Ma perché da 16 anni continuiamo a pagare ufficio e segretaria alla Pivetti?

L’altro giorno, durante una diretta su Raitre, Irene Pivetti ha dichiarato che come ex presidente della Camera ha ancora a disposizione un ufficio a Montecitorio e una segretaria.  Dice che le usa per la sua associazione che fa beneficenza. La stessa cosa l’ha ribadita stamattina in un’intervista al “Giornale” in cui sostiene che non prende il vitalizio da parlamentare, cui avrà diritto solo al compimento del 65esimo anno di età, cioè nel 2028. Non ci risulta: secondo i dati in nostro possesso è vero che al momento Irene Pivetti non prende vitalizio, ma lo dovrebbe ricevere nel 2013, al compimento del 50esimo anno di età, e sarà pari a 6203 euro. Speriamo di aver dato una bella notizia all’ex pasionaria leghista (un po’ meno bella per i contribuenti, ma va beh…). E, riguardo all’ufficio con segreteria, ci permettiamo di ripeterle la domanda che le abbiamo fatto in diretta: con tutto il rispetto l’associazione che fa beneficenza, le sembra giusto farla nei locali di Montecitorio? Cioè con i soldi dei contribuenti? Sono passati 16 anni da quando ha lasciato la presidenza della Camera: è giusto che noi da 16 anni le vengano pagati un ufficio e una segretaria? E per quanto tempo ancora?

Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Facebook0Email this to someonePrint this page

40 risposte a “Ma perché da 16 anni continuiamo a pagare ufficio e segretaria alla Pivetti?

  1. Buongiorno Direttore Giordano,sono Gaetano D’alessandro, un ragazzo di 25anni, sto organizzando la Notte Bianca di Bagheria Sabato 5 Maggio 2012 incentrata sul tema della lotta contro la mafia e la mal gestione della nostra regione da parte dei politici siciliani. Bagheria comune nella Provincia di Palermo, è stata una città famosa per aver dato i natali a personaggi influenti nella mafia. Noi ragazzi stiamo cercando di invertire il trend, e rendere agli occhi della gente una nuova visione di Bagheria, ovvero la Città delle Ville settecentesche, la città di Guttuso, di Ignazio Buttitta e molti altri. Alla nostra terra si è ispirata Dacia Maraini scrivendo uno dei suoi migliori romanzi autobiografici. Per queste ragioni del passato e per dare linfa nuova alla nostra città affinchè possa dar spazio a nuovi futuri uomini e donne che hanno rifiutato fin dalla nascita ogni relazione con quel sistema corrotto e sporco, vogliamo dar vita a una rivoluzione sociale tramite l’organizzazione di continui eventi socioculturali, che supportino anche uno sviluppo economico.
    Entro la fine di ottobre presenterò il business plan, e sarebbe un onore se lei partecipasse. Io vivo a Milano per motivi di studio, quindi se queste poche righe le hanno trasmesso un pò della nostra voglia di provare a cambiare attivamente, mi piacerebbe incontrarla per rispondere a qualsiasi suo interrogativo affinché lei possa decidere di partecipare. Cordiali Saluti tel 3319867118. mail: gaetanodaless@gmail.com

  2. Comunque sia e per il rispetto dovutole io scriverei Pivetti con la P maiuscola anche se sicuramente è un errore e non una scelta della redazione. Per quanto riguarda il suddetto ufficio ed il suo uso, visto che non è di tipo istituzionale ma una scelta personale inviterei la Signora Pivetti a cercare una location, come si dice, esterna al palazzo e nel frattempo a pagare un affitto, agli italiani, per dimostrare la sua “levatura morale”. Anche se tardiva, in questi tempi di poco “Onorevoli” comportamenti potrebbe essere una risposta apprezzata dai cittadini…

  3. Caro Direttore Lei si è assicurato un lavoro.. sicuro; cercando di portare alla ribalta le ingiustizie che regolarmente perpetuano i nostri politici, ne avrà per un migiaio di anni…..come minimo.
    Rimane un fatto doloroso, si continua a scrivere ma loro continuano a delinquere, ogni giorno se ne scopre uno. L’italia sta andando in malora e “loro” vanno in pellegrinaggio in Terra Santa,(notizia del TG1 di oggi 5/9) magari con i soldi dei contribuenti, ma questo non ce lo diranno se non sarà Lei a scoprirlo prossimamente.Rimango della mia idea, “questi” a casa da soli non ci vanno, hanno bisogno di una..spintarella. Comunque sembra, se mi concede ancora qualche rigo, che ogni presidente della camera debba lasciare un ricordo indelebile: la pivetti l’abbiamo appena visto, il buon casini estendendo il rimborso sanitario privato anche ai familiari dei deputati,ci ha lasciato un “pesante ricordino. Chissà cosa s’inventerà il buon fini. Anche “essi faliari” si ammalano e hanno bisogno di assistenza…privata. D’altronde io stesso ultimamente ho fatto delle visite private, me le sono pagate, non potendo aspettare 6/8 mesi per l’assistenza pubblica. Ripeto, andiamo a prenderli e mandiamoli, anzi portiamoli, a casa. E’ istigazione a delinquere? Beh se loro sono delinquenti..si!!!

  4. Oltretutto va ripetendo che questi sono i costi della democrazia. E come lei, per quanti altri ex presidenti della Camera paghiamo vitalizi e prebende (vedi Bertinotti ex presidente della Camera del governo Prodi)? Se poi la democrazia è lo sfacelo finanziario a cui ci sta portando, evviva la dittatura! Anche oggi la borsa sta perdendo il 3,6 %. Nessuno più si fida della carta Euro/Lira.

  5. E’ una vergogna sostenere dei costi per una ex presidente della camera per 16 anni e chissà quanti altri ne passeranno e dopo vengono a chiedere a noi i sacrifici. Diceva il Grande TOTO’: MA MI FACCIA IL PIACERE…………………

  6. 1)che l’italia torni in mano al popolo 2)che i politici debbano andarsene!3)si deve azzerare tutto dai stipendi ai vitalizi e sfizi vari.4)devono pagare per lo scempio che hanno portato in italia da 60 anni rubando il lavoro di altre persone e ancora oggi li dobbiamo mantenere!!!tutti al rogo dovranno andare!!!le prossime elezioni vorrei vedere chi italiano imbecille si permettera’ di votare questi parassiti!!!!

  7. IO ESPRIMO APPREZZAMENTO E STIMA PER IL DIRETTORE GIORDANO E’ UNA PERSONA SPECIALE MA VORREI CHIEDERE : DIRETTORE MA COSA SI DEVE FARE PER MORALIZZARE E RESPONSABILIZZARE QUESTA CLASSE POLITICA CHE, MENTRE CHIEDE ALLA POPOLAZIONE , GRANDI RINUNCE E SACRIFICI LORO CONTINUANO IMPERTERRITI A SPERPERARE IN TUTTI I MODI POSSIBILI IL DENARO CHE CI VIENE SOTTRATTO E STANNO PORTANDO IL PAESE AL FALLIMENTO… MA COM’E’ POSSIBILE CHE NESSUNO, PROPRIO NESSUNO DI QUESTI SIGNORI CHE SIEDONO AL GOVERNO NON ABBIA UN MOMENTO DI LUCIDITA’ PER APPORTARE LE MODIFICHE NECESSARIE PER RESTITUIRE UN PO DI RESPIRO AD UN PAESE AGONIZZANTE !!!!!!!! DIRETTORE..NOI LA RINGRAZIAMO TANTO PER IL CONTRIBUTO CHE LEI OFFRE NEL FORNIRCI DELLE INFORMAZIONI CHE, ALTRIMENTI NON SAPREMMO MAI!!!!!!

  8. L’italia rischia il declassamento del rating sul debito sovrano e nessun politico italiano di maggioranza e opposizione si sta attivando per chiedere l’abolizione dei vitalizi e di tutti gli altri abominevoli privilegi a loro uso e consumo. Lo spreco sovrano della politica italiana è intoccabile, il loro vitalizio è sacro, gli anacronistici sperperi e abusi riservati agli ex-presidenti della camera e senato, inviolabili…Sono individui che da quel lato non ci sentono proprio. Non hanno alcuna intenzione di fare alcun passo indietro. Sono i politici più costosi del mondo nonostante la loro inadeguatezza, incapacità e l’assoluta mancanza di etica morale. Alcuni di loro si indignano per le intercettazioni telefoniche e dper la loro pubblicazione…
    A noi invece indigna molto di più gli incredibili contenuti drammatici che tali intercettazioni rivelerebbero: presidenti e altissime cariche dello stato senza alcuna etica e scrupolo.
    Tutto ciò a carissimo prezzo. Sostengono che questo sia il prezzo della democrazia. Che schifo!
    Se nonstante gli altissimi costi della politica, l’italia è gestita da tali individui, se nonostante ci spremano così tanto hanno ridotto il bel paese in queste condizioni, allora chiediamo l’abolizione di questi costi inutili. Servono solo all’indebito arricchimento di personaggi incapaci e dannosi per il bene comune.

      • Grazie Lele, ribadisco: nessuna modifica delle regole per la vincita di un vitalizio per i parlamentari. Modificano e emendano con violenza le pensioni degli altri ma si guardano bene a non toccare le disgustose regole che hanno consentito vitalizi già a 48 anni e purtroppo consentiranno ancora vitalizi agli attuali individui che ci sono in parlamento. SONO ODIOSAMENTE EGOISTI E SPUDORATI

  9. Mi sbaglio o la signora pivetti ha anche a disposizione, a vita, la macchina con autista a nostre spese?
    Tutti in piazza montecitorio sabato 10 settembre?

  10. …mandando in giro per il mondo qst pagliacci non ci dobbiamo lamentare se poi all’estero pensano che gli Italiani sono dei buoni a nulla!

  11. Il berlusca ha detto “INTERCETTATO”,qui per vincere bisogna intercettare tipo…inter,questo è un PAESE DI MERDA…..
    VEDIAMO SE QUALCUNO HA IL CORAGGIO DI ….DISSENTIRE.
    Per giusta informazione…la Pivetti ha rinunciato all’autista ed alla auto blù.
    Comunque sono meravigliato che nel 2011 scopriamo i PRIVILEGI dei PARLAMENTARI……..italioti ma dove CAZZO ERAVATE nel SECOLO SCORSO ????

  12. Purtroppo devo dare ragione A BOSSI, le pensioni di anzianità non vanno toccate, per la semplice ragione che sono state gia’ toccate, basta dire che con le ultime modifiche si puo’ andare per il 2011 e 2012 in pensione di anzianita’ avendo compiuto 60 anni di eta’, avere almeno 35 anni di lavoro ed inoltre aspettare ancora un anno ed un mese. Non mi sembra poco. Inoltre dal 2013 tutto si incrementa di un anno. Ecco perche’ dico BASTA….!!!! P.S. E poi che fine fa con quella schiera di persone che oggi sono in mobilità e che quindi le possibili modifiche alla pensione di anzianità le lascerebbe senza pensione e senza indennità di mobilità?

  13. Voglio unirmi ai complimenti al dott.Giordano di Anna Ferroni,però credo che limitarsi a scrivere sul blog non porterà a nulla di piu che a qualche incazzatura.Dott. Giordano non mi fraintenda,non è una critica a Lei,anzi La ringrazio perchè con ” Sanguisughe” Lei mi ha aperto un mondo che francamente non conoscevo,però credo che persone come Lei possono fare molto di piu.Io penso che dovrebbe organizzare un tour con Beppe Grillo girare per le piazze italiane e far conoscere a tutti quello che scrive qui sul blog,il tutto in funzione delle prossime elezioni politiche,perchè cari amici del blog ds e sx sono esattamente la stessa cosa, per risolvere i problemi del nostro paese bisogna chiudere i rubinetti degli sprechi dei privilegi praticamente del costo della politica.Possono fare tutte le finanziarie che vogliono ma se non tappi il buco puoi continuare a versare acqua quanto vuoi ma il barile sarà sempre vuoto.

  14. Da qualche anno sono una pensionata e ho dovuto aspettare i sessant’anni per avere una pensione che mi assicura solo il necessario, pur avendo passato sui libri la mia prima giovinezza e lavorato scrupolosamente per 40 anni. I miei figli anch’essi laureati sono precari e mal retribuiti; se io fossi abituata alla disonestà li inviterei a delinquere e poi ad entrare in politica: si assicurerebbero così un avvenire sicuro e dorato!!!!
    Caro Direttore mobilitiamoci per cambiare in primis la legge elettorale: dobbiamo essere noi a scegliere chi ci deve rappresentare, se vogliamo dare una svolta a questa nostra Italia. Dobbiamo essere noi a mandare a casa questi svergognati che restano al loro posto anche quando i fatti li condannano palesemente, anzi si nascondono dietro a un dito, dicendo che non sono a conoscenza dei fatti per cui sono indagati…La misura è colma!!! Gli italiani onesti, che hanno sempre pagato tutte le tasse e rispettato l’etica del vivere civile,sono con Lei!

  15. Vi posto questo per rovinarvi ancora di più il fegato sperando di non far aumentare la spesa sanitaria, dato che già ci pensano i nostri egregi politici.
    Per la prima volta viene tolto il segreto su quanto costa ai contribuenti l’assistenza sanitaria integrativa dei deputati. Si tratta di costi per cure che non vengono erogate dal sistema sanitario nazionale (le cui prestazioni sono gratis o al più pari al ticket), ma da una assistenza privata finanziata da Montecitorio. A rendere pubblici questi dati sono
    stati i radicali che da tempo svolgono una campagna di trasparenza denominata Parlamento WikiLeaks.
    Va detto ancora che la Camera assicura un rimborso sanitario privato non solo ai 630 onorevoli. Ma anche a 1109 loro familiari compresi (per volontà dell’ex presidente della Camera Pier Ferdinando Casini) i conviventi more uxorio.
    Ebbene, nel 2010, deputati e parenti vari hanno speso complessivamente 10 milioni e 117mila euro. Tre milioni e 92mila euro per spese odontoiatriche.
    Oltre tre milioni per ricoveri e interventi (eseguiti dunque non in ospedali o strutture convenzionati dove non si paga, ma in cliniche private). Quasi un milione di euro (976mila euro, per la precisione), per fisioterapia. Per visite varie, 698mila euro. Quattrocentottantotto mila euro per occhiali e 257mila per far fronte, con la psicoterapia, ai problemi psicologici e psichiatrici di deputati e dei loro familari.
    Per curare i problemi delle vene varicose (voce “sclerosante”), 28mila e 138 euro. Visite omeopatiche 3mila e 636 euro. I deputati si sono anche fatti curare in strutture del servizio sanitario nazionale, e dunque hanno chiesto il rimborso all’assistenza integrativa del Parlamento per 153mila
    euro di ticket.Ma non tutti i numeri sull’assistenza sanitaria privata dei deputati, tuttavia, sono stati desegretati. “Abbiamo chiesto – dice la Bernardini – quanti e quali importi sono stati spesi nell’ultimo triennio per alcune prestazioni previste dal ‘fondo di solidarietà sanitarià come ad esempio balneoterapia, shiatsuterapia, massaggio sportivo ed elettroscultura
    (ginnastica passiva). Volevamo sapere anche l’importo degli interventi per chirurgia plastica, ma questi conti i Questori della Camera non ce li hanno voluti dare”. Perché queste informazioni restano riservate, non accessibili?
    Cosa c’è da nascondere?
    Ecco il motivo di quel segreto secondo i Questori della Camera: “Il sistema informatizzato di gestione contabile dei dati adottato dalla Camera non consente di estrarre le informazioni richieste. Tenuto conto del principio generale dell’accesso agli atti in base al quale la domanda non può comportare la necessità di un’attività di elaborazione dei dati da parte del soggetto destinatario della richiesta, non è possibile fornire
    le informazioni secondo le modalità richieste”.
    Il partito di Pannella, a questo proposito, è contrario. “Non ritengo – spiega la deputata Rita Bernardini – che la Camera debba provvedere a dare una assicurazione integrativa. Ogni deputato potrebbe benissimo farsela per conto proprio avendo gia l’assistenza che hanno tutti i cittadini italiani.
    Se gli onorevoli vogliono qualcosa di più dei cittadini italiani, cioè un privilegio, possono pagarselo, visto che già dispongono di un rimborso di 25 mila euro mensili, a farsi un’assicurazione privata. Non si capisce perché questa ‘mutua integrativà la debba pagare la Camera facendola gestire direttamente dai Questori”. “Secondo noi – aggiunge – basterebbe
    semplicemente non prevederla e quindi far risparmiare alla collettività dieci milioni di euro all’anno”.Mentre a noi tagliano sull’assistenza sanitaria e sociale è deprimente scoprire che alla casta rimborsano anche massaggi e chirurgie plastiche private – è il commento del presidente dell’ADICO, Carlo Garofolini – e sempre nel massimo silenzio di tutti.

    …E NON FINISCE QUI…

    Sull’Espresso di qualche settimana fa c’era un articoletto che spiega che recentemente il Parlamento ha votato all’UNANIMITA’ e senza astenuti un aumento di stipendio per i parlamentari pari a circa € 1.135,00 al mese. Inoltre la mozione e stata camuffata in modo tale da non risultare nei verbali ufficiali.

    STIPENDIO Euro 19.150,00 AL MESE
    STIPENDIO BASE circa Euro 9.980,00 al mese
    PORTABORSE circa Euro 4.030,00 al mese (generalmente parente o familiare)
    RIMBORSO SPESE AFFITTO circa Euro 2.900,00 al mese

    INDENNITA’ DI CARICA (da Euro 335,00 circa a Euro 6.455,00) TUTTI ESENTASSE
    +

    TELEFONO CELLULARE gratis
    TESSERA DEL CINEMA gratis
    TESSERA TEATRO gratis
    TESSERA AUTOBUS – METROPOLITANA gratis
    FRANCOBOLLI gratis
    VIAGGI AEREO NAZIONALI gratis
    CIRCOLAZIONE AUTOSTRADE gratis
    PISCINE E PALESTRE gratis
    FS gratis
    AEREO DI STATO gratis
    AMBASCIATE gratis
    CLINICHE gratis
    ASSICURAZIONE INFORTUNI gratis
    ASSICURAZIONE MORTE gratis
    AUTO BLU CON AUTISTA gratis
    RISTORANTE gratis (nel 1999 hanno mangiato e bevuto gratis per Euro 1.472.000,00).
    Intascano uno stipendio e hanno diritto alla pensione dopo 35 mesi in parlamento mentre obbligano i cittadini a 35 anni di contributi (41 anni per il pubbico impiego)
    Circa Euro 103.000,00 li incassano con il rimborso spese elettorali (in violazione alla legge sul finanziamento ai partiti), più i privilegi per quelli che sono stati Presidenti della Repubblica, del Senato o della Camera. (Es: la sig.ra Pivetti ha a disposizione e gratis un ufficio, una segretaria, l’auto blu ed una scorta sempre al suo servizio)

    La classe politica ha causato al paese un danno di 1 MILIARDO e 255 MILIONI di EURO.
    La sola camera dei deputati costa al cittadino Euro 2.215,00 al MINUTO !!

    Ma della riduzione di tutte queste spese nei provvedimenti anti crisi nemmeno un accenno !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  16. Per me non se ne viene mica fuori… Forse se la maggioranza della gente smettesse di votare…ma tanto….
    Parliamo anche del Presidente della Repubblica per cortesia che prende una barca di soldi a fare il notaio….

  17. Ma perchè non si cambiano le regole per vincere il vitalizio???
    Ma è possibile subire linciaggi alle nostre “eventuali” pensioni e lasciare invariate le attuali regole per vincere un vitalizio d’oro. Ma è possibile che non si possa fare nulla per costringere tali individui a rivedere le regole per l’abolizione dei vitalizi che azzannano le casse dei contribuenti italiani?. Ma possiamo ancora tollerare che ancora, dopo questa dilaniante legislatura, possano esserci altri pecoraro scanio a godersi la vita a sbafo di tutti noi con un vitalizio da sogno???

  18. Ad ogni nuovo articolo sui sanguisughe mi si ingrissa il fegato sempre di più. Penso ,questa persona è onesta ,vedi Fini ,Casini con more uxorio ,Willari che si lamenta del pesce non fresco vedi sig.ra PIVETTI CHE FA LA MORALISTA NEI SALOTI DELLA TV e via via chi piùne più ne mette.
    Non ne posso più ,non gliene frega niente a questi maledetti come non gli ne frega poco a tanti Italiani. Esce la notizia , si commenta con un tanto si sa che è così e via con questo passo .
    Forse non entrerò più neppure io in queste pagine perchè mi fanno troppo inc…..e .
    Ma pensateci un pò, la tassa della solidarietra la pagherènno 0,01 per cento ??????????????

    • RIPETO PER L’ENNESIMA VOLTA…..NOI ABBIAMO L’ARMA PIU’ POTENTE CHE ESISTE…..IL VOTO….ALLE PROSSIME ELEZIONI…..NESSUNO E RIPETO NESSUNO DEVE ANDARE A VOTARE…PERCHE’ QUESTI ” :::::::::” NON GLI FREGA NIENTE DEGLI ITALIANI E DELL’ITALIA…….SOLO COSI’ CI POSSIAMO SCROLLARE QUESTI PARASSITI DA DOSSO…..

      • Francesco hai ragione nel dire che abbiamo l’arma piu potente che esista ma se come tu dici non bisogna andare a votare quell’arma diventa un arma scarica e come tale non serve a nulla.Prova a leggere il programma del movimento 5 stelle e poi valuta se sia il caso di provare a dare fiducia a questo movimento che non è un partito e non ha nessuna intenzione di diventarlo.

  19. Sullo scandalo di certe pensioni

    Il fatto che ci siano pensioni da oltre 9000 euro al mese è vergognoso e scandaloso, soprattutto quando a percepirle sono ex parlamentari.

    Interessante il programma In Onda, di stasera su La7, con ospiti Sergio Rizzo, Gian Antonio Stella, Massimo Calearo e altri ospiti collegati dall’esterno, tra i quali Mario Giordano, l’autore del famoso Sanguisughe. Nella trasmissione si è parlato, tra l’altro, di tale scandalo. Ed interessante è stata allora l’idea scaturita da un intervento di Calearo. Se non sarà possible tagliarle, è quella di pagarle con buoni del tesoro pluriennali (BTP), per la parte eccedenti i 9000 euro al mese; buoni di nuova emissione, o compresi tra l’enorme stok giacente presso la Banca d’Italia. A titolo di esempio Mario Giordano ha citato le scandalosissime pensioni percepite da Giuliano Amato (31 mila euro al mese) e qella di Dini (40 mila euro al mese).

    • Ciao MARSHALL,
      io però non sono mica d’accordo con Massimo Calearo che ha proposto di pagare i vitalizi con Buoni del Tesoro.
      Queste pensioni non sono un “diritto acquisito”, ma un furto perchè dovrebbero essere contenute entro i fondi accantonati e non pagate con i soldi del fisco. I cittadini italiani non hanno mai autorizzato i politici a fare prelievi in tal senso.
      Ecco la petizione del CoDipeR:
      “La pensione nasce dai contributi trattenuti dalla busta paga del lavoratore e dai contributi versati dai datori di lavoro. Si tratta di una retribuzione differita sulla base di principi costituzionalmente tutelati.
      Anche i cittadini che si dedicano alla politica hanno diritto a un vitalizio, ma, grazie a leggi fatte ad hoc, vi è una enorme differenza tra quanto prelevato dai cedolini paga e quanto elargito a pensionati e superstiti. Il divario viene coperto con le entrate fiscali.
      Va considerato che la politica è un servizio per il cittadino e nel periodo di esercizio di detto servizio il “lavoratore politico” è adeguatamente retribuito. Una volta cessata la sua opera non può essere “omaggiato” con vitalizi derivanti dalla fiscalità, in quanto non esercita alcuna attività per coloro che alimentano le entrate fiscali.
      I sottoscritti cittadini CHIEDONO
      che, nel rispetto della Costituzione italiana, vengano rivisti i criteri che danno luogo ai vitalizi dei “lavoratori politici” in modo che il loro ammontare trovi copertura nelle somme trattenute a questo scopo, senza gravare sui contribuenti.
      giuliana tofani ved. rossi
      (CoDiPeR)

  20. Vorrei dire ad Emilio che suggerisce di leggere il programma del movimento 5 stelle, ok saranno ottime intenzioni,ma non è passato molto tempo da quando anche la lega era armata con le più buone intenzioni….. non dimentichiamo il suo motto ROMA LADRONA …….e ora? intanto il movimento 5 stelle a Milano non è stata neutrale si è unita alla sinistra…..e allora? le buone intenzioni? si è pur sempre unita alla politica ed è questo lo sbaglio quello di appoggiare comunque dei partiti anzichè restare neutrale e stare dalla parte del cittadino, per cui anche in questo movimento non vedo una salvezza per noi poveri miseri cittadini impotenti difronte agli sprechi che imperterriti i nostri politici continuano a farci pagare, nessuno riesce a sensibilizzarli, o comunque restano sordi e incassano soldi apertamente sotto i nostri occhi

    • Ciao Lilly,non conosco la situazione di milano ma mi sembra strano che il mov.5stelle si sia alleato con qualcuno,ma a torino i due assessori eletti alle regionali hanno mantenuto le promesse fatte in campagna elettorale,si sono auto limitati lo stipendio a 2500 euro al mese(e per questo hanno rischiato il linciaggio da parte del resto della giunta c’è un video su youtube)il resto dello stipendio va su un fondo è serve per aiutare famiglie realmente bisognose.Per quanto riguerda la lega sono un deluso anche io,quindi il mov. per me è l’ultima spiaggia dopo loro non voterò piu , ma voglio dare fiducia per l’ultima volta.

  21. Per Mario Giordano,
    ti ringraziamo delle info e della battaglia che continui a sostenere. Bisogna fare però, qualcosa di concreto. Cosa possiamo fare?

    • Il problema fondamentale è che se ognuno di noi ha dei privilegi fa di tutto per mantenerli, anzi aumentarli. Tranne alcune eccezioni ovviamente. Per tale motivo propongo, insieme alla mia lista creata a Cagliari, Onestà e Progresso, di proporre che chi fa politica la deve fare solo ed esclusivamente in maniera gratuita, solo il rimborso spese delle ovvie e necessarie attività che svolge. Deve essere garantito il posto di lavoro precedentemente occupato, la maturazione delle indennità di pensione, malattia e invalidità. L’unico beneficio è una assicurazione sulla vita e sui possibili danni collaterali, per garantirli almeno un proseguo della vita normale. Tutte le altre soluzioni di vantaggio vanno abolite in quanto anticostituzionali e in disprezzo delle cittadini che devono soggiacere a tutte le imposizioni da loro create.
      Per quanto riguarda il Movimento 5 Stelle, diffidate, sono trombati della sinistra o della destra che si riciclano o che sperano di raggiungere le solite ambite poltrone e stanno a gaurdare e denunciare, così dicono, il malcostume. Se non hanno idea di quello che si deve fare se ne devono stare a casa.
      Abbiamo visto che si sono comportati con noi, peggio dei soliti partiti, e riferito da Beppe Grillo in persona a noi durante un incontro a Cagliari
      il 23 febbraio 2011, Palasport, che “il candidato sindaco proposto deve essere giovane ed inesperto, così lo possiamo controllare a distanza”. Abbiamo risposto che a distanza si poteva controllare il suo paese, forse non ha capito, anzi lo ha capito certamente per i suoi interessi, che un comune, dal più grande al più piccolo, deve dare dei servizi reali a tutti i cittadini a prescindere dalla loro fede politica, religiosa o di razza. Ovviamente abbiamo rotto immediatamente con il Movimento a cinque stelle, gestito dai soliti furbetti, e ci siamo presentati alle elezioni da soli, staccati da tutti i partiti i movimenti con la nostra candidata sindaco, donna,laureata in scienze politiche, con il programma stilato dai cittadini, raccolto attraverso delle urne che abbiamo disposto in tutte le circoscrizioni, con la raccolta via radio della voce dei cittadini, con il programma presentato in streaming e diretta internet, senza avere la possibilità di cambiare le carte in tavole.
      Non finisco di raccontare che anche la raccolta firme è stata compiuta nel dispregio e nella conoscenza, da parte di tutti i partiti e movimenti, delle più elementari norme di legge. la validazione delle firme con il rispetto delle leggi è solo formale. Allora liberiamolo da i soliti pastrocchi, si faccia attraverso internet e posta certificata, così non si possono fare camuffi e se qualcuno falsifica o estorce o obbliga a dare la preferenza a qualcuno, una pena reale di carcere, da cinque anni in su, lo stesso tempo del mandato elettorale, in maniera di scoraggiare i soliti furbetti.
      Per fare ciò occorre la maggioranza dei cittadini, se siete d’accordo, create nei vostri paesi o città quello che ogni cittadino desidera: amministratori al servizio del cittadino e non cittadini al servizio degli amministratori.

  22. Ciau Emidio, se è veramente come tu dici, cercherò di tenermi informata su questo movimento, ma se hanno già dei rappresentanti, non potrebbero questi proporre a noi tutti un referendom da votare per l’abolizione dei privilegi dei parlamentari?, sicuramente saremmo in molti a sottoscriverlo.

  23. veramente, dovreste prima chiedervi come mai la pivetta è finita in parlamento, poi magari vi chiederete come è rimasta mantenuta a vita dai fessi che prima hanno votato per questa gente e adesso si rodono il fegato
    ben vi sta, blaterate e scoppiate di bile!!!

  24. a Giordà mi sa che sei invidioso dei politici, perchè se fossi tu al posto loro non staresti certo a raccontare come succhi il sangue degli italiani
    vorrei anche aggiungere che anche i giornalisti sono sanguisughe, infatti i giornali sono finanziati dallo stato con i soldi dei contribuenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *