ULTIME VERGOGNE DALLA REGIONE LAZIO: AVEVANO SPESO 4500 EURO (SOLDI PUBBLICI) IN UN'ENOTECA. COME MAI? "PER I BAMBINI BISOGNOSI"…

Dilaga lo scandalo Lazio. L’ultima vergogna arriva non più dal Pdl, che nella vicenda si è macchiato di ogni nefandezza, ma dal Pd: dall’analisi dei conti emerge infatti che anche il Partito Demcoratico avrebbe dilapidato i fondi regionali. Fra le spese folli anche 4.500 euro versati a un’enoteca. Interrogato sulla ragione di questa spesa, il capogruppo Pd in Regione ha detto: “Abbiamo aiutato i bambini bisognosi”. Senza pudore.

Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Facebook0Email this to someonePrint this page

5 risposte a “ULTIME VERGOGNE DALLA REGIONE LAZIO: AVEVANO SPESO 4500 EURO (SOLDI PUBBLICI) IN UN'ENOTECA. COME MAI? "PER I BAMBINI BISOGNOSI"…

  1. Si si … effettivamente si sono dati all’alcool per cacciare la tristezza che gli era venuta pensando ai bambini bisognosi!!! Ma per favore fate solo schifo da destra a sinistra centro compreso. Ma io dico, sta gente non può essere oggetto di controlli e relative pene da parte della Guardia di Finanza e Corte dei Conti? Perchè la devono fare sempre franca?

  2. Un membro della corte dei conti prende 30000 euro al mese e la finanza ha al vertice qualcuno con più o meno lo stesso stipendio. Non dimentichiamo che il capo della polizia ha una retribbuzione annua di 620.000 euro. Tra cani non si mordono.

  3. Sono delle bestie: ora faranno, diranno, prometteranno tutto a tutti ma con una unica convinzione: tanto tra qualche mese tutti avranno dimenticato le bestialità commesse e saremo ancora noi a essere eletti.
    Un esempio???
    Vi ricordate le promesse sui tagli degli stipendi parlamentari calcolati sull’algoritmo spaziale delle medie europee…e il taglio dei parlamentari…e la abolizione dei vitalizi…e l’abolizione delle provincie…e lo smantellamento delle auto blu…e l’annullamento del finanziamento dei partiti…
    TUTTE PROMESSE DI FACCIATA.
    TANTO SONO MAIALI ABITUATI ALLA MELMA CHE SI LANCIANO A VICENDA!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *