TASSE PER NOI, PRIVILEGI PER LE SANGUISUGHE

Cronache da Marte, il pianeta della Casta. Mentre qui sulla Terra arriva una manovra fatta al 90 per cento di tasse, che cosa succede lassù nell’empireo dei privilegi? Ecco un breve quanto impressionante elenco degli eventi dell’ultima settimana.  

CORSA ALLE BABY PENSIONI. Lunedì 19 dicembre. Si apre la settimana decisiva per la manovra. Gli italiani si preparino: dovranno andare in pensione più tardi. Intanto la casta si prepara ad andare in pensione più presto. L’onorevole Luciano Dussin si dimette da deputato per salvare il vitalizio: prenderà la pensione a 52 anni, più l’indennità da sindaco di Castelfranco Veneto. L’onorevole Franco Cristaldi, 60 anni, pure: prenderà due pensioni (quella da deputato e da consigliere regionale), più l’indennità da sindaco di Marzara del Vallo.

CORSA ALLE BABY PENSIONI/2. Lunedì 19 dicembre. Gli italiani continuino a prepararsi: dovranno andare in pensione sempre  più tardi. Intanto la casta continua a prepararsi ad andare in pensione sempre più presto. In Sicilia, grazie ad una legge ad hoc i dipendenti regionali possono andare a riposo anche a 40 anni, con 20 anni (le donne) e 25 anni (gli uomini) di contributi. Si registra un boom di domande.

CHI DICE CHE NON CI SONO SOLDI? Martedì 20 dicembre. In Parlamento la discussione è accesa, tutti dicono che non ci sono soldi. Intanto il Giornale rivela che il premier Monti ingaggia una portavoce con uno stipendio da 11mila euro al mese. E alla Regione Lombardia viene pagata una liquidazione di 350miola euro all’ex vicepresidente Franco Nicoli Cristiani finito in carcere per tangenti. Un premio di produzione?

I VITALIZI SONO SALVI. Mercoledì 21 dicembre. In Parlamento tutti d’accordo: bisogna chiedere sacrifici sul fronte delle pensioni. Intanto la Regione Friuli stabilisce: per i consiglieri regionali nessun sacrificio sul fronte delle pensioni. Il maxiemendamento che salva il privilegio viene approvato da tutti i partiti, naturalmente in seduta notturna.

VIVA LA DOPPIA POLTRONA. Mercoledì 21 dicembre. Il Senato è riunito. In aula si proclama: tutti devono far sacrifici e rinunciare a qualcosa. Sottobanco si decide: tutti devono far sacrifici ma noi non rinunciamo alla doppia poltrona. Nonostante un parere contrario della Corte Costituzionale, l’aula decide: i senatori Azzolini e Nespoli potranno continuare a occupare la cadrega  a Palazzo Madama e quella di sindaci di Molfetta e Afragola. Con doppia indennità, naturalmente.

LA PORCATA DELLA REGIONE LAZIO. Giovedì 22 dicembre: è ufficiale, la manovra è legge. Gli italiani  dovranno andare in pensione a 66 anni. Giovedì 22 dicembre: è ufficiale, il privilegio è legge. I consiglieri della Regione Lazio potranno andare in pensione a 50 anni.   Prenderanno 3mila euro al mese. Il benefit, fra l’altro,  viene esteso per la prima volta anche agli assessori che non sono stati eletti in Consiglio. “Una porcata” titola il Fatto Quotidiano.

Così si chiude la settimana della manovra. Qui sulla Terra, è ovvio, sarà un Natale un po’ più triste. Lassù, sul pianeta della Casta, invece si brinda con le doppie poltrone, le super indennità, le liquidazioni d’oro. E naturalmente con i vitalizi, estesi anche agli assessori.  Risultato: quest’anno gli italiani mangeranno un panettone amaro. Come stupirsi? Più che fare le feste, sembrano avere un gran voglia di far la festa alle sanguisughe…

Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Facebook0Email this to someonePrint this page

84 risposte a “TASSE PER NOI, PRIVILEGI PER LE SANGUISUGHE

  1. Bentornato Mario Giordano….è importante in una lotta delicata come quella del lavoro e delle pensioni che riguarda tutti noi, ci sia una guida..comunque più o meno grazie anche alla rete che smaschera davvero tutti e tutto queste cose si sapevano già..i politici over 60/70 forse non si rendono conto che i tempi sono cambiati e che grazie alla rete non potranno più nascondere le loro “malefatte”…anche perchè l’italia è un popolo di persone oneste colte ed intelligenti..non ci sfugge niente caro monti….un ultima cosa non si è mai più parlato di tagli alle forze armate…aerei costosi si..ma auto efficenti per le forze dell’ordine no…molto più utili per l’incolumità di tutti noi…

  2. Bè che dire? Fare sacrifici per uscire dalla crisi mi sta bene ma pagare per mantenere quel branco di personaggi insolenti ed irriguardosi a me non va proprio giù. Saremo anche un popolo di pecoroni ma secondo me questi politici stanno davvero giocando con il fuoco…

    • Si stanno raccogliendo firme presso il Comune di residenza per presentare un’istanza all’Europa, al fine di ottenere l’equiparazione degli stipendi dei nostri cari politici a quelli della media europea.Occorrono 50.000 firme, siamo solo a 25.000: Il termine è fissato al 31 marzo. Nessuno ne parla. Tacciono giornali e televisione.Leggete “Nun te regghe più” e poi andate a firmare.Tentiamo questa carta. Grazie

  3. vorrei chiedere al dott. giordano a cosa serve leggere e scrivere su questo blog? la domenica pomeriggio la seguo su canale 5, si dice qualcosa, si litiga alzando la voce, si fanno sparare cazzate alla mussolini e sgarbi, si parla degli stipendi dei giornalisti ed intanto abbiamo fatto un’altra trasmissione catturando lo charm degli spettatori che nel frattempo si aspettano che con questa audience cambi qualcosa ed intanto ci avete ripreso in giro perchè per noi non cambierà mai niente anzi tutto peggiora alla faccia degli italiani e viva questi stronzi dei nostri politici con l’augurio che passino un brutto natale, auguri agli italiani

  4. La situazione è grave! I cittadini hanno il dovere di sacrificarsi per uscire da questa crisi che sta minando la stabilità economica dell’Italia e dell’Europa. Questo è quanto ci viene richiesto ormai da tempo ma parliamoci chiaro, quà qualcosa non quadra. Se la situazione è così grave come si può permettere che continuino ad esistere pensionamenti baby, vitalizi dorati, doppi o tripli incarichi, stipendi faraonici sia in politica che tra i dirigenti delle P.A., ecc. Ma allora tutta questa urgenza di risanare i conti dove sta? Per quello che ne so io prendere provvedimenti importanti vuol dire colpire tutti, nessuno escluso!! La verità è che la crisi c’è ma non è una crisi che riguarda tutti. Mario Monti si è assunto la responsabilità di trovare il modo per far tornare i conti e tutti avevamo sperato nel fatto che fosse un tecnico ma alla fine ha deluso perchè invece di salvaguardare il cittadino ha, prima di tutto, continuato a proteggere la casta. Loro hanno diritti acquisiti…anche noi vogliamo che i nostri diritti vengano rispettati. Vogliamo lavoro per tutti, vogliamo che gli stipendi vengano uniformati al costo della vita e che i contratti collettivi vengano rinnovati con regolarità. Chiediamo troppo? In fondo tutto quello che chiediamo è di lavorare e che il nostro lavoro venga riconosciuto e giustamente retribuito al fine di poter condurre una vita dignitosa e priva di stenti.

  5. Indignarsi oramai non è abbastanza! Non possiamo più accettare passivi questo andazzo; alla fine daremo l’impressione di essere i soliti pecoroni italiani che blaterano tanto ma poi con la coda tra le gambe pagano e zitti!Bisogna organizzare una rivolta. Intanto che questi politici del c….si fanno le ferie pagate da noi cittadini molti nostri concittadini cominciano a fare i conti con le nuove passando periodi neri in previsione di un futuro più nero!

  6. Beh in italia saremo circa 60 milioni, poi logico togliamo tutti coloro che per un motivo e per l’altro stanno anche bene in questo periodo, arriviamo a 10 milioni togliendone molti di piu del dovuto?? forse siamo rimasti anche in pochi ma se andassimo in 10 milioni in piazza a Roma ma stavolta con intenzioni tutt’altro che pacifiche forse qualcosa si ottiene… Premetto che sono contrario alla violenza ma voi vedete altrnative??? Logico colpire solo le persone giuste al momento giusto !!!!!

    • Qualcuno che ci va ci sarà sempre e cio basterebbe ….. Inoltre se non vai dai il voto alla maggioranza, semmai vai e annulli la scheda.

  7. Volevo sollecitare una riflessione sulle liberalizzazioni.
    Premetto che non sono un taxista, un farmacista e neanche un notaio. Chiarisco anche che sono un convinto sostenitore della necessità delle liberalizzazioni. Ma se ci fermiamo a riflettere il perché dell’ostruzionismo estremo dei taxisti e dei farmacisti, forse possiamo capirne le ragioni di un problema molto più complesso di quanto possa apparire.
    Ogni taxista per poter esercitare il proprio lavoro ha pagato una licenza anche diverse centinaia di migliaia di euro. Lo stesso vale per i farmacisti, ma in proporzioni più consistenti, pagando diversi milioni di euro prima di poter aprire una farmacia. Ebbene tali circostanze sono state causate, prodotte proprie dalle regole dello Stato. Cioè chi oggi vuole fare il taxista non può farlo liberamente perché lo Stato lo impedisce. Ogni taxista ha dovuto attendere la vendita di una licenza, ha dovuto accendere un mutuo (molto salato) e dovrà lavorare decine di anni per ammortizzare tali costi. Solo al momento del pensionamento e con la vendita della propria licenza recupererà i capitali investiti e potrà godersi il frutto del proprio lavoro e investimento. Oggi lo Stato sta cambiando le regole dello stesso mercato. E’ chiaro che chi oggi usufruirà delle liberalizzazioni partirà da una posizione privilegiatissima rispetto a chi ha subito e “pagato” le regole precenti. Le new entry saranno sicuramente portatori di una giusta concorrenza ma rischiano di essere una scorretta concorrenza, proprio per non dover ammortizzare alcun costo iniziale di finanziamento. Credo che, contemporaneamente alle liberalizzazioni si debbano attivare degli ammortizzatori una sorta di “risarcimento” a tutti coloro che sono stati “costretti” dalle precedenti regole del mercato del lavoro. E’ impensabile che le liberalizzazioni possano essere condotte così come ha fatto il bersani senza nessuna cognizione di causa (da gente inadeguata e incompetente). Chi oggi tutela la propria posizione non è solo un egoista che tenta di difendere una casta, ma è anche una vittima delle precedenti regole dello Stato e chiede che non si liberalizzi a loro danno. Le liberalizzazioni vogliono essere un modo, giusto, per distruggere vecchie logiche di casta, ma rischia di diventare uno strumento di privilegio per i nuovi adepti che potranno annientare chi già è dentro alle categorie incriminate.

    • Anni fa in Brasile per avere una linea telefonica (prima dovevi trovare chi la vendeva) pagavi intorno a €.500,00/1500,00 poi è arrivata la liberalizzazione delle linee e così possono averla tutti come quì in Italia. Concretamente, cosa vorresti che facesse lo stato? Se per caso il governo decide di togliere una tassa credi che chi l’ha pagata per anni avrebbe diritto a rimborso?

      • Caro Francesco,
        non credo che il tuo paragone sia molto pertinente. E’ solo necessario che liberalizzando non si creino altre ingiustizie: si tolgono i privilegi a qualcuno per darli ad altri. E’ assolutamente pacifico che chi entrerà con le liberalizzazioni godrà del privilegio di non dover investire alcunchè, ciò gli consentirà di essere molto più concorrenziale dei “vecchi” privilegiati che dovranno non solo competere con un mercato più aperto e liberalizzato, (questo è sicuramente un bene), ma a condizioni di partenza sleali e falsate. E’ come dire che dopo aver giocato e segnato qualcuno ti dicesse che con le nuove regole vince chi non segna.
        Dobbiamo essere coerenti: le liberalizzazioni vanno bene ma son regole adeguate e proporzionate per consentire di non falsare il mercato tra i “vecchi” e i nuovi soggetti.

        • non per ribattere, ok per il paragone (+ o – pertinente). Aspetto di sapere concretamente, per te, cosa dovrebbe fare lo stato. Quel gioco è finito… (male)Per me bisogna azzerare tutto e ripartire con le nuove regole, ma senza privilegi per nessuno. In Grecia non hanno neanche come comprare il pane…

  8. O ANDIAMO TUTTI IN PIAZZA A MANIFESTARE AD OLTRANZA FINCHE’ NON CAMBIANO QUESTE INGIUSTIZIE,O PROGRAMMIAMO UNA VERA E PROPRIA RIVOLUZIONE,O FACCIAMO COME GLI ISLANDESI CHE HANNO MANDATO TUTTI QUESTI ARRAFFONI E LADRI A CASA SENZA UN SOLDO E HANNO INCOMINCIATO CON UN GOVERNO CUI NESSUNO ERA ISCRITTO AD ALCUN PARTITO,DI GENTE CHE LAVORA SINCERAMENTE PER IL BENESSERE DEL POPOLO OPPURE CE LA PRENDEREMO ANCHE STAVOLTA IN QUEL POSTO E CONTINUEREMO A PAGARE 40 MILA EURO A DINI, 31 MILA AD AMATO, E ANDREOTTI,15 MILA ALLA MINETTI E AL TROTA, E COSI’ VIA E NOI POVERI COGLIONI VIVREMO IN FINE CON 400 EURO AL MESE E CI AMMAZZEREMO TRA DI NOI INFATTI GIA’ ACCADE LA GUERRA TRA POVERI VEDI LA FIAT E QUESTI SE LA GODONO ALLE NOSTRE SPALLE O CI SVEGLIAMO ITALIANI O FINIREMO NELLA MERDA PIU’ COMPLETA, DOVREMMO USARE IL BLOG COME NELLE ALTRE NAZIONI PER METTERCI D’ACOORDO SUL DA FARSI ALTRIMENTI CI FARANNO ANCORA UNA VOLTA FESSI PER ALTRI 150 ANNI.

  9. Chi ama l’Italia sono gli Italiani non i politici. E’ fin troppo evidente che pensano solo ad avere stipendi e vitalizi da nababbi. In un momento in cui il Paese ha bisogno di sostegno siamo solo Noi a sacrificarci. Ma quello che mi stupisce maggiormente è l’indifferenza del comunista che occupa abusivamente il colle, in quanto non eletto dal popolo. Questo modo di fare è proprio dei regimi totalitari e lui ne sa qualcosa. C’è solo un termine per definirli: malavitosi.

  10. leggevo della denuncia alla povera pensionata che rubava un pezzo di carne, credo che in questi giorni di festività in casa dei ns politici la carne si butti, sapete questa povera gente non riesce a mangiare tutto quello che gli arriva dai poveri italiani che per disobbligarsi riempie le dispensa di questi poveretti di ogni ben di dio. avrei voluto che qusta poveretta della pensionata l’avessero portata a casa di monti o del ns presidente per fargli vedere in che squallore stanno riducendo gli italiani per salvare l’italia. la sera di capodanno quando parlerà il ns caro presidente a reti unificate tutti gli italiani spengano i televisori così le solite barzellette il ns presidente se li ascolti da solo. siete una pena

  11. Mi sembra di essere tornati agli anni 70/80 dove governi catto-comunisti con socialisti a rimorchio facevano le famose manovre salva conti dello stato sempre più deficitari! Solo ed esclusivamente TASSE! POLITICI E SOPRATTUTTO TECNICI SANNO SOLO FARE COSì! TASSE, TASSE ED ANCORA TASSE!! Ormai siamo al livello che lo stato costa la mostruosa cifra di 900 miliardi di euro! E la nostra economia sta morendo! Andare alla caccia degli evasori non serve a nulla perchè o non pagano (MARADONA DOCET) o comunque chiudono la produzione di reddito (evaso) e quindi non pagano! O ci si mette in testa che bisogna tagliare drasticamente la spesa pubblica di almeno 200 miliardi di euro oppure non c’è scampo! MONTI CAPITO? Se vuole le indico la strada: per 3 legislature compresa questa si devono abolire qualunque sostegno pubblico alla politica (VITALIZI passati presenti e futuri, DIARIE, rimborsi spese di qualunque tipo, finanziamento pubblico ai partiti e all’editoria, eliminare province e sopratutto regioni accorpare i comuni che non devono essere meno di 100 mila abitanti anche se questo significa aggiungere territorio, abolire le regioni e province autonome, accorpamento delle polizie (FINANZA e FORESTALE devono passare sotto polizia di STATO come specialità) Carabinieri devono essere soldati e non polizia (BASTA PAGARE MULTE ALLA UE!!) ridurre gli alti gradi e aumentare i bassi sia nelle Polizie che nelle Forze Armate. Ritiro dello Stato dalla gestione della Sanità (lo stato garantisce ma non organizza) Pensioni TUTTE CON IL CONTRIBUTIVO (ANCHE QUELLE GIA’ IN PAGAMENTO SOPRA I 2000 EURO)

  12. Sono d’accordo con te Pino. Quando parlerà il comunista del colle televisori spenti. E’ il primo della casta e ci prende per il culo quando parla. Certa gente non è degna della nostra attenzione. Non ha mosso un dito per ridurre i costi della politica mentre ha accettato senza riserve la manovra che ancora una volta ci costringe a pagare per i loro errori. Calci nelle p…e altro che il colle. Ha trentacinque auto per spostarsi con autista e carburante gratis mentre io per tirare a campare devo rinunciare a mettere in moto la mia visti gli aumenti del carburante. E’ giustizia questa? Ma che bravo il presidente.

  13. Le belle maniere non bastano!!!
    Gente come la mussolini, la polverini, la bindi che appartengono al sesso debole, a cui noi italiamo pensavamo di poter contare, hanno dimostrato muscoli inimmaginabili nel difendere la loro bella vita da nababbi che noi ebeti gli permettiamo…
    La legge che doveva portare alla riduzione delle somme estorte dai parlamentari, è sbagliata, il metodo è sbagliato, i riferimenti sono sbagliati, la commissione è sbagliata, i tempi sono sbagliati…ma a pagare non sono loro, GLI UNICI COLPEVOLI PARASSITI, ma i contribuenti italiani e anche retroattivamente.
    I pepe, i lupi, i cicchitto, i fini, gli schifani continueranno a papparsi gran parte del prodotto interno lordo italiano.
    Bastavano poche parole: dimezzamento del costo del parlamento. Oggi costano oltre 4 miliardi di euro da ieri devono costare 2 miliardi. A voi “disonorevoli” il compito di decidere se tagliare il numero dei parlamentari, se abolire i vitalizi (anche quelli in essere che non sono diritti acquisiti), ridurre lo stipendio, abolire il finanziamento illecito dei partiti. A noi non ce ne fotte nulla. Ma due miliardi per tutti voi sono già soldi buttati.
    Le belle maniere non bastano.

  14. …dimenticavo!!!
    gli stessi soggetti che hanno partorito questa legge diabolica per rendere impossibile la determinazione della riduzione dei loro stipendi…mai hanno immaginato di istituire una commissione per provvedere ai molteplici aumenti di stipendio che si sono autodeterminati sino ai nostri giorni per garantirsi una vita da nababbi, alla faccia della media degli altri parlamentari europei.

  15. ragazzi possiamo iniziare la prima contestazione civile contro la ns politica riunendoci vicino l’ingresso dei ns comuni e bruciando sia il canone rai,e sia le schede elettorali, se siete d’accordo passa parola e poi stabiliremo la data giusta iniziamo così e poi prenderemo altre decisioni su cosa fare, questa gentagli deve sparire dai ns libri paga

    • Se ti interessa su Facebook c’è un gruppo “NUN TE REGGHE PIU” che ha proposto la raccolta di firme contro i privilegi della CASTA.
      Controlla se il tuo Comune ha i modelli per la raccolta, altrimenti ti puoi rivolgere ad un altro Comune limitrofo oppure al suddetto gruppo.

  16. Canne al vento, sono come canne al vento! Pensavo fosse prerogativa del Casini ma per comodità o vigliaccheria tutti indistintamente si schierano da una parte o dall’altra a seconda della convenienza. La seriàta della politica si è persa nei meandri dell’ingordigia e della superficialità.In tempi in cui ci si improvvisa politico senza avere nè le dovute competenze nè la cultura per esserne all’altezza noi cittadini siamo in balia del lassismo politico più assoluto e vittime di un malaffare opportunistico dilagante. La prova dell’incapacità di una politica senza spina dorsale è sotto gli occhi di tutti: Esautorati per incompetenza!

  17. Un ventennio di cattiva politica ci ha Portato a questo disastro. Disastro che continuerà nella svendita del bene “Italia” al peggior offerente per giunta! Non siamo giunti fin qui tutto d’un botto! Ce la siamo dormita, stavamo bene e ca la siamo dormita; nel frattempo, intanto che i nostri politici erano impegnati a tenere alto il loro gradimento,difendendo ad oltranza la loro casta altri paesi assetati di “italianità” hanno messo a punto il piano divora-Italia. Ed eccoci qua svenduti, spezzettati, silurati: ridotti al silenzio e trattati come merce!
    Grazie all’incompetenza e all’incuria politica, passata e presente, l’Italia è diventata un paese subalterno soggetto agli umori dei Merkozi d’europa.

  18. IMMIGRATI, ALTRA CASTA!!!
    Certo, la gran parte lavora a nero (donne delle pulizie, badanti, operai in tutti i settori, ecc. quelli che gestiscono i negozi – specialmente cinesi e arabi – non rilasciano scontrini!!??? non pagano tasse di nessun genere?!!!) usufruisce di tutti i servizi italiani gratis: sanità, scuola, trasporti, contributi, ecc. ecc. ed in più hanno DIRITTO alla CASA???
    (nostre case!!!!!)
    Qualcuno dovrebbe verificarle queste cose o no???

  19. 1) Ho sentito che succede che extra comunitari immigrati che lavorano in Italia ottengono il diritto di farsi raggiungere da parenti vari ma non solo mogli, figli ecc. hanno anche il diritto di farsi raggiungere qui da noi da altri familiari, come genitori anziani e nonni che una volta sul nostro territorio chiedono e ottengono il pagamento della pensione minima di 400 e rotti euro. Una volta ottenuto tale diritto se ne tornano nei loro paesi di origine dove il salario medio essendo molto più basso, riescono a vivere piuttosto bene a nostro carico.
    2) Uno stenografo della camera guadagna più del re di Spagna? Un commesso arriva a 8mila euro netti al mese? È vero?
    3) Chi ha detto che lo stipendio dei nostri parlamentari deve essere la media di quelli europei? Considerato dove ci hanno portato questi nostri amministratori direi che il loro stipendio potrebbe benissimo essere equiparato a quello che percepiscono i parlamentari spagnoli!

    • Armando sono perfettamente daccordo. A questi luridi parassiti non possiamo e non dobbiamo concedere ancora la possibilità di autodeterminarsi lo stipendio. Continuano a fingere di non sentire e non vedere la impetuosa furia, la infinita rabbia degli italiani nei loro confronti. E’ gente che sta li solo per fottere soldi e privilegi…Come dice grillo: aspettiamo con ansia i loro suicidi di massa, come ha minacciato la mussolina nell’eventualità di riduzione dei loro stipendi.
      Come dici tu semplifichiamo le modalità di abbattimento degli stipendi parlamentari. Cominciamo retroattivamente con quelli equiparati ai parlamentari spagnoli. Pretendiamolo. Imponiamolo. Obblighiamoli!!!

  20. da un po non scrivo più qui, mi chiedevo, ma dove siamo arrivati?
    ah si, le solite chiacchiere da bar, loro intanto godono dei loro acquisiti privilegi, delle loro pensioni d’oro e di tutto il resto, in ultimo, ma non ultimo anche della sedicesima, ahahahaha che popolo di pirloni che siamo, meglio se chiudiamo la bocca, le nostre parole servono solo per dare aria ai denti.
    saluti

  21. Liberalizzazioni “strane”. Il nuovo governo, e precisamente monti, passera e profumo procedono alle liberalizzazioni…ma “strane”, quantomeno “mirate”. Per esempio, vogliono abbattere le barriere dei farmacisti e taxisti, che sono cmq indifendibili, ma hanno approvato il fondo di garanzia a vantaggio delle banche; vogliono cancellare gli ordini, ci può anche stare, ma limitano la circolazione del contante a vantaggio delle banche; vogliono privatizzare e liberalizzare le municipalizzate ma, non impongono misure restrittive sull’impiego degli oltre 100 miliardi ricevuti al tasso dell’1% dalla BCE, a vantaggio delle banche; vogliono cancellare le tariffe professionali, va bene, ma non aboliscono i prezziari per le opere pubbliche a vantaggio delle imprese della mercegaglia. Insomma sono proprio delle liberalizzazioni “mirate”.
    Poi visto che ci siamo: conosco molti abili menager disposti a guidare il ministero dello sviluppo economico a 50.000 annui; oppure dei vice-premier a 40.000 annui o meglio ancora molti esperti di politica economica disposti a fare i parlamentari a soli 30.000 annui. Di certo non avremo garanzie che ne siano capaci ma visto le becere competenze che già giacciono in parlamento da decenni, almeno i contribuenti italiani spenderanno molto meno. Perchè allora non liberalizzare anche le poltrone istituzionali…al miglio offerente senza alcuna meritocrazia. E cosa dire poi dei trombati che invece sono stati sistemati alla guida delle tante società, finanziate con soldi pubblici, ccon stipendi faraonici senza competere con alcuna gara al ribasso???
    Vanno bene le liberalizzazioni: ma devono valere per tutti, parassiti compresi.

  22. Eccolo lo schifo del rimborso elettorale. E’ solo un travestimento per finanziare illecitamente i partiti: lega compresa. Si proprio la lega, quella di roma ladrona. Che schifo!!! E lo dico da ex leghista. Che schifo. Il rimborso per definizione è la restituzione del SOLO denaro speso. Invece, anche qui, si fottono dei veri e propri tesori sottratti dalle tasche degli italiani. Si taglia su tutto ma guai a toccare i prilvilegi, vitalizi, benefit del mondo parlamentare. Sono velenosi come delle vipere. Se calpesti loro la coda, immediatamente si ribellano e mordono velenosamente. Ricordate ancora la mussolina: appena qualcuno gli ha prospettato un taglio allo schifoso rimborso per i portaborse, che tra l’altro lei percepisce senza averne uno, ha minacciato (oltre al suicidio che tutti noi speriamo) i giornalisti: taglieremo il contributo ai giornali. Come dire: se ci obbligate a tagliarci, prima taglieremo voi tutti!!! Le belle maniere non bastano.

  23. Notizia fresca: a quanto pare questo governo ha già prodotto il primo corrotto pezzo di m…a. Non bastano gli stipendi e i vitalizi da nababbi cercano anche altri dobloni.

  24. Caro catricalà, caro monti, la vostra coerenza sulle liberazioni giace in fondo alle scarpe…le nostre scarpe. E’ davvero singolare la determinazione nell’ affrontate le liberazioni ma cominciando sempre da quelle degli altri. Perchè non iniziare invece a “smontare”, come ha detto lei monti, le posizioni di privilegio dei vostri compagni di merenda??? Avevate posto un tetto agli stipendi dei dirigenti pubblici, ma poi avete precisato che non valeva per il vostro amico Pitruzzella. Egli, nonostante lo abbiate appena nominato, sembra che vanti già diritti acquisiti. Lui, che predica liberalizzazioni, è infatti il primo che sfugge da tali regole. Lui che come un mantra liberalizza, non ne vuole sapere di competere personalmente con gare al ribasso. Lui perchè è li? Perchè è bello? Perchè è bravo? Certamente non percè costa meno! Dovete liberalizzare ma fatelo partendo ovvero in contemporanea con la liberazione di tutto il sistema parassitario e parlamentare.

  25. Volevo solo segnalare che i comandanti e vice dei Carabinieri, Guardia di Finanza, ecc, insomma delle forze di polizia, percepiscono la sip, che è una indennità pensionabile, cioè diventa un vitalizio che si aggiunge alla pensione. Sapete l’importo? Sono 6000 euro al mese. Non è una vergogna?!?

  26. Et voilà!!! Della serie istruzioni d’uso per come ti distruggo la categoria dei professionisti. Polli da spennare. Demoni da esorcizzare. Eccoli i liberalizzatori “strani”. Aboliscono le tariffe e allo stesso tempo obbligano alla copertura assicurativa…a vantaggio dei loro compagni di merenda che possiedono compagnie assicurative (che ovviamente si stanno già fregando le mani). Aboliscono in toto le tariffe per i professionisti ma non toccano i prezziari regionali quali riferimenti per la loro compagna di merenda mercegaglia con le sue imprese (che già si frega le mani per averla scampata). Ormai è evidente che il catricalà finalmente (e il suo amico pitruzzella che non ha dovuto applicare alcun ribasso per difendersi dalla concorrenza del libero mercato e fare il presidente dell’antitrust fottendo quasi mezzo milione di euro l’anno), hanno consumato la loro sete di vendetta nei confronti di tutti i lavoratori autonomi. Ci dobbiamo aspettare le lacrime di catricalà, di monti, di pitruzzella. Ormai anche i professionisti saranno costretti a equipararsi a vendere il pesce (con tutto rispetto per i pescivendoli) ma con sempre maggiori responsabilità e competenze. Si alle liberalizzazioni ma non per tutti. Perché non cominciare dalla liberalizzazione delle poltrone istituzionali. Sacrifici per tutti hanno detto dal colle, con il cuore infranto. Ma un momento. Quali sono i sacrifici sostenuti dal colle!?! A quale rinuncie si sta costringendo il colle!?! E a quali tutti gli altri impoltronati del parlamento!?! Viva le liberazioni “strane”.

  27. voglio chiedere ai lettori di questo blog cosa ne pensano della gente che si ammazza perchè non riesce a vivere della loro misera pensione? proprio oggi leggevo di un metalmeccanico che si è ammazzato perchè aveva perso il posto da circa quattro mesi, comunque la gente onesta si ammazza perchè non riesce più ad andare avanti, e i nostri politici cosa ne pensano? cosa stanno facendo per bloccare questo sterminio? ebbene continuano a metterci più in difficoltà aumentando le tasse, sgodinzolandoci dietro equitalia, o massacrandoci con la finanza, bene italiani continuiamo a farci ammazzare noi e loro continuano a guadagnare sempre più…sveglia popolo italiano basta a questi sopprusi pensiamo che domani potrebbe toccare a noi…l’unione fa la forza

  28. bhe! caro Pino, c’è la mussolina che per difendersi lo stipendio continua a minacciare il suicidio: peccato che si sia fermata alle parole. Non so se avete avuto modo di ammirarla a porta a porta. Era davvero velenosissima nel protestare contro fini e schifani per la loro iniziativa e (forse finta) determinazione a ridurre lo stipendio dei parlamentari…(ad oggi a dire il vero non se ne parla più per tutto il lavoro della famosa commissione giovannini). I sacrifici toccano solo a noi beoti italiani che pagano tutti questi individui. Di sacrifici non ne vogliono fare. Colle incluso. Dal colle non si è mai sentito un solo accenno, un richiamo, una pungolatura al governo affinchè provveda e riduca i costi della politica. Niente! Da quelle parti gli italiani non si vedono.

  29. Romania, proteste contro l’austerità
    Scontri tra manifestanti e polizia, 70 feriti
    Centinaia di persone in strada contro le misure adottate dal governo. Molti cassonetti dati alle fiamme. Gli agenti hanno usato lacrimogeni per disperdere la folla. Il primo ministro apre al dialogo con le parti sociali sulla riforma della Sanità
    Le proteste a Bucarest (reuters)
    BUCAREST – Oltre 70 feriti sono il bilancio dei disordini

    siamo solo noi popolo civile non fa mai nulla e accetta tutti i soprusi di questa classe politica marcia

    siamo un popolo di svirilizzati altro che unita d italia come diceva napolitano

  30. E’ purtroppo di questi giorni la notizia del tragico naufragio della costa concordia. La vicenda ha messo ancora una volta in evidenza comportamenti a dir poco scellerati di persone senza scrupoli, privi di senso di responsabilità che, nonostante l’incompetenza e la codardia, occupano posti importanti senza esserne degni. Proprio come i politici che hanno portato il paese al naufragio e con codardia fuggono nel momento del bisogno. Infatti non hanno tirato fuori un euro per salvare il paese. C’è comunque una vera Italia quella fatta di persone con le palle, con senso di responsabilità e che è sempre pronta a rimboccarsi le maniche e a coprire le falle aperte dai codardi, dai palloni gonfiati, dagli incapaci della politica. A questo punto non posso fare a meno di dire che schettino sta alla politica come DE FALCO sta agli italiani veri. CACCIAMO i CODARDI!!!!!!!

  31. Avete letto Giovanardi!!!
    http://isegretidellacasta.blogspot.com/2012/01/giovanardi-la-casta-non-esiste-siamo.html
    E’ abominevole. Soli 4 mila euro netti al mese…E come fa a presentare una dichiarazione di oltre 200.000 euro all’anno??? Sono redditi diversi?…e dove trova il tempo visto che ha dichiarato che lavora per il parlamento 7 giorni su 7. Sono dei parassiti affamati, arraffoni, egoisti e strafottenti.
    Le tariffe possono essere eliminate, le licenze strappate, le pensioni degli altri bruciate…ma per ridurre il loro stipendio, abolire il loro vitalizio, eliminare iloro benefi e privilegi…è necessaria una guerra!

  32. Caro monti, passera, catricalà per il vostro decreto dovete pensare a un nuovo nome: non crescitalia ma molto più appropriato:
    CRESCIBANCHEASSICURAZIONITRASPORTIPETROLIERIPOLITICA. Il vostro inchino nei confronti delle vere posizioni di privilegio è raccapricciante. Avete colpito taxisti, farmacisti, professionisti…che certamente godono di alcuni privilegi ma sono inezie in confronto alle abominevoli posizioni di privilegio dei vostri amici di merenda che avete tra i banchieri, assicuratori e petrolieri. Avete imposto invece nuove TASSE OCCULTE come le assicurazioni professionali, avete imposto nuove TASSE OCCULTE costringendo gli italiani al conto corrente, avete scelto di non togliere vecchie TASSE OCCULTE chinandovi ai petrolieri. Che dire poi della vostra disarmante incapacità di ridurre le TASSE OCCULTE dei costi della politica, annunciate a pompa magna nella prima conferenza stampa, per fare subito marcia indietro come beceri politici professionisti della peggior specie. ABOMINEVOLI

  33. La fantomatica quanto demagogica annunciata riduzione dei costi sulle assicurazioni RCA. Ecco come andrà, ed è tutto calcolato. Chi accetterà di installare la famigerata “scatola nera” sulla propria automobile (con tutti i problemi di elettronica ecc.ecc.) non si vedrà aumentare le prorpia polizza, in pratica continuerà a pagare quanto paga oggi…tutti gli altri invece si vedranno decuplicare le proprie polizze,con la grande soddisfazione degli amici del team montipasseracatricala.

  34. Visto com’è contenta la mercegaglia e tutta confindustria? Proprio loro che quanto a posizione di privilegio non sono secondi a nessuno. Anche loro insieme ai bancari, agli assicuratori ai petrolieri, non protestano per queste liberalizzazioni. Anzi sono pieni di complimenti per il lavoro fatto. Anche loro, dopo aver fottuto contributi e soldi statali dalle loro posizioni di privilegio, da decenni, arricchendo le loro casse senza creare neanche un solo posto di lavoro, sono felici e contenti.
    Si sono chiesti sacrifici a tutti ma non a confindustria e alla mercegaglia. Anzi il governo ha loro concesso sgravi fiscali. Sono state abolite le tariffe con il plauso della mercegaglia che sostiene il libero mercato. Si, ma la mercegaglia vuole libero solo il mercato degli altri. E i prezziari sono ancora in vigore! Non protesta per la mancata abolizione dei prezziari per le opere pubbliche a servizio delle sue imprese. Bene, caro montipasseracatricala, ora che abbiamo ricordato questa “dimenticanza” il parlamento provveda immediatamente per ABOLIRE I PREZZIARI PER LE IMPRESE della mercegaglia e di tutta confindustria. Liberalizziamo anche il mercato delle imprese mercegagliane. Un governo duro con i piccoli, un governo servo dei grandi gruppi.

  35. Ricordo agli ITALIANI VERI che i soprusi della casta si compiono con il benestare dell’inquilino del colle che predica bene ma razzola malissimo. Io non ho ancora capito che cosa ha fatto questo signore per il bene del paese. A che cosa ha rinunciato? Perchè non lo dice invece di fare discorsi senza capo ne coda? Le trentacinque automobili a sua disposizione sono state ridotte? Il suo stipendio è diminuito? Il carburante per la sua collezione di macchinine lo paga? Se ha una casa perchè non ci vive e utilizza il palazzo solo per lavoro? E’ questo che vogliono gli ITALIANI VERI. Deve essere il primo a rinunciare a qualcosa o sbaglio? Infondo lui è il capo della grande famiglia italiana. Bene questo capo famiglia a che cosa ha rinunciato per il bene della nostra ITALIA? A NULLA continua a fare la vita da nababbo e noi con le pezze al culo lo manteniamo. Ricordo a costui che quella italiana è la settima economia al mondo e nonostante ciò rischiamo di fare la fine della Grecia. Lo stato spende più di quello che incassa perchè c’è chi, presidente in primis, gode di privilegi esagerati mentre gli ITALIANI VERI stringono sempre di più la cinghia per permettere alla casta e ai soui apparati il tenore di vita a cui è abituata. Questi sono metodi dittatoriali e non democratici. Presidente il mio televisore era spento durante il suo discorso alla nazione di fine anno e non sono il solo ad averlo fatto. A buon intenditor poche parole. Sorge spontenea una domanda: “di un presidente cosi che cosa ce ne facciamo”?

  36. Per ridare sollievo alle famiglie italiane in difficoltà non siete stati capaci di fare meglio che colpire e distruggere la classe media, mai così in difficoltà. Come se la crisi economica possa essere risolta secondo il motto “mal comune mezzo gaudio”. Ma dove avete studiato a paperopoli? I lavoratori autonomi, le professioni stanno pagando carissima la crisi, stanno pagando cari i sacrifici chiesti, e ora (proprio in questo momento di recessione) Voi professoroni le affossate con le liberalizzazioni immediate senza una fase di ricomposizione e ripresa economica. Se non aveste studiato a paperopoli, potevate certamente capire che nessuno – meno che voi – potrà prevedere i benefici delle vostre liberalizzazioni dei piccoli. Con questa recessione saranno pochissimi i giovani che potranno sfruttare un mercato più libero delle professioni. Vi informiamo, invece, che di sicuro – si può prevedere che molti cinquantenni con famiglia saranno costretti a chiudere bottega senza poter contare sull’indennità di disoccupazione, sulla cassa integrazione, sull’assistenza sanitaria per malattia, sul TFR e neanche su alcun vitalizio per babypensionati. Il tutto come dice romolo voluto dal colle che predica sacrifici ma senza farne neanche uno. E’ vero ma quali sono sono i sacrifici e le rinuncie del colle? E del parlamento? Civuole una guerra! GOVERNO SALVABANCHEMERCEGAGLIA

  37. Eccole le tensioni sociali: cominciano a manifestarsi. Serpeggiavano da tempo ma l’operato di questo governo di banchieri le ha innescate. Ormai è evidente che la strategia sta alimentando le contrapposizioni degli uni contro gli altri. Una guerra tra poveri. Una situazione insostenibile. Invece di individuare soluzioni strutturali per dare di più a chi non ce la fa, i banchieri tolgono agli altri per aumentare il disagio economio. La guerra sociale è vicina.

  38. La manovra scritta a ottomanimani, mercegagliabanchieriassicuratori…ah! si poi ci sono montipassera che l’hanno copiata.
    Dopo l’abolizione del contante, la concessione del fondo di garanzia alle banche, l’obbligo di avere un contocorrente, l’obbligo della polizza per i professionisti, la riduzione per le assicurazioni del 30% per il rimborso dei danni, la possibilità per le banche di procedere alle associazioni professionali, il mancato obbligo per le banche di agevolare i prestiti con gli oltre 100 miliardi dalla BCE all’1%, grazie alle suppliche di monti, la mancata abolizione dei prezziari per le imprese della mercegaglia, la riduzione dell’irap solo per le imprese della mercegaglia… Ci chiedavamo se il governo dei professoroni, dopo aver massacrato gli italiani, avesse in mente anche qualche agevolazione, qualche aiuto statale per confindustria (che sta riscrivendo la riforma del lavoro per cancellare l’art.18), per le banche oppure per le compagnie assicuratrici.
    Fanno bene i camionisti: con questi soggetti la buone maniere non servono, le parole neanche…
    La prepotenza imposta da chi governa non è insopportabile!!!

  39. Grandi gli autotrasportatori! Siete l’orgoglio di italia. Siete il giusto esempio per tutti noi, un esempio giusto di ribellione a non abbassare la testa per essere considerati solo come schiavi. Tanti schiavi, tantissimi schiavi, senza diritto di replica, che devono lavorare e pagare la bella vita ai parassiti. Il governo dei tecnici è raccapricciante. Riduzione dei costi della politica, riduzione degli stipendi parlamentari, abolizione delle provincie, tetto massimo ai dirigenti pubblici,ecc.ecc.. Orribili. Con la loro agghiacciante attività di soli due mesi sono stati capaci soltanto di strangolare ancora i più deboli, i pensionati (attenzione solo i poveri pensionati, mica i pecoraro scanio), le piccole realtà, i micro imprenditori. Non un banchiere che protesta, non un assicuratore che urla, addirittura confindustria e mercegaglia applaudono…tutta povera gente che tira un sospiro di sollievo per averla fatta ancora franca. Monti ci ha detto che non possono fare la patrimoniale ai grandi patrimoni, che non possono ridurre gli stipendi dei parlamentari. Ma questo lo si sapeva già prima di lui. Ecco il perchè è stato chiamato. Ma allora che c…o ci sei andato a fare??? A noi interessa che abbatti, demolisci, smantelli il 50% di quanto oggi viene trasferito alle camere e al quirinale. Poi, con le loro prerogative, che se la vedessero loro come fare a quadrare i conti, così come avete costretto tutti gli italiani strozzati dalle tasse. La forbice sociale è stata ancora allargata…i ricchi sempre più ricchi e i poveri a rovistare nell’immondizia dei ricchi. Ecco perche le buone maniere non bastano. Dieci, cento mille autotrasportatori.

  40. Ma quanto è stato ridicolo ieri l’on. Castelli da Santo??? Ha abbandonato lo studio davanti alla furia impazzita dei manifestanti.
    Ha anche il coraggio di fare classifoche tra il nord e il sud e difendere la Lombardia, quando proprio in questi giorni gli assessori lombardi stanno finendo uno dopo l’altro in galera per tutti gli imbrogli che hanno fatto.
    Voi penserete che queste parole vengano dette da un meridionale… Ma vi sbagliate, perché io sono nata e vivo al nord in una delle regioni forse tra le più benestanti e sinceramente questa massa di ignoranti della Lega dovrebbe solo andarsene a pedate. A partire da quel fantoccio di Bossi che non riesce nemmeno più a parlare.

  41. Perché le banche, confindustria in questi giorni ballano e acclamano alle liberalizzazioni inferte ai piccoli?
    La risposta è semplice: i tassisti, i padroncini di tir, i professionisti, con le liberalizzazioni saranno esposti a un pericolo mortale. Essere privati dell’autonomia. Essere privati delle peculiarità che connotano le loro attività a mere attività commerciali. Ognuno di loro corre il rischio di essere arruolato in aggregazioni come dipendente della mercegaglia, delle banche e delle grosse imprese capitalistiche, per contribuire, ad alimentare sostenere e ingrassare le loro casseforti, sfruttando persino le attività intelletuali e le professioni. Alla faccia del liberismo. Eccoli i torbiti interessi che ruotano intorno alle liberalizzazioni. Ecco perché gli applausi “interessati” della leader degli industriali. Tutto ciò reso possibile grazie ai vari passera, monti, profumo, catricalà. Tutti compagni di merenda, gente che guadagna – ognuno di loro – quanto guadagnano insieme gli abitanti di una piccola città. Ecco perchè la rabbia, la frustrazione, la ribellione è l’unica salvezza.

  42. SCRIVIAMO NOI, SCRIVONO I GIORNALI, I SINDACATI QUANDO SENTONO QUESTE MALEFATTE DEI POLITICI DOVE SONO PER DIMODTRARE LO SDEGNO DEI CITTADINI?DIMOSTRIAMO PACIFICAMENTE E’ SERVITO A QUALCOSA?I POLITCI CONTINUANO A FARE I CAZZI LORO BABY PENSIONI, DOPPI E TRIPLI INCARICHI, E STO GOVERNO E’ BUONO SOLO A METTERLO NEL CULO A NOI,MA PERCHE’ TUTTI I POLITICI HANNO DETTO CHE RIDURRE IL NUMERO DEI PARLAMENTARI E I LORO PRIVILEGI E STIPENDI E ANTICOSTITUZIONALE,INVEVE AFFAMARE TUTTO IL POPOLO CHE VIVE CON MASSIMO MILLE EURO AL MESE E’ COSTITUZIONALE,INFATTI I POLITICI PERCHE’ SOLO QUESTI ABBIAMO IN ITALIA DEI MISERI POLITICI ATTACCATI ALLE LORO POLTRONE E AI LORO PRIVIKEGI,DI STATISTI NEMMENO L’OMBRA IN QUALUNQUE DIREZIONE DESTRA SINISTRA CENTRO ECC. ECC, QUESTI CON LE BUONE NON CI ASCOLTERANNO MAI E SCRIVERE E PROTESTARE PACIFICAMENTE NON SERVE A NIENTE,CHIUNQUE IN ITALIA HA UN POLITICO IN FAMIGLIA CONTINUA PER GENERAZIONI,A PRODURRE POLITICI,E A MUNGERE LA VACCA GRASSA DELLO STATO,VEDI CRAXI,E ISUOI FIGLI, VEDI BOSSI E I SUOI FIGLI, VEDI DI PIETRO E I SUOI FIGLI,VEDI FITTO E I SUOI FIGLI E TUTTI GLI ALTRI SONO UGUALI SE NON SONO FIGLI SONO MOGLI COME MASTELLA,GENERI, COGNATI SORELLE ECC.SE NON CI RIBELLEREMO SERIAMENTE STARENO E CONTINUEREMO A STARE NELLA CACCA, MA SOLO NOI POVERA GENTE LORO CONTINUANO A FARE,I POLITICI CON DOPPI E TRIPLI INCARICHI E DOPPIE E TRIPLE PENSIONI,AD NADARE IN PENSIONE A 50 ANNI E NOI DOVREMO LAVORARE FINO A 67 PER ADESSO TRA POCO LO PORTERANNO A 80 ANNI, A ITALIANI MA QUANDO CI LIBEREMO DI TUTTA QUESTA GENTE, PENSATE CHE ADESSO COME ADESSO OLTR A PAGARE IL BOVERNO MONTI PAGHIAMO ANCHE QUELLI PRECEDENTI SENZA CHE FANNO UN CAZZO!!!!! A DIMENTICAVO OLTRE A ESSERE SOLO POLTICI SENZA SCRUPOLI, SONO ANCHE IGNORANTI, PENSATE NESSUNO SAPEVA CHE COSA FOSSE LA TOBIN TAX, MI CHIEDO MA CHI CAZZO LI VOTA QUESTI BUFFONI?

  43. E’ morto un ex presidente della repubblica. Aveva 93 anni. 93 ANNI! NOVANTATRE ANNI!!!
    Oggi tutto il mondo politico si sta consumando in messaggi di cordoglio. Lo hanno definito una sentinella della costituzione, un servitore dello stato, un eroe della democrazia. Un servo… Ma di che cosa stiamo parlando?
    Facciamo due conti. E’ stato eletto nel parlamento dal lontano 1946. Dal 1946 non ha mai, ripetiamocelo MAI lasciato il parlamento. Da oltre 65 anni non ha quindi mai, ripetiamocelo MAI perso uno solo stipendio parlamentare o, meglio ancora, di presidente della repubblica e poi di senatore. Praticamente stiamo parlando di un “servitore” che ha più o meno intascato non meno di una somma compresa tra i 9 e 12 milioni di euro. Una somma gigantesca. E stiamo parlando solo del denaro che effettivamente è stato intascato, senza contare tutti i benefit, rendite, prebende ecc.. Impossibile calcolare quanto sia effettivamente costato ai contribuenti italiani. Senza dimenticare che è stato il presidente meno amato degli italiani. Qualcuno dirà che è il prezzo della democrazia . Si, ma non definiamoli servitori dello stato. I servi per definizione lavorano per un tozzo di pane e per un bicchiere d’acqua. Lui invece lascia in eredità a sua figlia un patrimonio ingente che mai nessun servitore ha mai neanche sognato. Qui non dobbiamo e non possiamo parlare di servitori dello stato ma di ben “altro”. I servitori dello stato siamo noi comuni mortali che siamo costretti a pagare x un tozzo di pane.

  44. Dobbiamo fare gli sforzi necessari. Presidente ma di quali sforzi sta parlando? Ma gli sforzi di chi? Non vorrà mica riferirsi ai suoi sforzi? Perché se cosi fosse le giuriamo che non ne abbiamo visti. Gli sforzi di lei e di tutto il suo colle risultano N.P. (non pervenuti). Forse voleva dire gli sforzi che “…voi dovete fare”. Non certo lei. Certamente noi elettori idioti. Sarebbe il caso che ci spiegasse cosa ne fa di quasi duecentocinquantamila euro all’anno. Serviranno ai suoi figli e ai suoi nipoti. Certamente non a lei. Non avrà ne modo ne tempo per usarli. Allora presidente lo faccia uno sforzo. Lo faccia uno solo di sacrificio per i pensionati da 500 euro al mese. Caro (nel vero senso del termine) presidente gli italiani soffrono la fame. Rinunci al suo stipendio da sogno. Col suo stipendio si potrebbero aiutare oltre 500 pensionati (CINQUECENTO) e magari evitargli di rovistare nell’immondizia per arrivare alla fine del mese. Ecco perché siamo indignati. Ecco perché siamo furiosi. Ecco perché vorremmo fare come gli autotrasportatori. Bloccare tutto finchè le cose non cambiano.

  45. SPERIAMO,che il prossimo non sia, UNO MA SIANO I PROSSIMI,MAGARI TUTTI E TUUTE QUESTE SANGUISUGHE CON DOPPIE E TRIPLE PENSIONI,E son d’accordo anche con te domennico, LI CHIAMANO EMERITI PRESIDENTI DELLA REPUBBLICA ,NOI LI CHIAMEREMMO EMERITI LADRI AUTORIZZATI DAL PRIMO ALL’ULTIMO DEI PARLAMENTARI.LA POLITICA SI DOVREBBE FARE PER PASSIONE,COME FANNO I MEDICI SENZA FRONTIERE QUELLI SONO DELLE EMERITE PERSONE.LA POLITICA DEVE ESSERE PASSIONE PER IL BENE DEL POPOLO, E NON PASSIONE PER IL BENE DEL LORO PORTAFOGLIO, E DEI LORO FAMILIARI,GUARDIAMO LA FIGLIA DI SCALFARO PUO’ VIVERE DI RENDITA FINO ALLA FINE DEI SUOI GIORNI,MENTRE LA MAGGIOR PARTE IN ITALIA NON RIESCE NEMMENO AD ARRIVARE A FINE MESE;PORCA DI UNA LURIDA MISERIA!!!!!!!!

  46. Magnifico lavoro quello di Becera…Non lo dico sarcasticamente. Però vorremmo che non utilizzasse la stessa arguzia per sottrarsi alla applicazione della legge sul tetto agli stipendi per i menager delle PA. Non vorremmo che con “becere” operazioni di acutezza si defilasse dal taglio del suo stipendio quasi milionario. Chiaramente ci aspettiamo dai Becera, dai Pitruzzella (compagno di merenda di catricalà) l’immediato allineamento alla proporzione del limite massimo di 300.000 euro (TRECENTOMILA, sempre una montagna di soldi). Parliamo di VENTI VOLTE lo stipendio di un dipendente qualunque. Finchè in Italia ci saranno individui che morderanno con tale avidità, voracità, egoismo, insieme a tutta la classe parassitaria parlamentare, per gli altri italiani incomberà il rischio della fame e della miseria. Migliaia di soggetti che divorano, che ingozzano che ingurgitano quanto riescono a fare decine di milioni di ragionieri fantozziani.
    Per fortuna Scalfano era vedovo…almeno ora abbiamo finito di pagare, dopo oltre 65 anni. Molti degli ultraottantenni che giacciono in parlamento, anche dopo aver esalato l’ultimo respiro ci costringeranno a mantenere mogli e figli agli stessi vitalizi da nababbi. Tutta gente che per almeno quattro generazioni si godraà la vita alla faccia dei contribuenti.

  47. I parassiti delle pensioni. Mentre a noi chiedevano sacrifici, i predoni arraffavano pensioni, vitalizi, benefici e privilegi. A chi chiede loro spiegazioni così rispondono: “la legge lo permette”. Ma attenzione: i predoni d’Italia, quelli che contribuiscono a levare il sonno a chi sogna la pensione e a centinaia di migliaia di precari, non sono solamente i parlamentari e i politici. C’è un’orrenda “ordinarietà” fatta una montagna di truffe, di corruzione e anche di mafia. C’è un’oscena verità fatta di approfittatori che campano sulle spalle dei vivi e sulla “vita” dei morti.

  48. Mentre monti torchia, spreme, strizza gli italiani idioti, quelli che non contano nulla, quelli con l’anello al naso, i vai parassiti adagiati in parlamento si ingegnano su come spartirsi il bottino dei “rimborsi” elettorali. Spendi uno ti “rimborsano” quattro e ci spartiamo i tre. Tanto se mai qualcuno dovesse scoprirli, invece di cacciarli calci in culo dal parlamento, li fanno solo dimettere dal partito per confluire nel partito misto e continuare a papparsi 15.000 euro al mese. Invece di sbatterli in galera, li si ammonisce come quando un bambino fa una marachella: gli si tirano le orecchie, rimproverandoli di non farlo più. Gente senza scrupoli, senza integrità morale, senza etica che continua a frequentare il parlamento e a mungerci come capre. Tutto ciò dopo i finti tagli dei loro stipendi e a ulteriore dimostrazione che ci considerano degli idioti con l’anello al naso. Il parlamento vede essere assaltato con i forconi.

  49. Udite,Udite come continuano a prenderci per il culo i nostri cari parlamentari si sono fatti un taglio allo stipendio di 1.300.00(milletrecentoeuro) lorde significa 400 o 500 euro nette poi se ne aumentano (duemila),il bonus per i portaborese per metà forfettario e l’altra metà giustificato così possono ancora permetersi di avere portaborse in nero,come cazzo è che l’ispettorato del lavoro,la guardia di finanza non inizia da loro a fare le verifiche e a fargli pagare le multe o le pene previste per questi reati il ministro quagliarello/a che adesso continuiamo a pagare senza che produca un cazzo,non è che prima chissà cosa hanno prodotto,ha detto che dobbiamo toglier i privilegi ai lavoratori tipo i cassaintegrati ,ma di togliere i loro privilegi e di dimezzare il nimero dei parlamentari e di farli andare in pensione a 67 anni cone tutti i lavoratori,e di farli stare eletti per solo due legislature non se ne parla,anzi tutti i partiti stanno bene attenti a non parlare di queste cose.Spendono soldi per far fare dei corsi ai cassaintegrati che non produrranno nemmeno un posto di lavoro,e queste società che indicono i corsi sono solo politiche così con la mano sinistra,danno questi soldi a queste societò e con la mano destra se li rimettono in tasca che bella cosa.Non ers meglio chiamare i cassaintegrati e chidergli se volevano fare un attività in proprio,tipo aprirsi una tabaccheria? A dimenticavo nelLa Nazione dove si stanno facendo le liberalizzazioni,i tabaccai sono ancora monopolio dello stato altrimenti come potremmo mantenere tutti i parassiti politici.Abbiamo gli uffici di collocamento,ne avesserro collocato uno per merito,se capiti in quegli uffici si vive proprio la parassiteria Italiana, che schifo.Quindi i politici continuano a prenderci in giro e vogliono togliere solo quello che rimane alla povera genete che è rimasta senza lavoro la misera cassaintegraxione per andare avanti ,mentre i loro stipendi milionari continuano ad essere elargiti e soprattutto i loro privilegi.che schifo, che schifo, che schifo.Ma prendete esempio dai tedeschi e andate a casa,i tedeschi si che sanno come ricollocare i lavoratori sfortunati, che perdono il posto di lavoro,ma soprattutto sanno che la politica serve per il bene del popolo e non delle proprie tasche,e chi ne approfiita va in galera come tutti gli altri ladri anzi questo e’ un lasro peggiore perchè non chè sia benestante ruba più di chi ha bisogno di rubare per sfamarsi o oer altri problemi tipo la droga,Ma i politici che rubano sono l’ultimo dello schifo.

  50. Udite,Udite come continuano a prenderci per il culo i nostri cari parlamentari si sono fatti un taglio allo stipendio di 1.300.00(milletrecentoeuro) lorde significa 400 o 500 euro nette poi se ne aumentano (duemila),il bonus per i portaborese per metà forfettario e l’altra metà giustificato così possono ancora permetersi di avere portaborse in nero,come cazzo è che l’ispettorato del lavoro,la guardia di finanza non inizia da loro a fare le verifiche e a fargli pagare le multe o le pene previste per questi reati il ministro quagliarello/a che adesso continuiamo a pagare senza che produca un cazzo,non è che prima chissà cosa hanno prodotto,ha detto che dobbiamo toglier i privilegi ai lavoratori tipo i cassaintegrati ,ma di togliere i loro privilegi e di dimezzare il nimero dei parlamentari e di farli andare in pensione a 67 anni cone tutti i lavoratori,e di farli stare eletti per solo due legislature non se ne parla,anzi tutti i partiti stanno bene attenti a non parlare di queste cose.Spendono soldi per far fare dei corsi ai cassaintegrati che non produrranno nemmeno un posto di lavoro,e queste società che indicono i corsi sono solo politiche così con la mano sinistra,danno questi soldi a queste societò e con la mano destra se li rimettono in tasca che bella cosa.Non ers meglio chiamare i cassaintegrati e chidergli se volevano fare un attività in proprio,tipo aprirsi una tabaccheria? A dimenticavo nelLa Nazione dove si stanno facendo le liberalizzazioni,i tabaccai sono ancora monopolio dello stato altrimenti come potremmo mantenere tutti i parassiti politici.Abbiamo gli uffici di collocamento,ne avesserro collocato uno per merito,se capiti in quegli uffici si vive proprio la parassiteria Italiana, che schifo.Quindi i politici continuano a prenderci in giro e vogliono togliere solo quello che rimane alla povera genete che è rimasta senza lavoro la misera cassaintegraxione per andare avanti ,mentre i loro stipendi milionari continuano ad essere elargiti e soprattutto i loro privilegi.che schifo, che schifo, che schifo.Ma prendete esempio dai tedeschi e andate a casa,i tedeschi si che sanno come ricollocare i lavoratori sfortunati, che perdono il posto di lavoro,ma soprattutto sanno che la politica serve per il bene del popolo e non delle proprie tasche,e chi ne approfiita va in galera come tutti gli altri ladri anzi questo e’ un lasro peggiore perchè non chè sia benestante ruba più di chi ha bisogno di rubare per sfamarsi o oer altri problemi tipo la droga,Ma i politici che rubano sono l’ultimo dello schifo.ma quando l’ho scritto che quagliarello ha parlato oggi?

  51. Le farneticazioni di monti ormai non si contano. Perché allora non si assume la responsabilità di affermare la monotonia di chi giace in parlamento da venti, trenta, sessanta anni?
    Ormai non sa cosa inventarsi per far passare proprio un copione scrittogli dalla mercegaglia per l’abolizione dell’articolo 18. La miss-confindustria dopo aver imposto a montipasseracatricala le liberalizzazioni per prendersi l’opportunità – insieme a banche, grosse società e grandi capitalisti – di poter sfruttare, spremere, spolpare anche le attività intellettuali e le professioni, continua a imporre e dettare il programma di governo. Sta cogliendo l’occasione buona – avere grandi amici al governo – per arrivare finalmente ai bramato concetto di “usa e getta” (leggasi licenziamenti facili).

  52. E poi si permettono di criticare la Merkel e la Germania i ladroni. L’altro ieri ho seguito su la7 Piazza pulita che ha portato alla luce nuovi privilegi della casta. Lo sapevate che palazzo chigi (sede del governo) ha un suo pronto soccorso? Ci sono laboratori di analisi, macchinari di ultima ganarazione per le eventuali cure ai membri del governo. Otto medici reclutati per raccomandazione e altrettanti infermieri vi lavorano da anni per un costo complessivo annuo di un milione e mezzo di euro. Hanno intervistato un ex dipendente il quale ha detto che per acquistare il materiale non ci sono problemi si fa richiesta e nell’arco di una giornata arriva. Richiedi un esame bene lo effettui in giornata senza fare file, o attese di mesi, come normalmente succede.E bravo il Monti. Tecnico ma qui non si taglia?

  53. Cari connazionali ho dimenticato di raccontarvi una cosa. Hanno intervistato un medico della sanità pubblica al quale hanno chiesto: quante persone ha in cura? e lui: con altri due colleghi ci occupiamo di 2000 pazienti stando alle ultime stime nazionali. Altra domanda: con un milione e mezzo di euro all’anno che cosa si può fare per la pubblica sanità? Risposta tantissime cose. Poi ha detto al giornalista: perchè me lo chiede? Risposta: perchè palazzo chigi ha un pronto soccorso che costa quella cifra lì. E’ rimasto di sasso. Solo tre medici per duemila persone mentre a palazzo ben otto per al massimo quaranta pezzi di merda. E poi ci meravigliamo se certi parassiti politici di lungo corso arrivano a 90 anni. Mor….. loro!!!!!!!

  54. In questi giorni di freddo e neve l’italia tutta e stata bloccata una vergogna per i nostri governati vedi sindaco Roma Alemanno mancanza automezzi spargi sale e spalaneve dove se visto tutto sto trambusto con un po di neve siamo ancora ai tempi dei romani con la sciabola e il carretto e vergognoso e si parla solo di mettere tasse a noi poveri cittadini mentre per loro solo privilegi e comodità a casa tutti dovete andare e chi andra dopo di voi crei leggi che vi riuducano le vostre pensioni milionarie in pensioni da fame!

  55. Caro,si fa per dire ,Sen.,Dott.,prof. Monti ha affermato che il posto fisso e’ una monotonia,forse per quelli come lei che lasciano un posto da 20.000,00 (ventimila) euro al mese e ne prendono un altro con 100.000,00(centomila) euro al mese:E MI SPIEGA COM’è CHE TUTTI QUELLI CHE SIEDONO INSIEME A LEI AL PARLAMENTO,SONO LI DA QUARANTA ANNI E NON SE NE VANNO FINCHE’ NON HANNO RAGGIUNTO LA MEGA PENSIONE,MONTI ma mi faccia il piacere!!!Io insieme ad altri tre,siamo gli unici di una comitiva di 20 (venti), persone che non sono andati a leccare il culo ai politici, tutti e tre diplomati con voti più o meno alti nei fatidici anni 80 mentre gli altri con voti più bassi o addirittura con scuola serale lavorano in PROVINCIA,COMUNE REGIONE,SCUOLA,E MUSEI,senza nessun problema Di cassaintegrazione o altro e diciamo che lavorano!! Noi tre siamo andati a lavorare nelle aziende private dove finche’ ti possono spaccare la schiena tutto a posto come inizi ad avere qualche problemino di salute di mettono in cassaintegrazione se ti va bene,Altrimenti se va peggio le aziende chiudono e dopo qualche anno di mobilita’ ti ritrovi senza niente, nemmeno un centesimo.Mentre i Politici non hanno di queti problemi e nemmeno i lavoratori di enti pubblici li hanno infatti loro come i politici possono tranquillamente durante le ore di lavoro svolgere i fatti loro tipo : fare la spesa prendere il caffè o fare altro, tanto non gli accade nulla, non vengono licenziati o altro prova a farlo in un’azienda privata a timbrare il badge per una persona assente il giorno dopo ti ritrovi per strada.Monti l’art. 18 deve restare solo per i lavoratori delle aziende private e non per voi politici e per i dipendenti pubblici che siete super privilegiati.Perchè non licenziate questi disonesti lavoratori pubblici,che non svolgono il loro lavoro e nello stesso tempo truffano i cittadini e lo stato,e al loro posto assumete dei cassintegrati o della gente più bisognosa di lavorare mi sembra molto più giusto che far finta di niente caro SEM. DOTT. PROF. MONTI.Un’ultima cosa poco fa ho ascoltato la sen livia turco PD e un’altra sen o on del PDL ENTRAME HANNO DETTO CHE LO STATO IN QUETI 40 ANNI NON HA FATTO NIENTE PER LE FAMIGLIE E PER LE STRUTTURE CHE DOVREBBERO SERVIRE ALLE FAMIGLIE..Smbra quasi che in questi 40 anni ci sia stato io al governo ma qunando la finiranno di di dire il governo Berlusconi o il governo PRODI, LA verità che destra sinistra centro e tutti gli altri sono li per il POSTO FISSO E NON PER IL BENE DELLA NAZIONE E DEI CITTADINI.Basta guardare ROMA un pò di neve e già si è nel caos, adesso c’è il PDL, è SUCCESOO anche quando c’era il PD o la MARGHERITA, ed era lo stesso caos.Per non parlare delle tasse tipo il canone rai noi lo paghiamo e loro lo sperperano pagando compensi ultramilionari a gente come CELENTANO, FIORELLO, E COMPENSI ULTRAMILIONARI PER DIRETTORI E MANAGER ,è un’azienda e deve vivere di suo come le altre aziende non a spese dei cittadini chiaro.A NOME DELA MAGGIOR PARTE DEGLI ITALIANI MA FATECI IL PIACERE ANDATE A ……….

  56. Molti funzionari europei prendono illegalmente la doppia pensione dal fondo pensioni UE e dall’INPS. I controlli perché non ci sono?? Alcuni addirittura sono andati a fare i funzionari europei e i baby pensionati in Italia. Sarebbe sufficiente da parte dell’Italia chiedere l’elenco dei funzionari italiani e fare un controllo incrociato. Perché non lo fanno??
    Marta

  57. “Cambierò il modo di vivere degli italiani”. E’ la minaccia di monti (in minuscolo non a caso). E’ proprio vero. Dopo aver finalmente abbattuto i costi della casta, abolito il finanziamento illecito ai partiti, ridotto i trasferimenti delle gigantesche risorse alle camere e al quirinale, applicato pedissequamente il tetto agli stipendi dei menager delle PA (leggasi befera, pitruzzella, ecc.) piegato le banche e i banchieri, massacrato le compagnie assicuratrici, aggredito i torbiti interessi di confindustria., finalmente qualcuno che ha pensato a una distribuzione più equa limando la forbice sociale tra i ricchi più ricchi e i poveri più poveri. Grazie monti.
    Dalle sue “abili” manovre è riuscito proprio a cambiare la vita agli italiani. Mentre le assicurazioni stanno godendo dell’obbligatorietà di una nuova polizza anche per le professioni – alla faccia delle liberalizzazioni – mentre le banche beneficiano della obbligatorietà di avere costretto tutti gli italiani a aprire nuovi conti correnti, mentre le industrie usufruiscono di nuovi sgravi fiscali (fatti passare come incentivi all’occupazione), mentre tutti i loro compagni di merenda saranno tutelati da vecchie deroghe ai tetti degli stipendi per i menager delle PA…ebbene dopo tutte queste “abili” misure gli altri italiani che rimangono saranno costretti a rinunciare anche alla pizza. Ecco come cambierà la vita degli italiani con questo governo di dilettanti allo sbaraglio.

  58. PENSARE, CHE DOPO 30 ANNI DI LAVORO DEVO ASPETTARE DI AVERE 67 ANNI X PRENDERE 500,OO EUR. DI PENSIONE. MI TOGLIE IL SONNO. DA CASALINGA ABITUATA A FAR QUADRARE IL BILANCIO PENSO CHE X RISOLVERE QUALCHE PICCOLO PROBLEMA POTREBBE ESSERE UTILE: 1° – X CHI PERCEPISCE PENSIONE SUPERIORE A 60.OOO,OO RIDURRE DEL 10% – PENSIOMI BABY RIDURRE DEL 2% – DIP. PUBBLICI (COLORO CHE OGNI 5 ANNI DI CONTRIBUZIONE 1 ANNO VENIVA REGALATO)RIDURRE DEL 5%
    E CHI HA AVUTO DEI PRIVILEGI POSSA POSSA BENISSIMO ACCOLLARSI UN CONTRIBUTO DI SOLIDARITA’

  59. Cari connazionali lo sapevate che il Quirinale costa il doppio dell’Eliseo? La sanguisuga del colle ha fatto sapere che per l’anno in corso non ci sarà l’aumento di spesa. In pratica i soldi che sborseremo per mantenere l’abusivo saranno gli stessi dello scorso anno. Ma non dovrebbero diminuire vista la crisi?

  60. PER TUTTI QEI LADRI COME LUSI CHE RUBANO IL POPOLO ITALIANO PER BEN DUE VOLTE LA PRIMA QUANDO PRENDONO SUPER STIPENDI SENZA SAPER FAR NIENTE SOLO LECCARE IL CULO AL POLITICO DI TURNO LA SECONDA QUANDO RUBANO ANCORA.IO POSSO CAPIRE TOTTO’ RIIINA PERCHE’ QUANDO HA INIZIATO LO HA FATTO PER FAME MA UNO COME LUSI GIA’ BENESTANTE LO HA FATTO PER INGORDIGIA PERCIO’ A TUTTI QUELLI COME LUSI GALERA A VITA ANZI 41 BIS ANZI TRIS!!!!!

  61. Mi auguro che un giorno saremo govenati dai TEDESCHI,dolo così riusciremo ad eliminare tutti i politici corrotti e la corruzione,prendete esempio dal capo del governo tedesco Wolf, per una cosa irrilevante un prestito agevolato si è dimesso,e la Merkel ha detto che non poteva più servire il popolo,veramente da ammirare, gente che fa politica per e solo per il popolo e non per i loro biechi interessi.Pensate che in Italia abbiamo raccolto 1.500.000 (unmilionecinquecentomila) firme per togliere i politici, con precedenti penali dal parlamento e sono ancora tutti lì.Solo i TEDESCHI CI POSSONO SALVARE DA QUESTI LADRI E CORROTTI.

    • CARA LISA
      SI E’ VENDUTO PURE LUI …….PER TRENTA DENARI……ORMAI LO STIPENDIO LO PIGLIA DAL BERLUSCA SIC !!!!!!!!!!!!!!

  62. Mi rendo conto che scrivere qui o in un qualsiasi altro blog non serve a niente con le parole non si è mai cambiato niente, ci vogliono i fatti.In Italia noi italiani, di fatti non ne facciamo perciò: tanti saluti a tutti e buonanotte al secchio.

    • Qualcosa si puo’ fare, quando sara’ il momento non andare a votare oppure andare e scrivere sulla scheda quello che si pensa di loro. Boicottiamo le elezioni. L’andare a votare, ci hanno sempre detto, e’ un diritto e un dovere, bene! diritti non ne abbiamo piu’ neanche quello di mangiare, con il dovere abbiamo solo arricchito e ingrassato le caste. Bisogna fare piazza pulita e questo forse e’ l’unico modo. I politici dovrebbero essere i nostri dipendenti, assumiamoli con contratti a tempo, gli diamo uno stipendio, volendo anche superiore, ma che vadano a lavorare coi mezzi pubblici o propri come facciomo noi senza che nessuno ci rimborsi, contributi pensionistici come i nostri, nessun tipo di vitalizio perche’ noi non ne abbiamo e finito il mandatose sono stati bravi si rinnova il contratto altrimenti a casa a cercarsi un altro lavoro se oggi come oggi riescono a trovarlo! Devono vivere come viviamo noi solo cosi’ si puo’ capire cosa serve al paese.

  63. dott.Monti perchè nessuno parla di fare una legge che metta un tetto alle pensioni dell’inps? Chi ha un mega stipendio se vuole può pagarsi senza problemi una pensione assicurativa! Chi ha già accumulato milioni dopo i 65 anni può vivere come tutti con poco e mettendo un tetto alle pensioni tutti potrebbero vivere discretamente con un minimo ad esempio di 1000 euro fino ad un massimo di 4000 euro come quelli offerti come vincita al noto gioco “win for life” sono convinto che in questo modo si risanerebbe il deficit e si riaprirebbe il mercato italiano.

  64. Mi viene da vomitare. Noi non sappiamo come pagare bollette da 150.00€ e tutti sti morti di fame si spartono patrimoni. Deve x forza succedere qualcosa. Cosi non si puo andare avanti.

  65. Il costo della vita aumenta (IVA, benzina, beni di prima necessità, nuove e tasse e aumento di quelle già esistenti), mentre gli stipendi sono sempre più magri… Questo è il modo con cui si inizia una recessione… Le uniche riforme buone per stabilizzare i precari nelle scuole,sono tutte saltate… E per la cassa integrazione e’ in corso un aumento delle.richieste…
    No no… Non andiamo per nulla bene. Qua senza lavoro non c’è crescita e nemmeno la capacità di pagare il debito pubblico…

  66. METTERE UN TETTO ALLE PENSIONE INPS!

    CHI HA REDDITI DI UNA CERTA ENTITA’ NON HA DIRITTO ALLA PENSIONE INPS MA A PENIONE PRIVATA IN QUANTO OBBLIGATO A VERSARE CONTRIBUTI VOLONTARI.

    SGRAVARE L’INPS DA TUTTO CIO’ CHE NON ATTIENE AL SISTEMA PREVIDENZIALE E PENSIONISTICO.

  67. UDITE come sprecano i soldi degli italiani io sono un cassaintegrato e adesso ho finito di frequentare il terzo corso di formazione e riqualificazione.il problema è che su 700 persone non,sia stato uno ricollocato, queste agenzie sono solo politiche e come al solito servono solo a prendere soldi dei contribuenti e metterli nelle tasche di quelli come LUSI ed altri,ARRAFONI POLITICI CON QUESTA CALSSE DIRIGENTE L’ITALIA NON CAMBIERA’ MAI,ASSURDO!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *