CHE CORAGGIO AMATO (31 MILA EURO DI PENSIONE AL MESE): PROPONE UN'INDENNITA' DI REINSERIMENTO AGGIUNTIVA PER GLI EX PARLAMENTARI. MA NON DOVEVA TAGLIARE I COSTI DELLA POLITICA?

Giuliano Amato (31mila euro di pensione al mese) ha avuto un’idea geniale: propone un’indennità di reinserimento aggiuntiva per i parlamentari. Proprio così. In un’intervista a Sette del Corriere della Sera dice che bisognerebbe dare “due anni di vitalizio anticipato mentre (il deputato) cerca lavoro”. Roba da non credere. E meno male che era stato incaricato di preparare un piano per il taglio dei costi della politica… Il Dottor Sottile è davvero un impunito. Prima definisce “inesistente” la sua pensione da 31 mila euro che invece esiste benissimo, tanto è vero che poche righe dopo ammette di ricevere 22 mila euro di pensione più 9 mila euro di vitalizio da ex parlamentare (totale, appunto, 31 mila euro a meno che anche le addizioni, oltre che la verità, non siano diventate un problema per lui). Poi si preoccupa perché i parlamentari giovani che dopo due mandati non vengono rieletti rischiano di non ricevere il vitalizio fino a 65 anni: “Che cosa dovrebbe fare mentre aspetta di compiere i 65anni? L’esodato di Stato?”. L’idea di lavorare, per dire, non gli passa nemmeno per la testa. E’ più forte di lui. Sarà perché non l’ha mai fatto? Fra l’altro: come si fa a proporre un’indennità di reinserimento senza dire che i parlamentari già ne prendono una? Vogliamo ricordare i dati del 2008: Angelo Sanza 337mila euro, Luciano Violante 271mila euro, Alfredo Biondi 278mila euro, Clemente Mastella 307mila euro, Armando Cossutta 345mila euro… E l’indennità di reinserimento la prendono anche i consiglieri regionali: nel 2010 Giovanni Copertino in Puglia ha preso 492 euro. Persino il Trota, Renzo Bossi, quando è andato a casa dopo appena due anni di sciagurato mandato s’è messo in tasca 40mila euro… E allora di fronte a tanta spudoratezza, di fronte a un super privilegiato di Stato che mente sapendo di mentire, di fronte a uno che è stato incaricato di pensare ai tagli ai costi della politica e invece pensa a nuovi privilegi per la politica, ebbene mi resta solo una domanda, ma una domanda che non riesco a trattenere: ma a chi diavolo è venuto in mente di affidargli pure una trasmissione in Rai? Perché gli italiani, oltre la crisi, devono subire pure gli sproloqui di un tale personaggio?

Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Facebook0Email this to someonePrint this page

16 risposte a “CHE CORAGGIO AMATO (31 MILA EURO DI PENSIONE AL MESE): PROPONE UN'INDENNITA' DI REINSERIMENTO AGGIUNTIVA PER GLI EX PARLAMENTARI. MA NON DOVEVA TAGLIARE I COSTI DELLA POLITICA?

  1. questo è l’ennesima lampante dimostrazione che la mafia politica ha dato mandato ad un governo “TECNICO”che tiene stretto con le pinze,mantenendo comunque il potere di decisioni inportanti in mano loro.
    chiunque abbia un barlume di buon senzo capisce che non c’è soluzione democratica atta a cambiare le sorti del nostro paese,
    anche con l’esclusione totale delle attuali forze politiche,il marciume mafioso politico bazzicherà ,si intrufolerà,insidiando ed ammiccando il nuovo mondo politico fino a farne nuovamente parte per poi prenderne il totale potere.
    NON C’E SOLUZIONE, SE NON UNA DRASTICA MA RISOLUTIVA.

  2. sordi a qualsiasi invettiva! questi schifosi b……….di se ne fregano altamente dei cittadini purche la loro casta sia preservata. paese senza speranze e con tante illusioni!

  3. Durante la notte non riuscivo a dormire,pensavo ma Giuliano Amato (amato da nessuno) leggerà i nostri commenti? Ne faccia tesoro e si rifugi in qualche porcilaia ammesso che i maiali lo accettino…………

  4. Prima o poimorirà.
    E quello p er me sarà un giorno felice.
    Se poi insieme a lui m morisse anche tutta la sua stirpe quello saràun giorno SUPERFELICE.

  5. Giuliano Amato,accumula troppo se prende un Vitalizio di 31.000€ al mese,poiché non é il solo.E,io ho sudato le 7 Camicie e prendo la minima,vedi,seppure é così,non Mi lamento:ricordo che leggevo il fumetto <> e c’erano anche i vari cartoni animati su carta di fumetto,e si vedva,che lo zio Paperone,che si buttava nel denaro ce l’aveva con altri Cartoon city.E,Tempi Passati,adesso non si vedono,ma sono i Miei Ricordini.Se pensiamo adesso,c’é da abbassare tale soglia di pensione dei politici,seppure se ho faticato,e adesso sono qui,Ti Parlo,Mario Giordano,di soldi che sono di loro incasso,e,per forza tutti contro una burocrazia ed aristocrazia,che prendono dai nostre tasche,non l’avevo predetto che sono 2148€ circa al minuto primo,che prendono ogni politico!?Devono arrendersi,per forza,perché se troppo prendono,poco loro rimarrà,scusa,li portano in bara quando sono morte/i.Buonanotte,perché ne otterranno una Umiliazione,per quanto prendono!Buona Continuazione.

  6. E’ solo un povero mentecato, incapace bisogna compatirlo. Ha vissuto per decenni con le stronzate una più una meno non fa differenza. La cosa vergognosa è che, pur essendo uno dei principali responsabili del disastro italiano, non si è ancora tolto dai coglioni.

  7. I bastardi ladri che villeggiano in parlamento si sono già preoccupati di neutralizzare i tagli ai loro vitalizi: gli stessi bastardi e ladri che hanno votato la riforma delle pensioni ai comuni mortali costringendoli a LAVORARE fino a settantanni – ebbene gli stessi – hanno aggiunto un piccolissimo emendamento per continuare a papparsi i vitalizi da nababbi semplicemente cambiandone la definizione. Ricordate?!? Quando sono stati aboliti i finanziamenti pubblici ai partiti, si sono affrettati a definirli rimborsi elettorali, ora che sono stati aboliti i vitalizi le chiamano pensioni di fine mandato.
    Direttore ci dica per favore i nomi di chi ha firmato questo schifoso emendamento per poterlo sputare, insultare, sputtanare, eliminare.
    Su questa merdata, neanche un solo accenno da parte di bersani, di fini, di alfano, di vendola, di casini. Ovviamente, quando si tratta di luride manovre per la spartizione del bottino sono bipartisan e vanno tutti d’amore e d’accordo.
    LADRI!!!

  8. PARLANO DI GRILLO E DEL MOVIMENTO 5 STELLE COME L’ANTIPOLITICA.ASSURDO E’ LORO SAREBBERO LA POLITICA QUELLA VERA A FAVORE DEL POPOLO???? E COSA HANNO PRODOTTO QUESTI GRANDI NOSTRI POLTICI DA DESTA, AL CENTRO ALLA SINISTRA. PER IL POPOLO?ION NON SONO DEL M5 MA HO SENTITO DEI CONSIGLIERI M5 DELLA REGIONE EMILIA PROPORRE IN REGIONE DI RINUNCIARE AL RIMBORSO DEI PARTITI A FAVORE DELLE POPOLAZIONI TERREMOTATE, NON C’E’ STATO UN ESPONENTE POLITICO DI UN ALTRO PARTITO CHE HA SOTTOSCRITTO,E IL M5 SAREBBE L’ANTIPOLITICA,SE IL M5 CONTINUERA’ A FARE QUESTE PROPOSTE VIVA IL M5

  9. Ricordatevi che la Mafia è la politica.
    Quella che chiamano “Mafia” è delinquenza organizzata,che è tutta un’altra cosa.
    Mandiamo il sistema in tilt….non andiamo a votare,perche se ci andiamo e poi ci lamentiamo,i veri coglioni siamo noi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *