PONTE SULLO STRETTO, ULTIMO SCANDALO

Del  primo progetto di fattibilità ne parlava Lucio Cecilio Metello nel 251 a.c. Poi, appena unita l’Italia il ministro dei Lavori Pubblici Jacini, incaricò l’ingegnere Alfredo Cottrau di studiare un progetto di fattibilità. Nel 1961 è stata costituita una società (Stretto di Messina Spa) che non fa altro che studiare progetti di fattibilità. Abbiamo prodotto talmente tanta carta con i progetti di fattibilità che avremmo potuto prosciugarlo quel pezzo di mare, anziché scavalcarlo. Attualmente ci sono 53 dipendenti di una società, fra cui molti ingegneri, che costano 6 milioni l’anno in stipendi e non fanno altro da anni che studiare progetti di fattibilità. Tenuto conto di tutto questo, e tenuto conto che nel frattempo l’opera è stata cancellata, qualcuno risponda alla seguente domanda: a che diavolo servono altri due anni di studio di progetti di fattibilità per il Ponte sullo Stretto di Messina? Dicono: così non pagheremo la penale. Geniale. Per non pagare la penale pagheremo due anni di progetti per un progetto che non si farà mai ma che ci è già costato 600 milioni. Adorabili questi tecnici. Stanno pure cercando di convincerci che in questo modo stiamo risparmiando…

4 risposte a “PONTE SULLO STRETTO, ULTIMO SCANDALO

  1. E intanto sti farabutti continuano a fotterci soldi. Secondo l’Istat le famiglie italiane pagheranno in media 2500 euro all’anno in più per l’imu,i carburanti, luce, gas e quant’altro. Ci stanno rubando la tredicesima. Monti capisce qualcosa di economia oppure ha comprato la laurea con i prosciutti? Le tassazioni che ha introdotto stanno affondando le imprese e aumentando la disoccupazione. Le famiglie sono sempre più povere. Tutto per far quadrare i conti? A me risulta che il debito pubblico è in costante aumento e che i sacrifici richiesti servono solo ad incrementare le ruberie. I tagli importanti non ci sono stati. I miliardi di denaro pubblico rubati dalla politica non sono stati toccati. Gli animali che ci governano fanno vita da nababbi mentre il resto del Paese è alla fame. Questa è una gestione delinquenziale dello Stato infatti a governarci sono le cosche del malaffare. Monti è uno stimato economista ma è ostaggio di una classe politica composta da delinquenti e i fatti recentemente accaduti ne sono la prova. La bicamerale che blocca i tagli ai costi della politica è cosa scandalosa. Io credo che l’occasione per dare un calcio a questi pezzi di merda stia per arrivare sta a noi coglierla.

  2. Il viagradipendente ci racconta che vorrebbe non candidarsi al parlamento ma molti glielo chiedono.
    L’uomo dai capelli di plastica continua a ritenere gli italiani dei c…ioni e usa il gioco di parole come armi:
    ricordate quando affermò che aveva solo aiutato una famiglia bisognosa dopo essere stato scoperto che aveva pagato tarantini per “addomesticare” le sue dichiarazioni in tribunale? Ricordate quando affermò che si trattava di cene eleganti dopo che nelle sue residenze era stato intercettato un incredibile giro di prostitute? Ricordate quando dopo la scoperta che pagava profumatamente le loro prestazioni aveva affermato che invece le aiutava per non prostituirsi?
    L’uomo che ha fatto delle menzogne una sua ragione di vita. L’uomo che ci ha convinti (ci sono cascato anch’io) che era sceso in politica per il bene dell’italia…ebbene dopo ventanni l’italia sta affondando mentre tutte le sue aziende hanno decuplicato i guadagni e i capitali. L’uomo che quando ha capito che erano stati scoperti i suoi giochi contabili e che per lui erano pronte le manette per il falso in bilancio ha immediatamente provveduto a depenalizzare tale reato.
    Oggi crede ancora di poterci convincere che – perchè continua a pensare che siamo dei c…ioni – molti stanno pregando per la sua candidatura. La verità è un’altra molto più pratica e materialistica. Lui non può non candidarsi perché rischierebbe la galera. Lui non vuole rinunciare all’immunità da parlamentare e farla franca ancora. Lui la galera la potrà evitare solo da parlamentare e grazie all’immunità da lui reinserita. Invece ci viene a raccontare un’altra verità…giocando con le parole come fossero armi.

  3. Vedere quelli del movimento 5 stelle, chiedere agli altri esponenti dei partiti della regione EMILIA ROMAGNA, di rinunciare ai rimborsi dei partiti PER le popolazione terremotate è MOLTO APPREZZATO DAL POPOLO ITALIANO QUESTA E’ LA POLITICA CHE VOGLIAMO.NELLO stesso tempo sentire le risposte degli altri esponenti politici dire di NO NO NO NO,PER MOTIVAZIONI ASSURDE, COME NON E’ QUESTO IL PROBLEMA, O LA SEDE,IL POPOLO ITALINO NE HA PIENI I COGLIONI DI QUESTA GENTE DI MERDA, E FA BENE A NON VOTARLI ANZI SONO CERTO CHE SIAMO TUTTI D’ACCORDO A PRENDERLI A CALCI NEI COGLIONI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  4. HO GIA’ DETTO CHE PRIMA CHE SI ARRIVI ALLE ELEZIONI (AMMESSO E’ NON CONCESSO CHE QUALCHE COSA POSSA CAMBIARE, ALMENO, IN TEMPI BREVI)QUESTA MASSA DI PORCI,CON L’AIUTO DEL VECCHIO BOCCONIANO & COMPAY, CHE NON SONO ALTRO CHE UN BURATTINI IN MANO ALLA MALAVITA POLITICA FARANNO IN TEMPO A COSTRUIRSI UNA ROCCAFORTE IMPENETRABILE.
    SPERPERANDO DENARO PUBBLICO PAGATO SOLO DA POVERA GENTE COME NOI
    IN OPERE PUBLICHE ,CONSULENZE E STUDI DI FATTIBILITA’ PER POTER INCASSARE TANGENTI.
    TANTO LA LEGGE DI INCANDIDABILITA’ LI TUTELA ALMENO PER LUNGO TEMPO (FINO AL TERZO GRADO DI GIUDIZIO(OVVERO CON I TEMPI ATTUALI DEI PROCESSI SICURAMENTE FARANNO IN TEMPO AD ANDARE IN PENSIONE.)

    IN POCHI MESI DI VITA RIMASTAGLI FARANNO DELL’ITALIA UNO SCEMPIO.
    FERMIAMOLI!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *