Ma qualcosa cambierà?

Non è vero che non cambia nulla, cari amici. Lo dico per rispondere alla domanda che spesso mi sento fare  in giro per l’Italia. Certo non possiamo pretendere che tutto cambi d’incanto, soprattutto non possiamo aspettare la legge che cade dall’alto e che come una bacchetta magica risolve tutti i problemi. Piuttosto, dobbiamo avere più fiducia nel fatto che  l’indignazione e la diffusione delle idee qualche effetto possano averlo sul nostro futuro.

Faccio un esempio. Prendete l’ecologia. Al di là di come uno la pensi, di destra o di sinistra, o di sopra o di sotto, credo che possa essere d’accordo sul fatto che una maggiore coscienza ambientale sia una delle conquiste importanti di questi ultimi anni. Ed è una fortuna, ovviamente. Ma questo cambiamento è avvenuto per via di una legge? O le leggi si stanno, faticosamente, adeguando al cambiamento culturale? Io sono convinto che se oggi qualche passo avanti è stato fatto in questo campo lo si deve non a un norma approvata dal Parlamento ma a centinaia di persone che anni fa s’indignarono senza chiedersi troppo “servirà a qualcosa…”
Tutto questo per dirvi, amici che mi seguite, che aprire la discussione attorno agli sprechi e agli scandali non è mai inutile. Magari è una goccia, ma la goccia scava la roccia. Io spero di potervi dare presto risultati concreti e immediati di questa nostra mobilitazione. Ma l’importante è non perdere fiducia: non possiamo rinunciare a diffondere le idee, non possiamo perdere la fiducia nella forza rivoluzionaria della conoscenza. Avanti, non molliamo: continuate a far circolare in rete lo scandalo delle sanguisughe…

40 risposte a “Ma qualcosa cambierà?

    • Sanguisughe un gran libro, una forte denuncia del malcostume dilagante. Ma nel libro non si fa cenno alla madre di tutte le truffe perpetrate all’INPS. Una truffa di 30.000 milardi di lire. Una truffa che dura da decenni. Leggete in internet “Legge Giovanni Mosca” Rimarrete inorriditi.
      Angelo

  1. Perfettamente d’accordo! Ma che fatica Caro Giordano frenare la nausea per questo sistema di sanguisughe!. Ogni giorno si legge di corruzione, evasione, ladronerie di ogni genere,di persone che sempre più sprofondano nella povertà, di giovani disoccupati e senza speranza, di un paese che va in malora ma nonostante ciò ti vogliono convincere che tutta va bene,che pur di avere una poltrona questi politicanti di …. sono disposti a sputare fango sull’avversario, ma che paese è mai questo? Io, sessantenne,donna che lavora,vedova con un figlio che ancora studia prego Dio che prenda provvedimenti alla svelta,prima che gli ultimi barlumi di speranza si spengano e che queste migliaia di ragazzi si ribellino.Siamo noi adulti che dopo avere fagocitato il loro futuro stiamo distruggendo le loro speranze, abbiamo il dovere di riparare a queste ingiustizie!
    faccio un appello a tutte le Forze Politiche,al Presidente della Repubblica,del Senato e Della Camera:riequilibriamo questo Paese,diamogli quella dignità che merita perchè non è solo nostro ma anche e sopratutto DEI NOSTRI FIGLI.
    Cordialmente
    Susy

  2. Dott. Giordano,
    “Anche nella giungla bisogna cominciare un pò di civiltà” Questa bella frase è di Mario Giordano ed è estremamente significativa.
    Si è necessario portare un pò di civiltà nella giungla delle pensioni. Da dove si comincia? Io direi che si può cominciare da una categoria i cui diritti sono stati calpestati ben 16 anni fà dalla famigerata legge DINI.
    1)Sappiamo che il Comitato ristretto della Camera si sta interessando delle pensini di reversibilità;
    2)Sappiamo che INPS e INPDAP hanno difficoltà ad abrogare completamente il comma 41 dell’art. 1 della legge 335/1995 per mancanza di fondi;
    3) Sappiamo, dalla lettura di “Sanguisughe”, che nel panorama pensionistico esistono squilibri assurdi;
    4) La proposta che attualmente presenta il Comitato per la Difesa delle Pensioni di Reversibilità (CoDiPeR) è di prendere in considerazione la pensione del de cuius che supera una determinata cifra ed è sproporzionata rispetto ai contributi versati, e tagliare questa pensione.
    Con questo sistema si consentirebbe a tanti superstiti, di percepire per intero la pensione di reversibilità, pensione maturata con i contributi di tutta una vita, senza gravare sugli Enti previdenziali, infatti il maggior onere potrebbe essere coperto dai tagli delle pensioni d’oro che non hanno ragione di esistere.
    Questo sarebbe il “principio”, ma ovviamente poi il taglio dovrebbe essere fatto a tutte le pensioni d’oro, anche a quelle da cui non scaturisce una reversibilità.
    Una cosa alla volta,
    Dott. Giordano dopo le elezioni me la da una mano per diffondere questa notizia?

  3. già…qualcosa cambierà prima o poi….ma intanto un comunissimo e volgarissimo evasore fiscale lavora all’agenzia delle entrate, per giunta fà il giudice in commissione tributaria e giudica e condanna ME,che ho sbagliato una data su un documento…mi dica carissimo, come si denuncia uno così?

  4. caro giordano,le leggi purtroppo cambiano solo a favore dei politici e di chi ha il potere,perchè il popolo che stenta ad arrivare a fine mese gli viene sempre dato un schiaffo morale.
    spero che si riesca a far fronte per cambiare qualche cosa,ma ci vorrea molto tempo e pazienza……

  5. Giuliana,
    questo è parlare. Questo è un portare avanti idee e proposte serie, e non come quelli che urlano, sbraitano e fanno solo caciara o proposte campate in aria, e quindi irrealizzabili. Questa, volendo, la si potrebbe realizzare benissimo, e senza pesare sulle esauste casse dello stato, ma solo redistribuendo meglio le scarse risorse. Oltretutto, in tal modo si darebbe una spinta al motore dell’economia, poichè i soldi andrebbero a finire là dove verrebbero spesi, e non tesaurizzati.
    Detto questo, e passando di palo in frasca, da giorni non mi funziona più la modalità PUBBLICA COMMENTO. Ho forse calpestato i piedi a qualcuno, ed è quindi intervenuta la censura? Intanto in questo post , dell’amica Nessie, e come già segnalato nel relativo post dedicato al direttore de La Stampa, si parla anche di Mario Calabresi, quello che non ha ancora parlato di Sanguisughe sul suo giornale.

  6. A proposito di questo commento “Giuliana,…Adesso sull’ultimo articolo di Giordano provo a linkare due post che sono DA LEGGERE. Uno riguarda la nuova voragine che si sta aprendo nei conti dell’INPS, e così addio speranze per gli italiani che attendono; l’altro articolo, di un aggregato del mio gruppo, parla di Sanguisughe.
    Eccoli:
    Prodi regala la pensione ai parenti
    – e l’altro, dove parlano di noi.

  7. Io credo che la vera civiltà nascerà soltanto quando ad una certa età (65/70 anni) tutti e dico tutti percepiremo la stessa pensione, dal Presidente della Repubblica al barbone. Perchè non è giusto che una persona ha fatto la fame tutta la vita guadagnando 1000/1100 euro al mese debba andare in pensione con 800 euro circa continuando a fare la fame. Mentre chi ha guadagnato 30/40 mila euro al mese debba andare in pensione con 30 mila euro al mese.Questa non è civiltà….Caro Giordano noi “POPOLINO” non possiamo leggere il Suo libro perchè ci viene un nodo in gola una specie di magone e non sappiamo se piangere o gridare dalla rabbia.

  8. MARSHALL,
    come al solito tu mi incoraggi con le tue gentili parole. Ho letto il post di Nessie, veramente interessante, anche i commenti lo sono. e la stessa Nessie interviene dicendo la sua.
    PECCATO CHE MARIO GIORDANO SIA TROPPO IMPEGNATO E NON POSSA INTERVENIRE IN QUESTO SUO BLOG.
    giuliana

  9. Giuliana,
    anche Nessie è molto impegnata, e sapessi come. E’ anche madre, e quindi con tutti gli impegni che puoi ben immaginare; eppure risponde a tutti. E’ una fervida scrittrice, e compone, più che scrivere, divinamente. Ha una perfetta padronanza della nostra melodiosa lingua, che usa e sà usare generosamente, e con tutte le sue sfacettature e sfumature. Scrive mediamente la bellezza di tre post alla settimana, e, se andrai a verificare, superano tutti i cinquanta commenti. In più di un caso ha dovuto perfino bloccare la possibilità di commentare, perchè stavano andando oltre i cento, e allora sì che, rispondere a tutti, come è suo solito fare, sarebbe diventato davvero un impegno estenuante. Ed è così, e fà così da quattro anni, da che la conosco.

  10. E’ notizia di oggi, 25/05/11, che la spesa per le pensioni nel 2010 è stat di 177.350 milioni di euro.
    Bene, vorrei ricordare che deputati e senatori ci costano oltre 200 milioni (138.2 milioni di euro i deputati, 81.2 milioni di euro i senatori) e la nuova proposta di legge, a titolo di concorso alle spese per le attività di istituto, prevede contributi alle fondazione partitiche per altri 185 milioni di euro per ciascuno esercizio di bilancio.
    Continuano a parlare di regime previdenziale non sostenibile, ma in realtà sono i soliti che si mangiano tutto …

  11. Referendum per Abbassare le pensioni a tutti i parlamentari le legge è uguale per tutti o NO? il scrive:

    La legge è Uguale per tutti o No? Chiunque può candidarsi e diventare Sindaco Consigliere Comunale o Parlamentare e perfino Presidente!O non è cosi forse?O esiste qualche casta differente basta non votare più i soliti vecchi volti politici i volponi imbroglioni e nullafacenti solo parole e niente fatti concreti ma gente che vuole fare leggi e che le vuole cambiare non per il proprio tornaconto! Ma per far si che il popolo unico sovrano possa decidere cosa fare in una Repubblica Democratica ITALIANA Fondata sul 1 art.Calpestato e dimenticato! LAVORO! LAVORO! LAVORO! questo articolo racchiude tutto quello che bisogna fare per cambiare il nostro paese! Fatelo Girare!

  12. buongiorno guardi propio ieri 26 maggio 2011 alle ore 11,30 di notte davo un’occhiata su internet, sul quotidiano libero leggo che in sicilia per solo 16 anni di contributo nel 2008 sono andato con meno di 50 anni in pensione 682 persone perche’ dovevano accudire i parenti ammalani la legge della regione sicilia lo prevedeva ma ci rendiamo condo i nostri politici prendono peril culo a tutta l’italia conprese i nostri fedeli animali voi pensato solo per un attimo siccome io vivo in lombardia e alla lombardia hanno fatto un taglio di 1 miliardo e 400 milioni di euro i fondi delle politiche sociale. e meno male che abbiamo un presidente con le palle e riuscito a coprire la stessa cifra del anno scorso nonostante i tagli complimento a questo uomo per adesso grazie

  13. SI FRANCESCO, i nostri politici ci prendono per i fondelli, ma peggio di loro ci sono i SINDACATI.
    Cercate su internet: “legge Mosca anno 1974”, leggete i nomi dei personaggi più importanti che ne hanno beneficiato.
    BISOGNA CAMBIARE, BISOGNA CHE I CONTRIBUTI, FRUTTO DEL NOSTRO SUDORE, RITORNINO A NOI,
    giuliana

  14. Ciao Giuliana, sono andata a vedere la “legge MOSCA”da te citata,ed ho visto che godeva della pensione “Mosca” anche Nilde Iotti. La incassa tuttora Giorgio Napolitano.
    Mi viene in mente una citazione di G.J.Tucker: la vita,la libertà e la proprietà di nessun uomo sono al sicuro mentre è riunito il parlamento!
    CHE SCHIFO!!!! E pensare che Napolitano non si è degnato di rispondere alla lettera che gli abbiamo inviata in tante persone riguardante la pensione di reversibilità.

  15. Cara GRAZIELLA,
    per rimettere le cose a posto ci vuole una “rivoluzione”, senza spargimento di sangue, per carità. Però, come minimo bisogna togliere le pensioni ai “LADRI DI CONTRIBUTI” .

  16. Giuliana,
    solo per dirti che sto assistendo con interesse alla discussione che tu e Graziella avete aperto sulla Legge Mosca del 1974. Interessante, davvero interessante lo scoprire che ne hanno, e ne stanno tuttora “beneficiando/approfittando” anche personaggi “puri e super partes al di sopra di ogni sospetto”.

  17. MARSHALL,
    TI RIFERISCI AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA, QUELLA FONDATA SUL LAVORO “DEGLI ALTRI”?
    IL PRESIDENTE NAPOLITANO NON PERDE MAI OCCASIONE DI DATE BACCHETTATE A DESTRA E A MANCA, MA SE E’ VERO CHE PERCEPISCE UNA PENSIONE IN BASE ALLA LEGGE MOSCA, CIOE’ SENZA AVER VERSATO I CONTRIBUTI E UTILIZZANDO QUELLI DEGLI ALTRI LAVORATORI……………..
    ALLORA E’ PROPRIO VERO CHE “L’ITALIA E’ UNA REPUBBLICA DEMOCRATICA FONDATA SUL LAVORO DEGLI ALTRI”.

  18. Giuliana,
    sì, credo ci sia anche Lui nel lungo elenco di questo articolo di Fausto Carioti (uno degli articolisti da me preferiti) del 18 gennaio 2010 (cliccare qui per leggere).
    E con questo farebbero due le magagne scoperte su di Lui.
    Il “farebbero” lo scrivo soltanto per scrupolo, non avendo potuto verificare la notizia anche da altre fonti.
    Comunque, per facilitare la lettura dell’articolo a chi ne fosse interessato, pubblico uno stralcio di quell’articolo:

    “Tra i beneficiari della legge Mosca, molti bei nomi della politica e del sindacato, gran parte dei quali ancora in attività: Armando Cossutta, Achille Occhetto, Giorgio Napolitano, Sergio D’Antoni, Pietro Larizza, Franco Marini, Ottaviano del Turco, la scomparsa Nilde lotti.”

    Come vedi, Giuliana, ci sono tanti bei nomi insospettabili, di quelli, cioè, che dichiarano sempre di voler fare esclusivamente gli interessi del popolo.

  19. ho 59 anni, immagginavo che ci fossero dei privilegi. Ma, che addirittura la realtà superi la fantasia, non me lo sarei mai aspettato. E’ troppo, è troppo, sono scioccato da queste nefandezze. E pensare che qualche mese fà, credevo ancora nella politica.
    ( CHE SCHIFOOO!) Antonio P.

  20. “Tra i beneficiari della legge Mosca, molti bei nomi della politica e del sindacato, gran parte dei quali ancora in attività: Armando Cossutta, Achille Occhetto, Giorgio Napolitano, Sergio D’Antoni, Pietro Larizza, Franco Marini, Ottaviano del Turco, la scomparsa Nilde lotti.”

    Dunque anche l’attuale Presidente di questa “repubblica” é un Robin Hood al contrario…….mentre predica per i giovani razzola malissimo usufruendo di ciò che i giovani invece non potranno godere (probabilmente) mai !!! E’ ora di aprire gli occhi e non farsi abbindolare dalla casta partitocratica recuperando la vera Sovranità nazionale.

  21. Ce’ ben poco da commentare.Finche in Italia ci sara’ questo tipo di giustizia,con magistrati che pensano solo a mettersi in mostra e non fanno assolutamente NULLA per salvaguardare i diritti dei cittadini.La prima riforma deve proprio essere questa.
    Se non esiste un sistema giudiziario(ed in Italia e’ assulutamente inesistente)a chi ci si deve rivolgere per avere giustizia?Magari a Osama Ben Laden!!!!

  22. MARSHALL,
    ebbene si, nell’elenco dei personaggi illustri che percepiscono la pensione sulla base della legge MOSCA 1974 c’è anche il Presidente della Repubblica GIORGIO NAPOLITANO.
    Per quanto riguarda l’altra “magagna” scoperta su di lui ti riferisci al fatto che in gioventù era iscritto al GUF (Gruppo Universitario Fascista), oppure al fatto che nel 1956 si schierò a favore dell’intervento dei carri armati sovieti contro i “teppisti” ungheresi, oppure si tratta di un’altra cosa?

  23. PROPOSTA:
    FONDIAMO UN COMITATO PER UN REFERENDUM SULLA ABOLIZIONE DELLE PENSIONI D’ORO (LEGGI ABOLIZIONE TOTALE A TUTTI I LIVELLI DI TUTTI I PRIVILEGI DELLE VARIE CASTE: TUTTI BISOGNA LAVORARE MINIMO 35 ANNI, TUTTI SI VA IN PENSIONE A 65 IN BASE AI CONTRIBUTI REALMENTE VERSATI…)
    CREDO RACCOGLIEREMO MILIONI DI FIRME E, COME LA PUBBLICITA’, ALLE VOTAZIONI “VINCEREMO FACILE”…
    CARO MARIO GIORDANO IO SONO PRONTO: FACCIAMO STO’ REFERENDUM…VOGLIO ESSERE IL PRIMO FIRMATARIO!!

  24. Premesso che a me il Ministro del Tesoro Giulio Tremonti piace (è tosto, di una competenza mostruosa…) credo possa diventare anche un vero leader quando avrà il coraggio di tagliare i privilegi. D’incanto il suo ministero avrà a disposizione cifre importanti da investire direttamente nell’economia reale e far ripartire la “macchina economica italiana” attualmente ferma…Ma forse stò sognando: queste semplici considerazioni, lui mostruosamente competente, le avrà sicuramente fatte …

  25. MAURIZIO,
    MI PIACE LA TUA ESPRESSIONE: IL NOSTRO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA E’ UN “robin hood” AL CONTRARIO.
    Ci sarà mai un vero Robin Hood capace di liberare il popolo italiano da questa legge (Legge Mosca 1974) che ruba i contributi dei lavoratori?

  26. essere italiano è un mito è sono fiero con me stesso èinutile che parla il sg. napolitano uno solo è presidente italiano il grande SILVIO è l’unico che mi ha tolto una tassa l’ici sulla prima casa.SANTO SUBITO:lui che parla dei giovani perche il futuro sono loro ma lui napolitano non fa niente per loro.ho 59 anni lavoro dal 1972 èmi dicono che non posso andare in pensione perche non ho gli attributi ha posto ,sappiamoche in italia chi non fa gode èghi fa soffre bisogna scendere in piazza è buttarli fuori con la forza è ridurli alla fame come noi sono disoccupato da 2 anni èda otto mesi che non prendo un EURO detemi vio come possa fare per poter campare.CIAO SANGISUGHE……..

  27. FRANCO P fa una proposta concreta: REFERENDUM X ABOLIRE TUTTI I PRIVILEGI.Ottima idea, ma se non si è un partito o un sindacato è praticamente impossibile raccogliere le firme.
    Poi x la legge Mosca 1974 non ci sono solo i papaveri come Cossutta, Giorgio Napolitano e i capi sindacalisti, nei circa 40mila che percepiscono la pensione con i contributi dei lavoratori ci sono anche semplici impiegati.
    La SOVRANITA’ POPOLARE si esprime anche attraverso il PARLAMENTO,sennò cosa li manteniamo a fare?. propongo di chiedere al GOVERNO di abrogare innanzi tutto la LEGGE MOSCA 1974, salvaguardando i diritti di chi non ha altro reddito.
    SCRIVIAMOLO AI MEMBRI DEL GOVERNO. Per essere ascoltati non bisogna essere 500.000, ma se siamo pochi, pochi non ci ascoltano di certo e i giovani andranno in pensione con il 50% dello stipendio.

    • ero in giro per la rete e cercavo proprio qualcuno che sostenesse il mio pensiero…fondiamo un comitato per un REFERENDUM PER ABOLIRE TUTTI I PRIVILEGI…E DICO TUTTI.
      Non fa niente che non siamo un partito facciamoci uno slogan uno spot e portiamolo avanti in rete…CONTRO LE SANGUISUGHE soprattutto noi giovani ho 34 anni mi verso i contributi (ricordo obbligatori se no ti perseguitano) chiedendomi se mai un giorno rivedrò i miei i soldi…e dico miei soldi
      – ABROGHIAMO LA LEGGE MOSCA
      – ABOLIAMO LE PENSIONI D’ORO
      – ABOLIAMO I PRIVILEGI
      – IN PENSIONE TUTTI (E DICO TUTTI) A 65 ANNI
      – TUTTI DOPO 35 ANNI DI LAVORO
      – PENSIONE IN BASE AI CONTRIBUTI REALMENTE VERSATI
      FATE GIRARE IN RETE E’ FONDAMENTALE PER IL NOSTRO FUTURO. carla speransosa

  28. X Giuliana Tofani: mi sono informato cos’è la Legge Mosca 1974…Incredibile: non ho parole!! Man mano che leggevo emergeva lo schifo, il ribrezzo, la nausea…Sono esterefatto su come si possa perpretare imperterriti da oltre 37 anni un saccheggio del genere a scapito della gente comune…

  29. Questi supereroi non si rendono conto che noi cittadini siamo angosciati dalla precarietà in cui questo paese è piombato! Le speranze degli anni passati in un paese migliore si sono trasformate nella consapevolezza che tutto è e rimarra terra di evasori,furbetti,arroganti,menefreghisti,arraffoni,opportunisti e fino a quando questa classe politica vuota di idee e incapace di emozionare,coinvolgere,governare occuperà poltrone per il proprio tornaconto e per gli amici.A volte si ha la sensazione di fare un passo avanti poichè qualche sparuto gruppo di menti ci illude che possa cambiare qualcosa:in realtà sono le poltrone che cambiano ma le menti sono avvitate su se stesse e sui propri affari,propinandoci enfatiche promesse che mai manterranno.In questo paese, delusi e scoraggiati,rimarremo chissà per quanto tempo ancoramentre, mentre a spese nostre si ingrassano pensioni e stipendi di questi inutili e incapaci personaggi.

  30. La rete potrebbe essere la nuova forma di rivoluzione: creiamo un partito virtuale e quando gli iscritti sono abbastanza si sceglie un rappresentante e il partito diventa reale.
    A quel punto si promuovono i referendum e le azioni per cambiare le cose…. utopia ????

  31. Altro scandalo tutto italiano sono i GETTONI DI PRESENZA che percepiscono i boiardi di Stato per fare semplicemente il loro dovere oltre al lauto stipendio. Porta alla luce anche questo scandalo

  32. C’è poco da dire, solo trattenere i conati di vomito o forse meglio sarebbe liberarsene e farli andare…
    E’ per quanto sopra riportato, da Sanguisughe di Giordano, che io non credo in nessun “colore” perchè tutti interessati solo a riempirsi le tasche e a bearsi per la loro notorietà. Notorietà, la loro, che obbliga noi, a vedere le loro grasse e brutte faccie ovunque. Va be’, ci sfoghiamo un po’ tra di noi, diciamo poveri Cristi, a confronto dei porci citati con le tasche piene, ma sappiamo bene che non serve a niente!!!! Saluti a tutti

Rispondi a giuliana tofani Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *