18 risposte a “Mancano meno di 20 giorni all’uscita dell’esplosivo libro inchiesta. Ed ecco in anteprima per voi la copertina

  1. solo chi è in mala fede non lo ha ancora compreso.
    La storia d’Italia è piena delle porcherie fatte dalle COOP e,anche se venute a galla, mai perseguite giudizialmente.
    Poletti ci spieghi il suo operato e le sue collusioni

  2. non mancherò di leggerlo . Tutti i furti sono da condannare, ma riempirsi le tasche con il business degli immigrati non è accettabile : VERGOGNA !
    E quando vengono scoperti quanto tempo occorre per condannarli ????

  3. Spero fortemente che vengano fuori i nomi dei collusi e che Giordano non si fermi o non venga fermato, anche
    se pestera’ i piedi a qualcuno,
    ” SANGUISUGHE ” INSEGNA .E. CHIARISCE IN CHE SPORCHE. MANI. SIAMO.

  4. Accoglienza Profughi –
    Sul Reader’s Digest, mensile pubblicato in Svizzera in lingua tedesca, edizione di Settembre 2015, si legge che i reclutamenti ed i soccorsi in mare dei clandestini vengono organizzati da un prelato di origine africana, residente in Vaticano, il quale, vista la mole di lavoro, sicuramente ha dei collaboratori all’interno della struttura, da dove gestisce i movimenti migratori dall’Africa verso il nostro paese.
    Il suo numero di telefono satellitare è esposto in tutti i campi di reclutamento, nei punti strategici di tutti i paesi del Nord-Africa e persino sui barconi che vengono utilizzati per la traversata.
    Da quel numero riceve le chiamate dei richiedenti asilo e, ad ogni richiesta, organizza gli imbarchi e, all’occorrenza, i soccorsi per i tanti naufragi direttamente dal Vaticano, per poi scaricarli tutti nel nostro paese.
    Non solo, si legge che il “buon pastore”, come viene chiamato, si stia attivando per promuovere l’accoglienza dei presunti profughi in tutti gli altri paesi d’Europa..
    Nello stesso articolo si evidenzia che il prete sia stato nominato a candidato al Nobel per la Pace per il 2015.
    L’articolo è scritto in forma umanitaria, per cui lascio a voi giudicare su chi ricade la responsabilità di quei tanti morti che avvengono in mare, chi sono i loro complici ed in quali mani è finito il popolo italiano.
    Da non dimenticare che gli invasori non arrivano solo via mare dall’Africa, ma anche via terra e comodamente via aerea dagli altri continenti.
    – La Voce Del Dissenso –

  5. Per ogni profugo che arriva con i barconi ci sono almeno 5 persone familiari (dicono loro) che si ricongiungono in Italia. Per richiedere il ricongiungimento, c’e’ una procedura iniziata dal paese richiedente, dove i controlli prescritti non vengono effettuati. Di questo nessuno ne parla…..

  6. OTTIMO…Italia meschina dietro ad un governo ladro che sfrutta ogni occasione per arricchirsi e pubblicizare pietose immagini tramite la rai ladra e disonesta piena di lecchini vedi benigni e per ultimo frassica a sanremo, che schifoo.
    Bravo Giordano sarò uno dei primi a comprare il tuo libro..

  7. Se potessi ti alzerei un altare caro mio ti vedo spesso da quel capicollo di Del Debbio e mi piaci tantissimo specialmente quando ti attacchi a quello scimmione di sinstra nero adesso mi sfugge il nome bravo continua cosi Grande. Un abbraccio Pino..

  8. Senza nulla togliere alle notizie che ci dà Giordano, io temo che la causa del male sia più profonda ed estesa. A mio avviso, l’immigrazione è promossa dalle superpotestà, finanziarie o religiose, che ne vogliono precisamente gli effetti: rottura della coesione nazionale, indebolimento delle strutture statali, guerra tra poveri, disfunzionamento dei pubblici servizî e alfine collasso dello stato sociale. Donde, il pieno ripristino della legge della giungla e la concentrazione estrema della ricchezza, mentre le masse, proletarizzate e insicure, torneranno a rifugiarsi nella religione i cui ministri riacquisteranno prestigio e potere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *