attentati delle br, io e mia sorella vittime insieme a mia mamma di due attentati in Caserma.
    Come li chiama qualcuno, SERVI DELLO STATO, codesti, almeno una volta, davano il sangue anche per i più deboli. Oggi, ne esistono ancora di Carabinieri cosi, ma quello che resta di una pensione che a parer mio, dignitosissima, mi fa pensare che non sia nulla, in confronto a Parlamentari ex o attuali, che per i loro sporchi interessi e per i vari favoritismi mafiosi, percepiscono fior di quattrini a discapito di chi, come mio padre, ha dato l’anima in un corpo, quello dei Carabinieri che per me, resterà sempre nei secoli fedele. STATO MASSONE!

  11. Ingordi, falsi, famelici. Sono anziani, non si ricordano, non ci stanno, non si dimenticano certo di prendere tutti questi privilegi.

  12. Ingordi, famelici, falsi! Pontificavano, insegnavano, ora non si ricordano, non ci stanno! Non si dimenticano certamente di questi privilegi che si sono creati nella loro vita politica.

  13. Purtroppo sono cose che si conoscono.Nessuno fa niente però.Lamentarsi non serve a niente. Si dovrebbe organizzare un movimento atto a contrastare questo malcostume.Comunque è una vergogna. Altro che tagli al costo della politica……….
    perchè questi personaggi fanno l’impossibile per conquistarsi una poltrona? non certo per servire gli elettori……………
    Comunque,un’arma l’abbiamo: alle prossime elezioni non andiamo a votare-

  14. Una legge che mandi tutti a casa e che elimini i partiti, una legge che tolga i privilegi a questa casta di mangiasoldi, una legge che dia il potere al popolo in una vera democrazia come potra’ mai essere approvata da chi sa che facendolo andra’ a casa ??
    Questo e’ il vero problema da superare e purtroppo la risposta, ce lo insegna la storia, e’ una sola.
    Finche’ il popolo avra’ il fondo della pentola da grattare…. ma poi ??? Il fondo e’ gia’ visibile !!! Auguri Italia, 150 anni compiuti e non hai ancora imparato nulla !!!! Auguri.

  15. Io ho sempre pensato che non si potessero accumulare pensioni, ricordo infatti che mio padre dovette rinunciare alla pensione di agricoltore diretto perchè faceva cumulo con altra pensione anche questa maturata, fu anzi tenuto a rimborsare quanto aveva percepito per circa 6 mesi con il cumulo.
    Forse che ai Signori che ci hanno governato questa legge non debba applicarsi ?

  16. Cari lettori, ormai è chiaro tutti rubano o cercano il modo per farlo.
    La mia proposta è quella di far candidare una persona sconosciuta (ma istruita con un bagaglio di cultura) che possa sul serio fare qualcosa per noi italiani tutti e una volta finito il mandato e quindi ritornando al voto, cambiare la persona in carica…Perchè molto sicuramente quella che avevamo mandato precedentemente avrà imparato a rubare anch’egli.
    P.S.: non vedete la forma ma il contenuto e lo spirito di quello che ho scritto.

  17. …eppure secondo (molto più di) qualcuno, è l’attuale governo la causa di tutti i mali, l’attuale Presidente del Consiglio l’unico responsabile l’unico vero malfattore e vessatore; certo, commette i suoi errori, ma non più gravi di quelli commessi da altri (anzi, forse ne commette anche meno e minori).
    D’altronde si sente di personaggi precedenti che hanno alleviato le pene di boss mafiosi, ma solo gli attuali secondo alcuni sono mafiosi.
    Molta gente non bada ai fatti, ma solo a quello che gli si dice di credere, così se un partito che ha commesso errori ed illeciti madornali punta il dito contro la pagliuzza dell’avversario, nessuno guarda più la trave…

  18. proprio a Sig. Dini, complimenti !!!!
    ho lavorato 37 anni , mio marito 35, mai percepito assegni familiari,avendo avuto 2 figli,per il nido richiesta del 740 pagando il massimo della retta, così pure per la scuola ecc. Mio marito è deceduto e al momento della reversibilità mi sono state tolte ulteriori 400 euro mensili.
    Segnalai via e-mail anche al Ministro Brunetta, ma non ho mai ricevuto risposta. In fede, Lucilla

  19. Caro Mario Giordano,

    la domanda però è semplicissima: cosa possiamo fare? hai qualche idea in proposito? se non voti sbagli, se voti sbagli e quindi torniamo a capo con la mia domanda. Se mai un giorno deciderai di fare qualcosa, chiama e ci sarò! Valeria

  20. ci dobbiamo mobilitare tutti solo cosi si puo estirpare kuesta malerba e ristabilire la vera democrazia i gia sono pronto a scendere in piazza per farli emigrare ma a nuoto.

  21. continuano a chiudere Unità di pronto soccorso,posti agli ospedali per poter far rientrare la LORO spesa,perchè a tutti gli effetti questo famoso debito riguarda LORO. Per poter fare uno stipendio di un capo di qualsiasi apprtenenza occorrono dalle 5 alle 10 volte minimo dei nostri redditi,se poi moltipliche per tutto il territorio nazionale – consigli provinciali,regionali,comnali,asl,ogni direttore generale INPDAP prende solo di voce POSIZIONE DI RISULTATO 88.000 EURO,TUTTI I SENATORI ONOREVOLIE TANTE E TANTE CHE MI SONO GIà STANCATO.
    Il mio augurio è quello che a noi italiani si svegli quella coscenza di interventismo che ci contraddistingueva ahimè solo con le guerre,rischiamo noi dipendenti pubblici di no mangiare altro che arrivare a fine mese- forse a inizio mese.
    grazie miki

  22. Caro Giordano,
    mi complimento per la lodevole iniziativa del libro.
    Vedo però che, stranamente, lei tende a concentrarsi prevalentemente sulle pensioni d’oro del centrosinistra… dobbiamo credere che nel centrodestra prendano tutti la minima?

    Un po’ di onestà..

    • Legga il libro, si accorgerà che non è così. La prima recensione al libro è uscita sul “fatto”, quotidiano che non è per nulla di centrodestra, mi pare…

  23. ho 65 anni,mia moglie e morte e percepisco 467,00 € al mese,sono diabetico insulino dipendente,sono stato operato di Laringectomia totale.sono MUTO..ho passato la visita medica a novembre mi e stata riconosciuta il 100% d’invalidità pero ancora nn percepisco niente..a una mia E.MAIL all’INPS per sapere a che punto stava la mia pratica,mi hanno risposto dicendomi di Telefonare x sapere qualche cosa ….FORSE SI ERANO DIMENTICATI CHE SONO MUTO?
    Dimenticavo ad agosto devo andare a rifare la visita medica,io mi creda prego tutti i giorni Beato Karol Woityla che mi rifaccia ricrescere la Laringe la tiroide le corde vocali…ma la vedo abbastanza dura l’impresa….
    grazie Giordano.. almeno una persona che dice le cose veramente come stanno e faccia nomi e cognomi..

  24. CARO MARIO GIORDANO,SONO UN iTALIANA CHE PER 40 ANNI HA LAVORATO IN SVIZZERA ED ORA CI VIVO DA PENSIONATA,TI SEGUO DA MAURIZIO COSTANZO TOLK;
    IL LIBRO CHE STA PRESENTANDO DEV’ESSRE FORTE,PERCHÉ NON GUARDATE
    UN PÒ IL SISTEMA PENSIONISTICO ED IL SOSTEGNO SOCIALE CHE ADDOTTANO I PAESI FEDERALI COME É QUESTO PAESE?POI MAGARI LO FATE APPLICARE DALLA LEGA DI BOSSI CHE PREDICA TANTO IL FEDERALISMO!!!
    AUGURI PER IL CORAGGIO DI SCRIVERE DI CERTI ARGOMENTI,APPENA SARÀ
    IN VENDITA SU EUROCLUB LO COMPRERÒ.

  25. sono un cittadino silensioso che paga le tasse ho una famiglia composta da 4 persone ho fatto debiti per farmi una casa pago un mutuo da 20 anni io e mia moglie lavoriamo, fortunatamente ed a malapena riusciamo a fine mese anzi dobbiamo rinunciare a un milione di cose e sentire che i nostri politici di ieri o di oggi prendono pensioni doro mi viene di non essere più un cittadino silenzioso ma di iniziare a gridare e scendere in piazza per cercare non più bandiere di dx o di sx ma qualcuno che ci tuteli e purtroppo oggi non vedo nessuna luce in questo buio che schifo.

    • io penso che in uno paese civile nn dovrebbero accadere queste cose MIO marito ha fatto un trapianto e aveva la pensione al 100% adesso dicono che puo anche lavorare e gli hanno tolto la pensione senza provvedere ad inserlo nel mondo del lavoro iscritto alle categorie protette intanto io con il mio stipendio da 1000euro devo pagarmi un affitto e tutto quello che ce da pagare nn si riesce ad arrivare a fine mese e le spese si accumulano e questa gentaglia arraffa soldi dapertutto .IO sono una persona che confida tanto in dio e nella dignita di brava gente che esiste ancora

  26. FRANCESCA,
    a DINI non è bastato averle tagliate fino al 50%, vorrebbe eliminarle del tutto (le pensioni di reversibilità). Le nostre, ovviamente, mica quelle delle vedove dei parlamentari!!
    LAMBERTO DINI LE HO INVIATO UNA MAIL, ABBIA IL CORAGGIO DELLE SUE AZIONI E RISPONDA.
    QUARDI CHE LEI E’ PAGATO CON I NOSTRI CONTRIBUTI ED HA IL DOVERRE DI RISPONDERE!!!
    NON VORRA’ MICA FARE LA FIGURA DI COLUI CHE SCAPPA PER NON AFFRONTARE LA SITUAZIONE?

  27. Ho pagato contributi volontari raggiungendo il minimo prima della riforma Dini. Sono casalinga, ho 63anni mi danno centotre euro al mese di pensione perchè mio marito ha un reddito da lavoro dipendente di25.228euro annue. anche lui pensionato.Sapevo che avrei percepito una pensione minima ma l’importo che mi danno offende la mia dignità. Sono a vosra disposizione se vi interessa la mia storia.Luana Mannucci,via Alfredo Ascoli,45 57127Livorno (non sono comunista)

  28. X LUANA,
    la tua storia è simile a quella di altre donne che, a volte facendo grandi sacrifici, hanno pagato i contributi volontari nella prospettiva di avere una vecchiaia più serena.
    La somma che percepisci è veramente ridicola.
    Ho scritto in un altro commento che non è giusto che il responsabile dell’INPS MASTRAPASQUA, abbia la bellezza di 54 incarichi.
    Non è detto che egli voglia mettere un pò d’ordine nelle pensioni, ma qualora lo volesse fare non ne avrebbe proprio il tempo. 54 incarichi sono 54 incarichi, Sarebbe interessante sapere quanto tempo dedica all’INPS e quanto percepisce.

  29. Abbiamo fatto una scelta di campo, dopo 18 anni di ripetute ed inique riforme… ebbene sì, siamo nati come associazione per combattere attraverso una preponderante forza numerica: 25 milioni di italiani l’assurdo sistema pensionistico italiano ed i loro privilegi. Non abbiamo la pretesa di risvegliare le coscienze di questi milioni in un batter d’occhio, la strada è lunga, abbiamo appena iniziato… L’IMPORTANTE E’ AVER CAPITO CHE COSI’ COME E’ IMPOSTATA LA PREVIDENZA, ESSA NON PUO’ FUNZIONARE ED E’ INACCETTABILE CHE A PAGARE SIANO GLI ALTRI! Iscrivetevi numerosi sul nostro sito: http://www.pensioni.beepworld.it

    • E’ giustissimo quanto dici, la previdenza così non può funzionare ed è inaccettabile che a pagare siano gli altri.
      Le pensioni che rappresentano la maggior vergogna dell’Italia sono quelle determinate dalla LEGGE MOSCA 1974.
      Sembra che i pensionati di questa legge siano circa 40.000 e tra essi ci “sarebbe” anche IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA.
      Purtroppo i giornali non ne parlano:” tutti zitti e mosca”.

    • Ciao,

      vedo che hai raccolto molte informazioni nel tuo sito, però vedo che la partecipazione è stata scarsissima, quasi inesistente.

      Sarà mica per questo che continuano a prenderci per il culo ? tutti sempre pronti ad indignarsi e puntare il dito poi, se c’è da fare un minimo e partecipare… il vuoto totale !!

      Allora la colpa di questa situazione di m… di chi è ?

  30. DINI, tagliando le pensioni delle vedove, ha creato gravi disagi a chi è rimasto solo.
    Dall’alto della sua pensione Bankilia di 18.000 euro mensili più 7000 della pensione INPS, più lo stipendio da parlamentare se ne frega altamente dei nostri commenti e, a differenza di AMATO, che almeno mi ha risposto, DINI non ha risposto alla mia mail con la quale facevo delle proposte concrete per le pensioni di reversibilità.
    LAMBERTO DINI, lei se lo guadagna lo stipendio da parlamentare??????

  31. Ho fatto una domanda a DINI e mi do anche la risposta.
    NO, DINI NON SI GUADAGNA LO STIPENDIO, quindi dovrebbe stare tra la metà dei parlamentari da eliminare
    LAMBERTO DINI, sarebbe gradito sentire il suo parere.

  32. Pingback: Lo Stato siamo noi? Molti non ci credono più. | TrevisoBlog

  33. A Dini prima di dargli un calcio nel culo gli griderei in faccia, che è troppo facile fare il frocio col culo degli altri.
    Non è fine ma rende l’idea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *