HANNO PAURA DI PERDERE LA PENSIONE…

 Un fremito d’ansia circola in queste ore in Parlamento: timori per la crisi globale? Preoccupazione per lo stallo della politica? Macché: i parlamentari hanno paura di perdere la pensione. Se si andasse a elezioni anticipate nella prossima primavera, infatti, 360 fra onorevoli e senatori perderebbero il diritto al vitalizio. “Per molti questi è il primo dei problemi”, ammette Massimo Calearo, ex Pd passato alla maggioranza. Viva la sincerità. Almeno quella. Ma quando toglieremo questo assurdo privilegio che oltre a costarci 200 milioni di euro l’anno condiziona in modo così pesante le decisioni degli eletti? Quando?

49 risposte a “HANNO PAURA DI PERDERE LA PENSIONE…

  1. DOTT. GIORDANO, questo è un messaggio per LEI:
    ogni giorno entro nel suo sito, ogni giorno leggo le ingiustizie che i politici compiono alle nostre spalle.
    Mi creda mi rodo lo stomaco e ci sto veramente molto male.
    Mi chiedo – e forse se lo chiedono tutti quelli che leggono i suoi articoli – come mai Lei non si fa PROMOTORE DI UNA QUALSIASI INIZIATIVA attraverso questo sito.
    CREDO CHE L’UNIONE FACCIA LA FORZA!!! occorre solo iniziare.
    Attendiamo Sue notizie e ringraziamo per la Sua cortese disponibilità

    P.S.: SONO FIERA DI ESSERE ITALIANA, COME LO SONO STATI I MIEI GENITORI, I MIEI NONNI, I MIEI BISNONNI, ecc. (ognuno lavorando e affrontando a testa alta i sacrifici del tempo in cui ha vissuto!)
    ANCHE I MIEI FIGLI LO SONO…..dobbiamo fare in modo che tutto non vada a rotoli (per non usare parole volgari!) e, soprattutto, che I SACRIFICI NON SIAMO PIU’ DISPOSTI A FARLI SOLO NOI!!!

  2. Sono talmente nauseata che non voglio fare più commenti per non correre il rischio di essere volgare e dare sfogo alla mia rabbia,alla mia delusione,alla mia amarezza.cha tutti i politici vadano a…….
    Con affetto per voi tutti che scrivete e rammarico nel constatare che sembra cambi tutto perchè tutto rimanga tale.

  3. Non lo avrei mai detto che un giorno avrei spezzato una lancia a favore di questo merdoso governo.
    La proposta di prelievo dell’1% dalle pensioni di chi, grazie ai vari “compagni, ai vari Amato, De michelis e Democristiani vari sono andati in pensione a 30, 35 e 40 con pochissimi anni di contributi mi sembra una delle cose piu’sensate che si possa fare, perchè non è giusto che sta gente ha smesso di lavorare ancora in età da partitella di calcetto con gli amici, mentre oggi, per mantenere la loro bella vita, c’è gente che si spacca la schiena e muore di stress per consentirgliela,salvo essere licenziati a 56-57-58 anni o morire per un incidente di lavoro. Credo che l’1% sia anche una cifra ridicola, considerato che molti di questi sono andati in pensione oltre che ancora giovani anche con una rendita pari al 90% e oltre rispetto all’ultima retribuzione. Gli divrebbero togliere almeno il 10%, se non altro come forma di risarcimento e rispetto nei confronti proprio di chi nel frattempo ha sgobbato 40 anni e ancora gli è impedito il riposo.
    Percio’ mi auguro che questo governo non faccia solo annunci e proceda senza pietà contro chi si è goduto la vita senza pensieri, i nipoti, le amanti e tante altre belle cosette alla faccia degli schiavi che hanno pagato le conseguenze della politica che loro hanno sostenuto. Loro in fondo sono i responsabili che hanno davvero rubato il futuro ai giovani, non chi dovrebbe giustamente andare in pensione con 40 a prescindere dall’età e deve invece temere l’innalzamento e l’adeguamento alle speranze di vita.E’ bello in virtu’ di cio’ sapere che in giro c’è gente che la pensione se la gode già da trentanni e che se la godrà in media per altri trenta???

    FORZA GOVERNO!

  4. IO metterei la mano sul fuoco pur sapendo di PERDERLA che neanche se ci trovassimo infangati come la grecia i nostri cari politici taglierebbero i loro privileggi,loro tenteranno ancora di spremerci come limoni o come vacche da latte. Non se ne può piu’mi sento ancora italiano ma non rappresentato dalla classe politica, sto pensando seriamente di lasciare questo paese come d’altronde a già fatto mio figlio,mi duole il cuore perche sono uno che ama la propia terra come tanti altri.In italia non c’è futuro per i giovani figuriamoci per uno che ha superato gli anta.Su un altro post ho scritto che dobbiamo andare a testa alta
    MA SOLO PER NON AFFONDARE NELLA M…A BE LO RIBADISCO

  5. Ieri sera a Ballarò Lupi e Bindi RIDICOLI.
    Ha detto il vero il filosofo, neanche considerato di pezza dai due, che a tirare la corda..si spezza!!!Se non danno l’esempio di tagliarsi loro gli enormi benefit che hanno…diventa pesante la situazione. Ho visto porta a porta: c’era quello della lega REGUZZONI:RIDICOLO.
    sentite (credo abbia benuto prima di andare in trasmissione): NOI SIAMO IL PARTITO DEL CAMBIAMENTO.

    Faccio notare che dopo 20 anni non hanno cambiato un emerito (scusate il termine) CAZZO!! Anzi si sono allineati agli altri, hanno piazzato i loro amici e parenti (ES: TROTA).
    Io votavo lega..capita di sbagliare. Credevo in certi principi…
    che esprimevano…una delusione COMPLETA. Mandiamoli tutti a casa.

  6. non ci sono alternative a questa classe politica tranne per il movimento 5 stelle,bisogna azzerare completamente il sistema politico,anche quello degli editori e dei media,che cercano di svincolare dai veri problemi del paese e che sono i servi dei padroni,il politico deve servire il popolo non servire se stesso e i vari leccapiedi al seguito!!!meditate gente,meditate.

  7. Buondì gente, io vi scrivo dopo una attenta lettura dei vostri post, ma Io credo che siamo alla frutta e che sia Bossi che Scilipoti hanno in mano delle carte per far cadere il Governo , quindi Tremonti sà già chi dell’Opposizione voterebbe un Governo Tecnico con Lui premier ; ……sul fatto dei Vitalizi , tifiamo per un NUOVO PARLAMENTO NEI VOLTI E NELLE COMPETENZE , basta AVVOCATI E MURATORI .

  8. Devono rinunciare alla pensione e restituire tutti i soldi, compresi gli eredi dei defunti.
    Questi vitalizi vanno abrogati subito perchè in contrasto con l’articolo 3 dei principi fondamentali.

    • L’articolo 3 della costituzione dice:
      Art. 3

      Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

      È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

    • Hai ragione , ma qui ed altrove c’è qualcuno che insiste a promuovere queste 5 stelle….
      Dobbiamo cambiare le regole ed una volta cambiate possono venirne anche a 8 stelle di movimenti

  9. Caro Direttore ci può dire gentilmente dove dobbiamo firmare e per dirla alla Totò come e dove dobbiamo andare? Avrà capito che siamo veramente esasperati e incapaci di concretizzare la ns.ribellione e il ns.schifo!!!Io sono a casa dal2008 dopo aver lavorato al Tribunale di Milano perchè non ci sono i fondi per rinnovare i contratti a tempo determinato,così a 50 anni ho dovuto prendere baracca e burattini e trasferirmi con i miei 2 figli da mia madre(il marito non c’è e non c’è mai stato) che mantiene praticamente tutti con la sua pensione da ex insegnante,i figli hanno lavori precari e la madre,la sottoscritta no e la storia continua…

  10. visto che avete alternative al movimento 5 stelle!!proponete visto che sono 60 anni che ci governa questa classe politica solo per interessi propri,che ha fatto dell’italia il fanalino di coda nel mondo,e questo grazie a voi italiani che vi siete svegliati dopo che ormai non c’e piu’ nulla da fare,il sistem ormai e corrotto su tutti i fronti,dalle banche ai media,dalle province alle regioni,e questo grazie a voi italiani che avete votato sempre gli stessi parassiti!!qui non si promuove nessuno si guarda al futuro!!!

    • mi dispiace explosyve ma questi maledetti bastardi vanno delegittimati con il non voto se aspettiamo che il movimento 5 stelle diventi maggioranza per cambiare le regole siamo rovinati

      • CARO LINO QUESTI PURTROPPO NON SE NE ANDRANNO MAI!!NON VOTARE SIGNIFICA DARE UNA VITTORIA NETTA SIA A DESTRA CHE A SINISTRA,OGGI I VOTI SI COMPRANO E I NOSTRI POLITICI HANNO L’APPOGGIO DEGLI EDITORI,DEI GIORNALI,DELLA CAMORRA,DEGLI AVVOCATI,DEI MEDICI,ECC.TUTTI COMPIACENTI PER UNO SCOPO FINALE CONTINUARE A MANGIARE SULLE NOSTRE SPALLE,SONO TALMENTE RAMIFICATI CHE I NOSTRI VOTI NON CONTANO PERCHE’ SONO LORO A DECIDERE CHI SALE E CHI SCENDE!!LA RIVOLUZIONE E L’UNICA ALTERNATIVA

  11. scusate, ma continuiamo a fare solo chiacchere. lunica cosa è un’altro 11/09/2001 a montecitorio. e basta facciamola finita con questi porci!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  12. Voglio rendere pubblico il contenuto di una mail giuntami da poco riguardante ulteriori privilegi della casta politica. Non so se quanto riportato sia veritiero, ma credo sia un argomento su cui approfondire! Visto quanto letto fin qui e quanto riportato nel libro non sarebbe da stupirsi se fosse evidenziato l’ennesimo privilegio:

    “Per la prima volta viene tolto il segreto su quanto costa ai contribuenti
    l’assistenza sanitaria integrativa dei deputati. Si tratta di costi per
    cure che non vengono erogate dal sistema sanitario nazionale (le cui
    prestazioni sono gratis o al più pari al ticket), ma da una assistenza
    privata finanziata da Montecitorio. A rendere pubblici questi dati sono
    stati i radicali che da tempo svolgono una campagna di trasparenza
    denominata Parlamento WikiLeaks.
    Va detto ancora che la Camera assicura un rimborso sanitario privato non
    solo ai 630 onorevoli. Ma anche a 1109 loro familiari compresi (per
    volontà dell’ex presidente della Camera Pier Ferdinando Casini) i
    conviventi more uxorio.
    Ebbene, nel 2010, deputati e parenti vari hanno speso complessivamente 10
    milioni e 117mila euro. Tre milioni e 92mila euro per spese
    odontoiatriche.
    Oltre tre milioni per ricoveri e interventi (eseguiti dunque non in
    ospedali o strutture convenzionati dove non si paga, ma in cliniche
    private). Quasi un milione di euro (976mila euro, per la precisione), per
    fisioterapia. Per visite varie, 698mila euro. Quattrocentottantotto mila
    euro per occhiali e 257mila per far fronte, con la psicoterapia, ai
    problemi psicologici e psichiatrici di deputati e dei loro familari.
    Per curare i problemi delle vene varicose (voce “sclerosante”), 28mila e
    138 euro. Visite omeopatiche 3mila e 636 euro. I deputati si sono anche
    fatti curare in strutture del servizio sanitario nazionale, e dunque hanno
    chiesto il rimborso all’assistenza integrativa del Parlamento per 153mila
    euro di ticket.
    Ma non tutti i numeri sull’assistenza sanitaria privata dei deputati,
    tuttavia, sono stati desegretati. “Abbiamo chiesto – dice la Bernardini –
    quanti e quali importi sono stati spesi nell’ultimo triennio per alcune
    prestazioni previste dal ‘fondo di solidarietà sanitarià come ad esempio
    balneoterapia, shiatsuterapia, massaggio sportivo ed elettroscultura
    (ginnastica passiva). Volevamo sapere anche l’importo degli interventi per
    chirurgia plastica, ma questi conti i Questori della Camera non ce li
    hanno voluti dare”. Perché queste informazioni restano riservate, non
    accessibili?
    Cosa c’è da nascondere?
    Ecco il motivo di quel segreto secondo i Questori della Camera: “Il
    sistema informatizzato di gestione contabile dei dati adottato dalla
    Camera non consente di estrarre le informazioni richieste. Tenuto conto
    del principio generale dell’accesso agli atti in base al quale la domanda
    non può comportare la necessità di un’attività di elaborazione dei dati da
    parte del soggetto destinatario della richiesta, non è possibile fornire
    le informazioni secondo le modalità richieste”.
    Il partito di Pannella, a questo proposito, è contrario. “Non ritengo –
    spiega la deputata Rita Bernardini – che la Camera debba provvedere a dare
    una assicurazione integrativa. Ogni deputato potrebbe benissimo farsela
    per conto proprio avendo gia l’assistenza che hanno tutti i cittadini
    italiani.
    Se gli onorevoli vogliono qualcosa di più dei cittadini italiani, cioè un
    privilegio, possono pagarselo, visto che già dispongono di un rimborso di
    25 mila euro mensili, a farsi un’assicurazione privata. Non si capisce
    perché questa ‘mutua integrativà la debba pagare la Camera facendola
    gestire direttamente dai Questori”. “Secondo noi – aggiunge – basterebbe
    semplicemente non prevederla e quindi far risparmiare alla collettività
    dieci milioni di euro all’anno”.Mentre a noi tagliano sull’assistenza sanitaria e sociale è deprimente scoprire che alla casta rimborsano anche massaggi e chirurgie plastiche private – è il commento del presidente dell’ADICO, Carlo Garofolini – e sempre nel massimo silenzio di tutti.

    …E NON FINISCE QUI…

    Sull’Espresso di qualche settimana fa c’era un articoletto che spiega che recentemente il Parlamento ha votato all’UNANIMITA’ e senza astenuti un aumento di stipendio per i parlamentari pari a circa euro 1.135,00 al mese.Inoltre la mozione e stata camuffata in modo tale da non risultare nei verbali ufficiali.

    STIPENDIO Euro 19.150,00 AL MESE
    STIPENDIO BASE circa Euro 9.980,00 al mese
    PORTABORSE circa Euro 4.030,00 al mese (generalmente parente o familiare)
    RIMBORSO SPESE AFFITTO circa Euro 2.900,00 al mese

    INDENNITA’ DI CARICA (da Euro 335,00 circa a Euro 6.455,00) TUTTI ESENTASSE
    +

    TELEFONO CELLULARE gratis
    TESSERA DEL CINEMA gratis
    TESSERA TEATRO gratis
    TESSERA AUTOBUS – METROPOLITANA gratis
    FRANCOBOLLI gratis
    VIAGGI AEREO NAZIONALI gratis
    CIRCOLAZIONE AUTOSTRADE gratis
    PISCINE E PALESTRE gratis
    FS gratis
    AEREO DI STATO gratis
    AMBASCIATE gratis
    CLINICHE gratis
    ASSICURAZIONE INFORTUNI gratis
    ASSICURAZIONE MORTE gratis
    AUTO BLU CON AUTISTA gratis
    RISTORANTE gratis (nel 1999 hanno mangiato e bevuto gratis per Euro 1.472.000,00).
    Intascano uno stipendio e hanno diritto alla pensione dopo 35 mesi in parlamento mentre obbligano i cittadini a 35 anni di contributi (41 anni per il pubbico impiego)
    Circa Euro 103.000,00 li incassano con il rimborso spese elettorali (in violazione alla legge sul finanziamento ai partiti), più i privilegi per quelli che sono stati Presidenti della Repubblica, del Senato o della Camera. (Es: la sig.ra Pivetti ha a disposizione e gratis un ufficio, una segretaria, l’auto blu ed una scorta sempre al suo servizio)

    La classe politica ha causato al paese un danno di 1 MILIARDO e 255 MILIONI di EURO.
    La sola camera dei deputati costa al cittadino Euro 2.215,00 al MINUTO !!

    Far circolare.

    Si sta promuovendo un referendum per l’ abolizione dei privilegi di tutti i parlamentari………… queste informazioni possono essere lette solo attraverso Internet in quanto quasi tutti i massmedia rifiutano di portarle a conoscenza degli italiani……

    PER FAVORE CONTINUA LA CATENA

    • Per me possono abolire tutti i rimborsi, ma non quelli sanitari, visto che se ne incontro uno di persona, i soldi che prendera di persona non gli basteranno per le cure.

    • Beh ora il nostro amico Dott. Giordano sicuramente farà qualcosa…..no? hehehehe
      Chiacchierare qui o dal barbiere è quasi la stessa cosa, dico quasi perchè almeno il barbiere ti risponde!

  13. credo che dobbiamo tutti inpugnare i forconi e andare a Roma,non facciamo altro che parlare perchè ci va bene così e nessuno si prende la briga di fare una rivolta civile…
    Spero tantissimo di entrare nella crisi economica più buia del nostro paese,che il prezzo della farina e dell’acqua salga alle stelle poi sicuramente non starete più a parlare.
    E’ l’unico modo per svegliare la gente ad agire con le proprie maniere.

  14. AUSPICHEREI UNA RIVOLUZIONE CON AZZERAMENTO TOTALE DEL SISTEMA E UN SUCCESSIVO COMMISSARIAMENTO DA PARTE DELLA U.E. IN ATTESA CHE IN PARLAMENTO SI INSEDINO PERSONE DEGNE DI RAPPRESENTARE I CITTADINI ITALIANI…!!!
    IL PAESE LO DEVONO GUIDARE PERSONE A CUI STA A CUORE IL BENE COMUNE E NON SOLO IL PROPRIO TORNACONTO..

  15. AUSPICHEREI UNA RIVOLUZIONE CON AZZERAMENTO TOTALE DEL SISTEMA E UN SUCCESSIVO COMMISSARIAMENTO DA PARTE DELLA U.E. IN ATTESA CHE IN PARLAMENTO SI INSEDINO PERSONE DEGNE DI RAPPRESENTARE I CITTADINI ITALIANI…!!!
    IL PAESE LO DEVONO GUIDARE PERSONE A CUI STA A CUORE IL BENE COMUNE E NON SOLO IL PROPRIO TORNACONTO..
    e lo stipendio dei governanti dovra’ essere pari allo stipendio medio degli italiani.. solo così cercheranno di arricchire tutti… sarebbe l’unico modo per arricchirsi!!

  16. I PARLAMENTARI HANNO PAURA DI PERDERE LA PENSIONE PERCHE’ SANNO CHE LE LORO PENSIONI SONO RUBATE.
    PARLAMENTARI DI DESTRA DI SINISTRA E DI CENTRO NON VI SPETTA ALCUNA PENSIONE E PER AVERLA TOGLIETE I SERVIZI AI CITTADINI PIU’ DEBOLI.

  17. Come al solito “Teatro della Politica”.
    Peccato che gli spettacolo e attori siano sempre di pessima qualità, testi e musica desolanti.
    Prossimamente dovrebbero essere gli Italiani a mettere in scena “Deserto nelle urne”.
    Notizia di questi giorni,da verificare, ma sembra che il Ministro Amato percepisca un mensile di 31.000 euro tra pensione e consulenze.

    Salutissimi…..e applausi !!!!

  18. il popolo italiano silenzioso comincia a muoversi,basta con la politica teatrino,basta con i loro privilegi non guadagnati,basta con tv e media,basta con editori e giornali,basta con i leccapiedi dei politici,si deve azzerare completamente il sistema e ripartire con l’obbiettivo di portare il futuro in italia!!!!!

  19. Sono perfettamente d’accordo con Fiore. Dott. Giordano il suo blog serve solo per farci indignare?? In un altro suo articolo chiedeva di firmare contro queste ingiustizie e poi?? L’ho vista a “domenica in” qualche settimana fa e chiedeva a due parlamentari donne di togliere i vitalizi ma non basta. Io ho dovuto pagare tre volte il ticket sanitario maggiorato di 10 euro grazie alla finanziaria di agosto, mentre gli onorevoli si fanno i massaggi, le cure dentarie (io sono andata in Croazia per permettermelo) i ritocchi estetici, le cure psicologiche (e noi da chi dovremmo andare per calmarci?). Vorrei che qualche volta rispondesse alle nostre domande.
    Grazie Lisa

      • Vanno mandati casa i parassiti che abbiamo a Roma, dobbiamo continuare a protestare in ogni modo possibile e non dobbiamo farci infinocchiare da false promesse. Tolleranza zero con tutti quelli che vivono mantenuti dai nostri redditi.
        E comunque il fatto che nessuno abbia parlato di questa cosa è la precisa conferma che darebbe fastidio a moltissime persone ovvero a tutto quell’apparato che vive alle nostre spalle.

  20. questa dell’ennesimo voto di fiducia al governo dello psiconano,dimostra che vogliono prendersi il vitalizio dei 5 anni ma non ci arriveranno mai.domani 15 ottobre 2011 si spegnera’ definitivamente la repubblica italiana dei ladri di montecitorio,che sono 60 anni che mangiano sulle spalle del popolo che lavora,sara’ la fine e l’inizio di una nuova era.

  21. Tranquilli tutto risolto la fiducia c’è e le pensioni pure, anche se era una cosa del tutto scontata.
    Ci mancherebbe che si danno la zappa sui piedi.

  22. X Zanza.
    Non ero a conoscenza della realtà Islandese e devo dire che è impressionante ciò che sono riusciti a fare. Però c’è da dire che li il primo ministro di fronte al popolo manifestante ha avuto il coraggio ed il buonsenso di dimettersi e successivamente c’è stata la volontà di ricostruire tutto da capo basandosi sulla volontà popolare. Da noi non si può neanche manifestare per bene perchè se sei un pelino più energico (e non intendo vandalo) prima ti manganellano e poi ti sbattono in carcere come un delinquente. Comunque se aspettiamo che i nostri politici si dimettano da soli allora siamo freschi. Ormai è da un bel che non hanno più il consenso popolare ma a quanto pare questo non è che gli interessi molto. A questo punto solo il popolo può salvare l’Italia…sia con le buone (sarebbe meglio per tutti) che con le cattive.

    • Effettivamente credo pochi ne fossero a conoscenza. Io ho ricevuto oggi per mail l’informazione quindi un ennesimo grazie alla libertà della rete. Quanto al manifestare ritengo che tutte le rivoluzioni siano costate care a chi le ha fatte. Se aspettiamo che ci buttino il tappeto rosso a roma stiamo freschi anche perché stiamo andando contro i loro interessi. Il vero problema è che noi italiani siamo piuttosto “poveri” quanto ad ideali e purtroppo non siamo molto disposti a crederci e a lottare per quello in cui crediamo. Molto più comodo accettare compromessi o scambi di favori. Un peccato perché sarebbe un bel paese. Ma confidiamo innanzitutto nel cambiamento della gente… che i tempi siano maturi?

  23. I politici gestiscono il flusso della spesa pubblica e le autorizzazioni amministrative; gli imprenditori si occupano della gestione dell’accesso al mercato; i mafiosi riciclano capitali, partecipano agli affari e mettono a disposizione la forza materiale per rimuovere gli ostacoli che non è possibile rimuovere con metodi legali”ecco perche’ vinceranno le elezioni sempre la destra o la sinistra,basta comprarsi i voti,ovviamente in cambio di favori!!

  24. La pensione i parassiti di stato la percepiranno perchè, come al solito, troveranno l’accordo per arrivare a fine legislatura. Continueremo a pagargliela e sapete perchè? Perchè noi italiani siamo incapaci di ribellarci. I ladroni lo sanno e fanno quello che vogliono. Criticare Berlusconi va bene è uno della casta ma guai pensare che con l’opposizione al governo le cose migliorerebbero. Non è l’unico responsabile della crisi che stiamo vivendo. Il “Sistema Italia” fu messo in piedi da quella banda di cialtroni che redassero la tanto citata costituzione e che diedero vita ai due rami del parlamento con tutti gli annessi e connessi. I mille pseudo politici di oggi non sono altro che i discendenti di quei ciarlatani nulla facenti che già allora facevano vita da nababbi e che sistemavano parenti e amici in ogni settore della pubblica amministrazione. L’obiettivo era sempre il solito arraffare tutto con la inconsapevole complicità della povera gente incolta e che credeva alle loro cazzate.

  25. Bene ROMOLO,
    ora che non siamo più gente incolta che crede alle loro cazzate cerchiamo un POLITICO ONESTO disposto eliminare il ladrocinio dei loro VITALIZI, come da petizione n. 1358 annunciata al Senato l’11/10/2011.

  26. Ciao Giuliana sono con te. Però onestà è una parola che difficilmente si sposa con politico. Bisogna cercare in altri ambiti. Io credo, come sostiene Fiore, che il Dott. Giordano sia la persona adatta, visto che è stato il primo a rendere note le ingiustizie del “sistema Italia”. Dottore attendiamo una sua risposta.

  27. figuriamoci se questi andranno alle elezioni anticipate, prima garantiranno ai 360 i vitalizi o comunque sistemi per non perdere nulla e poi forse si andrà alle elezioni, questo è un sistema vergognoso, indegno di un paese civile, classificato come potenza economica mondiale, una vergogna, pensare solo ed esclusivamente ad assicurarsi un futuro da ricchi pensionati, invece di aiutare il popolo, ma che parliamo e scriviamo a fare, tanto che può cambiare, nulla.

  28. Ma è possibile che ancora non avete capito qual’è il problema?.. il problema è la classe dirigente stupida, sanno dire solo che “bisogna dare fiducia ai mercati”, nient’altro..
    Non hanno neanche idea di come funziona il sistema finanziario.
    Eppure è semplice, tutto parte dalla produzione di BENI e dalla vendita di questi beni: produzione industriale, edilizia, agricola, della pesca, ecc. che generano il mercato (ricchezza) con l’ausilio dei servizi (ma quelli veri), il sistema finanziario, cioè il finanziamento d’impresa (ma delle idee) e delle risorse energetiche.
    Purtroppo il debito pubblico, cosiddetto “debito pubblico”, è un sistema per finanziare le idee imprenditoriali statali che via via è diventato un prestito allo stato per fornire privilegi, privilegi che a tutt’oggi non vogliono rinunciare, per cui la girano e la rigirano e se la prendono coi più deboli che per ironia sono proprio quelli che generano “beni”.
    Ma dare ascolto ai politici c’è il rischio del suicidio collettivo, poiché fare sacrifici per attenuare il debito pubblico per continuare a finanziare privilegi è un sacrificio invano, perché non c’è nessun riferimento, e non alludo agli investimenti in denaro per la crescita poiché sarebbero soldi sprecati se non si punta il dito sul costo del lavoro e sui motivi dell’inefficienza delle imprese, ma alle ragioni che ci hanno portato in questa situazione di merda “la stupidità della classe dirigente tutta, politica e privata”. E sono gli stessi che pretendono di tirarci fuori.. è incredibile!
    Lettera Aperta: http://www.montemesolaonline.it/Lettera_Aperta_direttori-stupidi.htm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *