NIENTE DA FARE: NON CE LA FANNO PROPRIO A TOCCARE LE PROVINCE. PER 4520 RAGIONI

Ma perché non ce la fanno proprio a toccare le Province? Perché? Perché anche la spending review risparmierà questo immenso spreco burocratico? La risposta è semplice, la risposta è un numero: 4.520. Sono le poltrone di consiglieri e assessori che rischiano di sparire insieme all’ente inutile. Ognuno di loro si porta dietro soldi, privilegi, prebende. E un piccolo mucchietto di denaro da distribuire a pioggia fra amici e parenti. Tutti i partiti ne sono coinvolti. E così anche questa volte l’abolizione trova troppi ostacoli per diventare realtà:  forse auemteranno i ticket, sicuramente aumenteranno i farmaci. Ma il gettone al consigliere provinciale non lo tocca nessuno.

Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Facebook0Email this to someonePrint this page

3 risposte a “NIENTE DA FARE: NON CE LA FANNO PROPRIO A TOCCARE LE PROVINCE. PER 4520 RAGIONI

  1. NIENTE DA FARE DR GIORDANO, con tutto il rispetto, LEI PROPRIO NON CE LA FA A DIRCI , SECONDO LEI ; COME IL POPOLO POTREBBE COMPORTARSI IN QUESTI CASI.
    Si vada a leggere il TRATTATO DEL MES e ci dia lucidazioni al riguardo x favore e perchè nessun organo d informazione ne parla!!!
    Per quanto riguarda la notizia ho esaurito le parolacce da dire contro queste MERDE
    PS in un post su un altra notizia le chiesi , come mai l ignaziolarussa ha regalato maserati per 100 milioni a tutti i generali delle forze dell ordine, ME LO VOGLIO LEGGERE SCRITTO DA LEI!!!!
    La ringrazio sempre per le informazioni che ci da.

    • TIENI PRESENTE CARO LUCA CHE GIORDANO FA PARTE DELLA CASTA DEI GIORNALISTI QUINDI ANCHE LUI TIENE AI SUOI PRIVILEGI ECCO PERCHE’ NON SI SBILANCAI

      • Carissimo Lino, ma allora perchè lo fa?, non le mettesse piu queste notizie che ci fanno girare i c.
        lo dica chiaro e tondo…….io vi dò le novelle ma non mi voglio immischiare nelle vostre opinioni o reazioni………..ecco cosi già andrebbe bene

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *