QUANTE SCIOCCHEZZE DICONO I SAGGI SUI COSTI DELLA POLITICA

1)      Il finanziamento pubblico ai partiti va bene.  Anzi: è “ineliminabile”.

2)      I partiti devono godere anche di  altri privilegi: sgravi fiscali robusti per chi li finanzia e accesso gratuito ai locali pubblici.

3)      Il finanziamento ai gruppi parlamentari deve rimanere ma non diventare una “forma di finanziamento ai partiti” (e come? Valloasapere).

4)      I costi della politica li controlla la Corte dei Conti, con l’unica avvertenza che bisogna “uniformare i criteri di controllo” (avessi detto).  

Saranno pure saggi, questi saggi, ma a me pare che dicano un sacco di sciocchezza. Almeno nel capitolo sesto, quello dedicato a “regole per l’attività politica e per il suo finanziamento” (pagine 24-26) della relazione sulle riforme istituzionali, beh, le soluzioni proposte sono pressoché nulle e le banalità invece molte. A cominciare proprio da quell’”ineliminabile”. Viene giustificata così: bisogna salvare la “correttezza della competizione democratica e evitare che le ricchezze private possano condizionare impropriamente l’attività politica”. Insomma la solita scusa: se i partiti non prendono soldi pubblici finiscono nelle mani dei soliti noti. Come se il finanziamento pubblico avesse garantito finora il perfetto funzionamento democratico e la trasparenza…

Non diciamo scemenze: l’unico modo per rendere i partiti democratici e trasparenti è quelli di affamarli, togliere loro ogni finanziamento pubblico e costringerli ad andare a conquistare finanziamenti dai loro sostenitori. Si vuole evitare che i ricchi prevalgano? Basta mettere un tetto ai contributi. Massimo contributo possibile: 50mila euro. Oppure 100mila euro. Oppure 30mila euro. Vuoi i soldi? Conquistali con la forza delle tue idee. Non con il furto di una legge che palesemente viola, in nome della democrazia, la volontà popolare espressa con referendum…

Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Facebook0Email this to someonePrint this page

7 risposte a “QUANTE SCIOCCHEZZE DICONO I SAGGI SUI COSTI DELLA POLITICA

  1. Francamente pensavo che c’era un limite alla bestialità umana, ma vedo c’è sempre da imparare!
    I “dieci saggi” di re Giorgio sono la conclusione, penosa, di una era politica costruita sull’inganno che ha regolamentato le nostre vite e sulla falsità delle ideologie dei partiti che mentre proferivano belle parole davanti alle telecamere delle tv, dietro le quinte inciuciavano e agivano contro chi, ad oggi continua a pagare vertiginosi stipendi, benefit e vitalizi d’oro. Questa gente, queste vecchie ideologie, in stile prima repubblica e perché no, anche seconda, devono mettersi bene in testa che sono fuori dal concetto di politica moderna. Basta, avete fatto la vostra epoca, vi siete riempiti le tasche a sufficienza ma dovete immediatamente fare i bagagli e alzare ii tacchi! Altrimenti la gente non tollererà più neanche i “giusti”, altro che “saggi”!
    Dunque, non posso credere che dopo aver visto il fondo del barile, ci sia ancora di peggio. Ed essendo ottimista (e forse sbaglierò) credo che le prossime e vicinissime elezioni, potranno spazzare via le nuvole nere che in questi ultimi tempi hanno solamente portato pioggia e fulmini sopra le nostre teste.
    Mi auguro che prestissimo arrivi il bel tempo, per i nostri figli per le generazioni future, che stanno vivendo questa “guerra” per poter crescere con la fierezza di essere Italiani.

  2. PDL e PD co i loro oltranzismi che tanti guai hanno causato al Paese (l’oltranzismo sfugge alle proprie responsabilità e nasconde le proprie “magagne”) sono finalmente arrivati ad un vicolo cieco, perchè si puo’ pensare di rimandare le soluzioni ma non per sempre perchè prima o poi i nodi vengono al pettine. Con le rispettive demonizzazioni ci han voluto far credere che la colpa di tanta ignavia fosse dell’altro. Oramai il gioco è finito e ciò che loro credono una via d’uscita ovvero nuove elezioni si trauterà in un boomerang le cui vittime saranno proprio loro…..

  3. Non bastanoil PD e il PDL con tutti i loro lecca culo a far naufragare quello che rimane in piedi dellITALIA ora anche re GIORGIO NAPOLITANO prende per il culo il popolo italiano con i suoi saggi che non hanno detto niente,anzi qualcosa lhanno detta:che ipartiti devono prende i soldi e se qualcuno è inelegibile lo devono dire i giudici il resto tutte chiacchiere.IL vecchio marciume continua ha litigare per la spartizione delle poltrone e non sono daccordo neanche sui loro inciuci,intanto il paese va affondo,la gente continua ad uccidersi.Sono passati due mesi dalle votazioni e nessuno dei porci che tutte le sere parlano nelle varie TV si vergognano:fate solo schifo.UN messaggio a questi signori:dopo lo schifo che state facendo per cortesia non vi presentate con PRODI,DALEMA,AMATO FINOCCHIARO,MARINI,BERLUSCONI,nomi per la pres.del POPOLO gente IMPRESENTABILE:…..farete veramente VOMITARE.

  4. Secondo me i cosidetti saggi hanolo stesso quoziente d’intelligenza dei nostri politici,cioe’lo stesso di un’ameba. E’solo una congerie di furbacchioni col
    pelo sullo stomaco e il cervello nell’ano

  5. Ho sentito, in una nota trasmissione televisiva, della mega cena organizzata dal Pdl in Puglia con gente che ha pagato mille euro per cenare col Cavaliere ed i suoi adepti (alla faccia di chi si suicida perché non arriva a fine mese). Quando hanno chiesto ai vari politici intervenuti se avessero pagato per cenare tutti hanno risposto: “siamo ospiti”. Hanno cenato a sbafo. Il Pd ha invece organizzato una manifestazione nella periferia romana dove a partecipare molti erano pensionati. Sono gli stessi che poi piangono perché non arrivano a fine mese ma ciò nonostante continuano a votarli. Dalle interviste tutti erano contro Renzi e contro l’inciucio. Poi però se non si fa il governo è colpa di Grillo. Sempre nella stessa trasmissione, gli intervenuti in studio (giornalisti) non hanno, come al solito, perso l’occasione per denigrare Grillo e il suo movimento. E’ evidente che se il sistema politico attuale crolla i giornali di partito perdono i finanziamenti (alla faccia della libertà di stampa). Che schifo mi vergogno di essere italiano.

  6. Ma che saggi questi sono 10 arraffoni, come Napolitano,che non ha dato il consenso a fare un governo m5 stelle perchè gli avevano già promesso che gli tagliavano lo stipendio di un bel pò.Ma pensa i 10 saggi son 10 VOLPONI della VECCHIA VECCHISSIMA MERDISSIMA E DISTRUTTIVA POLITICA CHE CAMBIAMENTO.c’è UN UNICA SOLUZIONE AMMAZZARLI TUTTI TANTO QUESTI CON LE BUONE NON CAMBIANO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *