Il libro quinto in classifica. Avanti così

Dalle classifiche  pubblicate oggi, sabato 16 aprile, su Repubblica e sulla Stampa-Tuttolibri: “Sanguisughe” è quinto nella classifica generale dei libri più venduti dietro a Roberto Saviano, Margaret Mazzantini, il Papa e lo scrittore americano Jonathan Franzen. Primo commento a caldo: accipicchia che emozione essere arrivato fin lassù. Secondo commento a caldo: grazie a tutti, amici, ma non molliamo. Ce n’est qu’un debut come dicevano gli studenti del maggio francese: la battaglia è appena cominciata. Diamoci dentro!

Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Facebook0Email this to someonePrint this page

10 risposte a “Il libro quinto in classifica. Avanti così

  1. Antonio Mastrapasqua presidente INPS
    Ex consigliere di amministrazione, promosso presidente e commissario straordinario, con questa nomina ha fatto 54.
    Cinquantaquattro è il numero di incarichi societari del presidente dell’Istituto della previdenza sociale.
    Così scriveva Sergio Rizzo il 16 ottobre 2008,
    Questo non vuol dire non far bene il proprio lavoro.
    Però io penso ai precari, ai giovani che si sentono dire di abituarsi all’idea che il posto fisso non è più un diritto, posto precario significa stipendio precario, futuro inesistente.

  2. e dovrei andare a votare questi parassiti e avvoltoi ma vado al mare ed aspetto che i giovani facciano comè successo in Tunisia e libia ed egitto.Fanno schifooooooooooo

  3. Nel 1966 mia sorella Stefania è nata in un ospedale della provincia di Teramo,per un ritardo di parto e per un cesario non fatto è stata estratta con il forcipe,causando danni molto gravi.Le è stato riscontrato un idrocefalo infantile molto esteso ,praticamente il liquor occupa meta’del cervello.Tramite una commissione medica le è stata assegnata una pensione di invalidita’ del 100% piu’un indennita’ di accompagnamento.Qualche mese fa’ è stata chiamata per una visita dall’imps….Risulto?Le anno tolto l’indennita’ di accompagnamento,valutando la cosa in dieci minuti…ma che medici sono questi???Adesso secondo loro mia sorella dovrebbe vivere con 250 euro al mese..Aggiungo che lei vive con mia madre (vedova)Abbiamo bisogno di aiuto,ci puo’ dare una mano???Grazie!

  4. Buonasera Bruno
    Finito di leggere, alcuni giorni fa’il suo interessantissimo libro (meglio chiamarlo Dossier).
    Non vorrei fare demagogia e parlare di una nuova casta ma purtroppo di fatto e’ cosi.
    Non mi scandalizzo ,negli ultimi 20 anni abbiamo metabolizzato di peggio.
    Vorrei invece esercitarmi con lei sul come potremmo porre correttivi alla situazione esistente.
    Invecchiando i bisogni “diminuiscono”(per invecchiare intendo da 56 anni in su’) e non occorrono entrate esorbitanti per condurre delle “vite degne”.
    Se l’inps erogasse pensioni con un tetto massimo di 60.000/70.000€ annui per chi realmente versato all’erario contributi sostanziosi e altre di da 40.000/50.000€ nel caso di contributi figurativi,non griderei allo scandalo.
    Non sono ne un ex militante del cremlino ne un novello Robin Hodd ;sono una persona che ama fare sacrifici quando ne vede l’utilità e il fine ,anche garantisca se vogliamo.
    Non possiamo toccare le pensioni baby ,anche se scandalose,le persone che ne beneficiano nella stragrande maggioranza dei casi non possono tornare indietro e presuppongo che il 98% dei casi
    Non percepisca oltre 1.000€ mensili.
    Sarebbe interessante vedere schematizzata la situazione globale per fasce e provare a ridistribuire il totale della ricchezza ,tagliando massivamente i redditi più alti .
    Probabilmente non avremmo più pensionati con redditi alla soglia della povertà e puntualizzo sul forse (mi mancano i dati) recupereremo le risorse di qualche finanziaria .
    Forse il tutto rimetterebbe in moto “un pochino” anche l’economia del paese .
    Tremonti chiede giustamente sacrifici ;ebbene facciamoli tutti.
    Unica osservazione che mi permetto di fare al suo libro; non contiene una schema di sintesi ,che analizza per fasce di reddito (vedi schema) la situazione.
    PS:magari le faccio notare una cosa che aveva richiesto ma non e’ riuscito ad avere dagli organi dirigenti dell’inps e in questo caso anticipatamente mi scuso.
    La ringrazio per l’attenzione e le invio una forte epistolare stretta di mano.
    SCHEMA RIEPILOGATIVO
    Numero pensionati xxx
    Importo totale annuo erogato xxx
    N° pensionati che percepiscono annualmente oltre 1.000.000 xxx
    Totale erogato xxx
    % sul valore erogato xxx
    % sul totale n° pensionato xxx
    N° pensionati che percepiscono annualmente da €800.000 a €1.000.000 xxx
    Totale erogato xxx
    % sul valore erogato xxx
    % sul totale n° pensionato xxx
    N° pensionati che percepiscono annualmente da € 600.000 a€ 8000.000 xxx
    N° pensionati che percepiscono annualmente da € 400.000 a€ 6000.000 xxx
    N° pensionati che percepiscono annualmente da € 300.000 a€ 4000.000 xxx
    N° pensionati che percepiscono annualmente da € 200.000 a€ 3000.000 xxx
    N° pensionati che percepiscono annualmente da € 100.000 a€ 2000.000 xxx
    N° pensionati che percepiscono annualmente da € 50.000 a€ 100.000 xxx
    N° pensionati che percepiscono annualmente da € 30.000 a€ 50.000 xxx
    etc.etc etc.
    etc.etc etc.
    .

  5. Ma come si deve fare.aiutiamo anche la mia categoria commesse. Una commessa ce la vede ad andare in pensione a 65 anni.un lavoro dietro le quinte faticoso.io sono impiegata in un negozio 1livello paga ok.alla mia eta 47,la mia azienda chiude il negozio per sfratto .cosa ci aspetta?trasferimento?licenziamento?siamo degli oggetti nelle loro mani,20anni di lavoro buttati via.tutelismo questa categoria.

  6. E’ proprio una vergogna, e poi quando hanno dato quella elemosina di 40euro sembrava che avessero fatto un miracolo! Che schifo essere in mano a questi approfittatori!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *