Sostituisce italiani con immigrati: promosso tra i potenti della Terra

Chi è quell’uomo vestito di bianco che appare accanto a Domenico Lucano? Il Papa. E quella donna con tailleur e sguardo duro? Angela Merkel. Se non li conoscete, pazienza: l’importante è che sappiate chi è lui, Mimmo detto U’Curdu, sindaco di Riace, ridente paesino della Calabria con meno di 2000 abitanti, improvvisamente assurto agli onori del pianeta e inserito nella lista dei 50 uomini più potenti del mondo. Accanto a Papa Francesco, per l’appunto, a Angela Merkel, a Bono degli U2, a Aung San Suu Kyi e all’ad di Apple Tim Cook. La rivista che ha effettuato la coraggiosa scelta è la prestigiosa Fortune.

Anche se, per la verità, sembra più roba da Settimana Enigmistica. Rubrica: «Dov’è l’errore?».
E come può il sindaco di Riace essere potente come la Merkel e il Papa? Come può piazzarsi 40esimo in classifica davanti al primo ministro del Canada o ai gestori della milionaria fondazione di Bill Gates?
Come può essere l’unico italiano preso in considerazione da cotanta rivista? Che cosa fa di così fondamentale? Semplice: ha ripopolato il suo paese sperduto sulla Locride aprendo le porte agli immigrati. Avanti c’è posto: da quando è sindaco ne ha già accolti 6mila; oggi sono circa 400, un quarto del totale degli abitanti del paesino. I quali, per altro, evidentemente non trovano di meglio che andarsene altrove. Compresi i figli del sindaco, che come confessa lui stesso, studiano a Roma. E la moglie, che vive a Siena.
Dunque la ricetta è chiara: cari sindaci, se volete diventare anche voi importanti nel mondo, se volete insidiare l’ad di Apple e Bono Vox, se volete essere presi in considerazione dalla rivista Fortune, smettetela di pensare ai vostri cittadini.
Fateli emigrare. E sostituiteli con gli immigrati. Non è meraviglioso? Poi quando vi intervistano parlate di «società multietnica», «turismo dell’accoglienza», «fratellanza», «pace», e «utopia della normalità». Ripetete che gli «immigrati sono la soluzione alla crisi», mettete qua e là un po’ di «linfa vitale», «integrazione», «le loro istanze» e «meccanismo di solidarietà collettiva». E il gioco è fatto: il vostro paese sarà diventato un pezzo di Terzo Mondo, i vostri concittadini saranno emigrati, l’invasione straniera dell’Italia avrà un dichiarato avamposto. Ma vuoi mettere che soddisfazione, la classifica dei top 50?
Mimmo U Curdu, ovviamente, è un figlio del Sessantotto, come racconta lui stesso a Repubblica. «Sognavo la costruzione di un mondo migliore», dice. E chissà se il suo paese in mano agli immigrati fa parte di quel progetto. Comunque all’accoglienza ci è arrivato per caso: alla fine degli anni Novanta era un gran sostenitore della causa curda, ricordate il Pkk e Ocalan?
Di qui gli arrivò il soprannome U’Curdu: quando nel ’98 sbarcò sulle coste un veliero pieno di curdi in fuga, lui ovviamente aprì le porte pensando ad Ocalan. «Di lì è nato tutto». Da quel momento, infatti, decise di erigersi a paladino degli immigrati.
Curdi, afghani, camerunensi, ivoriani, senegalesi, non fa differenza: chi guida il carretto degli asini? Chi cura le aiuole? Chi gestisce la panetteria? Chi pulisce la spiaggia? Chi raccoglie le olive? Tutti stranieri. «È il modello della città futura», dice lui. Meraviglioso: il modello città italiana futura è senza italiani. Top 50 del mondo, e olè. Il progetto, naturalmente, ha entusiasmato la gente chic.
Wim Wenders ne è innamorato e ci ha girato un film. Laura Boldrini qui è addirittura cittadina onoraria. È stata la prima a complimentarsi con Mimmo U’Curdu: poteva essere altrimenti? Pare che la segnalazione per Fortune sia partita da una studentessa che ha fatto una ricerca da queste parti.
O forse da una tv americana.
Non importa. Quel che conta è che la rivista Fortune ci si è buttata a capofitto pur di elaborare la pregiata graduatoria, la classifica du jour, l’hit parade della minchiata quotidiana. È noto, infatti, che ogni giorno bisogna sfornare la top ten dell’idiozia planetaria.
Com’è classificata oggi l’Italia in felicità? 50esima dietro l’Uzbekistan. E il cibo più pericoloso del mondo? Il casu marzu della Sardegna, dopo il cervello di scimmia e le vongole di Shanghai. E il trattamento di bellezza più strano? Il balsamo allo sperma di toro, ma dopo l’antiruga alla bava di chiocciola.
Giuro che queste ultime sono classifiche uscite davvero negli ultimi giorni. Ne detengo la prova cartacea. C’è anche la classifica dei piatti più costosi del mondo (meloni yubari e angurie nere), quella delle gare più bizzarre (gara di alluce di ferro e a chi mangia più scarafaggi), le feste più strane, le strade più pericolose e le attività più incredibilmente legali (fra cui lanciare missili veri e inviare in giro la foto del proprio pene).
E poi le classifiche dei luoghi più attraenti, quella dei luoghi più spremuti, quella dei luoghi più allucinanti, persino quella dei luoghi più maleducati, poi gli uomini più interessanti, le donne più rifatte, i bambini più viziati, gli anziani più rincoglioniti. E avanti il prossimo, tanto chi verifica?
Una classifica non si nega a nessuno e può dire tutto: che il massaggio al cactus è il più ricercato del mondo, che il Nicaragua è un Paese felicissimo, che la rana toro della Namibia è un piatto assai prelibato. E che il sindaco di Riace è potente come il Papa e come Angela Merkel perché, dopo aver perso le meravigliose statue del V secolo avanti Cristo, pescate in questo paese e subito trasferite a Reggio Calabria, ha pensato di farsi invadere dagli immigrati. E se ne vanta pure. Si capisce, no? C’erano una volta i veri bronzi. Adesso, al massimo, qualche faccia di.

Tweet about this on TwitterShare on Google+1Share on Facebook0Email this to someonePrint this page

23 risposte a “Sostituisce italiani con immigrati: promosso tra i potenti della Terra

  1. intanto bisognerebbe sollevarlo dall’incarico di sindaco, un sindaco vero deve guardare prima al benessere dei suoi cittadini e non gli immigrati……, quello che è peggio che alcuni concittadini sono stati costretti ad andarsene via dal proprio paese per lasciare il posto agli immigrati!!!!
    Ma non si vergogna???? ma siamo veramente alla frutta….. che schifo

  2. cara francesca guardi che lui guarda anche al benessere dei concittadini perché grazie a lui le botteghe e i negozietti del paese vanno avanti e c’è un giro di soldi.lo dico perché vivo in un paese accanto e so la situazione. Preciso inoltre che nessun concittadino è stato costretto ad andarsene perché il paesino è vuoto e quindi lo popolano questi immigrati e kmq se vanno via da RIACE e perché in calabria non c’è lavoro non di certo per il sindaco.io nn voglio difendere nessuno ma siccome conosco il paese e la situazione voglio rispondere. scusi l’intromissione

    • Cara Piccina, nelle considerazioni fatte dimentica i contributi che ciascun immigrato riceve dalla collettività, pagati da noi in alternativa a investimenti e servizi. Non si lamenti se in Calabria manca il lavoro: niente investimenti produttivi più mafie locali, cosa pretende? Vada a visitare il paese in questione tra qualche anno e ci faccia sapere il bello delle sue botteghe e negozietti, dopo che avremo finito di finanziare la festa. Cordialità

  3. Cosa ci potrebbe essere di più vergognoso di un cittadino italiano, per giunta sindaco, che dà la priorità agli stranieri, infischiandosene se i suoi concittadini sono costretti ad emigrare? Vergogna “Signor” sindaco!

  4. La cosa assurda è che questo presunto “miracolo” avviene con i soldi degli italiani. Per la serie: milioni investiti per l'”integrazione” e riservati agli immigrati. Per i giovani del posto zero, per gli immigrati tutto, lavoro, casa, mediatori culturali. C’è da stupirsi se i primi fuggono e i secondi restano? Sarebbe bello provare un altro esperimento: dare i soldi agli italiani. Scommetto che anche una coppia locale non fuggirebbe alle stesse condizioni!!! In ogni caso, chi l’ha eletto se lo merita.

  5. Proprio ieri 06.04 su la vita in diretta con i suoi ospiti (credo che vivessero sul paradiso terrestre)si e’parlato su questo argomento.E devo dire che per le due giornaliste era scontato che parlassero del sindaco in modo cosi angelico .Diverso mi sarei aspettato dal sign.giornalista,seguendolo spesso in tv mi e’sembrato che si siano messi d’accordo.Questo mi dispiace avendolo sempre reputato una persona diretta e incondizionabile.

  6. Ho letto con attenzione ed in genere Giordano ha una penna tagliente e precisa come in questo caso. Resta il fatto che, a mio avviso, dovremmo evitare il contrasto italiano/immigrato che sta diventando come il giusto/sbagliato…insomma una contrapposizione che crea divisione e tensione. L’immigrazione è un fenomeno sociale importante. Il problema di oggi è che queste persone non siamo in grado di “assorbirle”, loro si sentono rifiutati e cresce una rivalità assurda. Forse, più semplicemente, comincerei a scrivere quanto costa un piano di integrazione, salvataggio ecc. qui da noi da confrontare al costo da sostenere nel loro Paese se possibile o comunque nell’immensa estesa del continente africano, con terre da coltivare ed una quotidianità semplice e dignitosa da poter vivere. Che questo porterebbe ad una riduzione della nostra ricchezza che si potrebbe anche tradurre, almeno in parte, in meno sprechi. Grazie per lo spazio che vorrete dare alla mia opinione.

    • Finalmente un’opinione intelligente, senza partiti presi. Grazie. Ma io vorrei anche ricordare a questi che ce l’hanno tanto con gli immigrati che siamo
      stati immigrati anche noi , in America per trovar lavoro e più recentemente durante la guerra per salvare la pelle. Ma abbiamo la memoria corta e ci piace anche prendercela con qualcuno.

  7. magari prende pure i soldi dell’accoglienza immigrati un bel affare 35 e a persona stiamo mantenendo un sorta di paradiso comunista finanziato da tutti noi

  8. non capisco come mai Dio si accanisca da secoli contro gli italiani, forse perchè abbiamo dato casa al Papa? Il sindaco di Riace è uno degli italiani che vorrebbero vedere morti tutti gli italiani, da sempre vittime delle ideologie politiche, dai tempi di Giulio Cesare: 135.000 morti attorno ai fatti politici del Rubicone, però qualcuno ha fatto fuori lui!!. Quanti gli italiani uccisi nel medioevo dai Lanzichenecchi, dai Francesi, dagli Spagnoli, dagli archibugieri svizzeri, chiamati dai principi locali, dai Guelfi, (Italiani) contro i Ghibellini anche loro vergognosamente italiani. O un Garibaldi mercenaio in busta paga dei francesi Savoia, che diedero la concessione del Giornale di Napoli a Victor Hugo per raccontare le palle del sogno dell’Italia libera “Savoia”, e tacere gli assassinii, diede in cambio 900 pistole e casse di munizioni! In premio divenne “Eroe dei Due Mondi”. … e in tempi più recenti gli istriani “italiani” finiti nelle foibe”? gli italiani nell’Unione Europea chi li ha voluti e ci ha raccontato che era la nostra salvezza? Allora il cambio era di 156 lire per un marco.tedesco, oggi con l’euro il cambio è di 960 lire per un marco! Il sindaco di Riace per i suoi meriti
    anti-italiani, avrà un vitalizio pagato con la pensoine dei
    “lavoratori italiani”.. baciamo le mani ai nostri padroni nascosti dietro le bandiere delle ideologie politiche. Eppure gli italiani sono sempre grandi, basti pensare che dopo tutto questo oggi oggi l’Italia ospita: 4.588 musei e collezioni, 3.000 castelli e torri, 500 monumenti e complessi monumentali, 240 parchi archeologici e 10 storiche
    città ideali aperti ai pubblici di tutto il mondo, senza contate i siti dell’Unesco… per non dimenticare che nel cortile della Pinacotea di Brera hanno dedicato una statua nuda del Canova a un certo Bonaparte nato in Corsica (ex-Italia) perchè si era fregato una valanga di opere d’arte italiane.
    Viva l’Italia!!, ma chi sono gli italiani?

  9. “la rivista che ha effettuato….” o affettato ;o)
    ormai ognuno può fare e dire quello che vuole, solo i nostri commenti, a volte senza capire il perchè, vengono imbavagliati.tanti posso dire tutto e di più,ma un comune cittadino non può dire che la globalizzazione è un fallimento, che ognuno dovrebbe stare a casa sua e non interessarsi degli altri perchè poi gli si ritorce contro, aiutiamo i profughi, loro non si aiutano pretendono e senza fare di tutta un’erba un fascio, sono pure prepotenti, arroganti, tutto è loro dovuto. Poi naturalmente ci sono le brave persone, ma chissà perchè a pagare,non parlo di soldi, siamo sempre noi.
    questo sindaco, bravissimo ha trovato il sistema per emergere dalla massa. mi piacerebbe vedere come la vive lui e la sua famiglia, ha ospitato o assunto qualcuno a casa sua o nella sua azienda, se ha una attività?

  10. ma ancora non lo avete capito?
    Questo è tutto organizzato dai potenti del mondo e queste personcine sono solo delle teste di legno, sono sotto ordinazione.
    Vogliono de derazziare la razza bianca e farla meticcia per creare un popolo piu facile e malleabile alle sottomissioni, allo schiavismo al dir si signore a perdere l’identità ecco il disegno e ci stanno riuscendo, noi siamo gli ultimi….

  11. Venite a vedere come si vive dove abito io in periferia a Milano marocchini algerini egiziani tunisini a tutte le ore che spacciano droga e’ un supermercato!!! Hanno raggiunto una pericolosita’ sociale oltre misura e fuori controllo dalle forze di polizia che non si rendono nemmeno conto dell’aggressività di queste organizzazioni che gestiscono in totale autonomia anche il traffico di droga…il bello e’ che prendono pure assegni sociali e le loro donne si rifiutano di imparare la lingua italiana…però alla Caritas sono la maggioranza di questi musulmani che vanno a scroccare…io sono invalido disoccupato ho pure servito nelle forze armate e non ho mai preso una lira da questo paese dove i criminali al governo camminano sull ignoranza e indifferenza di buona parte degli italiani senza palle.

  12. Vorrei entrare pure io in quella lista?, l’uomo che a 43 anni viene considerato troppo vecchio per lavorare o avente troppa esperienza nel suo campo!!!!!!!!!!!!!. Quindi la mia soluzione sta nel viaggiare nel tempo e tornale ad avere 23 anni?, non credo basti!!!!!!!!!!!!…………….sarei ancora troppo vecchio!, anzi!; poca esperienza lavorativa!. Scusate?, qualcuno mi può indicare ove si trovi la macchina del tempo più vicina?……………..poi il viaggio lo pago in lire o euro?, che paese siamo è?…………..fantastico!!!!!!!!.

  13. Riace o paesi come Monasterace Marina o Superiore ove sorge dimenticato da tutti e pure da sgarbi………………..il tempio di kaulon!!!!!!!!, ora ridotto a s’è stesso come la maggior parte della calabria!. Questo tempio è da preservare e avendolo visto con i miei occhi sarebbe grande dimostrazione di culture antiche. Ma come al solito non interessa a nessuno e quindi viene lasciato mangiare dall’erosione + l’avanzamento delle acque ioniche!…………….Salviamo e diamo luce a splendidi murales colorati!!!!!!!!!!!!!!……………..lo chiede uno di bergamo ma che in calabria c’è stato e sposato con mezza calabrese ahahhahahahahah.

  14. Io mi chiedo e domando se tutta quest’immigrazione abbia portato davvero benefici, se il mescolarci sia la soluzione per contrastare i nostri problemi di crescita, perchè a noi tutti è lampante come nelll’ultimo decennio la nostra società italiana (ed occidentale in senso più esteso) sia invece drasticamente peggiorata.
    Perchè dobbiamo perdere la nostra libertà, tradizioni, cultura, SICUREZZA ed i nostri soldi per educare gente che vuole vivere ancora con regole medioevali e non vuole adattarsi alle nostre?
    A questo “sindaco” sarebbe utile vedere un bel filmato sui danni che in natura avvengono quando inserisci specie aliene in ecosistemi differenti.
    Non è molto differente da quello che noi, nella quotidianità di europei, siamo obblgiati a sopportare ogni giorno: la distruzione della nostra cultura per arricchire pochi (magari anche sindaci) che dietro l’immigrazione speculano.
    Io cambierei città pur di non avere un tale sindaco.

  15. parole dette a casaccio. da gente che non sa nemmeno dove è riace. evitate almeno di parlare e di scrivere. fareste sicuramente più figura.

  16. Io mi vergogno di essere italiano ! Non teniamo conto dei nostri ragazzi e elettorale elogiamo se una volta tanto uno straniero fa una cosa buona! Io sto in Toscana e qui non si vive più dai continui furti nelle abitazioni bisognerebbe pensare di più a noi stessi perché siamo sull’orlo del baratro! Voglio vedere dove andiamo poi a chiedere asilo noi quando qui saranno loro a comandare e a cacciarci ! Poveri illusi gli italiani stanno buttando via milioni di Euro destinati ai nostri giovani ed esodati per riempire tasche di amministratori compiacenti e Rossi e noi non facciamo nulla ! Scusate il mio sfogo ma a 47 anni sono deluso!

  17. Il prossimo sindaco di Riace sara’ un Curdo vero e piano piano arriveranno a Roma. E’ importante che le nuove generazioni restino in Italia per formare la nuova classe dirigente altrimenti tra qualche anno saremo governati da extraeuropei e allora saranno dolori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *